Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Recapitulation

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Recapitulation   Mar 12 Mag 2009 - 14:08

FONTE: http://toltec-nagual.com/the-recapitulation

The Toltec Nagual - The Recapitulation

Recapitulation is a core Toltec technique used to heal emotional charges. On a deeper level, it is used to reclaim energy and return it to self. Recapitulation was first introduced into mass consciousness by Carlos Castaneda in his book, The Eagles Gift, published in 1982. However, its roots go deeper. In his book, The Toltec Path of Recapitulation: Healing Your Past to Free Your Soul, Victor Sanchez speaks about learning procedures from the Wirrarika people (native to Mexico), who he calls the ’surviving Toltecs’, similar to the process of recapitulation. I studied with Mother Sarita, don Miguel Ruiz’s mother who was in her 80’s at the time, who spoke about recapitulation like processes with don Miguel’s grandfather.

One purpose of recapitulation is to eliminate emotional charges. Emotional charges cause one to misperceive the world around them and make it impossible to perceive the Nagual with clarity. For example, if a young girl is relentlessly teased about her curly hair by her father, she may become emotionally charged. Later, when she is a adult, whenever someone compliments her, particularly her hair, she becomes angry. She may not know why compliments cause her to get angry as she doesn’t remember how her father used to tease her as a young child. What is worse is that she misperceives another person’s good intent, i.e. giving her a compliment, as teasing her about her looks. This misperception causes upset both in her life and other people in it.

The average person is full of emotional charges, many that they are not aware of as they were suppressed as painful memories during childhood. This causes the average person to misperceive the world and the people in it. Systematic recapitulation decharges emotions and frees one up to perceive the world clearly. Recapitulation releases negative emotions that are trapped in one’s subconscious freeing up their life. Many people have a habitually negative emotional state, or are moody for reasons they do not know why. More times than not, the reason lies in the suppressed emotional charges that lie in their subconscious.

On a deeper level, recapitulation is used to reclaim one’s energy. Everywhere one has lived they leave an energetic piece of themselves. In every person you interact with you live energetic cords or filaments that, unless reclaimed back to self drain you of your vital energy. This is particularly true of sexual encounters. Through the consistent use of recapitulation you restore the vital energy necessary to progress on a spiritual path. Most do not realize how much energy is required to break free of the Dream of the Planet. You need every ounce of energy you have. This is why Toltecs place so much importance on the Recapitulation.
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Recapitulation   Mer 13 Ott 2010 - 19:05

FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Recapitulation_%28Castaneda%29

Recapitulation (Castaneda)
From Wikipedia, the free encyclopedia


Recapitulation is a term used by Carlos Castaneda in his book, The Eagle’s Gift, published in 1982. In The Eagle's Gift, Florinda, one of don Juan's party of warriors, teaches Castaneda about the process and purpose of recapitulation. She explained that recapitulation consisted of "recollecting one's life down to the most insignificant detail" and that when a woman's recapitulation was complete she "no longer abided by the limitations of her person."[1] She further explained that in the process of recapitulation one recounts all the feelings they invested in whatever memory they were reviewing.

Florinda told Castaneda that recapitulation often began with a list of items to be recalled. One then proceeded to work through the list one item at a time staying with the item until all of the emotions around the event had been felt. The recapitulation was done with the breath. While recalling the event, one inhaled slowly, moved their head from the right shoulder to the left. The next breath moved from left to right and was an exhalation. The purpose of the breath was to restore energy. When breathing from right to left one would "pick up the filaments they left behind" and when breathing from left to right they would "eject filaments left in them by other luminous bodies involved in the event being recollected."

Following Castaneda's introduction of the term recapitulation, Víctor Sánchez, author of The Toltec Path of Recapitulation: Healing Your Past to Free Your Soul, published in 2001, also wrote about a technique by the same name. For Sanchez, recapitulation is a procedure of self-healing. It is done by reliving the events on one’s past. The damage is caused by repetitive emotional conflicts. When these conflicts persist they drain one’s vital energy. Sanchez says he developed and adapted techniques of recapitulation described in his book from procedures he learned from his time with the Wirrarika people, whom he calls the surviving Toltecs.[2]

Lujan Matus, author of The Art of Stalking Parallel Perception, regards the traditional method of recapitulation as being too rigid whereby it can actually hinder the practitioners ability to establish a direct connection with spirit. He takes an alternative approach to the recapitulation technique which is less structured and more spontaneous in its application.

According to Kristopher Raphael, author of The Mastery of Awareness, Seeing Through the Eyes of a Jaguar, published in 2003, emotional charges blind one from perceiving reality as it truly is. Recapitulation is used to discharge one’s emotions so that they do not react and one can perceive clearly.[3]

References

1. ^ Castaneda, Carlos (December 1, 1991). The Eagle's Gift. Washington Square Press. pp. 287–288. ISBN 978-0671732516.
2. ^ Sanchez, Victor (July 1, 2001). The Toltec Path of Recapitulation: Healing Your Past to Free Your Soul. Bear & Company. pp. 13–16. ISBN 978-1879181601.
3. ^ Raphael, Kristopher (September 1, 2003). The Mastery of Awareness: Seeing Through the Eyes of a Jaguar, Part I. Lightwurks, LLC. pp. 1. ISBN 978-0972295659.
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Recapitulation   Mer 13 Ott 2010 - 21:56

Ciao Tila,

vista l'ora non riesco oggi a dilungarmi molto ma hai sollevato col tuo post una questione molto importante: la natura della ricapitolazione. Si potrebbero scriver elibri su libri.

riguardo agli ultimi tre autori, di cui riporto una parte del tuo intervento:

Following Castaneda's introduction of the term recapitulation, Víctor Sánchez, author of The Toltec Path of Recapitulation: Healing Your Past to Free Your Soul, published in 2001, also wrote about a technique by the same name. For Sanchez, recapitulation is a procedure of self-healing. It is done by reliving the events on one’s past. The damage is caused by repetitive emotional conflicts. When these conflicts persist they drain one’s vital energy. Sanchez says he developed and adapted techniques of recapitulation described in his book from procedures he learned from his time with the Wirrarika people, whom he calls the surviving Toltecs.[2]

Lujan Matus, author of The Art of Stalking Parallel Perception, regards the traditional method of recapitulation as being too rigid whereby it can actually hinder the practitioners ability to establish a direct connection with spirit. He takes an alternative approach to the recapitulation technique which is less structured and more spontaneous in its application.

According to Kristopher Raphael, author of The Mastery of Awareness, Seeing Through the Eyes of a Jaguar, published in 2003, emotional charges blind one from perceiving reality as it truly is. Recapitulation is used to discharge one’s emotions so that they do not react and one can perceive clearly.[3]


Affermo la estraneità delle loro definizioni dall'alveo di quelle di Castaneda e di Florinda. Senza prendere le difese di nessuno, questi ultimi tre autori definiscono la loro "ricapitolazione" in termini legati alla idea di psiche e di emotività cosi come sono definiti dall'insieme di idee e definizioni occidentali moderne. le loro definizioni appartengono ad un sistema e un inventario che è diciamo grande quanto quello delle opinioni condivise della società moderna occidentale. tutto ciò che definiscono, tutto cio che descrivono, tutto cio che possono creare in termini percettivi dipende da quel contesto.

Le definizioni di castaneda sono organizzate in modo diverso: la sua definizione di ricapitilazione solo apparentemente ha come unico scopo quello della liberazione emotiva. Il vero e piu potente effetto è nelle percezione e nella possibilità di liberare le attuali fissazioni di attenzione/percezione del soggetto, riconsegnare una certa somma di attenzione al soggetto percepente e, poi anche con altri strumenti, permettergli di ri-organizzare il suo inventario percettivo e di estenderlo. fino alla riorganizzazione del lato di tonal e di "pulizia" del lato di nagual (uso i termini pari pari delle edizioni inglesi delle sue opere).
In più, le sue definizioni hanno una organizzazione interna e una interna interdipendenza, anche se solo "apparente".

Tuttavia nulla è piu chiaro forse delle interviste fatte anni fa a Florinda e Taisha per capirne la vera natura.

Al più presto provvedo a postarne un commento.

Buona serata a tutti
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Recapitulation   Gio 14 Ott 2010 - 9:54

Admin ha scritto:
Ciao Tila,
vista l'ora non riesco oggi a dilungarmi molto ma hai sollevato col tuo post una questione molto importante: la natura della ricapitolazione. Si potrebbero scriver elibri su libri.
Le definizioni di castaneda sono organizzate in modo diverso.
Al più presto provvedo a postarne un commento.
Buona serata a tutti

Buondì Admin,

grazie mille per aver evidenziato questo tema, infatti avevo messo questo articolo preso da wikipedia come una sorta di elenco...

penso che sia innato per le diverse realtà cambiare a proprio beneficio la natura della ricapitolazione.

In fondo l'abbiamo visto anche con lo sciamanesimo stesso.

Sarebbe interessante trovare più documenti in merito, sto facendo un po' di ricerche e quando avrò più materiale lo inserisco per un confronto.

Comunque visto che in rete non si trovano molte testimonianze al riguardo, invito chiunque a contriburire per avere un quadro più ampio.

Admin aspetto impaziente i tuoi commenti... Very Happy

Buona giornata a tutti.
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Recapitulation   Sab 16 Ott 2010 - 17:51

Buonasera Tila!

Oggi, mentre lavavo i piatti Smile mi è venuto in mente un elemento che potrebbe aiutarci nella comprensuione dic osa è e cosa NON è la ricapitolazione.

Tempo fa avevo letto (non ricordo se nella Ruota del Tempo o in una delle interviste alle streghe del Nagual) che Florinda aveva la abitudine di ricapitolare sul bus nei suoi spostamenti quotidiani, oppure mentre svolgeva le sue faccende domestiche. Essendo che le informazioni che il gruppo di Castaneda metteva a disposizione del grande pubblico erano coerenti le une con le altre (se vuoi leggi "in accordo tra i componenti e il capo gruppo), ne deriva che le sue affermazioni non furono mai smetite dal Nagual del gruppo. Quindi, indirettamente tutto il gruppo ne aveva legittimato le conseguenze: possiamo quindi dire che per la linea di casteneda la ricapitolazione poteva essere svolta in una infinità di situazioni. A ben guardare, non c'è nulla di strano inq uesto, essendo la ricapitolazione stessa un tipo particolare di aguato che noi facciamo alle nostre abitudini percettive, in particolare al nostro "ricordo del se".

La pretesa originalita di Lu Juan Matus è per questo motivo irrilevante. Non ha fatto altro che fare cio che già tutti facevano, dichiarandolo originale:

Lujan Matus, author of The Art of Stalking Parallel Perception, regards the traditional method of recapitulation as being too rigid whereby it can actually hinder the practitioners ability to establish a direct connection with spirit. He takes an alternative approach to the recapitulation technique which is less structured and more spontaneous in its application.

o forse, non ha letto anche i documenti riguardanti gli altri componenti del gruppo di Castaneda, cosa per quanto mi riguarda, essenziale per capire dinamiche e addirittura per avere definizioni trsaversali su concetti descritti da Carlos nei suoi libri.

Victor Sanchez invece è un caso diverso: egli ben lungi dall'aver definito originalità e elementi nuovi, ha semplicemente concentrato la sua attenzione di metodo su un aspetto specifico della percezione del se. Questa però è una mia opinione personale, diciamo che lui si è specializzato in una sottobranca delle potenzialità della ricapitolazione. E anche questo è un gran bel lavorone...
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Recapitulation   Mer 3 Nov 2010 - 9:07

FONTE: http://italiasalute.leonardo.it/copertina.asp?Articolo_ID=9963

Una tecnica per eliminare i ricordi dolorosi

Individuata la molecola responsabile del ricordo della paura


(Vedere articolo alla fonte citata)


La notizia sembra molto interessante per ciò che riguarda l’aspetto biochimico della questione dei traumi emozionali e di altro genere…tuttavia mi limito a sollevare alcune domande e dubbi, che non vogliono in alcun modo essere “contro” la scoperta in se, ma una riflessione sugli abusi che (sicuramente) ci saranno in relazione a tale scoperta e poi alla sua eventuale commercializzazione e diffusione. I traumi sono terribili e ci sono persone che se li portano dietro per tutta la vita, qualcuno pensa anche oltre. Una cosa è alleviare la reazione presente a stimoli che sono legati al ricordo del trauma, un'altra è la cancellazione del ricordo stesso del trauma…perché, bisogna anche ricordarlo, se il trauma si manifesta, un motivo c’è. Che sia abuso, violenza, incidente, shock emotivo…la nostra mente e il nostro corpo reagiscono in modo totale al pericolo e alla fonte che ha generato il trauma. È un po come quando mi scotto la mano col fuoco. Ricorderò sempre la sensazione di bruciore, (anche se il trauma e i problemi ad esso legati sono reazioni oltre la linea di utilità momentanea del dolore>>allontanamento dalla fonte di pericolo). Se io cancello il ricordo in se, non avrò la conoscenza di ciò che accade di fronte a quei fattori….mentre invece eliminare la reazione emotiva sarebbe senz’altro efficace.
C’è anche una utilità sociale nel trauma a mio parere: il “sacro sdegno” che tanto non piace alle persone che propugnano teorie di psicologia alternativa e mai professionale…soprattutto nelle sue forme trans generazionali che non hanno nulla di certificato e comprovato dagli organi ufficiali e internazionali di psicologia e psichiatria (da cui molti eminenti psicologi e terapeuti mettono costantemente in guardia, come Anne Ancelin Schtzenberger, Docente Universitaria, psicodrammatista-formatrice T.E.P. e analista di gruppo). se dopo l’olocausto tutti si fossero dimenticati grazie ad un medicinale di ciò che accadde nei campi di concentramento, cosa ne sarebbe stato della Storia? Del nostro ricordare cosa è accaduto di terrificante nella vita e nel consorzio sociale umano? Dimenticandosi tutto o quasi, quella pagina per quanto terribile sarebbe passata in sordina … già gli uomini sembrano NON IMPARARE MAI DAL PASSATO E A CICLI RIPETERE GLI ERRORI PER IGNORANZA…in questo caso, con le società di massa di cui stiamo vedendo la evoluzione post-moderna, avremmo affrontato ancora…e ancora, molto probabilmente, altri olocausti. (e ricordiamo che per alcuni ancora oggi accadono, ma sotto bel altre forme e apparenze).
Ricordare è fondamentale. Non lo è la associazione emotiva personale ad essi perché quella si, ci imprigiona in un circolo di pensiero che non evolverà mai.
Il sacro sdegno a volte è una prima spinta emotiva che ci fa opporre a cio che sappiamo essere orribile. Ovvio che dopo deve subentrare una capacita di analisi scevra da ogni possibile manipolazione emotiva.

Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Recapitulation   Mer 3 Nov 2010 - 20:18

Admin ha scritto:

… già gli uomini sembrano NON IMPARARE MAI DAL PASSATO E A CICLI RIPETERE GLI ERRORI PER IGNORANZA…in questo caso, con le società di massa di cui stiamo vedendo la evoluzione post-moderna, avremmo affrontato ancora…e ancora, molto probabilmente, altri olocausti. (e ricordiamo che per alcuni ancora oggi accadono, ma sotto bel altre forme e apparenze).
Ricordare è fondamentale. Non lo è la associazione emotiva personale ad essi perché quella si, ci imprigiona in un circolo di pensiero che non evolverà mai.

Buona serata Admin,

appena ho letto l’articolo che hai menzionato mi è venuta in mente una cosa che mi sono sempre ripetuta e cioè che noi siamo frutto delle nostre esperienze…ciò comprende anche i dolori e i traumi.

Come hai giustamente fatto notare se si va a togliere la memoria del trauma ad esempio di una scottatura quella esperienza saremo costretti a rifarla….

Secondo me l’uomo dimentica già troppo facilmente….hai riportato un ottima osservazione come sempre Admin.

Trovo che queste sofferenze e soprattutto le paure invece debbano essere usate per poterci evolvere…

Credo che l’unico mezzo, chiamiamolo così, per poter apprenderne veramente la conoscenza eliminando ciò che invece ci imprigiona in un circolo vizioso è la ricapitolazione.


Un abbraccio

Tila


Ultima modifica di Tila il Gio 7 Lug 2011 - 18:56, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Recapitulation   Ven 13 Mag 2011 - 16:39

Aggiungo il seguente estratto, dedicato esclusivamente alla ricapitolazione.

Può essere molto utile a comprendere la definizione di questa pratica e la sua essenza nella accezione data da Casyaneda, tanto quanto le differenze tra questa definizione e quella data da Ruiz.

Buona lettura.

FONTE: https://oldnagualnet.sslpowered.com/images/ENCOUNTERS%20WITH%20THE%20NAGUAL.htm

Recapitulation



When revising my notes, I discovered that another topic Carlos repeatedly referred to in his talks was the concept of recapitulation. He claimed that it is the exercise to which sorcerers dedicate most of their time.



Once he remarked that, in spite of the energy drainage we are subjected to through social interaction, we all have an option; because the sealed nature of our luminous configuration allows us to restart from zero any time, and to recover our totality.



"It is never too late", he said. "While we are alive, there is always a way of conquering any kind of blockage. The best way to recover the luminous fibers we have lost is by calling our energy back. The most important part is to take the first step. For those who are interested in saving and recovering their energy, the best way open to us is the recapitulation.



"A sorcerer knows that if we don't go for our ghosts, they will come for us. For that reason a sorcerer leaves nothing unresolved. He recounts his past; looks for the magical joint- the exact moment when he was involved in somebody's destiny- and applies all his concentration to that point, and unties the knots of intent.



"Sorcerers say that we live our life from a distance as if it were a memory. We spend life hooked; hurt by something that happened thirty years ago, and we carry a burden that doesn't make sense anymore. 'I don't forgive it!' we scream, but it is not true: It is ourselves we don't forgive!



"The emotional commitments we make with people are like investments we have made along the way. We must be completely insane to leave our heritage thrown away like that!



"The only way we can become complete again is by picking up that investment, reconciling ourselves with our energy, and dissipating the heavy burden of feelings. The best method the sorcerers have discovered for this is to remember the events of our personal history until we have completely digested them. Recapitulation takes you out of the past, and inserts you into the now.



"We cannot escape having been born as bored fucks; nor having invested most of our luminosity in making children, or in maintaining tiring relationships. But we can recapitulate: It cancels out the negative energetic effects of those acts.



"Fortunately, in the realm of energy, things like time and space don't exist. So it is possible to return to the place and to the same moment when the events happened, and relive them. It is not very difficult since we all know very well where we are hurting.



"To recapitulate is to stalk our routines; subjecting them to a systematic and merciless scrutiny. It is an activity that allows us to visualize our life as a totality, and not just as a succession of moments. However, and although this may seem strange, only sorcerers recapitulate as an exercise: Other people only happen to do it by chance.



"Recapitulation is the heritage of the old seers. It is a basic practice and is the essence of sorcery. Without it, there is no path. Don Juan used to disparagingly refer to apprentices who had not recapitulated as 'radioactive'. Don Genaro would not even shake hands with me; and if I touched him accidentally, he would run to wash himself as if I had infected him. He said I was full of dirt and it was seeping out through every pore of my skin. With that comedy routine, he installed in me the idea that recapitulating is an elementary act of hygiene."



In another lecture, Carlos referred to a kind of luminous stagnation, which he described as a fixation of our attention that blocks the flow of energy. He said that this happens when we refuse to face facts, and try to protect ourselves by hiding behind evasive actions; or, when we leave pending matters unresolved, or make commitments that tie us down.



The consequence of that kind of stagnation is that the person ceases to be himself. When being pressured by the chain of decisions that he has made during his life, he can no longer act in a deliberate manner and he becomes entangled in the circumstances. This situation can escalate to the point of mental or physical illness, and can only be resolved through recapitulation.



Carlos maintained that, in essence, to recapitulate consists of making a list of wounds caused by our interactions. The next step is to travel back to the moment when the events took place in order to reabsorb what belongs to us, and return what belongs to others.



"The warrior begins rewinding his day. He reconstructs conversations; deciphers meanings, remembers faces and names, looks for shades and insinuations, dissects his own emotional reactions and those of others. He doesn't leave anything to chance, grabs the memories of the day one by one, and cleans them through his breathing.



"He also examines entire chapters and categories of his life; for example: partners he has had, houses he has lived in, schools, work places, friends and enemies, fights and happy moments, and so on. The ideal thing is to attack the task in chronological order from the most recent memory until the most distant that it is possible to evoke. But in the beginning it is easier to do it by topics.



"A very profitable form of the exercise accessible to all of us is the fortuitous recapitulation. If you think about it, we are constantly recapitulating. All memories which conform to our internal dialogue can be called that. However, we evoke them in an involuntary way. Instead of stalking them in silence, we judge them and interact with them viscerally. That is pitiful. A warrior takes advantage of the opportunity, because those memories, seemingly random, are warnings from our silent side."



He pointed out that to recapitulate, no special conditions are necessary. We can try the exercise any time, or any place; wherever we feel moved to do it.



"Warriors recapitulate when they are walking down the road, in the bathroom, when working, or when eating; whenever it is possible. The important thing is to do it."



He added that it takes no definite posture. The only requirement is to be comfortable so the physical body doesn't demand attention, or interfere with the memories.



"However, sorcerers take the exercise very seriously. Some use wooden boxes, raised sleeping platforms, closets, or caves. Others build a seat in the highest branches of a big tree; or dig a hole in the ground, and cover it with branches. A good practice is to recapitulate sitting on the bed, in darkness, before lying down to sleep. Any means that isolates us from the environment is good for formal recapitulation.



"Once we have located an event, and recreated each of its parts, we have to inhale to recover the energy that we left behind, and exhale fibers that others deposited in us. Breathing is magical because it is a function that gives life."



Carlos explained that this kind of breathing should be accompanied by a lateral movement of the head, which sorcerers call 'to fan the event.'



Somebody asked him if it is necessary to breathe from right to left or vice versa.



He answered:



"What does it matter? It is energy work: There is no fixed pattern. What counts is the intent. Breathe in when you try to recover something, and blow back all that doesn't belong to you. If you do that with the totality of your history, you will stop living entangled in a chain of memories; and instead, you will be focused in the present. Seers describe that effect as facing facts as they are; or as seeing time objectively."



They asked him what we have to do with our memories once we locate them; whether it means to examine them with some psychoanalytical method, or something like that.



He answered:



"It is not necessary to do anything in particular. Memories will find their own course, and luminosity is reordered by itself through the breathing. Just try it. Make yourself available: The spirit will tell you how to do it.



"Recapitulation starts from inside, and sustains itself. It is matter of silencing the mind, and our energy body will take control; doing what is a delight for it to do. You feel well and comforted; far from draining you, it gives you rest. Your body perceives it as an inexplicable energy bath.



"But you should have the correct attitude. Don't confuse the exercise with a psychological question. If what you need is interpretations, go to the psychiatrist! He will tell you what to do; to continue being the idiot that you are.



"Neither should you try to find a 'lesson'. Stories with a moral only exist in children's books.



"Recapitulation is a specialized form of stalking, and should be undertaken with a high sense of strategy. Recapitulation is about understanding and putting our existence in order; seeing it as it is without remorse, reproaches, or congratulations; with total indifference and in a spirit of fluidity and even of humor, because nothing in our history is more important than anything else; and all relationships, in the end, are ephemeral.



"The important thing is to begin, because the energy we recover from the first intent will give us the power to continue recapitulating more and more intricate aspects of our lives. First it is necessary to go for the strongest investments which are the most harrowing feelings. Then we go for those memories that are buried so deeply that we thought we had forgotten them; but they are there.



"In the beginning, recapitulating can be hard work because our mind is not accustomed to that discipline. But, after closing the most painful wounds, energy will recognize itself and we become addicted to the exercise. In that way, each particle of light which we recover helps us to gain more.



"The moment you begin to prepare to voluntarily unravel the plots of your personal history, you will be taking a decisive step."



Responding to another question, he said that recapitulation doesn't have an end: It should last until the end of our days and beyond.



"I stretch my fibers every night while remembering what happened during the day. This way, my list of events stays updated. But once a year, I give myself over to a more complete and total exercise for which I move away from everything for several weeks."



He warned us that, just because it's a daily practice, we must not see the exercise as a routine.



"If we don't recover the totality of our energy, we will never achieve the power of our decisions: There will always be a background noise; a foreign command. And without the power of his decisions, a man is nothing.



"Reliving events is ideal because it cleans the wounds of the past, and clears up any congestion of the energy conduits. In this way, you break the fixation of other people's gaze, you expose the patterns of people's behavior, and nothing can hook you again.



"You become a sovereign being: 'You' decide what you want to make of yourself."



Another question concerned the effects of recapitulation on awareness.



He maintained that the exercise has two main effects.



"The immediate effect is that it stops our internal dialogue. When a warrior is able to stop his dialogue, he tightens the relationship with his energy. It liberates him from the obligation of memory, and from the burden of feelings; and leaves a residual energy that he can invest toward enlarging the frontiers of his perception. A warrior begins to appreciate the real thing, not the interpretation of it. For the first time, he comes into contact with the consensus of sorcerers, which is the description of a reality inconceivably integrated.



"It's normal that a warrior at this stage begins to laugh at anything, because energy provides happiness. Thanks to his recapitulation, he is happy, overflowing, or jumps like a child. On the other hand, he begins to become a fearsome person, since, having his luminosity intact and his life clean, decisions will no longer be an obstacle for him. He will decide what is necessary the moment he wants to, and that, to other people, is scary.



"This is also the time when the warrior requires an extra dose of sobriety and sanity, because without it he would take unnecessary risks, endangering both his own security and the security of others.



"Another effect of recapitulation is that it works as an invitation to the spirit, and makes it want to come and live with us. In other words, to remember our past is the most effective method to unite the physical body and the energy body, which have been separated for years."



He went on to say that the sorcerer who has managed to compress the thickest part of his energy is in a state where he may intend a feat of perceptual prowess; intending a copy of his life experience in order to deceive death.



"That is the final objective of recapitulation; to create a double, and get ready to leave. You don't have to be a sorcerer to understand the importance of all this. To die in debt is a pitiful way of dying. On the other hand, to have a double to offer the Eagle guarantees that you will be able to continue ahead.



"The fight of sorcerers is heroic. Recapitulating impeccably the content of their lives, they pick up the fibers which drained their attention, and return to those they have known all the attention they have given them. In that way, they arrive at a state of balance which allows them to leave with all their awareness. Their memories, coherent, refined, and integrated, work as an independent being which serves as a ticket they hand over in exchange for their awareness. The Eagle accepts that effort as a payment, and steps aside. Our replica is sufficient to satisfy its demand.



"Seers see that moment as an explosion of energy which aligns their encapsulated awareness with the totality of emanations out there, and their assemblage point expands infinitely, like a vortex of light."



In another talk, he referred to a method designed by the new seers, which can be helpful in the exercise of recapitulation. He stated:



"One of the tasks of sorcerers is to constantly analyze the insinuations of the spirit. For this purpose, sorcerers often use a book of memorable events; a map of those occasions when the spirit intervened in their lives, forcing them to make decisions- voluntarily or involuntarily."



He explained that the advantage of this technique is that when we write, we detach ourselves from things and events, at least to a minimal extent, and thus we are able to focus on them with more objectivity.



"It is not about describing our daily routines, but of being attentive to the strange moments in which intent is manifested. Those are magical junctures because they produce changes, and they put us face to face with the meaning of our existence."



As requested, he gave us some examples of this kind of event.



"Although signs of the spirit are a personal matter, there are ordinary events that in general mark people's life, like being born, choosing a career, intertwining your destiny with another person, or having children; also illnesses and serious accidents because they establish a nexus with death. For those who have the fortune of finding a conduit of spirit in the shape of a nagual, this is, certainly, the most memorable event of all.



"The interventions of intent are precursors; very significant memories for a warrior and they can be used as reference points of where to start when one is exploring episodes of personal history. It requires speed and clarity to select the memorable events and to synthesize them; extracting the personal stuff and leaving the magical essence. When properly done, one's collection of the interventions of intent becomes what the new seers call abstract centers of perception; a matrix of intent, which a warrior has the duty of deciphering."
Tornare in alto Andare in basso
ferutius



Maschile Numero di messaggi : 10
Data d'iscrizione : 26.12.10

MessaggioOggetto: Re: Recapitulation   Sab 14 Mag 2011 - 9:16

buongiorno a tutti
scusate se sono stato un po' assente ma ero all'estero .
per quanto riguarda la ricapitolazione trovo buono il sistema del dott. IHALEKALA HEW LEN inteso come purificazione di tutto l'universo partendo all'interno di se stessi (il metodo si chiama HOOPONOPONO ).
Trovo interessante anche il metodo proposto da OWEN FITZPATRICK e RICHARD BANDLER nel libro PNL E' LIBERTA' chiarito bene nel paragrafo a pag.81 : in questo caso non si tratta di dimenticare il passato ma di cambiarne solo il significato e l'impatto emotivo. Sono d'accordo con chi ha scritto su questo forum che non si deve dimenticare. Ci sono altre strade...
un grosso abbraccio
FERUTIUS
Tornare in alto Andare in basso
Maty



Maschile Capra
Numero di messaggi : 18
Data d'iscrizione : 28.11.10
Età : 49

MessaggioOggetto: Re: Recapitulation   Dom 15 Mag 2011 - 9:53

ferutius ha scritto:
buongiorno a tutti

Trovo interessante anche il metodo proposto da OWEN FITZPATRICK e RICHARD BANDLER nel libro PNL E' LIBERTA' chiarito bene nel paragrafo a pag.81 : in questo caso non si tratta di dimenticare il passato ma di cambiarne solo il significato e l'impatto emotivo. Sono d'accordo con chi ha scritto su questo forum che non si deve dimenticare. Ci sono altre strade...
un grosso abbraccio
FERUTIUS

Per quanto riguarda la PNL occorre secondo me fare una premessa. Conosco molto bene la materia in quanto molti anni fa ho fatto un percorso psicoterapeutico a riguardo che non ha portato da nessuna parte (tra l'altro da uno dei massimi esperti in Italia)...Credo che sia una disciplina molto superficiale e approssimativa, sia nei confronti degli insegnamenti di Bandler e Grinberg, che in quelli di Anthony Robbins.
Non si tiene assolutamente in nessun conto la storia del paziente, il suo vissuto interiore con le sue problematiche individuali. Si è semplicemente confezionato un sistema meccanico, pensando che la mente possa essere gestita come un robot, aggirando con sistemi discutibili i blocchi inconsci.
Il semplice "pensiero positivo", il pensare di gestire emozioni profonde in maniera così commerciale e superficiale, fanno della PNL un buon sistema per venditori e manager. Pessimo e inutile per affrontare problematiche psicologiche.
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Recapitulation   Mer 18 Mag 2011 - 6:39

ferutius ha scritto:
buongiorno a tutti
scusate se sono stato un po' assente ma ero all'estero .
per quanto riguarda la ricapitolazione trovo buono il sistema del dott. IHALEKALA HEW LEN inteso come purificazione di tutto l'universo partendo all'interno di se stessi (il metodo si chiama HOOPONOPONO ).
Trovo interessante anche il metodo proposto da OWEN FITZPATRICK e RICHARD BANDLER nel libro PNL E' LIBERTA' chiarito bene nel paragrafo a pag.81 : in questo caso non si tratta di dimenticare il passato ma di cambiarne solo il significato e l'impatto emotivo. Sono d'accordo con chi ha scritto su questo forum che non si deve dimenticare. Ci sono altre strade...
un grosso abbraccio
FERUTIUS

Ciao Ferutius.

Sarebbe interessante, oltre a stabilire la validità delel conseguenze, anche poter capire se tra ricapitolazione per come è definita da Castaneda e quella di cui tu parli per la PNL esistono le stesse premesse, ovverosia gli stessi concetti o perlomeno lo stesso apparato e contesto di definizione.

La ricapitolazione di Carlos è un "fatto energetico" e come tale dovrebbe andare al di là del tonal. Dovrebbe lavorare sul livello di fissazione della nostra percezione, che poi va a dare la base alle nostre emozioni, al nostro modo di percepiure e di vedere sempre le cose nello stesso modo. La logica, se vogliamod ire così, è quella di togliere il fuoco sotto il pentolone in modo che l'acqua smetta di bollire. Quel fuoco poi può essere ri-utilizzato altrove e per altri pentoloni.

In realtà, tra tutti gli apparati di definizione oltremondana creati in questi anni da scrittori e "guru", il concetto della ricapitolazione a mio parere è il piu particolare. Dietro i termini "fatto energetico" giace la consapevolezza che la nostra percezione è per buona parte costruita su assunti socialmente condivisi. Per poter modificare una cosa su un certo livello, alle sue fondamenta, diviene cosi essenziale agire su un livello piu vasto, o profondo, o permeante. Un po come nella insiemistica. All'interno dello stesso insieme io non posso agire in modo tale da modificare i confini o la struttura dell'insime stesso, ma devo agire "dall'esterno" a livello di un insieme piu grande, o permeante.

La PNL resta a livello della mente, mi sembra e fa qualcosa in meno della psicologia e della ricerca psicologica ad ampio spettro: dà degli assunti (come dice Maty) che vanno a definire in modo apodittico e predeterminato la natura della mente, la mente di ogni individuo, dimenticando che ognuno di noi ha una storia personale specifica (già questo ne stabilisce la natura per nulla scientifica perché conq uesti assunti la PNL non è verificabile ne falsificabile). A mio parere la PNL funziona se e solo se riduciamo ai minimi termini le risposte psicologiche delle persone. Cioè se le persone vengono portate a reagire nel modo che la PNL dice essere possibile nei suoi assunti di base. E questo non mi sembra un percorso verso la libertà dell'individuo, bensi verso la sua costrizione.

Oggi la PNL va di moda, per molti motivi: è un metodo poco complesso, promette grandi cose e con pochi sforzi. MA visto che non ho mai fatto corsi di PNL e non la conosco a menadito io chiedo a te se ho tralasciato delle cose nelle mie considerazioni Ferutius. E se a tuo parere le mie osservazioni non sonocorrette ti prego di evidenziare in cosa e perché non lo sono.

Buona giornata a tutti!

Admin
Tornare in alto Andare in basso
Maty



Maschile Capra
Numero di messaggi : 18
Data d'iscrizione : 28.11.10
Età : 49

MessaggioOggetto: Re: Recapitulation   Mer 18 Mag 2011 - 10:44

Ora tornando all'argomento della ricapitolazione, sarebbe utile sapere come Castaneda e altri hanno risolto il problema che spesso si pone di fronte a persone che hanno difficoltà a mettersi in contatto con i propri stati interiori, e parlo in particolar modo di chi è affetto da patologie ansioso-depressive.

Nel caso di depressione è comune un vissuto per così dire "anestetizzato" della realtà. I ricordi (molto spesso già difficilmente rievocabili) non hanno nessun collegamento emozionale. Nello stato ansiogeno e/o legato a tematiche fobiche, l'esperienza della realtà è contaminata dal vissuto emotivo del momento che di fatto impedisce qualsiasi tentativo di lavoro interiore, presupposto IMHO fondamentale del successo della ricapitolazione e di altre terapie simili.

In questo senso si allinea anche il percorso di alcuni Psicoterapeuti della cosiddetta terapia regressiva, come ad esempio Brian Weiss. Si pressuppone che, sotto uno stato ipnotico, sia più agevole il ricordo di eventi passati (e anche di presunte vite precedenti).
Attraverso questo ricordo e rivivendo l'esperienza, si arriva a "scaricare" l'emozione collegata all'evento e a liberare il paziente da evenutali patologie legate all'esperienza stessa. Ma anche qui, se il paziente non "rivive interamente" l'esperienza, anche con l'aspetto emozionale, i risultati sono deludenti.

IMHO solo attraverso un lungo allenamento su tecniche somato-psichiche, ad esempio Yoga e Qi gong e/o arti marziali, penso che sia possibile recuperare il collegamento mente-corpo-psiche-emozioni, che credo sia il presupposto per il successo di qualsiasi tecnica, sciamanica o non.
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Recapitulation   Mer 18 Mag 2011 - 17:13

Maty ha scritto:
Ora tornando all'argomento della ricapitolazione, sarebbe utile sapere come Castaneda e altri hanno risolto il problema che spesso si pone di fronte a persone che hanno difficoltà a mettersi in contatto con i propri stati interiori, e parlo in particolar modo di chi è affetto da patologie ansioso-depressive.

Nel caso di depressione è comune un vissuto per così dire "anestetizzato" della realtà. I ricordi (molto spesso già difficilmente rievocabili) non hanno nessun collegamento emozionale. Nello stato ansiogeno e/o legato a tematiche fobiche, l'esperienza della realtà è contaminata dal vissuto emotivo del momento che di fatto impedisce qualsiasi tentativo di lavoro interiore, presupposto IMHO fondamentale del successo della ricapitolazione e di altre terapie simili.


Ciao Maty!

Secondo alcune teorie psicoterapeutiche il collegamento tra ricordo ed emotività è molto piu stretto di quanto il pnesrae comune non vede. Nella ricapitolazione, si parte dal presupposto che la percezione sia un continuum di intensità percettiva. Il tempo quindi, il tempo stesso, risulta definibile in questi termini. Una variabile dipendente dal grado di compattazione e/o fluidità della intensità percettiva, che può avere come esito anche la fissazione del punto percettivo.

Il modo attraverso cui si esplica la formazione della intensità percettiva passa anche attraverso i sentimenti e le eomozioni. Per CC, la maggior parte di essi è in realtà il frutto di un apprendimento sociale.

La ricapitolazione dissocia la energia che mettiamo/ la intensita percettiva dalla memoria stessa, ricuperando cosi la potenzialità percettiva che poi può essere ri-orientata altrove.



Maty ha scritto:
In questo senso si allinea anche il percorso di alcuni Psicoterapeuti della cosiddetta terapia regressiva, come ad esempio Brian Weiss. Si pressuppone che, sotto uno stato ipnotico, sia più agevole il ricordo di eventi passati (e anche di presunte vite precedenti).
Attraverso questo ricordo e rivivendo l'esperienza, si arriva a "scaricare" l'emozione collegata all'evento e a liberare il paziente da evenutali patologie legate all'esperienza stessa. Ma anche qui, se il paziente non "rivive interamente" l'esperienza, anche con l'aspetto emozionale, i risultati sono deludenti.


Condivido ciò che dici, nel senso che la ricapitolazione può avvenire ad un diverso stato di coscienza, che non necessariamente significa il livello di sogno profondo o sogno lucido, quanto forse più equiparabile al livello esistente nelle onde cerebrali alfa, quelle del sogno ad occhi aperti o del primo livello di dormiveglia. Tuttavia, lo stesso CC, nalla Ruota del Tempo, presuppone che ad un certo livello si possa arrivare a ricapitolare la vita di altre persone. E come non potrebbe essere, se nelle premesse teoriche di definizione della ricapitolazione c’è l’idea del distacco del corpus percettivo ed energetico dalla memoria del vissuto personale del soggetto agente che poi può andare ad aderire ad altri vissuti personali in molti altri modi?



Maty ha scritto:
IMHO solo attraverso un lungo allenamento su tecniche somato-psichiche, ad esempio Yoga e Qi gong e/o arti marziali, penso che sia possibile recuperare il collegamento mente-corpo-psiche-emozioni, che credo sia il presupposto per il successo di qualsiasi tecnica, sciamanica o non.

Per noi “occidentali” drogati dalle aspettative sociali fino al punto di dimenticarci di cio che giace sotto il nostro vivere sociale, sì. Lo credo anche io.
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Recapitulation   Ven 5 Ott 2012 - 9:19

Per una maggiore comprensione riporto uno stralcio dal libro: Tensegrità - I sette movimenti magici degli sciamani dell'antico Messico di Carlos Castaneda ed BUR - Rizzoli (recensione).

Gli stregoni del lignaggio di don Juan credevano che ricapitolare significasse dare al mare oscuro della consapevolezza ciò che esso cercava, e ciò è le loro esperienze di vita. Grazie alla ricapitolazione essi ritenevano di poter acquisire un grado di controllo grazie al quale potevano separare le loro esperienze di vita dalla loro forza vitale, che ritenevano non fossero congiunte in maniera inestricabile ma fossero unite solo in modo secondario.

Questi stregoni affermavano che il mare oscuro della consapevolezza non vuole prendersi la vita degli esseri umani, ma solo le loro esperienze di vita. La mancanza di disciplina degli esseri umani impedisce loro di separare le due forze e alla fine essi perdono la vita, mentre invece dovrebbero rinunciare solo alle loro esperienze di vita.

Gli sciamani valutavano la ricapitolazione come la procedura grazie alla quale potevano dare al mare oscuro della consapevolezza qualcosa in cambio della loro stessa vita: rinunciavano alle esperienze della loro esistenza raccontandole, ma conservavano la loro forza vitale.

Quando venivano esaminate secondo i termini dei concetti lineari del nostro mondo occidentale, le rivendicazioni percettive degli stregoni non avevano alcun senso. La civiltà occidentale è stata in contatto con gli sciamani del Nuovo Mondo per cinquecento anni, e in tutto questo tempo gli scienziati non hanno mai provato seriamente a formulare un discorso filosofico basato sulle affermazioni fatte dagli stregoni.

Per esempio, a qualunque individuo del mondo occidentale la ricapitolazione può apparire in qualche modo legata alla psicanalisi, una sorta di procedura psicologica o tecnica di self-help. E invece non c’è nulla di più lontano dalla verità.

Per i praticanti sciamani, ricapitolare significava fornire a una forza incomprensibile, il mare oscuro della consapevolezza, ciò che essa desiderava, e cioè le loro esperienze di vita, in pratica la consapevolezza che avevano ampliato grazie a tali esperienze.
...
Don Juan mi descrisse il secondo obiettivo pragmatico della ricapitolazione come l'acquisizione della fluidità.

Ricapitolare significa rivivere tutte o quasi le esperienze che abbiamo vissuto; cosi facendo spostiamo il punto di unione, leggermente o in maniera notevole, costringendolo con la forza della memoria ad adottare la posizione che aveva quando è avvenuto l'evento che stiamo rivivendo.

Questo gesto di spostarsi avanti e indietro dalle posizioni precedenti a quella attuale fornisce agli sciamani praticanti la fluidità necessaria a sopportare straordinari imprevisti durante il loro viaggio verso l'infinito.

FONTE: Tensegrità - I sette movimenti magici degli sciamani dell'antico Messico di Carlos Castaneda ed BUR - Rizzoli
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Recapitulation   Oggi a 18:23

Tornare in alto Andare in basso
 
Recapitulation
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: SCIAMANESIMO :: I MONDI DELLO SCIAMANESIMO - WORLDS OF SHAMANISM :: NORTH & SOUTH AMERICA :: TOLTEC SHAMANISM: CARLOS CASTANEDA - Sciamanesimo Tolteco: Castaneda-
Andare verso: