Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Rosa canina

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Rosa canina   Lun 28 Mar 2011 - 13:45

QUESTA SCHEDA CONTIENE INFORMAZIONI CHE POSSONO GENERARE SITUAZIONI DI PERICOLO E DANNI. I DATI PRESENTI HANNO SOLO UN FINE ILLUSTRATIVO E IN NESSUN CASO ESORTATIVO. PRIMA DI PROSEGUIRE SI PREGA DI LEGGERE ATTENTAMENTE LE AVVERTENZE.


AVVERTENZE:

Tutte le informazioni, voci e documenti riportati su Shamanism&Co sono da considerare ad ESCLUSIVO SCOPO DIVULGATIVO!
Le eventuali nozioni e/o procedure mediche, erboristiche di medicina popolare, ecc. NON POSSONO SOSTITUIRE IN ALCUN CASO IL CONSIGLIO DEL MEDICO o di qualunque altro operatore sanitario. Rivolgetevi sempre al vostro medico o altro addetto del settore sanitario per qualsiasi quesito possiate avere.
Shamanism&Co non può esser ritenuto responsabile dei risultati o delle conseguenze di un qualsiasi utilizzo o tentativo di utilizzo di una qualsiasi delle informazioni pubblicate.


Buondì a tutti,

oggi scopriremo insieme una rosa spontanea, molto comune, dalle proprietà (come vedremo nella seconda parte) di stimolante delle difese immunitarie, dall'alto contenuto di vitamina C, utile in caso di emicrania e tosse. Tra le curiosità invece scopriremo la derivazione del suo nome e precisamente dal greco "kynorrhodon" rovo dei cani, chiamata così perchè le radici venivano impiegate per curare la rabbia...

Ma prima conosceremo, grazie a wikipedia, le sue caratteristiche.

Buona lettura!


FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Rosa_canina

Rosa canina
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La rosa canina (Rosa canina L.) è la specie di rosa spontanea più comune in Italia, molto frequente nelle siepi e ai margini dei boschi.


FONTE IMMAGINE: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Rosa_canina_02_%28Parco_dei_Nebrodi%29.JPG.JPG

Descrizione

La forma biologica di questa pianta è NP - nano-fanerofita, cioè pianta legnosa con gemme svernanti poste tra i 30 cm e i 2 metri dal suolo.

È un arbusto spinoso, alto 100 - 300 cm, con fusti legnosi glabri, spesso arcuati e pendenti, e radici profonde.

Le spine rosse sono robuste, arcuate, a base allungata e compressa lateralmente. Le foglie, caduche, sono composte da 5-7 foglioline di 9-25 x 13-40 mm, ovali o ellittiche, con 17-22 denti sul margine. Hanno stipole lanceolate di 3 x 15 mm. I fiori, singoli o a 2-3, hanno un diametro di 4-7 cm e sono poco profumati. Hanno un peduncolo di 20-25 mm e sono generalmente superati dalle foglie. I sepali laciniati, lunghi da 15 a 18 mm, dopo la fioritura si piegano all'indietro e cadono in breve tempo. La corolla è formata grandi petali bilobi, rosati soprattutto sui lobi, di 19-25 x 20-25 mm. Gli stili, lanosi e allungati, sono fusi insieme in una colonnina cilindrica.

La rosa canina fiorisce da maggio a luglio.

I suoi frutti (di 1-2 cm) carnosi e colorati di un rosso vivace (cinorroidi) raggiungono la maturazione nel tardo autunno.


Distribuzione e habitat

La specie è diffusa in una vasta area nelle zone temperate del Vecchio Mondo che include:

* l'Africa del Nord e le isole Canarie e Madera;
* l'Asia occidentale (Afghanistan, Iran, Irak, Israele, Libano, Siria), la regione del Caucaso e l'Asia centrale (Tajikistan);
* il sub-continente indiano;
* L'Europa, dal Mediterraneo alla Scandinavia.

È stata introdotta e si è naturalizzata anche in America del Nord ed in Australia e Nuova Zelanda.

Il suo habitat sono le boscaglie di faggio, abete, pino e querce a foglie caduche, gli arbusteti e le siepi, fino ad una quota di 1900 m. Preferisce suoli abbastanza profondi, limosi e moderatamente aridi.


[modifica] Usi

Viene largamente usata per i suoi contenuti di vitamina C e per il suo contenuto di bioflavonoidi (fitoestrogeni).

I principi attivi (oltre alla vitamina C, tannini, acidi organici, pectine, carotenoidi e polifenoli) vengono usati dalle industrie farmaceutiche, alimentari e cosmetiche: fiori e foglie vengono usati in farmacopea, ad esempio, per la preparazione di infusi e tisane.

È indicata come astringente intestinale, antidiarroico, vasoprotettore e antinfiammatorio,[1] inoltre viene consigliata nei casi di debilitazione.[2]

I semi vengono utilizzati per la preparazione di antiparassitari ed i petali dei fiori per il miele rosato.

Il suo decotto viene utilizzato in cosmetica per pelli delicate e arrossate.

Con i frutti si preparano ottime marmellate.

Con i petali dei fiori viene preparato il miele rosato.


[modifica] Note

1. ^ "Le piante medicinali", di Roberto Michele Suozzi, Newton&Compton, Roma, 1994, pag.45
2. ^ "Farmacia al naturale", di Luca Fioretti, pubbl. su "Sapere&Salute" - Anno III, N.14, maggio 1998, pag.52

[modifica] Bibliografia

* Sandro Pignatti, Flora d'Italia, Bologna, Edagricole, 1982, Vol. 1. ISBN 88-506-2449-2
* Fabio Conti; Carlo Blasi; Alessandro Alessandrini; Giovanna Abbate, An annotated Checklist of the Italian Vascular Flora, maggio 2005. ISBN 88-7621-458-5
* Linnaeus, Species Plantarum, 1753, Vol. 1.



FONTE IMMAGINE: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Rosa_canina_.jpg


FONTE IMMAGINE: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Rosa_canina5.jpg


FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Rosa_canina

Rosa canina
From Wikipedia, the free encyclopedia

Rosa canina (commonly known as the dog rose) is a variable scrambling rose species native to Europe, northwest Africa and western Asia.

It is a deciduous shrub normally ranging in height from 1–5 m, though sometimes it can scramble higher into the crowns of taller trees. Its stems are covered with small, sharp, hooked prickles, which aid it in climbing. The leaves are pinnate, with 5-7 leaflets. The flowers are usually pale pink, but can vary between a deep pink and white. They are 4–6 cm diameter with five petals, and mature into an oval 1.5–2 cm red-orange fruit, or hip.

Cultivation and uses

The plant is high in certain antioxidants. The fruit is noted for its high vitamin C level and is used to make syrup, tea and marmalade. It has been grown or encouraged in the wild for the production of vitamin C, from its fruit (often as rose-hip syrup), especially during conditions of scarcity or during wartime. The species has also been introduced to other temperate latitudes. During World War II in the United States Rosa canina was planted in victory gardens, and can still be found growing throughout the United States, including roadsides, and in wet, sandy areas up and down coastlines.

Forms of this plant are sometimes used as stocks for the grafting or budding of cultivated varieties. The wild plant is planted as a nurse or cover crop, or stabilising plant in land reclamation and specialised landscaping schemes.

Numerous cultivars have been named, though few are common in cultivation. The cultivar Rosa canina 'Assisiensis' is the only dog rose without prickles. The hips are used as a flavouring in Cockta, a soft drink made in Slovenia.


FONTE IMMAGINE: http://en.wikipedia.org/wiki/File:Illustration_Rosa_canina1.jpg


Canina meiosis

The dog roses, the Canina section of the genus Rosa (20-30 species and subspecies, which occur mostly in Northern and Central Europe), have an unusual kind of meiosis that is sometimes called "permanent odd polyploidy" although it can occur with even polyploidy (e.g. in tetraploids or hexaploids). Regardless of ploidy level, only seven bivalents are formed leaving the other chromosomes as univalents. Univalents are included in egg cells, but not in pollen.[1][2] Dogroses are most commonly pentaploid, i.e. five times the base number of seven chromosomes for the genus Rosa, but may be tetraploid or hexaploid as well.

Names and etymology

The botanic name is derived from the common names 'dog rose' or similar in several European languages.

It is sometimes considered that the word 'dog' has a disparaging meaning in this context, indicating 'worthless' (by comparison with cultivated garden roses) (Vedel & Lange 1960). However it also known that it was used in the eighteenth and nineteenth centuries to treat the bite of rabid dogs, hence the name "dog rose" may result from this.[3] (It is also possible that the name derives from "dag," a shortening of "dagger," in reference to the long thorns of the plant.)

Other old folk names include rose briar (also spelt brier), briar rose, dogberry, sweet briar, wild briar, witches' briar, and briar hip.

* In Turkish, its name is kuşburnu, which translates as "bird nose."
* In Swedish, its name is stenros, which translates to "stone rose."
* In Norwegian, its name is steinnype, which translates to "stone hip."
* In Danish, its name is hunderose, which translates as "dog rose."
* In Azeri, its name is itburunu, which translates as "dog nose."
* In Russian, its name is шиповник (translit: 'shipovnik'), which translates as "thorn bearer."
* In Bulgarian, its name is шипка (translit: 'shipka').
* In Mongolian, its name is нохойн хошуу, which translates as "dog nose."
* In Hungarian, its name is vadrózsa, which translates as "wild rose."
* In Polish, its name is dzika róża, which translates as "wild rose."


Invasive species

Dog rose is an invasive species in the high country of New Zealand. It was recognised as displacing native vegetation as early as 1895[4] although the Department of Conservation does not consider it to be a conservation threat.[5]

[edit] Dog rose in culture

The dog rose was the stylized rose of medieval European heraldry, and is still used today.[citation needed] It is also the County flower of Hampshire.[6]

[edit] References

1. ^ Täckholm, Gunnar (1922) Zytologische Studien über die Gattung Rosa. Acta Horti Bergiani 7, 97-381.
2. ^ Lim,, K.Y.; Werlemark,, G.; Matyasek,, R.; Bringloe,, J.B.; Sieber,, V.; El Mokadem,, H.; Meynet,, J.; Hemming,, J. et al. (2005). "Evolutionary implications of permanent odd polyploidy in the stable sexual, pentaploid of Rosa canina L.". Heredity 94 (5): 501–506. doi:10.1038/sj.hdy.6800648. http://www.nature.com/hdy/journal/v94/n5/full/6800648a.html. Retrieved February 23, 2011.
3. ^ Howard, Michael. Traditional Folk Remedies (Century, 1987); p133
4. ^ Kirk, T (1895). "The Displacement of Species in New Zealand". Transactions of the New Zealand Institute 1895 (Wellington: Royal Society of New Zealand) 28. http://rsnz.natlib.govt.nz/volume/rsnz_28/rsnz_28_00_000440.html. Retrieved 2009-04-17.
5. ^ Owen, S. J. (1997). Ecological weeds on conservation land in New Zealand: a database. Wellington: Department of Conservation.
6. ^ Plantlife website County Flowers page



FONTE IMMAGINE: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Dzika_r%C3%B3%C5%BCa_owoce.jpg


FONTE IMMAGINE: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Divlja_ruza_cvijet_270508.jpg
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Rosa canina   Mer 30 Mar 2011 - 14:54

Ha un alto contenuto di vitamina C pensate che, ai tempi della seconda guerra mondiale, le sue bacche hanno avuto un ruolo molto importante proprio nell’apporto della vitamina C per i bambini britannici in sostituzione degli agrumi.

Inoltre tra i suoi principi attivi vi sono i bioflavonoidi che esercitano un’azione sinergica alla vitamina C favorendone così l’assorbimento da parte dell’organismo, perciò è molto utile per chi fuma (poiché la nicotina sottrae la vitamina C all’organismo).

Usata anche a scopo alimentare, per la preparazione del miele rosato e dea marmellata di cinorrodi.

Usata per contrastare malattie da raffreddamento, allergie, tosse, mal di testa, reumatismi.

Stimola la produzione di collagene e migliora la circolazione del sangue perciò è utile per problemi legati all’invecchiamento della pelle, attenuando le rughe meno profonde; nonché per la caduta dei capelli.

Favorisce la diuresi, risulta efficace nella cura delle diarree.

Per uso esterno è utile come impacco per gli occhi infiammati oppure come lozione rivitalizzante per la cute.

Ed ecco una ricetta per un bagno tonificante:

preparare un decotto con 50 g di bacche di rosa canina e un litro di acqua, facendolo bollire lentamente per 5 minuti. Filtrare, unire 3 cucchiai di sale marino integrale, quindi versarlo nell’acqua del bagno.


Bibliografia:

Corso Pratico di Erboristeria Ed. Riza


di Tila - Shamanism & Co. ©. 2009-2011 - All rights reserved – Tutti i diritti riservati - Tous droits reserves
Tornare in alto Andare in basso
 
Rosa canina
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: SCIAMANESIMO :: I TEMI DELLO SCIAMANESIMO - THEMES OF SHAMANSIM :: Sciamanesimo e Mondo vegetale - Shamanism and Plants :: Plants P - Z-
Andare verso: