Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Earthlings - Terrestri

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Earthlings - Terrestri   Sab 3 Dic 2011 - 23:58

Con questo nuovo argomento spero di aprire un dibattito approfondito su una questione complessa, a trattiimbarazzante e di importanza cruciale per le nostre vite: il rapporto che abbiamo col cibo e nello specifico con gli animali che ci nutrono.

Non voglio sbandierare nulla di ideologico, ma solo riflettere su ciò che oggi accade nel mondo.

Se è vero che il nostro pianeta sta andando verso il collasso, e se certo che stiamo depauperando il pianeta dalle sue risorse, allora ne deriva che in massa dobbiamo sforzarci di trovare soluzioni nuove che possano aiutarci a risolvere questo problema, spero ad eslusione del cannibalismo e della definitiva autodistruzione.

il primo video si chiama "Un equilibrio delicato (2008)"

http://www.megavideo.com/?v=DZW85TJI

il secondo invece si chiama Earthlings (Terrestri)

http://video.google.com/videoplay?docid=7014142368277769502#docid=6361872964130308142

Earthlings è un documentario antispecista del 2005 scritto, prodotto e diretto da Shaun Monson e narrato dall'attore ed animalista Joaquin Phoenix. La colonna sonora è stata composta dal musicista ed attivista dei diritti animali Moby. Il documentario ha avuto un grande successo presso le comunità animaliste di tutto il mondo.(fonte http://it.wikipedia.org/wiki/Earthlings)

Questo secondo video introduce concetti più profondi, che vanno al di là della mera considerazione di ciò che dobbiamo fare come specie per evitare il collasso dell'unico ecosistema a nostra disposizione. La prima volta che l'ho visto sono stato male. Male per non avere mai capito, per non essermi mai immaginato le cose dal punto di vista di un essere che è in grado di sentire sofferenza, non importa quanto differentemente da noi.

Chi è interessato a questo tema forse troverà alcuni spunti interessanti in questo video. Personalmente credo che chiunque dovrebbe vederlo, almeno una volta. Chiunque. Questo è ciò che facciamo ogni giorno ad esseri che come noi popolano la Terra. Questa è l'ecatombe ormai silenziosa e accettata di cui siamo partecipi, a volte ignari, a volte un pò meno.

Se più persone fossero consapevoli di ciò che sta accadendo, forse alcuni potrebbero avere il coraggio "sociale di cambiare strada" (sono parecchie le persone che non fanno scelte differenti dalla massa per paura di ciò che la maggioranza pensa). Inoltre, da un punto di vista psicologico, è più facile accettare ciò di cui non siamo a conoscenza o ne siamo solo vagamente ( e malamente) informati di ciò che invece conosciamo benissimo e con grande cura. nella Germania, dopo la seconda guerra mondiale, furono molti gli studiosi, sociologi, politologi, psicologi che compresero molto bene questo argomento. Il vecchio regime crollato anche lo sapeva. I campi di sterminio nondovevano essere nascosti del tutto solo per evitare che gli alleati sapessero cosa stava accadendo. Nei confronti della stessa popolazione tedesca, si creava una condizione di anomia tale per cui i tedeschi sospettavano, ma il loro dubitare e sospettare li metteva di fornte a scelte alternative di pensiero e azione assolutamente terribili: opporsi al regime, un regime totalitario e mortale nei confronti in primis dei dissidenti, e poi fare di tutto per capire quali orrori si celavano doetro quelle recinzioni.

Il risultato fu che la magigor parte di loro mai ebbe dubbi. Ricvordo ancora i volti stravolti dei tedeschi che vennero condotti nei campi di sterminio a fine guerra, da americani e russi, afifnché vedessero cosa il loro regime e indirettamente loro, avevano creato. Molti di loro scoppiarono a piangere, alcuni sotto shock continuarono ad affermare che era tutta una invenzione degli alleati per finire al più presto la guerra. Altri ebbero reazioni ancora più stravolte. Questo era segno del fatto che ninostante tutto, nonostante gli anni passati sotto il regime, che li costringeva a vedere gli ebrei, gli zingari, i prigioneri politi, gli omosessuali come animali, ancora qualcosa di diverso in loro era rimasto. Altrimenti si sarebbero limitati, di fronte ai cervelli sezionati di bambini morti nei campi, a snocciolare le teorie speciste e di superiorità della razza che il regime aveva cercato di scrivere nella loro carne e nella loro psiche in ogni modo conosciuto.

Una volta che un individuo è a conoscenza della verità, non può esimersi dallo scegliere consapevolmente cosa fare: la cosa giusta oppure seguire ancora le menzogne e il male. La verità si accompagna sempre allo spirito critico, onde evitare nuovi fanatismi, nuove forme di odio e altro sangue versato.

Chi vedrà questo video avrà conosciuto un framemnto in più di ciò che accade nel mondo. E non potrà esimersi dal decidere cosa fare. Nel suo piccolo. Non è infatti necessaria una revolution con grida e altro. L'India non fu liberata con eserciti.

Spero che il numero di persone che si fermeranno a riflettere su quelli che sono i nostri veri bisogni e ciò che è crudelmente inutile aumenti presto.

Admin
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Earthlings - Terrestri   Dom 4 Dic 2011 - 15:34

“Stiamo raccogliendo ciò che abbiamo seminato”

Buon pomeriggio Admin,

forse questa è una delle frasi, del primo filmato, che più sintetizza ciò che continuiamo a fare a questo povero pianeta, di cui non dimentichiamoci noi siamo solo ospiti e NON i padroni.

Confesso che trovo una certa difficoltà nel commentare, più che altro perché “a caldo” uscirebbero parole poco diplomatiche ^^

Quindi cercherò di essere il più moderata possibile, anche se invece l’argomento crea, dentro di me, uno stato d’animo devastante.

Come dice, giustamente, il primo filmato da te proposto non c’è da stupirsi se stiamo male e ci ammaliamo se mangiamo in modo sbagliato, ma soprattutto mangiamo qualcosa che a sua volta ha mangiato veleni che NOI abbiamo messo.

Questo spropositato consumo di cibo, come anche di altre cose in realtà, penso che sia nato per diversi motivi, tra questi ad esempio può essere la paura di rimanere senza scorte, sicuramente dopo le guerre mondiali; non voglio trovare giustificazioni di ciò che l’uomo continua a compiere, l’uomo NON ha giustificazioni per quello che ha fatto e sta facendo.

Cerco solo di capire il perché e come te chiedersi se ci possono essere soluzioni.

Altro fattore determinante è la nostra crescita, la nostra durata della vita. Siamo in troppi.

E poi c’è la “beata” ignoranza, sai tipo il detto occhio non vede cuor non duole.

Quando ho visto, tempo fa, il secondo filmato non solo sono stata malissimo, non sono più riuscita a guardare il mondo come lo vedevo prima, ma soprattutto sono stata male perché mi sono resa conto che anche io non vedevo, anche io vivevo nella “beata” ignoranza.

Questa briciola di consapevolezza mi ha mutata da allora, e nel mio piccolo cerco di dare la possibilità ad altri di vedere ciò che ho visto, per trarne ciò che saranno pronti a ricevere.

Credo che in realtà basti veramente poco, noi non dobbiamo vivere per mangiare...ormai il pranzo o la cena sembrano essere diventati un rito di festa o una scusa per stare con amici e parenti, in questo periodo dell'anno poi è il culmine di quel rito.

Avevo letto tempo fa una teoria sul buco dell'ozono che in realtà era causato dal letame degli animali di allevamento, non so quanto possa essere veritiera o meno, ma mi è tornato in mente oggi. Mi chiedo ma a noi serve davvero DAVVERO mangiare così tanto?
Non facciamo altro che avvelenare il nostro organismo, che nasce come macchina perfettamente equilibrata ed invece la inquiniamo rendendola una macchina difettosa.

Credo che oltre a cercare di eliminare quei agenti velenosi, come dice il primo filmato, la cosa più importante è il consumo spropositato di cibo, perchè non vorrei che da un estremo andiamo a finire ad un altro, con la creazione di campi di coltivazione non andiamo lo stesso ad esaurire risorse?

La domanda invece che mi viene d fare è: perchè l'uomo non impara piuttosto a vivere in maniera equilibrata? Imparando dalla natura magari... domanda retorica ovviamente.

Hai ragione non c’è bisogno di rivoluzione o grida basta cercare di far riflettere, anche se solo per un attimo anche se solo a poche persone, agisci facendo il tuo meglio, agisci donando una possibilità in più, agisci senza aspettarti nulla in cambio, agisci con umiltà…quello che tu stai seminando oggi un giorno porterà dei frutti Admin.


Un abbraccio e grazie di cuore per avermi aperto gli occhi.

Tila
Tornare in alto Andare in basso
 
Earthlings - Terrestri
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: OFF TOPIC :: Off Topics-
Andare verso: