Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Costellazioni familiari e sistemiche

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Costellazioni familiari e sistemiche   Sab 13 Giu 2009 - 11:47

FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Costellazioni_familiari_e_sistemiche


Le costellazioni familiari e sistemiche sono una nuova forma di "psicoterapia" psicologica e trovano le loro radici nella prassi di diversi approcci psicoterapetici. Probabilmente la radice più antica la trova nella prassi della Psicoanalisi Freudiana, ( Bert Hellinger -l'ideatore della costellazioni familiari- è stato sacerdote prima che psicoanalista) riprende poi molti aspetti dalla Psicoterapia della Gestalt, dalla Psicoterapia Sistemico Familiare, dall'Ipnosi Eriksoniana, dallo Psicodramma di Moreno.

Bert Hellinger a partire dal 1980 espose le basi delle sue linee teoretiche e metodologiche in merito alle Costellazioni familiari e Sistemiche, una delle varie espressioni della psicologia fenomenologica e sistemica. Poco dopo lo stesso periodo, in Francia, Anne Anceline Schutzemberger, docente universitaria di fama internazionale, mette appunto una tecnica che si potrebbe definire sorella delle costellazioni familiari, chiamata "Sindrome degli Antenati". Qualche anno più tardi nel '90, due sorelle psicoterapeute del Mental Rescearch Institute di Palo Alto, Doris e Lise Langlois, mettono a punto un'altra tecnica ancora sorella delle costellazioni familiari, dandole il nome di "Psicogenealogia".

Secondo Hellinger e i suoi sostenitori gli elementi teoretici che sono alla base della terapia sarebbero ripresi da numerose concezioni e pratiche sviluppate nell'ambito della psicologia e della psicoanalisi, ma anche di altre definite come pseudoscientifiche [1]. Hellinger ritiene che la vita di ognuno sia condizionata da destini e sentimenti che non sarebbero veramente propri e personali; anche malattie gravi, il desiderio di morte e problemi sul lavoro potrebbero essere dovuti, secondo questa teoria, a "irretimenti" del sistema-famiglia e potrebbero essere portati alla luce attraverso il processo delle "costellazioni familiari".

Queste sono costituite da una "messa in scena", riprodotta da "rappresentanti", che in modo intuitivo ricreerebbero le inter-dipendenze esistenti tra i componenti di una famiglia o di un gruppo, permettendo in tal modo di evidenziare le dinamiche inconsce che produrrebbero sofferenza in molti aspetti della vita (relazioni affettive, relazioni professionali, rapporto con il denaro e con la salute). Ciò che accade durante una rappresentazione familiare può essere spiegato "scientificamente" , o meglio, pseudoscientificamente rifacendosi a spiegazioni da varie angolazioni: la teoria dei campi morfogenetici di Rupert Sheldrake, gli studi di Masaru Emoto sulla "memoria delle acque", i diversi stati di coscienza che ben spiega l'ipnosi eriksoniana, ed in varie altre teorie e modalità di percezione delle emozioni/sensazioni.

Tecnica [modifica]

La "costellazione" si svolge, di norma, ma non esclusivamente, nel corso di seminari di gruppo, dove uno o più partecipanti sono potenzialmente interessati a rappresentare la propria “costellazione familiare". I seminari riguardanti le "costellazioni sistemiche", cioè riguardanti gruppi o strutture sociali, come quelli del lavoro, di nazioni, di religioni, di società, si svolgono con una struttura simile.

Tutti i presenti si dispongono, seduti, in un cerchio molto ampio e tra loro si pone anche il conduttore, detto anche "facilitatore". Questi coadiuva i presenti a raggiungere uno stato di rilassamento e presenza attiva e verifica chi tra i presenti intenda mettere in atto la propria costellazione; in linea di principio è data la precedenza a chi non manifesta apprensione, ansia, fretta e si fa percepire come sicuro di poter formulare la propria questione in maniera chiara e precisa.


La domanda di apertura e le domande sulla famiglia [modifica]

Il conduttore invita la persona prescelta a sedersi al suo fianco e quindi pone la domanda di apertura, che serve a focalizzare il tema da "esplorare". Il facilitatore aiuta il partecipante nel fornire la risposta più chiara, centrata e breve possibile. Secondo quanto esposto sarà evidente se sarà rappresentato il sistema familiare d’origine o quello attuale. Se la risposta riguarda il passato è interessata la famiglia d’origine (genitori, fratelli e sorelle, nonni, zii, ecc.); se la risposta riguarda il presente è esposta la famiglia attuale (marito o moglie o compagno, attuale o eventualmente precedente, figli, e così via ). In alcuni casi le risposte riguardano entrambe le costellazioni (quella di origine e l’attuale).

Secondo il tema formulato nella prima risposta, il conduttore pone altre brevi e circostanziate domande o sulla famiglia di origine e/o su quella attuale; alla persona è richiesto di formulare risposte molto brevi, concise e centrate unicamente sui fatti evitando di emettere commenti, interpretazioni, impressioni od emozioni personali.


La scelta ed il posizionamento dei rappresentanti. [modifica]

Dietro invito del conduttore, il quale definisce quali debbano essere i membri della famiglia chiamati in causa nella "messa in scena", la persona in questione, dopo essersi concentrato sceglie tra i presenti, senza alcun criterio di somiglianza fisica o di età, ma solo di corrispondenza di sesso, un rappresentante per se stesso e per ogni suo familiare coinvolto, anche se già deceduto. La scelta si svolge in silenzio. Poi la persona interessata ha il compito, senza pensarvi troppo a lungo e sempre in concentrato silenzio, di prendere per le mani o per le spalle i rappresentanti scelti e di posizionarli al centro del cerchio, in relazione l'uno con l'altro, secondo il proprio sentire e secondo la sua immagine interiore. Non deve dar loro alcuna particolare impostazione fisica: i rappresentanti sono inizialmente sempre tutti in piedi, con le braccia lungo i fianchi e la testa diritta. Non devono nemmeno essere date istruzioni su stati d’animo da percepire o spiegazioni sulla loro reciproca posizione o eventuali sguardi significativi; la persona deve solamente badare ad indicare chiaramente dove lo sguardo del rappresentante deve indirizzarsi. Quando ha finito di posizionare tutti i membri della famiglia che sono stati coinvolti, il cliente si siede di fianco al conduttore in modo che entrambi abbiano la visione completa dell’insieme. Da questo momento in poi è solo uno spettatore silente, a meno che il facilitatore non lo coinvolga direttamente, e lascia che tutto ciò che avviene agisca su di lui.
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Costellazioni familiari e sistemiche   Sab 13 Giu 2009 - 11:49

Lo svolgimento della costellazione [modifica]

Ai rappresentanti viene richiesto di assecondare, senza alcuna teatralità, ogni loro basilare ed istintivo movimento fisico, in quanto, secondo la teoria di Hellinger, essi avrebbero, in maniera del tutto inconsapevole, cominciato ad avvertire ciò che i membri della famiglia avrebbero realmente provato, accedendo non solo ai sentimenti ma anche, in molti casi, alle sensazioni corporee dei loro rappresentati. Secondo Hellinger sarebbero infatti entrati in contatto con il cosiddetto “campo energetico” del sistema familiare in questione[2]

Il conduttore lavorerebbe quindi in armonia con le forze che agirebbero e guiderebbero il campo energetico del sistema familiare messo in atto. Qui sarebbero messe all'opera la sensibilità e tutte le capacità e le conoscenze del facilitatore. A volte il conduttore interviene spostando fisicamente i rappresentanti in altre posizioni spaziali; a volte chiede loro di esprimere, con poche e semplici parole, le proprie percezioni fisiche del momento piuttosto che il loro stato d’animo o i sentimenti verso se stessi o verso gli altri componenti della costellazione, e sempre e solo in quanto rappresentanti. A volte chiede loro di provare a pronunciare semplici frasi che servirebbero ad annunciare tensioni o a scioglierle ("sono arrabbiato con te", "ti prego", "ti rispetto", "'ti onoro", "tienimi con te"). In altre occasioni reintegra nella "costellazione", con nuovi ed altri rappresentanti, membri della famiglia che sono stati , in passato, esclusi o dimenticati dal nucleo familiare in questione. Molto spesso e verso il termine della rappresentazione, il facilitatore chiede al cliente di inserirsi al posto del proprio rappresentante, in quanto questo consentirebbe una completa, e a questo punto integrata, visione dell’insieme e favorirebbe un’ulteriore presa di contatto con i cambiamenti che sarebbero avvenuti e che starebbero avvenendo.


Termine della costellazione [modifica]

Attraverso quindi un misurato e graduale cambiamento di posizioni spaziali ed emotive dei rappresentanti, che il più delle volte si ritiene sarebbe avvenuto in maniera spontanea e, a volte, invece attraverso l’intervento del conduttore, la "costellazione" evolverebbe verso livelli generali di maggiore comprensione, partecipazione e verso un’immagine di armonia, equilibrio e pace, che sarebbe a tutto vantaggio della persona interessata ma, di riflesso e nella maggioranza dei casi, porterebbe vantaggio anche del nucleo familiare stesso e per i tutti i partecipanti al seminario.

L’immagine creata secondo la teoria di Hellinger potrebbe far iniziare la trasformazione interiore della persona in questione, che potrebbe durare anche per un lungo periodo e coinvolgerebbe l'intelletto, la nostra parte consapevole, in maniera assai limitata.

Una costellazione, in genere, può durare dai 20 minuti ad un’ora, ma vi possono essere costellazioni più brevi o più lunghe. Scopo principale dell’agito non sarebbe quello di far chiarezza sulle migliaia di "ombreggiature" presenti in una famiglia, ma quello di portare in vista il cosiddetto "irretimento", che costituirebbe l'impasse saliente per la persona interessata.

Se la costellazione dovesse mostrarsi come particolarmente emotiva, il facilitatore può porre termine alla rappresentazione, così come può fermarla se la situazione in atto dovesse manifestare stagnazione o mancanza di energia. In entrambi i casi la costellazione svolge comunque un suo compito ed intento. In genere viene sconsigliato di attuare un’altra costellazione, anche se in merito ad altri temi, in tempi brevi.


Elementi teorici [modifica]

Tra gli elementi salienti della teoria delle costellazioni familiari e sistemiche si citano:


"Ordini dell’amore" [modifica]

Nell'ambito della psicologia sociale ogni essere umano sente l'esigenza di appartenere ad un gruppo sociale (famiglia, nazione. religione, clan, tribù, setta, ecc.). L'appartenenza ad un gruppo tutela e, in certi termini, ha garantito e garantisce la sopravvivenza.

Secondo Hellinger, ciascun gruppo è un "sistema" che stabilisce e fa percepire a tutti i suoi componenti cosa è "corretto", "giusto" e cosa è "scorretto", "sbagliato", creando i cosiddetti "ordini di appartenenza". Il concetto di "ordine" viene riportato sia ad un aspetto "cronologico" (l'ordine di arrivo nella vita: chi è arrivato prima e chi è arrivato dopo), così come ad un aspetto di disposizione giusta, legittima, appropriata, corretta, equilibrata delle cose.

Gli "ordini dell'amore" nella famiglia sarebbero ordini strutturali fissi, che verrebbero attuati naturalmente ed in maniera per lo più inconsapevole dai vari membri di una famiglia allo scopo di mantenere in equilibrio il "sistema familiare" e provvedere alla sua sopravvivenza. Sarebbero tali ordini a creare il senso di appartenenza al clan. Hellinger li considera componenti "arcaiche" della struttura familiare, di tale forza da agire sui destini dei singoli membri della famiglia e influire in modo incisivo nella loro vita. Questi ordini sarebbero prefissati, anche se in continua trasposizione, in modo analogo al sistema delle costellazioni astronomiche

Tre leggi caratterizzerebbero gli "ordini dell'amore": la "legge dell'appartenenza, la "legge dell'ordine sacro" e la "legge dell'equilibrio ed esclusione".

Legge dell'appartenenza: ogni membro di un sistema familiare avrebbe il diritto assoluto di fare parte del sistema-famiglia e di essere nella sua collocazione legittima. Secondo Hellinger non dovrebbero esservi giudizi interni alla famiglia in merito a chi sia migliore o peggiore degli altri né a chi abbia più o meno diritto di essere parte della famiglia stessa. Tutti i membri avrebbero invece il medesimo diritto di fare parte del clan, ora e da sempre.
Legge dell'ordine sacro: in base all'unicità di ogni essere umano, secondo Hellinger all'interno della famiglia, ogni membro avrebbe una posizione unica, insostituibile e speciale in relazione a tutti gli altri. Questa posizione nascerebbe nel momento in cui la persona entra nella vita della famiglia e nessun altro potrebbe o dovrebbe occupare il posto che le spetterebbe di diritto.
Legge dell'equilibrio ed esclusione: nel "sistema familiare" esisterebbe non solo un senso dell'appartenenza, dell'ordine, ma anche un senso dell'equilibrio. Secondo Hellinger ognuno deve essere pienamente responsabile di ciò che fa: le conseguenze di ogni azione portata a termine da un componente della famiglia ricadrebbero su tutto il sistema, se il responsabile non se ne facesse carico. Anche ogni torto commesso, all'interno della famiglia, nei confronti di un predecessore dovrebbe trovare la sua compensazione tramite un successore (secondo l'antico concetto della nemesi). La "coscienza familiare", che tenderebbe secondo Hellinger sempre all'equilibrio, si farebbe carico delle persone escluse e dimenticate dalla famiglia stessa, a seguito di emarginazione sociale, menomazioni fisiche o mentali, carcerazione, omosessualità, emigrazione, scelte religiose, morte precoce, nascita non riconosciuta ) e avrebbe come scopo quello di "reintregare" l'escluso nella ricordo della famiglia.

Irretimento [modifica]

Pertanto Hellinger afferma che se un predecessore, membro della famiglia, è stato ed è escluso o dimenticato dalla famiglia stessa, nel sistema agirebbe una pressione ( che proverrebbe, in maniera per lo più inconsapevole, dalla "coscienza collettiva" ) affinché un successore si faccia carico di tal predecessore, difendendone il ricordo e il diritto. Ciò porterebbe il successore ad identificarsi con il predecessore, a volte fino a riprenderne il destino, ripercorrendone la malattia, le difficoltà di vita o persino la morte. Hellinger parla allora di "irretimento" che si manifesterebbe nelle forme concettuali di "ti seguo nel destino", "'vado io al tuo posto", "voglio espiare la tua colpa".
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Costellazioni familiari e sistemiche   Sab 13 Giu 2009 - 11:51

Ordine gerarchico [modifica]

Secondo Hellinger l'ordine gerarchico-temporale, in una famiglia, stabilirebbe che vengano sempre prima il padre e la madre, poi i figli, inclusi tutti i "non nati" o morti, dal maggiore al minore. Avendo i genitori ( i cosidetti "grandi" ) donato la vita ai figli ( i cosidetti "piccoli" ), secondo Hellinger questo sarebbe già sufficiente perché i figli debbano rispetto verso chi li ha generati. Ogni giudizio negativo di un figlio nei confronti di un genitore porrebbe pertanto il figlio in condizione di superiorità rispetto a colui che invece deve "venire prima": il figlio pertanto si porrebbe fuori dall'ordine, generando una disarmonia che sfocerebbe inevitabilmente in un conflitto.

Hellinger ritiene che, rifiutando un genitore, si crei come un nodo che, invece di aiutare il figlio a distaccarsi da chi lo ha "generato e preceduto", creerebbe un vero legame vincolante: egli afferma che noi stessi saremmo "i nostri genitori" e che accettarli significherebbe accettare se stessi: il "sì" verso un padre o una madre rifiutati non sarebbe un "sì" di obbedienza, ma di accettazione, e questo favorirebbe il distacco, aiutando a sciogliere il nodo, proprio tramite l'"inclusione" del genitore nella vita del figlio.


Amore cieco [modifica]

Il vincolo che unisce i figli ai propri genitori sarebbe un sentimento inconscio, e "arcaico", che supererebbe anche l'effettiva mancanza di contatto (nel caso il figlio venga cresciuto da altre persone) o i sentimenti in atto ("'accetto mia madre ma non mio padre"), in maniera incondizionata.

Secondo Hellinger spesso un figlio manifesterebbe il naturale e profondo amore verso i propri genitori con un amore non solo senza condizioni, ma anche "cieco", che lo spingerebbe a copiare o a prendere su di sé il destino del proprio genitore. Alcuni figli sarebbero di conseguenza pronti a sacrificare la propria esistenza per i genitori e Hellinger afferma che, seguendo le inconsapevoli affermazioni "vado io al tuo posto", "voglio espiare la tua colpa", "ti seguo nel tuo destino", un figlio farebbe ciò che gli è possibile per seguire o sostituire il proprio genitore, spesso in un destino di fallimento, isolamento, malattia o morte.


Movimento interrotto [modifica]

I genitori, e specialmente la madre, offrirebbero ai figli amore, sicurezza, senso di protezione e fiducia, fonte di appagamento. Il figlio dipende in maniera totale dai genitori e in particolare dalla madre, con la quale esisterebbe un rapporto non solo di dipendenza, ma di unione simbiotica da parte del neonato, che, non avendo sviluppato il senso dei propri confini, è incapace di distinguere tra se stesso e la madre.

Secondo Hellinger, se durante la gravidanza o il parto o nei primi due anni di vita un evento traumatico, prolungato nel tempo, crea una separazione e spezza il rapporto tra il figlio e il genitore, si avrebbe quello che chiama "movimento interrotto". Una gravidanza portata a termine in uno stato di pericolo per le condizioni esterne come nel caso di guerre o carestie, oppure per condizioni fisiche, oppure gravi difficoltà nel parto o, ancora di più, lunghe malattie fisiche della madre o del bambino subito dopo, causerebbero questo movimento interrotto. Particolarmente angosciante e traumatica viene considerata l'esperienza della morte della madre durante il parto o poco dopo di questo. Secondo Hellinger chi ha subìto un tale shock avrebbe uno schema di comportamento che lo spinge a cercare ciò che desidera, ma, nello stesso tempo, evitando qualsiasi possibilità per ottenerlo. Per trovare una soluzione a questo caso Hellinger propone un'interazione tra le "costellazioni" e la "Holding Therapy" di Jirina Prekop.


Note [modifica]

^ Primal Therapy di Arthur Janov; la terapia della Gestalt di Frederick Salomon Perls e ripresa da Kurt Koffka, Wolfgang Köhler, Max Wertheimer e Kurt Levine; l'analisi transazionale (AT) di Eric Berne; lo scritto Invisible Bond di Ivan Boszormenyi-Nagy; lo psicodramma di Jacob Levi Moreno; la "scultura familiare" di Virginia Satir; il "triangolo perverso" di Jay Haley ; l' Ipnositerapia di Milton Erickson ed la Programmazione neuro linguistica (PNL) di Richard Bandler e John Grinder; la Provocative Therapy” di Frank Farrelly; la “Holding Therapy“ sviluppata da Jirina Prekop
^ Al riguardo si vedano gli studi riguardanti il “campo morfogenetico” o “campo morfico” o “campo cosciente” del biologo Rupert Sheldrake.

Bibliografia [modifica]
Bert Hellinger Ciò che agisce Accademia Edizioni,2008.
Bert Hellinger Felicità condivisa nelle costellazioni familiari Tecniche Nuove, 2008
Bert Hellinger Nella quiete e nella gratitudine. In armonia con la vita Accademia Edizioni, 2007
Bert Hellinger Gli ordini dell'aiuto. Aiutare gli altri e migliorare se stessi Tecniche Nuove, 2007
Bert Hellinger Storie d'amore tra uomo e donna, genitori e figli, noi e il mondo Tecniche Nuove, 2007
Bert Hellinger Amore a seconda vista. Una visione sistemica della coppia secondo le costellazioni familiari Accademia Edizioni, 2006
Bert Hellinger Il grande conflitto. La psicologia della distruttività e le strade per la riconciliazione Apogeo, 2006
Bert Hellinger; Ten Hövel Gabriele Il lungo cammino. Intervista con il padre delle Costellazioni Familiari Tecniche Nuove, 2006
Bert Hellinger Costellazioni familiari. Aneddoti e brevi racconti Tecniche Nuove, 2005
Bert Hellinger Ordini dell'amore. Un manuale per la riuscita delle relazioni Apogeo, 2004
Bert Hellinger; Ten Hövel Gabriele Riconoscere ciò che è. La forza rivelatrice delle costellazioni familiari Apogeo, 2004
Bert Hellinger; Hunter Beaumont; Gunthard Weber I due volti dell'amore. Come far funzionare l'amore nei rapporti affettivi Crisalide, 2002
Gabriele Ulsamer; Bertold Ulsamer Genitori e figli: le regole del gioco secondo la teoria delle costellazioni familiari L'Età dell'Acquario, 2008
Svagito Liebermeister Le radici dell'amore. Costellazioni familiari: i legami che vincolano e il cammino verso la libertà Apogeo, 2007
Wilfried Nelles Dove vanno le costellazioni familiari? Rappresentazioni statiche o dinamiche, movimenti dell'anima o dello spirito Apogeo, 2007
Bertold Ulsamer Il grande manuale delle costellazioni familiari. Come praticare la terapia sistemica di Bert Hellinger L'Età dell'Acquario, 2007
Jakob R. Schneider ; Brigitte Gross Fiabe e costellazioni familiari. Immaginario e storie nella terapia sistemico-fenomenologica Apogeo, 2006
Marianne Franke-Gricksch Tu sei uno di noi. Le costellazioni familiari e la scuola. Intuizioni e soluzioni sistemiche per insegnanti, alunni e genitori Crisalide, 2004
Wilfried Nelles Costellazioni familiari Apogeo, 2004
Bertold Ulsamer Senza radici non si vola. La terapia sistemica di Bert Hellinger Crisalide, 2001
Franz Ruppert "Il mondo dei rapporti professionali" Le costellazioni sistemiche in ambito lavorativo. Teoria e pratica. Edigestalt 2006
Anne Anceline Schutzemberger "La Sindrome degli Antenati" di Renzo Editore

Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Costellazioni_familiari_e_sistemiche"
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Costellazioni familiari e sistemiche   Oggi a 8:06

Tornare in alto Andare in basso
 
Costellazioni familiari e sistemiche
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: TERAPIE ALTERNATIVE E LOGICA - ALTERNATIVE THERAPIES AND LOGIC :: Lo scientismo New Age e le Terapie Alternative - New Age False Science and Alternative Therapies :: Costellazioni Familiari e Sistemiche - Systemic Family Constellations-
Andare verso: