Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Ricerca della visione - Vision quest

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Ricerca della visione - Vision quest   Dom 18 Mar 2012 - 11:10

E' fondamentalmente un rito di passaggio, come vedremo durante questa ricerca i nativi americani si mettono in sintonia con il mondo non ordinario finché riescono a comunicare con gli spiriti, in genere animali....ciò non vi ricorda il primo viaggio sciamanico?

Vi consiglio la visione anche del seguente link interno http://sciamanesimo.forumattivo.com/t1171-primo-viaggio-sciamanico-first-shamanic-journey

Buona lettura!

FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Ricerca_di_visione

Ricerca di visione
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La ricerca di visione è un rito di passaggio praticato da alcuni gruppi di nativi americani. La Hanblecheya o Hanblecheyapi (ricerca di visione, letteralmente piangere per una visione; da hanble = sogno, visione e ceya = piangere) è una delle sette cerimonie della cultura tradizionale Lakota (Sioux) e consiste in un processo individuale che una persona intraprende per trovare la propria strada, per interpretare una visione già ricevuta, per ottenere un nuovo potere spirituale e, in passato, prima di partire per una guerra.

La preparazione alla cerimonia della ricerca di visione prevede un tempo di astinenza, seguito da un Inipi di purificazione sotto la guida di un Uomo-Medicina e talvolta l'ingestione di alcune sostanze allucinogene; questo rito è intrapreso per la prima volta nei primi anni dell'adolescenza.

Dopo la preparazione, l'Uomo-Medicina fa scegliere all'aspirante un posto che ritiene speciale, spesso su un'altura, sulla quale, dopo essersi liberato di qualsiasi cosa che appartenga alla società, compresi i vestiti, con la sola eccezione dell'acqua (spesso neanche quella) e della sua pipa, deve piangere, cioè pregare e supplicare, allo scopo di ricevere la visione chiarificatrice, all'interno di uno spazio quadrato circondato da quattro giovani alberelli di pioppo (ai quali vengono assicurate le bandiere delle quattro direzioni, cioè nera per l'ovest, rossa per il nord; gialla per l'est; bianca per il sud).

La stanchezza, la debolezza e le preghiere fanno sì che spesso l'aspirante entri in uno stato di trance e comunichi con il mondo immateriale. Una ricerca di visione normalmente dura da due a quattro giorni: in questo tempo colui che cerca deve guardare all'interno della sua anima. Spesso è assalito da un desiderio urgente di lasciare l'area della cerimonia e si sente assalire dalla follia. Normalmente però riesce a superare queste difficoltà facendosi venire alla mente lo scopo primario della ricerca, cosa che ferma il vagabondaggio della mente fra pensieri casuali. L'individuo può generalmente trovare conforto nel pensiero che non morirà per le privazioni in due o quattro giorni. Dopo il periodo prestabilito l'uomo medicina si reca a riprendere l’aspirante che, stremato, deve sottoporsi ad un nuovo Inipi prima di poter narrare ciò che ha visto e sentito.

È inoltre da notare che poche persone hanno raggiunto una grande visione durante la loro prima cerimonia. Generalmente una rappresentazione fisica della visione o del messaggio trasmesso è collezionato e raccolto nella borsa-medicina di chi ha preso parte alla cerimonia per assicurarsi che il potere della visione rimarrà con l'individuo per proteggerlo o guidarlo.



FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Vision_quest

Vision quest
From Wikipedia, the free encyclopedia

A vision quest is a rite of passage in some Native American cultures.

In many Native American groups, the vision quest is a turning point in life taken before to find oneself and the intended spiritual and life direction. When an older child is ready, he or she will go on a personal, spiritual quest alone in the wilderness, often in conjunction with a period of fasting.[1] This usually lasts for a number of days while the child is attuned to the spirit world.[1] Usually, a Guardian animal or force of nature will come in a vision or dream, and give guidance for the child's life.[1] The child returns to the tribe, and once the child has grown, will pursue that direction in life. After a vision quest, the child may become an apprentice of an adult in the tribe of the shown direction (Medicine Man, boat-maker and so on).

The vision quest is the learning and initiation process of the apprentice under the guidance of an elders.[1]

The vision quest may be said to make the initiated establish contact with a spirit or force. Psychologically, it may have effected hallucinations.[citation needed] When talking to Yellow Wolf, Lucullus Virgil McWhorter came to believe that the person fasts, and stays awake and concentrates on their quest until their mind becomes "comatose."[1] It was then that their Weyekin (Nez Perce word) revealed itself.[1]

Not just found among American Indians, Eskimo peoples also participated in this tradition.[2] For them the technique may be similar to sensory deprivation methods. It may include long periods of walking in uninhabited, mountainous areas (tundra, inland, mountain); fasting; sleep deprivation; or being closed in a small room (e.g. igloo).

References

^ a b c d e f McWhorter, Lucullus Virgil (1940). Yellow Wolf: His Own Story. Caldwell, ID: Caxton Printers, Ltd. pp. 295-300.
^ Merkur, Daniel: Becoming Half Hidden / Shamanism and Initiation among the Inuit. (Series: Acta Universitatis Stockholmiensis / Stockholm Studies in Comparative Religion). Almqvist & Wiksell, Stockholm, 1985.

Tornare in alto Andare in basso
 
Ricerca della visione - Vision quest
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: SCIAMANESIMO :: I MONDI DELLO SCIAMANESIMO - WORLDS OF SHAMANISM :: NORTH & SOUTH AMERICA :: AMERICAN INDIAN SHAMANISM - Sciamanesimo Indiano Americano-
Andare verso: