Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Falena - Moth

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Falena - Moth   Mar 17 Apr 2012 - 9:55

Buondì a tutti, in questa scheda conosceremo alcune curiosità su questo totem, nella prima parte riporto alcuni stralci dai documenti di wikipedia, che per approfondimenti vi consiglio di vedere anche alla fonte originale, nella seconda parte vedremo il suo simbolismo e le leggende legate a questo affascinante insetto...buona lettura.

FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Falena

Falena
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le falene sono degli insetti che, come le farfalle, appartengono all'ordine dei Lepidotteri.

Hanno abitudini generalmente notturne.

Le antenne delle falene, a differenza di quelle delle farfalle, possono avere diverse forme: pennate o bipennate, cioè ramificate come un pettine, filiformi, a bastoncello, ecc., mentre le ali, a riposo, sono chiuse a tetto o aperte.

La distinzione tra farfalle e falene non risponde a una classificazione scientifica tassonomica, ma deriva dall'uso comune. In base a tale distinzione "popolare", alcuni autori del passato hanno proposto una distinzione tra Ropaloceri o "Rhopalocera" (farfalle) ed Eteroceri o "Heterocera" (falene) che però non è scientificamente accettata. Nella classificazione moderna ai Ropaloceri corrispondono le superfamiglie Hesperioidea e Papilionoidea, mentre gli Eteroceri sono un gruppo eterogeneo privo di alcuna validità, essendo formato da superfamiglie anche molto lontane tra loro dal punto di vista evolutivo.

Un’altra distinzione di comodo del passato è tra macrolepidotteri o “Macrolepidoptera” (che comprendono le farfalle e le famiglie di falene di dimensioni maggiori) e microlepidotteri o “Microlepidoptera” (le famiglie con esemplari di dimensioni minori, a volte anche solo 2 mm di apertura alare, anche se alcuni sono in realtà più grandi). Gli eteroceri vengono talvolta indicati anche come macroeteroceri o “Macroheterocera” per distinguerli dai microlepidotteri. Queste distinzioni, pur non essendo più ritenute valide, vengono talvolta ancora utilizzate dagli entomologi per ragioni pratiche, dato che corrispondono a differenze nei metodi di studio dei diversi gruppi.

Numerosi i modi in cui questi insetti sono chiamati nel gergo comune. Il dialetto veneto è solito utilizzare il termine Paveia o Paveiona


La falena Opodiphthera eucalypti, della famiglia delle Saturniidae
FONTE IMMAGINE: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Emperor_Gum_Moth.jpg



FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Moth

Moth
From Wikipedia, the free encyclopedia

A moth is an insect related to the butterfly, both being of the order Lepidoptera. Moths form the majority of this order; there are thought to be about 160,000 species of moth (nearly ten times the number of species of butterfly),[1] with thousands of species yet to be described. Most species of moth are nocturnal, but there are crepuscular and diurnal species.

Differences between butterflies and moths

Moths are not easily differentiated from butterflies. Sometimes the name "Heterocera" is used for moths while the term "Rhopalocera" is used for butterflies to formalize the popular distinction; these, however, have no taxonomic validity. Many attempts have been made to subdivide the Lepidoptera into groups such as the Microlepidoptera and Macrolepidoptera, Frenatae and Jugatae, or Monotrysia and Ditrysia. Failure of these names to persist in modern classifications is because none of them represents a pair of monophyletic groups. The reality is that butterflies are a small group that arose from within the "moths" (being considered as part of Ditrysia of the Neolepidoptera).[2] There is thus no way to group all of the remaining taxa in a monophyletic group, as it will always exclude that one descendant lineage. Also, both their larvae are similar to coleoptera larvae (beetle).


Leaf shaped moth
FONTE IMMAGINE: http://en.wikipedia.org/wiki/File:Kerala_Moth.jpg

Etymology

The Modern English word "moth" comes from Old English "moððe" (cf. Northumbrian "mohðe") from Common Germanic (compare Old Norse "motti", Dutch "Mot" and German "Motte" all meaning "moth"). Perhaps its origins are related to the Old English "maða" meaning "maggot" or from the root of "midge" which until the 16th century was used mostly to indicate the larva, usually in reference to devouring clothes.

The study of butterflies and moths is known as lepidoptery, and biologists that specialize in either are called lepidopterists. As a pastime, watching butterflies and moths is known as butterflying and mothing. The latter has given rise to the term "mother" for someone who engages in this activity - sometimes written with a hyphen (moth-er) to distinguish it from the more common word of the same spelling.[citation needed] This confusion does not arise in speech as it is pronounced differently (/ˈmɒθər/, not /ˈmʌðər/).


Attraction to light

Moths frequently appear to circle artificial lights, although the reason for this behavior remains unknown. One hypothesis advanced to explain this behavior is that moths use a technique of celestial navigation called transverse orientation. By maintaining a constant angular relationship to a bright celestial light, such as the Moon, they can fly in a straight line. Celestial objects are so far away, that even after travelling great distances, the change in angle between the moth and the light source is negligible; further, the moon will always be in the upper part of the visual field or on the horizon. When a moth encounters a much closer artificial light and uses it for navigation, the angle changes noticeably after only a short distance, in addition to being often below the horizon. The moth instinctively attempts to correct by turning toward the light, causing airborne moths to come plummeting downwards, and resulting in a spiral flight path that gets closer and closer to the light source.[10]

Mottephobia

Mottephobia is the fear of moths. The origin of the word motte is German (meaning moth) and phobia is Greek (meaning fear).

Notable moths

Atlas moth Attacus atlas – The largest moth in the world
White Witch moth (Thysania agrippina), the Lepidopteran with the biggest wingspan
Madagascan Sunset moth (Chrysiridia rhipheus), considered to be one of the most impressive and beautiful Lepidoptera[14]
Death's-head hawkmoth (Acherontia spp.), is associated with the supernatural and evil and has been featured in art and movies
Peppered moth (Biston betularia), the subject of a well-known study in natural selection.
Luna moth (Actias luna)
Grease Moth (Aglossa cuprina), known to have fed on the rendered fat of humans[15]
Emperor Gum moth (Opodiphthera eucalypti)
Polyphemus moth (Antheraea polyphemus)
Bogong moth (Agrotis infusa), known to have been a food source for Southeastern indigenous Australians

Moths of economic significance:

Gypsy moth (Lymantria dispar), a pest of hardwood trees in North America
Corn earworm or cotton bollworm (Helicoverpa zea), a major agricultural pest
Indianmeal Moth (Plodia interpunctella), a major pest of grain and flour
Codling moth (Cydia pomonella), a pest mostly of apple, pear and walnut trees
Light brown apple moth (Epiphyas postvittana), a highly polyphagous pest
Silkworm (Bombyx mori), for its silk
Wax moths (Galleria mellonella, Achroia grisella), pests of bee hives
Duponchelia fovealis, a new invasive pest of vegetable in the United States


Six-Spot Burnet Moth (Zygaena filipendulae) extracting nectar from a thistle (and thus pollinating it) on the island of Hiiumaa, Estonia.
FONTE IMMAGINE: http://en.wikipedia.org/wiki/File:Zygaena_filipendulae_Hiiumaa.jpg


References

^ "Moths". Smithsonian Institution. Retrieved 2012-01-12.
^ ""Neolepidoptera" on Tree of Life Web Project". 1 January 2003. Retrieved 31 March 2010.
^ Darby, Gene (1958). What is a Butterfly. Chicago: Benefic Press. p. 41.
^ The First Decade of Genetically Engineered Crops in the United States. USDA.
^ a b Scott, Thomas (1995). Concise Encyclopedia Biology. Walter de Gruyter. ISBN 3-11-010661-2. Retrieved on 2009-02-06.
^ How to Manage Pests: Pests of Homes, Structures, People, and Pets
^ "Table 74. Raw silk: production (including waste)". Food and Agriculture Organization of the United Nations. Retrieved 2008-10-02. "Table lists worldwide raw silk production 132,400 metric tonnes in 2002"
^ "Silk Exchanges of Tamil Nadu and Andhra Pradesh". Central Silk Board of India. Archived from the original on March 7, 2003. gives silk prices in rupees. Exchange rate is about 50 RS to dollar.
^ "Silk Worm Farming". Vegan Society. Archived from the original on June 19, 2008. Retrieved 2008-10-02. "World Raw Silk Production in 1996 is listed as 83,670 metric tonnes"
^ "Why Are Moths Attracted to Flame?". All Things Considered. Retrieved 2012-02-01.
^ Jones, G; D A Waters (2000). "Moth hearing in response to bat echolocation calls manipulated independently in time and frequency". Proceedings of the Royal Society B Biological Sciences 267 (1453): 1627–32. doi:10.1098/rspb.2000.1188. PMC 1690724. PMID 11467425.
^ NationalGeographic.com
^ NPR.org, Some Moths Escape Bats By Jamming Sonar (video)
^ Tait, Malcolm (2006-08-28). "1". Animal Tragic: Popular Misconceptions of Wildlife Through the Centuries. Think Books. p. 38. ISBN 1-84525-015-X. Retrieved 2008-02-19.
^ ^ Brundage, Adrienne (March 23, 2009), Other Arthropods of Forensic Importance, Texas A&M University, Texas A&M University Forensic Entomology Lecture


Atlas moth in butterfly zoo in Stockholm, Sweden
FONTE IMMAGINE: http://en.wikipedia.org/wiki/File:Attacus_atlas_Fj%C3%A4rilshuset_Stockholm.jpg


FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Death%27s-head_hawkmoth

Death's-head Hawkmoth
From Wikipedia, the free encyclopedia

The name Death's-head Hawkmoth refers to any one of the three species (A. atropos, A. styx and A. lachesis) of moth in the genus Acherontia. The former species is primarily found in Europe, the latter two are Asian, and most uses of the common name refer to the European species. These moths are easily distinguishable by the vaguely human skull-shaped pattern of markings on the thorax. All three species are fairly similar in size, coloration, and life cycle.

These moths have several unusual features. All three species have the ability to emit a loud squeak if irritated. The sound is produced by expelling air from the pharynx, often accompanied by flashing of the brightly-colored abdomen in a further attempt to deter predators. All three species are commonly observed raiding beehives of different species of honey bee for honey; A. atropos only attacks colonies of the well-known Western honey bee, Apis mellifera. They can move about in hives unmolested because they mimic the scent of the bees.[1]

Development

Eggs are laid singly under old leaves of the host plant and are green or grey-blue. None of the three species is restricted to a single family of host plant; hosts are typically in the families Solanaceae, Verbenaceae, Oleaceae, Bignoniaceae, and others. The larvae are stout, reaching 120–130 mm, with a prominent tail horn. All three species have three larval color forms: typically, green, brown, and yellow. Larvae do not move much, and will click their mandibles or even bite if threatened. When mature, they burrow underground and excavate a small chamber where they pupate.

Culture

The skull pattern has helped these moths, particularly A. atropos, earn a negative reputation, such as associations with the supernatural and evil.[2] These moths have been prominently featured in art such as German artist Sulamith Wülfing, and movies such as Un Chien Andalou (by Buñuel and Dalí) and The Silence of the Lambs, and in the artwork of the Japanese metal band Sigh's Hail Horror Hail album. They are also mentioned in Chapter 21 of Bram Stoker's Dracula, where Dracula has been sending moths for Renfield to consume. Traditional legend used to hold that the species was first seen in Britain on the execution of Charles I,[3] but it is more likely to have simply become more common by that time, having arrived with the first transportation of potatoes some centuries earlier. Though rarer, it is still occasionally sighted in the country to this day.[4]

Edgar Allan Poe's short story The Sphinx[5] describes a close encounter with a death's-headed sphinx moth, describing it as “the genus Sphinx, of the family Crepuscularia of the order Lepidoptera.”

The species names atropos, styx and lachesis are all related to death. The first refers to the member of the three Moirai who cuts the threads of life of all beings in Greek mythology; the second to the river of the dead, also in Greek mythology; and the last refers to the Moira who allots the correct amount of life to a being. In addition the genus name Acherontia is derived from Acheron, a river in Greece that was believed in Greek Mythology to be a branch of the river Styx.


FONTE IMMAGINE: http://en.wikipedia.org/wiki/File:Acherontia_lachesis.jpg

References

^ Moritz, RFA, WH Kirchner and RM Crewe. 1991. Chemical camouflage of the death's head hawkmoth (Acherontia atropos L.) in honeybee colonies. Naturwissenschaften 78 (4): 179-182.
^ [1][dead link]
^ Denis Larionov & Alexander Zhulin. "The New Forest: its history and its scenery by John Richard de Capel Wise, pg. 177". Ebooksread.com. Retrieved 2011-11-01.
^ "'Death's Head' caterpillar found (Thursday, 14 August, 2003)". BBC News. 2003-08-14. Retrieved 2011-11-01.
^ "The Sphinx- Edgar Allan Poe". Classiclit.about.com. 2009-11-02. Retrieved 2011-11-01.


FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Acherontia_atropos

Acherontia atropos
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La sfinge testa di morto (Acherontia atropos Linnaeus, 1758) è una falena appartenente alla famiglia delle Sphingidae e rappresenta la specie più conosciuta tra le tre appartenenti al genere Acherontia. Il termine "sfinge" si riferisce al fatto che il bruco di questa falena è capace di sollevare la parte anteriore del corpo assumendo una posizione che assomiglia vagamente a quella della sfinge greca o egiziana[1]. L'espressione "testa di morto" è dovuta a un tratto molto caratteristico di questa falena, che la distingue da tutte quelle con cui condivide l'areale: sul lato dorsale del torace spicca una macchia biancastra, con due puntini neri, che ricorda la forma di un teschio. Per quanto riguarda la nomenclatura scientifica, il termine "Acherontia" si riferisce all'Acheronte (in greco Ἂχέρων) uno dei fiumi infernali che secondo la mitologia greca occorre attraversare per accedere al regno dei morti. L'epiteto specifico "atropos" invece deriva dal nome di una delle tre moire greche, Atropo (in greco Ἄτροπος), a cui era assegnato il compito di recidere il filo della vita[1].

Descrizione

Come tutti gli sfingidi A. atropos ha un corpo massiccio fusiforme coperto da una folta peluria, delle antenne piumose e delle ali aerodinamiche disposte sull'addome come gli spioventi di un tetto. La falena ha delle notevoli dimensioni, con un peso di 1.5 g, un corpo lungo 6 cm e un'apertura alare di 90–130 mm; in molte parti del suo areale risulta la falena dalle dimensioni maggiori e in Europa è seconda solamente alla saturnia del pero. Le antenne sono robuste, di diametro costante e presentano degli uncini all'estremità. La pagina superiore delle ali anteriori è brunastra, marmorizzata di biancastro e nerastro, e con una cellula discale bianca. Quella delle ali posteriori invece è gialla con due ampie bande ondulate marrone scuro. L'addome è giallo con bande nerastre trasversali, simile a quello di un calabrone. La spiritromba è breve, più corta del torace, robusta, rigida e ricoperta di peluria. La colorazione può variare in intensità e i disegni sulle ali e sull'addome possono essere più o meno definiti. Anche la caratteristica macchia a forma di teschio sul lato dorsale del torace alle volte può essere assente.


Comunicazione

La sfinge testa di morto è l'unica farfalla al mondo capace di produrre un grido con la faringe. Infatti, sia il bruco che l'adulto, quando vengono disturbati o si sentono minacciati emettono un suono abbastanza forte, simile a un cigolio o allo stridio di un topo. Questo comportamento è facile da osservare in maschi che hanno appena raggiunto una fonte di luce e che sono ancora nello stato di eccitazione caratteristico di questi momenti. Il suono emesso è udibile fino a una quarantina di metri e viene prodotto espellendo violentemente dell'aria che mette in vibrazione una piccola lamina situata all'imboccatura della faringe[1]. Questo comportamento, unito a quello di sollevare le ali, di muovere rapidamente l'addome vivacemente colorato e alla secrezione di una sostanza dall'odore nauseante attraverso i peli ghiandolari dell'addome[4], ha la funzione di scoraggiare l'attacco dei predatori.

Nella cultura popolare

La macchia a forma di teschio sul torace ha fatto in modo che questa falena guadagnasse una reputazione negativa, ispirando associazioni con il mondo soprannaturale e con il maligno. Secondo numerose superstizioni, essa è messaggera di guerra e pestilenza, portatrice di sfortuna, arreca gravi disgrazie e morte nelle case in cui vola. La si trova rappresentata nel dipinto The Hireling Shepherd di William Holman Hunt, pittore preraffaellita inglese. La stessa falena è protagonista di un racconto di Edgar Allan Poe, La sfinge (The Sphinx) del 1846 e viene citata anche nei romanzi Dracula di Bram Stoker, Le intermittenze della morte (2005) di José Saramago, dove appare sulla copertina dell'edizione americana, e I'm the King of the Castle di Susan Hill. È stata poi resa famosa dal libro di Thomas Harris Il silenzio degli innocenti e ancor più dal film omonimo uscito nel 1991 e diretto da Jonathan Demme.

Da non dimenticare l'attenzione che le riserva il poeta crepuscolare Guido Gozzano: egli le dedica un componimento nelle sue Epistole entomologiche e la cita nella poesia La signorina Felicita:
« Tacqui. Scorgevo un atropo soletto
e prigioniero. Stavasi in riposo
alla parete: il segno spaventoso
chiuso tra l'ali ripiegate a tetto.
Come lo vellicai sul corsaletto
si librò con un ronzo lamentoso.
"Che ronzo triste!" - "È la Marchesa in pianto...
La Dannata sarà che porta pena..."
Nulla s'udiva che la sfinge in pena. »

Nella storia del cinema ha fatto la sua comparsa più volte. Ad esempio, Luis Buñuel e Salvador Dalí la utilizzano come uno dei tanti significati nascosti di Un chien andalou (1929). Nel 1968 diventa protagonista del film horror Il mostro di sangue, con Peter Cushing, dove un entomologo folle crea una enorme testa di morto incrociandola con il DNA umano, fino ad ottenenere una mostruosa creatura che si nutre di sangue e semina morte e panico. Nel 2002 infine Mark Pellington fa riferimento alla sfinge testa di morto nel suo film The Mothman Prophecies.

Note

^ a b c (FR) Dourlot S. (2008). Petite collection d'insectes de nos régions, p 22, Eds Larousse, Paris.
^ a b (EN) Pittaway AR (1993). The hawkmoths of the western Palaearctic. Harley Books, London.
^ (EN) Moritz RFA, Kirchner WH and Crewe RM (1991). Chemical camouflage of the death's head hawkmoth (Acherontia atropos L.) in honeybee colonies. Naturwissenschaften 78(4): 179-182.
^ (EN) Birch MC, Poppy GM and Baker TC (1990). Scents and eversible scent structures of male moths. A. Rev. Ent. 35: 25-58.



FONTE IMMAGINE: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Acherontia_atropos_bl.jpg?uselang=it
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Falena - Moth   Mar 17 Apr 2012 - 12:22

Le falene sono delle messaggere, risvegliano un gran senso dell'olfatto, essendo animali notturni aiuteranno ad essere più attivi durante le ore serali.
Come scopriremo, più avanti, insegnano ad essere più intuitivi, ad essere determinati e percettivi...

FONTE: http://www.linsdomain.com/totems/pages/moth.htm


FONTE IMMAGINE: http://www.linsdomain.com/totems/pictures/moth.h3.jpg

MOTH

Relationships
Acute Sense of Smell

Moths are messengers. When they fly around you
in great numbers, expect a message to come to you.

A Moth totem awakens an acute sense of smell
in their totem people.
Ask yourself, "does this person smell right?"
They can also awaken an attraction to the opposite sex;
however, if the sense is wrong, then that person will repel
instead of attract. Trust in your feelings.

Moths are nocturnal so their people
are more active during the evenings and night
than they are in the daylight hours.

All images are public domain.

Some of the information on this webpage was derived from the following sources:
Sans, Jamie & Carson, David. Medicine Cards: the Discovery of Power Through the Way of Animals. Santa Fe, NM. 1988. Print.
Andrews, Ted. Animal-speak: the Spiritual & Magical Powers of Creatures Great & Small. Woodbury, MN: Llewellyn Publications, 1993. Print.
Andrews, Ted. Animal-Wise: the Spirit Language and Signs of Nature. Woodbury, MN: Llewellyn Publications, 1999. Print.
D. J. Conway. Animal Magick: the Art of Recognizing & Working with Familiars. Woodbury, MN: Llewellyn Publications, 2003. Print.
Farmer, Steven D. Animal Spirit Guides. Hayhouse Inc., 2006. Print.



FONTE: http://www.whats-your-sign.com/animal-symbolism-moth.html

Moth Symbolism and Meaning

A friend of mine has been getting consistent visitations from the moth, and she asked me what I thought. This page is a result of a few meditations with the moth, and symbolic observations.

Moths have similar animal symbolism as butterflies, but have a few distinguishing characteristics that set it far apart from its winged relative.

Namely, the moth is a nocturnal creature, whereas the butterfly is diurnal.

Nocturnal creatures have philosophical symbolism such as:

Dreams
Shadows
Otherworldliness
Secret knowledge
Psychic awareness

We gather these symbolic attributes because night creatures conduct their life-sustaining activities in complete darkness.

As humans, we may translate this as symbolic of living our lives by intuitive feeling rather than physical sensory perception.

Philosophically speaking, night creatures do not tumble in the dark, and neither do humans. We use our dreams, our awareness, and our deeper, inner knowing to navigate through the darkest hours of our lives.

Faith is another tool we use to move through shadowy times of uncertainty, and the moth also shares this aspect. The moth never questions provision. She has complete faith that all of her needs will be meet each night.

A quick-list of animal symbolism of moths:

Vulnerability
Determination
Concealment
Attraction
Subtlety
Intuition
Faith

Even in navigation, when we observe the moth to fly into artificial light or flames, the moth demonstrates its faith and determination.

It is still unproven as to why the moth is driven to light – but the best hypothesis is that the moth navigates by lunar light. In the absence of moonlight, the moth moves to the next best thing: man-made light.

Even at the risk of loosing its life, the moth is ever-vigilant in following its path of light. This may also serve as a moral to us to keep our own vigilance, but not fall victim of blind faith.

Here we see a fragile vulnerability in the moth. The moon is her mother, and she will follow her course at all cost. This makes her open to distraction, vulnerable to harm. Here we may find another message to adjust our course as our path indicates rather than drive forward without heeding important signs along the way.

As a creature of the night, and by her navigational devices, we see the moth is highly influenced by the power of the moon. This aspect ties in with animal symbolism of intuition, and psychic awareness.

Indeed, those with the moth totem will find this creature a magnificent assistant in developing higher awareness, and psychic enhancement.

However, with higher perception we sometimes overstep into the realm of confusion. It is important to seat ourselves in grounding foundations when we step in-tune with the lunar aspects of the moth. In other words, fly high with the moth – but always have a clear runway for happy, safe landings.

The moth continues to be under the influence in matters of love. She emits pheromones that are powerfully strong, attracting her male counterpart through the dark nights. These scented trails can be followed for remarkable distances. Here we see animal symbolism of:

Suggestion
Attraction
Allure

The female moth is subtle in her scent, wafting out like a loving tendril pulling in her mate. She has no doubt about her ability to attract her lover (those pheromones are powerfully effective!). Us humans would do well to follow the same cue. We do not have to be overt in our advances to attract our mates. Rather, the art of subtle allure can be learned from the moth.

A master of disguise, the moth can blend in to the point of invisibility. This is a metaphor for us to use our environment to our advantage, blend in when necessary, adjust and adapt when the situation requires it.
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Falena - Moth   Mer 18 Apr 2012 - 13:04

Admin oggi riporto articoli che riferiscono di una leggendaria creatura l'uomo falena o meglio conosciuto come Mothman.

Buona lettura.


FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Uomo_falena

Uomo falena
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Uomo falena o Mothman, dall'inglese, è il nome con cui viene chiamata una misteriosa creatura che sarebbe stata ripetutamente avvistata nella Virginia Occidentale, Charleston, Point Pleasant e nella regione dell'Ohio fra il novembre 1966 e il dicembre 1967. I testimoni hanno descritto l'entità come un essere delle dimensioni di un uomo, con le ali e grandi occhi rossi rifrangenti o luminosi, è dotato inoltre di una velocità innaturale.

Origine della leggenda

Il primo avvistamento della creatura sarebbe avvenuto il 12 novembre 1966. Un gruppo di cinque uomini che stava preparando una tomba in un cimitero vicino a Clendenin vide "una figura umana di colore marrone e dotata di ali" sollevarsi in aria dagli alberi vicini. Questo avvistamento non venne riportato subito, ma solo alcuni giorni dopo, successivamente ad altre segnalazioni.

L'avvistamento successivo, relativo al 15 novembre, coinvolse due coppie sposate di Point Pleasant, Roger e Linda Scarberry e Steve e Mary Mallette. Secondo il racconto di una di loro (Linda Scarberry, l'unica che ne volle parlare), stavano passando in automobile nei pressi di una fabbrica di TNT, in disuso dalla Seconda guerra mondiale, quando videro due strane luci rosse all'ombra di un vecchio generatore accanto al cancello. Avvicinatisi, realizzarono che le luci erano gli occhi luccicanti di un grosso animale "dalla forma di un uomo, ma più grosso, fra i sei e mezzo e sette di piedi di altezza (circa due metri ), con grandi ali ripiegate sulla schiena". Terrorizzati, fuggirono verso la città, seguiti per un certo tratto dalla creatura in volo . Giunti a Mason County, raccontarono l'accaduto al vicesceriffo Millard Halstead, che in seguito ebbe a dichiarare:
« Conosco questi ragazzi da quando erano nati. Non si sono mai messi nei guai e quella notte erano davvero spaventati. Li ho presi sul serio. »

Fu un cronista della stampa locale che, riportando l'episodio, battezzò la misteriosa creatura "Mothman", per analogia con Batman (di cui all'epoca stava andando in onda negli Stati Uniti la serie televisiva).

Nei giorni e nei mesi successivi l'uomo falena sarebbe apparso a molti altri abitanti della zona, e in genere sempre nei pressi della fabbrica. Le descrizioni dell'aspetto della creatura erano tutte sostanzialmente simili.

A Point Pleasant si trova una scultura che rappresenta la creatura (opera di Robert Roach) e un museo dedicato (il Mothman Museum).

Avvistamenti

Ecco i principali avvistamenti, accreditati da rilevamenti effettuati sui luoghi interessati:[1]

1 settembre 1966 - Scott Missouri - Diverse persone adulte osservano un oggetto a forma d'uomo che manovra a bassa quota
1 novembre 1966 - Camp Conley Road - Una Guardia Nazionale osserva una grande figura umana bruna posta su un ramo d'albero
12 novembre 1966 - Cimitero di Clendenin - Cinque maschi adulti osservano un oggetto volante bruno a forma d'uomo
15 novembre 1966 - Area TNT vecchia centrale elettrica Point Pleasant - Due coppie di Sposi avvistano un essere grigiastro dotato di 2 occhi rossi luminosi
16 novembre 1966 - Area TNT presso Igloo - Tre adulti, osservano un essere grigio, alto e dotato di 2 occhi rossi luminosi
17 novembre 1966 - Statale 7 Cheschire Ohio - Un ragazzo osserva un essere grigio di forma umana dotato di occhi rossi luminosi e con una apertura alare di 3 metri
18 novembre 1966 - Area TNT - Due Pompieri osservano un essere molto alto e gigantesco dotato di occhi rossi luminosi
20 novembre 1966 - Campbells Creek - Sei adolescenti avvistano un essere grigio, alto dotato di occhi rossi luminosi
24 novembre 1966 - Point Pleasant - Due adulti e due bambini, notano un essere gigantesco che vola dotato di occhi rossi luminosi
25 novembre 1966 - Autostrada nei pressi di AREA TNT - un uomo in macchina incontra un essere alto, grigio con occhi rossi luminosi che l'insegue
26 novembre 1966 - Lowell Ohio - Due adulti e due bambini osservano 4 uccelli giganteschi di colore bruno alti 1,5 metri con un'apertura alare di 3 metri
27 novembre 1966 - Statale Albans - Una casalinga osserva un essere grigio con occhi rossi luminosi più alto di un uomo, fermo sul prato
27 novembre 1966 - Manson - Una ragazza avvista un essere alto e grigio a forma d'uomo con 3 metri di apertura alare con occhi rossi luminosi. Insegue l'auto
27 novembre 1966 - Statale Albans - Due ragazze osservano alcuni esseri grigi alti 2,10 metri che le inseguono a piedi
4 dicembre 1966 - Aeroporto di Gallipolis Ohio - Cinque piloti osservano un uccello gigantesco dal collo lungo per un primo tempo scambiato per un aereo che poi si avvicina a loro ad una velocità di 110 km/h costante senza sbattere ali
6 dicembre 1966 - Maysville Kentucky - Un postino osserva un essere gigantesco simile ad un uccello in volo
6 dicembre 1966 - Area TNT - Due adulti osservano una figura grigia dagli occhi rossi e luminosi che li assale
7 dicembre 1966 - Statale 33 Ohio - Quattro donne osservano un essere volante la cui forma ricorda un uomo, di colore bruno-argenteo e dagli occhi rossi luminosi
8 dicembre 1966 - Statale 35 - Due donne osservano su di una collina una figura indistinta che ha occhi rossi luminosi
11 dicembre 1966 - Area TNT - Un ragazzo e un uomo, osservano una figura dall'aspetto umano di colore grigio in volo a grande velocità
11 dicembre 1966 - Statale 35 - Una donna osserva un enorme essere grigio con occhi rossi luminosi che sorvola la sua auto
11 gennaio 1967 - Point Pleasant - Una casalinga osserva un essere alato delle dimensioni di un piccolo aereo che vola a bassa quota
12 marzo 1967 - Letert Falls Ohio - Una donna osserva un grande essere volante dal pelo bianco dalla lunga apertura alare (3 metri) che passa davanti alla sua auto
19 maggio 1967 - Area TNT - Una donna osserva un essere volante dagli occhi rossi luminosi che si avvicina ad un oggetto rosso librato in aria e scompare
2 novembre 1967 - Area TNT - Una donna osserva una figura grigia gigantesca simile ad un uomo che sorvola un campo sfiorando il suolo
7 novembre 1967 - Chief Cornstalk Park - Quattro uomini mentre erano a caccia, osservano una figura gigantesca con gli occhi rossi luminosi. Uno di loro dirà che non ebbe la forza di sparare all'essere perché in preda al terrore.


Dettaglio di alcuni dei principali avvistamenti

Nella tarda nottata del 15 novembre 1966, due giovani coppie di sposi, Roger e Linda Scarberry e Steve e Mary Mallette, mentre transitavano in auto accanto ad una fabbrica dismessa di esplosivi della seconda guerra mondiale chiamata Area TNT, nei pressi di Point Pleasant, notarono 2 luci rosse nell'ombra all'interno di una vecchia struttura accanto ad un vecchio generatore della fabbrica. Decisero quindi di fermare l'automobile per vedere meglio di cosa si trattasse. Con loro stupore però, si accorsero che le luci erano occhi rossi luminosi appartenenti ad un grande animale, “dalla forma simile ad un uomo, ma più grande; circa 6,5 o 7 piedi di grandezza, con le ali grandi piegate contro la relativa parte posteriore del corpo (come un pipistrello)„; secondo il racconto di Roger Scarberry le coppie terrorizzate tornarono subito in automobile e si allontanarono lungo la statale 62. Durante tale viaggio videro ancora la creatura ritta in piedi su una collina accanto alla strada; l'essere si levò in volo e seguì la loro automobile fino alle porte della città. Più tardi, dopo aver informato le autorità locali, Scarberry tornò nell'area, ma dello strano essere non fu più trovata alcuna traccia.

La notte successiva, il 16 novembre, alcuni cittadini locali muniti di armi si misero alla ricerca di segni e tracce della creatura nella zona circostante la vecchia fabbrica, ma l'insolita battuta di caccia non portò a nessun risultato. Nel frattempo il sig. e la sig.ra Raymond Wamsley e la sig.ra Marcella Bennett, con sua figlia Teena e suo figlio, si misero in viaggio in automobile per far visita ad alcuni amici, il sig. e la sig.ra Thomas. I Thomas vivevano in un bungalow presso “Igloo”, un'area piena di strutture a cupola erette per l'immagazzinamento degli esplosivi durante la seconda guerra mondiale, vicino alla stessa area industriale in cui avvenne l'avvistamento la notte precedente. Giunti all'abitazione degli amici i Wamsley notarono una figura misteriosa comparire alle loro spalle. La sig.ra Bennett riferì trattarsi di un grosso essere grigiastro, con occhi rossi emittenti luce, intento a cercare qualche cosa a terra. Dal bungalow dei Thomas il sig. Wamsley telefonò alla polizia, mentre l'essere, raggiunto il portico dell'abitazione, scrutò all'interno attraverso una finestra.

Il 24 novembre, quattro agenti avvistarono una creatura simile in volo sopra l'Area TNT.

La mattina successiva il sig. Thomas Ury riferì di avere notato una creatura simile a quella segnalata nei giorni precedenti ritta in piedi in un campo a lato della strada, mentre si dirigeva verso nord lungo l'itinerario 62 nei pressi dell'Area TNT. L'essere aprì le ali e si levò in volo inseguendo l'automobile del sig. Ury, il quale, dopo averla seminata accelerando spaventato, giunse in città e decise di informare lo sceriffo locale dell'accaduto.

Il 27 novembre, la sig.ra Ruth Foster, nel sobborgo di Charleston, in Virginia dell'Ovest, vide una creatura grigia con luminosi occhi rossi, più alta di un uomo, ritta sul prato della sua abitazione, nei pressi della Statale Albans. L'essere scomparve non appena la sig.a Foster uscì per controllare meglio. La mattina dello stesso giorno una creatura alata dall'aspetto umanoide inseguì una giovane donna presso Mason, in Virginia dell'Ovest; la stessa notte un essere simile venne avvistato nei pressi della Statale Albans da due bambini.

Descrizione

Descrizione in base alle testimonianze rilasciate [1]:

Altezza: circa 2 metri.

Occhi: dotati di luminosità propria, rosso-vivi, distanziati tra loro, di un diametro approssimativo di 5–8 cm.

Gambe: di tipo umano; l'essere fu visto in posture erette, mentre la deambulazione avvenne con passo strascicato.

Ali: di aspetto simile a quelle di una falena, vennero viste ripiegate contro il dorso quando non utilizzate e sembrarono vantare un'apertura di circa 3 metri quando adoperate in volo. Venne riferito da più testimoni come il volo avvenisse mantenendole rigide, senza cioè che venissero battute.

Velocità: avrebbe seguito, senza alcun problema, l'andatura di automobili che si muovevano a 120-160 km/h.

Verso: alcuni testimoni affermarono che la creatura sembrò emettere in volo dei ronzii metallici.


Analisi del fenomeno

Numerosi autori hanno studiato il fenomeno degli avvistamenti di Mothman del 1966-67, traendone interpretazioni molto diverse. Autori come John Keel e A. B. Colvin considerano gli avvistamenti reali, e cercano di darne spiegazione. Keel, nel suo celebre romanzo-inchiesta The Mothman Prophecies (1976) sviluppa una articolata teoria del complotto che si propone di spiegare Mothman mettendolo in relazione con altri misteri come UFO, Men in Black, poltergeist, avvistamenti di Bigfoot, e infine con il crollo del Silver Bridge.[2]

Colvin sostiene che Mothman è una creatura soprannaturale con l'incarico di aiutare l'umanità in momenti critici, e che la stessa creatura è nota come Thunderbird presso i nativi americani e come Garuda in Asia. Criptozoologi come Mark A. Hall hanno sostenuto che il Mothman sia in effetti un esemplare di una misteriosa specie animale riconducibile agli uccelli giganti del Pleistocene.

Gli scettici (molti dei quali hanno contribuito ai numeri di marzo e aprile 2002 della rivista Skeptical Inquirer) ritengono che i testimoni si siano semplicemente sbagliati, scambiando per una creatura misteriosa un gufo, probabilmente di una specie di grandi dimensioni come il grande gufo cornuto (il più grande presente negli Stati Uniti). Anche il CSICOP (il "Comitato americano per l'indagine scientifica delle affermazioni sul paranormale") sostiene tale tesi.[3]

Nella cultura popolare

Giochi e giocattoli

Alla figura di Mothman si sono ispirati gli autori di diversi giochi; la creatura compare, tra l'altro, nel gioco di ruolo Dark Matter, nel videogioco per Playstation 2 Shin Megami Tensei III: Nocturne, e nel videogioco per Nintendo DS Castlevania: Dawn of Sorrow.

Una serie di giocattoli in vinile relativi alla vicenda di Mothman è stata creata da David Horvath (noto anche per essere fra i creatori della linea Uglydolls). I giocattoli (prodotti in numero limitato) sono esposti al Mothman Museum di Point Pleasant.

Televisione e cinema

A Mothman fa riferimento Fox Mulder in una puntata di The X-Files.

Dal libro di John Keel è stato tratto nel 2002 il film The Mothman Prophecies, diretto da Mark Pellington e interpretato da Richard Gere e Laura Linney.

Fumetti

Mothman è il nome di uno dei supereroi di Watchmen, fumetto creato da Alan Moore.

Musica

"Julie and the Mothman" è una canzone del gruppo rock Kasabian, pubblicata come b-side del singolo "Underdog" nel 2009. La canzone è stata proposta come apertura dei concerti della band durante il tour successivo al disco "West Ryder Pauper Lunatic Asylum"

Note

^ Terni in rete :: Ufo e misteri
^ I misteri di Point Pleasant | Mistero Bufo
^ Cash Advance | Debt Consolidation | Insurance | Free Credit Report | Cell Phones at Marcopirola.com


Bibliografia

John Keel, The Mothman Prophecies. Saturday Review Press, 1975. Ripubblicato in brossura da Tor Books nel 2002, ISBN 0-7653-4197-2. Tradotto in italiano da Andrea Carlo Cappi per Sonzogno (2002).
Loren Coleman, Mothman and Other Curious Encounters, Paraview Press, 2002, ISBN 1-931044-34-1
Joe Nickell, Mothman Solved!, articolo su Skeptical Inquirer, marzo-aprile 2002, 26 (2):20 ([2]).
Andrea Ghignoli, La profezia del mothman. Saggio e traduzione in italiano di alcune opere di John Keel (2003).



FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Mothman

Mothman
From Wikipedia, the free encyclopedia

Mothman is a legendary creature reportedly seen in the Point Pleasant area of West Virginia from 15 November 1966 to 15 December 1967. The first newspaper report was published in the Point Pleasant Register dated 16 November 1966, entitled "Couples See Man-Sized Bird...Creature...Something".[1]

Mothman was introduced to a wider audience by Gray Barker in 1970,[2][3] later popularized by John Keel in his 1975 book The Mothman Prophecies, claiming that Mothman was related to a wide array of supernatural events in the area and the collapse of the Silver Bridge. The 2002 film The Mothman Prophecies, starring Richard Gere, was based on Keel's book.[4]

History

On Nov. 15, 1966, two young couples from Point Pleasant, Roger and Linda Scarberry, and Steve and Mary Mallette told police they saw a large white creature whose eyes "glowed red" when the car headlights picked it up. They described it as a "flying man with ten foot wings" following their car while they were driving in an area of town known as 'the TNT area', the site of a former World War II munitions plant.[5][6]

During the next few days, other people reported similar sightings. Two volunteer firemen who sighted it said it was a "large bird with red eyes". Mason County Sheriff George Johnson commented that he believed the sightings were due to an unusually large heron he termed a "shitepoke". Contractor Newell Partridge told Johnson that when he aimed a flashlight at a creature in a nearby field its eyes glowed "like bicycle reflectors", and blamed buzzing noises from his television set and the disappearance of his German Shepherd dog on the creature.[7] Wildlife biologist Dr. Robert L. Smith at West Virginia University told reporters that descriptions and sightings all fit the Sandhill Crane, a large American crane almost as high as a man with a seven foot wingspan featuring circles of reddish coloring around the eyes, and that the bird may have wandered out of its migration route.

There were no Mothman reports in the immediate aftermath of the December 15, 1967 collapse of the Silver Bridge and the death of 46 people, giving rise to legends that the Mothman sightings and the bridge collapse were connected.[7][8][9]

Claims of later sightings

UFOlogist Jerome Clark writes that many years after the initial events, members of the Ohio UFO Investigators League re-interviewed several people who claimed to have seen Mothman, all of whom insisted their stories were accurate. Linda Scarberry claimed that she and her husband had seen Mothman "hundreds of times," sometimes at close range, commenting, "It seems like it doesn’t want to hurt you. It just wants to communicate with you."[10]

Cryptozoologist Loren Coleman claims that sightings of Mothman continue, and told USA Today he re-interviewed witnesses described in Keel's book who said Mothman was "a huge creature about 7 feet tall with huge wings and red eyes" and that "they could see the creature flapping right behind them" as they fled from it.[11]

Explanations

Paranormal

Some UFologists, paranormal authors, and cryptozoologists believe that Mothman was an alien, a supernatural manifestation, or an unknown cryptid. In his 1975 book The Mothman Prophecies, author John Keel claimed that the Point Pleasant residents experienced precognitions including premonitions of the collapse of the Silver Bridge, unidentified flying object sightings, visits from mysterious or threatening men in black, and other bizarre phenomena. However, Keel has been criticized for distorting established data, and for gullibility.[10]

Skeptical

Skeptic Joe Nickell says that a number of hoaxes followed the publicity generated by the original reports, such as a group of construction workers who tied red flashlights to helium balloons. Nickell attributes the Mothman reports to pranks, misidentified planes, and sightings of a barred owl, an albino owl, or perhaps a large snowy owl, suggesting that the Mothman's "glowing eyes" were actually red-eye effect caused from the reflection of light from flashlights or other bright light sources.[5]

Folklorist Jan Harold Brunvand notes that Mothman has been widely covered in the popular press, some claiming sightings connected with UFOs, and others claiming that a military storage site was Mothman's "home". Brunvand notes that recountings of the 1966-67 Mothman reports usually state that at least 100 people saw Mothman with many more "afraid to report their sightings", but observed that written sources for such stories consisted of children's books or sensationalized or undocumented accounts that fail to quote identifiable persons. Brunvand found elements in common among many Mothman reports and much older folk tales, suggesting that something real may have triggered the scares and became woven with existing folklore. He also records anecdotal tales of Mothman supposedly attacking the roofs of parked cars inhabited by teenagers in lovers lanes.[12]

Festivals and statue

Point Pleasant held its first Annual Mothman Festival in 2002 and a 12-foot-tall metallic statue of the creature, created by artist and sculptor Bob Roach, was unveiled in 2003. The Mothman Museum and Research Center opened in 2005 and is run by Jeff Wamsley.[13][14][15] The Festival is a weekend-long event held on the 3rd weekend of every September. There are a variety of events that go on during the festival such as guest speakers, vendor exhibits, and hayride tours focusing on the notable areas of Point Pleasant.[8]

Popular culture

In Episode 2 of the short-lived TV series X-Testers, the researchers attempted to duplicate alleged photographs of Mothman.[16]
In X-Files Season 5 episode "Detour," Mulder and Scully encounter creatures related to Mothman.
In the video game Castlevania: Dawn of Sorrow, Mothman is one of three Cryptozoology-based monsters along with the Yeti and the Flying Humanoid. It also appears again as an enemy in Castlevania: Portrait of Ruin.
In the Shin Megami Tensei series of video games, Mothman often appears as a demon that the main characters can use as an ally.
Mothman appears in an episode of Lost Tapes.
Mothman is the alias of Byron Lewis in Alan Moore's graphic novel Watchmen.


Film

The Mothman Prophecies (2002)
Mothman (2010), a Syfy Channel original movie
Eyes of the Mothman (2011), a documentary about the Mothman sightings
"Mothman Country" (2011), a documentary about Pt. Pleasant's contemporary relationship with the Mothman


Books

Barker, Gray The Silver Bridge (Saucerian Books, 1970). Reprinted in 2008 entitled The Silver Bridge: The Classic Mothman Tale (BookSurge Publishing). ISBN 1439204276
Coleman, L. Mothman and Other Curious Encounters. (2002). ISBN 978-1931044349 (or ISBN 1-931044-34-1)
Colvin, Andrew The Mothman's Photographer: The Work of an Artist Touched by the Prophecies of the Infamous Mothman (2007). ISBN 978-1419652653
Colvin, Andrew The Mothman's Photographer II: Meetings With Remarkable Witnesses Touched by Paranormal Phenomena, UFOs, and the Prophecies of West Virginia's Infamous Mothman (2007). ISBN 978-1419652664
Sergent, Jr., Donnie Mothman: The Facts Behind the Legend (2001) ISBN 978-0966724677
Fear, Brad A Macabre Myth of a Moth-Man (2008) ISBN 978-1438902630
Keel, John A. The Mothman Prophecies (2007). ISBN 0-7653-4197-2 (Originally published in 1975 by Saturday Review Press)
Keel, John A. The Eighth Tower (1977). ISBN 978-0451074607
Myers, Bill. Angel of Wrath: A Novel (2009). ISBN 978-0446698009
Ressel, Steve. Perverted Communion (2010). ISBN 978-0978748357
Rust, John J. Dark Wings (2011) ISBN 978-1-4658-4541-2


References

^ "Couples See Man-Sized Bird...Creature...Something". Point Pleasant Register Point Pleasant, WV Wednesday, November 16, 1966. WestVA.Net, Mark Turner. Retrieved 27 January 2012.
^ Skeptical Inquirer, Volume 33 (Pennsylvania State University, Committee for the Scientific Investigation of Claims of the Paranormal., 2009).
^ Gray Barker, The Silver Bridge (Saucerian Books, 1970). Reprinted in 2008 entitled The Silver Bridge: The Classic Mothman Tale (BookSurge Publishing). ISBN 1439204276
^ Paul Meehan, Cinema of the Psychic Realm: A Critical Survey, page 130 (McFarland & Company, Inc., 2009). ISBN 978-0-7864-3966-9
^ a b Joe Nickell (April 2004). The Mystery Chronicles: More Real-Life X-Files. University Press of Kentucky. pp. 93–. ISBN 978-0-8131-2318-9. Retrieved 21 August 2011.
^ UPDATE: Munitions Risk Closes Part of Wildlife Area Again (retrieved 8 February 2012)]
^ a b Associated Press (Dec 1, 1966). "Monster Bird With Red Eyes May Be Crane". Gettysburg Times. Retrieved 21 August 2011.
^ a b Associated Press (Jan 19 2008). "Mothman' still a frighteningly big draw for tourists". Toronto Star. Retrieved 21 August 2011.
^ UPI (Nov 18, 1966). "Eight People Say They Saw 'Creature'". Williamson (WV) Daily News. Retrieved 22 August 2011.
^ a b Clark, Jerome (2000). Extraordinary Encounters: An Encyclopedia of Extraterrestrials and Otherworldly Beings Santa Barbara, California: ABC-Clio, ISBN 1-57607-249-5, pp. 178-179.
^ Schaefer, Stephen (2002-01-23). "Mothman' sightings will continue". USA Today. Retrieved 21 August 2011.
^ Jan Harold Brunvand (1 October 1994). The baby train and other lusty urban legends. W. W. Norton & Company. pp. 98–. ISBN 978-0-393-31208-9. Retrieved 21 August 2011.
^ Mothman Statue
^ Mark Moran, Mark Sceurman, Matt Lake, Weird U.S. The ODDyssey Continues - Your Travel Guide to America's Local Legends and Best Kept Secrets, page 260 (New York: Sterling Publishing Co., Inc., 2008). ISBN 978-1-4027-4544-7
^ "Legend of the Mothman" plaque on base of statue
^ "Episode List". X-Testers. Retrieved 21 August 2011.
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Falena - Moth   Oggi a 15:21

Tornare in alto Andare in basso
 
Falena - Moth
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: SCIAMANESIMO :: I TEMI DELLO SCIAMANESIMO - THEMES OF SHAMANSIM :: Animali Totem e Spiriti Guida - Totem Animals and Allies Spirits :: Totem Animals F-L-
Andare verso: