Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Il lato attivo dell'Infinito

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Il lato attivo dell'Infinito   Mer 9 Mag 2012 - 13:07

TITOLO: Il lato attivo dell'Infinito

AUTORE: Carlos Castaneda

EDITORE: Rizzoli



Buon pomeriggio a tutti,
vi riporto la frase di apertura del libro: Questo libro è una raccolta di eventi memorabili della mia esistenza.

Appena incominciai a leggere questo testo sinceramente non riuscivo a sentire il Carlos Castaneda che avevo conosciuto nei suoi testi precedenti, inizia con una raccolta di episodi significanti della sua vita, raccontandoli nei minimi particolari, solo dopo qualche pagina compresi che invece stava dando l'opportunità a noi lettori di comprendere meglio la tecnica della ricapitolazione, nonché i suoi benefici.

Veniamo così catapultati nei suoi ricordi, episodi della vita che hanno segnato l'uomo chiamato Carlos Castaneda, comprendendo meglio gli schemi comportamentali che si ripetono in lui e nei suoi amici.

Don Juan gli spiega cosa è la fine di un era, il punto di rottura, la sintassi e l'altra sintassi, la consapevolezza inorganica, il guerriero-viaggiatore e per la prima volta vengono menzionate le ombre di fango.

Per approfondimenti vi consiglio la visione dei seguenti link, buona lettura:

http://sciamanesimo.forumattivo.com/f8-toltec-shamanism-carlos-castaneda-sciamanesimo-tolteco-castaneda

http://sciamanesimo.forumattivo.com/t539-i-voladores-installazione-esterna-su-cio-che-gia-esiste-nel-continuum-di-inventario

Dal testo:

"Il tuo mondo sta per finire" dichiarò. "Per te è la fine di un'era. Credi che il mondo che hai conosciuto fino a oggi ti lasci andare in pace, senza fare storie? No! Si contorcerà sotto di te, colpendoti con la sua coda."

"Gli antichi sciamani lo chiamavano silenzio interiore perchè è uno stato in cui la percezione non dipende dai sensi, ma da un'altra facoltà dell'uomo, la facoltà che lo rende un essere magico e che è stata depotenziata non dall'uomo stesso, ma da qualche influenza estranea."

"Noi siamo esseri destinati a morire" dichiarò. "Non siamo immortali, ma ci comportiamo come se lo fossimo. Questo è l'errore che ci condanna a livello individuale e un giorno ci condannerà anche come specie."

Secondo don Juan, una buona definizione della pratica sciamanica può essere la seguente: lo sciamanesimo è la manipolazione del punto di unione con lo scopo di modificare il suo punto focale di contatto con l'oscuro mare della consapeuolezza, così da rendere possibile la percezione di altri mondi.

"Gli antichi sciamani vedevano il predatore. Lo chiamavano quello che vola, perchè si muove a balzi nell'aria. Non è un bello spettacolo. E' un'ombra nera di un'oscurità impenetrabile, che salta nell'aria. E poi atterra. Gli sciamani dell'antico Messico non amavano pensare al momento in cui fece la sua comparsa sulla Terra. Credevano che ci fosse stato un tempo in cui l'uomo era un essere completo, con una mirabile vista interiore e una consapevolezza che oggi sembrano leggende mitiche. Poi tutto questo fini e l'uomo è ora un essere indebolito."

"Questo predatore" seguitò allora lui, "che è naturalmente un essere inorganico, è invisibile ai nostri occhi come lo sono altri esseri inorganici. Proprio come fanno i bambini, noi lo vediamo ma poichè ci appare troppo orribile preferiamo non pensarci. Ovviamente, i
bambini potrebbero perseverare nel concentrarsi su quanto vedono, ma tutti gli altri cercano cli dissuaderli.
"L'unica alternativa possibile per l'umanita è la disciplina. La disciplina è il solo deterrente. Ma parlando di disciplina non mi riferisco a uno stile di vita spartano alzarsi ogni mattina alle cinque e mezzo e bagnarsi nell'acqua fredcla fino a diventare blu. Gli sciamani interpretano la disciplina come la capacitià di affrontare in modo sereno eventualità che esulano dalle nostrea spettative. Per loro, la disciplina è un'arte: l'arte di affrontarel'infinito senza vacillare, e non perchè siano forti e duri, ma perchè sono animati da timore reverenziale."

Don Juan mi aveva ripetuto più volte che il mondo degli sciamani non era un mondo immutabile, dove la parola è definitiva e non può cambiare, bensi un mondo eternamente fluttuante, dove nulla va dato per scontato.



FONTE: Il lato attivo dell'Infinito di Carlos Castaneda Ed. Rizzoli
Tornare in alto Andare in basso
 
Il lato attivo dell'Infinito
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: LIBRI E COLLEGAMENTI WEB - BOOKS AND WEBSITES :: La biblioteca dello sciamano - Shaman Library-
Andare verso: