Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Atrapado en lo tremendo, Juan Morales

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Atrapado en lo tremendo, Juan Morales   Mer 3 Lug 2013 - 21:02

Posto qui di seguito una conversazione di un utente da un forum americano in cui si discute e in parte si traduce un libro dal titolo Atrapado en lo tremendo di Juan Morales. Il testo da quel che ne so per ora è stato scritto solo in spagnolo. La descrizione è ovviamente in inglese. Ritengo questo testo interessante perché riporta alcuni dietro le quinte di Castaneda e di altri personaggi del suo "seguito". Più alcuni gossip. Più alcuni giudizi dell'autore su Carlos e su ciò che ha scritto nei suoi libri. Ovviamente, essendo testimonianze dirette, non documentate da foto o altro materiale, possiamo e dobbiamo, ritengo, dargli un peso specifico che tenga conto anche dell'elemento soggettivo. COncludo menzionando il fatto che l'autore riporta un suo incontro con Carlo Tiggs, e il suo fissare un suo occhio, che lui identifica con quello dello Sfidante della Morte (infatti, nei libri di Castaneda si sostiene che Carol, prima di essere portata via nel volo astratto con il precedente gruppo di stregoni, come prescrive la regola, avesse accettato un patto particolare di unione e fusione con lo Sfidante, che poteva fare a quanto pare una cosa simile in virtù della speciale conformazione energetica di Carol - donna Nagual, e Carlos, Nagual di quello specifico gruppo). Altrettanto interessante è anche il fatto che secondo l'autore Castaneda abbia "perso" il senso della misura e la sua lotta contro l'autoindulgenza, senza però invalidare il valore di quello che aveva descritto nei suoi libri. Riporta anche di un fantomatico progetto a cui Carlos aveva lavorato dettagliatamente, e cioè lo spostare in modo specifico il punto di assemblaggio della Terra. Obiettivo che per poter essere messo a punto richiese a Carlos, secondo quanto dice l'autore, una "mappa" dei punti energetici nodali del pianeta (che Carlos avrebbe avuto da una sciamana messicana) e di aumentare il numero complessivo degli esseri umani consapevoli in un certo modo della realtà energetica e capaci di spostare il loro punto di unione.

Buona lettura:

FONTE: http://castacon.artforthemasses.us/viewtopic.php?style=7&f=1&t=1870&start=0

-------------------------------------------------------------------------------



trapado en lo tremendo, Juan Morales

http://www.hamalgama.net/libro_aelt.php

Introducci�n
Cap�tulo 1 Kalachakra y el Milam Bardo
Cap�tulo 2 Los decretos de la Metaf�sica de Conny M�ndez y las Convocatorias de Nivelle Goddard
Cap�tulo 3 Jacobo Grinberg y el C�rculo M�gico de Almatriche
Cap�tulo 4 Las Profec�as del Rabino Yeshel Shemer
Cap�tulo 5 La c�mara Kirlian
Cap�tulo 6 Una salida fuera del cuerpo
Cap�tulo 7 Bokar Rinpoch� y el control mental
Cap�tulo 8 La conexi�n de Carlos Ortiz
Cap�tulo 9 Sai Baba y la guerra del Golfo
Cap�tulo 10 Chamanismo andino
Cap�tulo 11 Primer grupo de Carlos Castaneda en Espa�a y la promesa de la Libertad Total
Cap�tulo 12 Segundo d�a con Carlos Castaneda y la Tensegridad
Cap�tulo 13 M�xico y Amatl�n
Cap�tulo 14 P�tzcuaro y los Graniceros
Cap�tulo 15 Las almas recapituladoras de Tzin Tzun Tzan
Cap�tulo 16 El cristo tarasco que avisa del fin del mundo
Cap�tulo 17 En busca de Carlos Castaneda perdido
Cap�tulo 18 Tonin� La Negra y las predicciones de Yadeun
Cap�tulo 19 Carlos Castaneda y el oto�o de 1992
Cap�tulo 20 Taisha Abelar en Pasadena, octubre de 1992
Cap�tulo 21 Alex Orbito y otros acontecimientos relacionados
Cap�tulo 22 Fuerteventura y el C�digo de lo Extra�o
Cap�tulo 23 Tula
Cap�tulo 24 Los otros brujos
Cap�tulo 25 Noticia de una conferencia de Taisha Abelar en la Librer�a Gaia
Cap�tulo 26 Noticia de una charla de Carlos Castaneda en la Phoenix Book de Los �ngeles
Cap�tulo 27 Noticia de otra conferencia de Taisha Abelar en la Librer�a East/West de California
Cap�tulo 28 El secreto del viaje a Tula en 1993
Cap�tulo 29 Viaje rel�mpago a Los �ngeles en busca de Carlos Castaneda
Cap�tulo 30 Noviembre de 1994: otra vez Castaneda en Madrid
Cap�tulo 31 Informaci�n basura en el mundo de Castaneda
Cap�tulo 32 Seminarios de Carlos Castaneda, lista de precios y bibliograf�a
Cap�tulo 33 El seminario de las brujas en Hawai y los Voladores
Cap�tulo 34 El segundo seminario de los brujos en M�xico: los c�clicos, las ense�anzas chinas de Clara Grau y las pr�cticas de acecho
Cap�tulo 35 La conferencia de Florinda Donner-Grau y los tres principios de la brujer�a
Cap�tulo 36 Una extra�a muerte
Cap�tulo 37 Guerra en Internet
Cap�tulo 38 Carlos Castaneda y la prensa
Cap�tulo 39 El primer diario de Lectores del Infinito
Cap�tulo 40 Los papeles secretos de "The Only Women Workshop"
Cap�tulo 41 Los Voladores y la disonancia cognitiva
Cap�tulo 42 Segundo n�mero del diario de Lectores del Infinito
Cap�tulo 43 Tercer n�mero del diario de Lectores del Infinito
Cap�tulo 44 La tercera premisa del camino del guerrero
Cap�tulo 45 El seminario de Los �ngeles del verano de 1996
Cap�tulo 46 La prueba del alce
Cap�tulo 47 El campo de batalla final
Contraportada

--------------------------------------------------------------


Corey wrote:

>> On the subject of new books about our late beloved author, Veatrix just brought my attention to the following new book, in Spanish, that can be read on the web. (Those of you who are less handicapped in Spanish than I am are urged to consider sharing translated highlights with the rest of us.)

The URL is
http://hamalgama.com/hamalgama/gnosiseauton/atrapado/

The book is entitled *Atrapado en lo Tremendo: El sistema de conocimiento de Carlos Castaneda, por Juan Morales ISBN 84-605-9539-0 (Trapped in the Tremendous: The System of Knowledge of Carlos Castaneda, by Juan Morales) <<

The text relates in a convincing way how Castaneda was in Madrid in 1991 –and, later on, in 1994— and formed a group of 16 people. I must say that I used to do tensegrity in Madrid between 1997 and a few months ago and it was well known that CC was actually here those years; and there were some people clearly more advanced in tensegrity than the rest of us and they called CC “the nagual”. For these and some other true things in the text I think it is a true story, and it’s well and, it seems to me, very honesty written.

After being what you now call a TB, the author finally arrives at the conclusion that Castaneda’s teachings became a personal cult, that is, a similar conclusion as SA’s about two years before the birth of this site. Along the text there are some personal stories of people the author knew and were forsaken by CC. For example the story of Perla (chapter 13), who, advised by Castaneda, left her husband and child; or the story of Gretchen (chapter 15), who was expelled from CC’s teachings because she decided to have a son, and so forth.

Finally the author decides to quit from all that. His final point of view is a skeptical one, but he still believes in the veracity and interest of the books, it’s only the last Castaneda what he rejects.

So the most interesting point in the story is how, after being a TB, the author changes gradually his point of view as he discovers or finds out the dark side of Castaneda. But it’s scattered all over the text and it’s very difficult to translate in a few highlights, so I won’t dare to try. There are, however, two specific points on which I would like to focus.

One of them is a surprising story involving the Death Defiant’s eye. In 1991 the group of Madrid also met Carol and Nury. When the author was introduced to Carol (ch.12) they embraced each other and “I promise I looked at her gray eyes (...) her left eye began to spin. I swear it (...) it seemed to me that there was a strange power behind that eye”. He felt weak and a bit later he faded away, what made him miss his first tensegrity lesson. Only in the second visit of CC to Madrid, in 1994, he knew about the Death Defiant’s eye (ch. 30), and then he understood retrospectively what had happened that day.

The second point has to do with the possible goal of Carlos Castaneda. In chapter 17 it is said that someone in Mexico gave to the author the book “Rendez Vous Sorcier Avec Carlos Castaneda”, by Veronique Skaninska, ed. Denoel, Paris, 1989; and it is commented –it’s not clear if in that book or in the conversation with the people of the Mexican group they are visiting— that a character of that book, Aimel Helle, could be the same as the sorcerer Catalina in CC’s books, and that she gave to CC an energetic map of the Earth, which included the location of the assemblage point which the Earth, as a living being, supposedly has. Later on in the same chapter, someone of the group of Madrid tells the author that he’s been said that the task of Castaneda and his group is shifting the Earth’s AP.

In the text there is gathered a lot of nonsensical gossip which circulated about “the nagual”, and that story might be just part of it. But to me it has some sense, and I’d like to make some considerations on it. Very often it was said that doing tensegrity we had to reach a “critical mass” for something important and never clearly explained to happen. Referring again to Juan Morales’ text (ch. 36), CC spoke in the seminar in L.A., in the summer of 1995, of the ant number 52. From ant number 52, he explained, a group of ants become an ordained group. In a similar way it was supposed that if practitioners reached a critical mass, something on an energetical level –sorry for the cult-like verbiage— would happen. I think this “something” could be a “shift in the Earth’s AP” or, in less castanedian words, a change in the interpretative consensus of the world in a critical mass of people.

Of course, this implies that Castaneda believed in the substance of what he said and taught. Let me, please, set up the whole scenario, since I still need to locate Castaneda somewhere between TB’s true guru and Corey’s total fake.

Perhaps Castaneda did receive some knowledge from a sorcerer, doesn’t mind if in Sonora, a Cahuilla reservation or wherever. Besides receiving that instruction he, as a cultivated occidental, put it in occidental words through the conceptual apparatus of phenomenology. Also he might have reformulated in a more abstract way what he was tought (inventing, for example, all that staff about the energetic body and the AP, which is a pseudo-anatomical way of resuming the human ability to perceive many different worlds that he experimented under drug ingestion. And is also such a discussible concept, since it is made up to resume the idea that every world is only a description and ... it places you into another description!, it’s true that a more abstract and flexible one), in order to explain it to himself and to others via his books.

But he didn’t mind to lie in order to convince others of what he believed, so he put in his master’s mouth not only the real teachings but also his (Castanedas’) interpretations, his more abstract wording and phenomenological explanations on how all that is possible and compatible with occidental paradigms.

So, Castaneda could be a real sorcerer who lost the battle with the ego (although...who knows?) and whose task –that famous “golden key”—would be helping change the perception of as many people as possible –shifting the Earth’s AP, in the concept he developed. To do that he would have tried two strategies:

First, he would have tried to form different groups that followed simultaneously his premises. Again to Morales book: when CC forms the group in December 1991, he tells them that he’s trying to form several groups and this was the first one in Spain (ch.11). He probably had the intention of monitoring closely their progress, because he promised to come back within two months, in February 1992; until then they had to do tensegrity, recap and try some dreaming. --But he didn’t come back until 1994, and never explained why. According to the text, there were also other practitioners in Mexico.

But this first attempt wouldn’t have worked. CC complied that the people in the groups were lazy and didn’t do all the necessary effort in doing their homework –according once more to Morales. And that’s when, as the second attempt to shift the Earth’s AP, commercial massive distribution of tensegrity as most of us have known it was born.

This would answer the two famous questions of what the "golden key" was and what the purpose of tensegrity seminars was, if at the price that Castaneda would believe in what he taught and maybe even be a true sorcerer, if perhaps beaten by his superb-ego.

Hey, quite a long post, uh?
Flyboy, why don’t you ask your friend Carlitos about this topic?

Best regards,
Ramon.

-----------------------------------------------------------------------
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Atrapado en lo tremendo, Juan Morales   Gio 4 Lug 2013 - 8:23

Buondì Admin,
l'articolo è davvero molto interessante. 

Il progetto di Carlitos non credo sia tanto "fantomatico", anche se in termini diversi ne ho trovato traccia in diversi testi. La chiamata al risveglio della consapevolezza dell'uomo per poter aiutare l'essere vivente che ci ospita, ricorda alcuni testi che parlano di Shamballa, dove entità che vi dimorano parlano proprio di uno spostamento di "frequenza" dei pianeti, come di Venere ad esempio, per preservarne l'armonia cosmica.

Spero che quel testo venga tradotto al più presto, anche se ne dubito visto i precedenti su altri libri del genere...

Un abbraccio!

Tila
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Atrapado en lo tremendo, Juan Morales   Gio 4 Lug 2013 - 17:21

Ciao Tila. Secondo me invece qualcosa di diverso rispetto alle altre forme di neo sciamanesimo o di spiritualita' moderna e/o new age questa parte del prwsunto progetto di castaneda ce l'ha...tutti i suoi libri si concentrano sul lavoro individuale o in piccoli gruppi. Ma solo nella intervista di Torrez mi pare che lui cambi radicalmente obiettivi. Proponendosi cose cosi grandi. Ho la strana sensazione che non si tratti di una idea new age la sua ma il ricupero di antichi progetti. E se lo Sfidante e' davvero esistito, chissa' che non gli abbia insegnato altre cose sulla stregoneria degli antichi, oltre alle posizioni gemelle del sognare...
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Atrapado en lo tremendo, Juan Morales   Ven 5 Lug 2013 - 5:43

Ciao Admin,
infatti non mi riferivo a libri e a studi di spiritualità moderna e new age (sai benissimo che dopo aver anche solo toccato un libro del genere devo prendere un antistaminico eheheh).

Don Juan, ogni volta che Carlitos gli chiedeva con insistenza una spiegazione (ad esempio sul vedere), diceva sempre che non poteva spiegare a parole ma che doveva esperimentare lui stesso...dal primo libro che ho letto di Castaneda ho pensato che lui ha fatto sì di accendere una scintilla al lettore, ci ha mostrato una porta dando a noi la scelta se aprirla o no; quindi, come ipotizzi anche tu, chissà quanto ha appreso grazie allo Sfidante e quante altre esperienze ha avuto con don Juan e don Genaro.

Ci sono diversi autori che hanno ricercato la conoscenza antica...dove si fa riferimento ai nodi vitali della terra, ai cristalli giganti maestri e allo spostamento del punto di unione della terra, usando parole diverse ovviamente ma alcuni concetti sono molto simili. Molti poi si sono lasciati trasportare o vincere da uno dei quattro nemici naturali dell'uomo, diventare un guerriero impeccabile e uno stregone richiede molta forza, perseveranza, pazienza e disciplina, tra le altre cose.

Tra questi ad esempio c'è Gurdjieff che, da giovane, intraprese un lungo cammino verso l'antico sapere. Nel suo "I racconti di Belzebù a suo nipote" si parla di nodi magnetici della terra, dello spostamento di frequenza, di entità, di come l'uomo è imprigionato e influenzato da un qualcosa di estraneo...ora dette così potrebbero sembrare assurdità ma chi conosce il lavoro di Castaneda e legge poi autori come Gurdjieff non può far a meno di vedere le similitudini. 
Ma ce ne sono altri di autori e ciò ti fa pensare che evidentemente è possibile, con i giusti presupposti, accedere  a questa conoscenza antica...


Un abbraccio.


Tila
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Atrapado en lo tremendo, Juan Morales   Oggi a 0:22

Tornare in alto Andare in basso
 
Atrapado en lo tremendo, Juan Morales
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: SCIAMANESIMO :: I MONDI DELLO SCIAMANESIMO - WORLDS OF SHAMANISM :: NORTH & SOUTH AMERICA :: TOLTEC SHAMANISM: CARLOS CASTANEDA - Sciamanesimo Tolteco: Castaneda-
Andare verso: