Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Kinesiology

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Kinesiology   Mer 16 Set 2009 - 17:21

Kinesiologia applicata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. http://it.wikipedia.org/wiki/Kinesiologia_applicata

Le pratiche qui descritte non sono accettate dalla scienza medica, non sono state sottoposte alle verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Potrebbero pertanto essere inefficaci o dannose per la salute. Queste informazioni hanno solo un fine illustrativo: leggi le avvertenze.

La kinesiologia applicata (che non va confusa con la chinesiologia, anche scritta come Kinesiologia [1] o come cinesiologia e che concerne lo studio scientifico del movimento corporeo) è una terapia alternativa che si fonda su una presunta modalità di comunicazione con il sistema corporeo rivolta ad una valutazione e ad un miglioramento dello stato di benessere individuale.
Essa si fonda sull'utilizzo del cosiddetto test muscolare kinesiologico (o più semplicemente test kinesiologico, da non confondersi con il test muscolare), che consentirebbe, a detta dei sostenitori, di valutare la risposta del sistema nervoso della persona a fronte di differenti fattori di tipo strutturale, biochimico, emozionale ed energetico.
I suoi promotori la considerano una disciplina indipendente dalla medicina convenzionale. Le critiche rivolte alla kinesiologia vertono principalmente sulla circostanza che si tratta di una tecnica diagnostica e terapeutica che non ha alcuna base scientifica. Esiste una significativa letteratura internazionale in merito a tali due posizioni, efficacemente riassunta nei riferimenti qui di seguito citati[2][3][4][5][6].
Descrizione
Il fondatore della kinesiologia applicata è il chiropratico George Joseph Goodheart Jr. (Detroit, 18 agosto 1918 - Grosse Pointe, 5 marzo 2008), originariamente diplomatosi nel 1939 all’allora National College of Chiropractic. Egli nel 1964 pubblicò sul Digest of Chiropractic Economics il primo articolo in assoluto relativo alla kinesiologia, all’interno del quale riassumeva i risultati degli studi e delle ricerche da lui compiuti negli anni precedenti. Le nuove e differenti opportunità offerte dalla kinesiologia applicata suscitarono subito l’entusiasmo di vari colleghi unitamente alle critiche di vari altri.
Nel corso degli anni vari riconoscimenti sono stati attribuiti a Goodheart (e alla kinesiologia applicata da lui fondata), fra cui il suo inserimento nel Comitato Medico Statunitense per gli Sport Olimpici alle XIII Giochi olimpici invernali disputate a Lake Placid nel 1980, e nel 1988 la nomina da parte dei Membri del Congresso Statunitense per la Medaglia Presidenziale, il più alto riconoscimento civile assegnato dal Presidente degli Stati Uniti a nome della nazione.[7] È stato anche definito “the man with magic fingers” (“l’uomo dalle dita magiche”) in un servizio che la rivista Time gli ha dedicato nel 2001.[8]
Un contributo fondamentale fornito subito dalla kinesiologia è stato quello di evidenziare l’esistenza e il possibile utilizzo terapeutico delle specifiche connessioni neurologiche mantenute da singoli muscoli corporei nei confronti di organi e funzioni a loro espressamente associati. Ciò ha offerto al sistema corporeo della persona una inaspettata opportunità di espressione diretta nei confronti dell’operatore (tramite l’introduzione del test muscolare kinesiologico) e ha richiesto di conseguenza una corrispondente capacità da parte del kinesiologo di gestire gli elementi strutturali, biochimici, emozionali ed energetici così evidenziati all’interno di un quadro intrinsecamente olistico della condizione individuale.
Un ulteriore contributo sviluppato attraverso la successiva evoluzione della disciplina è stato quello di costruire una modalità di lavoro intrinsecamente ecologica nei confronti della persona, che favorisce direttamente un suo processo di recupero e integrazione attraverso quanto espresso e condiviso tramite il test kinesiologico. Tale contributo originale offre così un approccio assai differente (e a maggior titolo indipendente) da quello seguito nella medicina convenzionale.
A livello operativo la kinesiologia è una disciplina eclettica, che si è venuta caratterizzando proprio in funzione delle esigenze manifestate attraverso il test kinesiologico. Le tecniche utilizzate comprendono normalmente la stimolazione di riflessi specifici di varia natura e risultano dunque particolarmente sicure, non includendo al loro interno alcuna modalità invasiva o manipolativa. Il sistema di lavoro sviluppato dalla kinesiologia si presta inoltre molto bene ad essere integrato con altre discipline terapeutiche.

Kinesiologie

In misura sempre maggiore nel corso degli anni la kinesiologia, originariamente indicata da Goodheart con il termine “kinesiologia applicata” (“applied kinesiology”), ha avuto modo di differenziarsi in centinaia di differenti modalità, accomunate fra loro dall'utilizzo dello strumento che più la caratterizza, il test muscolare kinesiologico. Già nel 1973 la diffusione di una sua forma divulgativa, ad opera di John Francis Thie e Mary Marks e da essi denominata “Touch for Health”, ha voluto caratterizzarsi come “kinesiologia specializzata” (“specialized kinesiology”). La differenziazione iniziale in tali due modalità, anche alla luce delle centinaia di ulteriori modalità resesi nel frattempo disponibili, ha perso oramai il suo significato, ma a volte viene ancora impiegata per indicare un ambito di utilizzo maggiormente rivolto verso alla forma tradizionale (kinesiologia applicata) oppure verso altre forme (kinesiologia specializzata).
Il test muscolare kinesiologico (o test kinesiologico)
Il test muscolare kinesiologico, o più semplicemente test kinesiologico, è spesso erroneamente confuso con il test muscolare. In realtà mentre lo scopo del test muscolare è quello di determinare la maggiore o minore forza di uno specifico muscolo o gruppo muscolare, lo scopo del test kinesiologico (nelle sue differenti forme sviluppatesi a partire da quella originariamente introdotta da Goodheart nel 1964) è invece quella di determinare la risposta selettiva del sistema nervoso a fronte di stimoli specifici.
Nella sua forma manuale classica, il test kinesiologico determina quindi la capacità della persona di mantenere stabile un arto a fronte di un’azione pressoria da parte del kinesiologo. Se la posizione dell’arto può risultare simile o anche identica rispetto ad un corrispondente test muscolare, vi è però una importante differenza di esecuzione e di scopo. Infatti nella esecuzione di un test kinesiologico la pressione applicata dal kinesiologo è molto limitata, e comunque insufficiente per determinare la forza effettiva del muscolo coinvolto. Lo scopo infatti non è rivolto a determinare la potenza del muscolo, bensì la capacità del sistema nervoso di controllare in maniera equilibrata l’azione di quel muscolo, offrendo o meno una effettiva stabilità dell’arto a fronte della pressione così applicata. Tale risposta (che nel test kinesiologico classico può assumere solamente due stati, “stabile” o “non stabile”, ma che in forme più avanzate di test kinesiologico si articola in una gamma molto più ampia di possibili risposte) varia direttamente in funzione del fattore con cui la persona si confronta in quel momento, e consente così fra l'altro di rilevare in tempo reale l’eventuale stress manifestato dalla persona nei confronti di quel fattore specifico, fattore che può essere indifferentemente di tipo fisico – strutturale, biochimico – nutrizionale, emotivo – mentale, o anche puramente energetico.
La sensibilità offerta dal test kinesiologico non sempre trova un’appropriata competenza e responsabilità da parte dell’operatore, e la sua (relativa) semplicità d’uso lo rende sempre più diffuso anche al di fuori di un ambito puramente terapeutico. Va però sottolineato come l'affidabilità del risultato risulti necessariamente correlata con la competenza dell'esecuzione. Un utilizzo del test muscolare a mo’ di test kinesiologico, al di là di evidenziare un’incompetenza specifica da parte dell’operatore, non potrà evidentemente produrre i medesimi risultati. Va anche sottolineato come il voler ricondurre i due risultati del test kinesiologico classico (a volte inopportunamente indicati come “forte” e “debole” evidenziando così ulteriormente la confusione con il corrispondente test muscolare) a delle risposte di tipo “sì” e “no” a fronte di domande verbali poste dall’operatore, nulla ha a che fare con un utilizzo appropriato del test kinesiologico e della kinesiologia, come espressamente ricordato anche dal suo stesso fondatore George J. Goodheart Jr.
La confusione fra test muscolare e test kinesiologico, che rimane purtroppo ancora assai diffusa (anche fra molti sedicenti operatori), costituisce la causa primaria da cui deriva la maggior parte delle obiezioni rivolte. Si riscontrano addirittura indagini volte a verificare in maniera “scientifica ed oggettiva” la correlazione fra una misurazione dinamometrico-strumentale della potenza del muscolo ed il risultato del corrispondente test kinesiologico, come se le misure di due differenti grandezze (quali la massa e il tempo) dovessero per forza coincidere per poter risultare “scientifiche”.

Note

^ "kinesiologia applicata" a cura di Silvano Fuso
1. ^ Stephen Barrett, M.D.: Applied Kinesiology: Muscle-Testing for "Allergies" and "Nutrient Deficiencies" (1998)
2. ^ ICAK: Reply on ”Applied Kinesiology: Muscle-Testing for "Allergies" and "Nutrient Deficiencies"” (1998)
3. ^ Kimball C. Atwood, IV, MD: Naturopathy, Pseudoscience, and Medicine: Myths and Fallacies vs Truth (2004)
4. ^ Scott C. Cuthbert & George J. Goodheart Jr: On the Reliability and Validity of Manual Muscle Testing: a Literature Review (2007)
5. ^ Mitchell Haas, Robert Cooperstein & David Peterson: Disentangling Manual Muscle Testing and Applied Kinesiology: Critique and Reinterpretation of a Literature Review (2007)
6. ^ “Dr. George Goodheart” in http://www.federazionedikinesiologia.org/Dr._George_Goodheart.htm
7. ^ Janice M. Horowitz. The Man with Magic Fingers. Time Magazine. 24 luglio 2001
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Kinesiology   Lun 28 Set 2009 - 10:22

SelectSmart.com
Before you decide
--------------------------------------------------------------------------------
POST YOUR COMMENTS on our message board dedicated to Lorie's pages. Tell us what you think and see what others have to say. ONLY RESPECTFUL AND ON-TOPIC POSTS WILL BE RETAINED. Or, send your comments directly to the author.
--------------------------------------------------------------------------------

Critical Commentary on Applied/Specialized Kinesiology; Applied Neurogenics

LETTER TO THE EDITOR of the ASHLAND DAILY TIDINGS, ASHLAND, OR


November 24, 2003

TIDINGS SHOULD INVESTIGATE HEALTH CLAIMS


by Lorie Anderson

I take issue with the Nov. 14 Tidings article "Home for the Healing," announcing a healing touch practice located in Ashland that uses a type of "Applied Kinesiology" to diagnose and cure even serious illness, like diabetes and kidney failure - conveying extensive scientific validation for the practice!

Applied Kinesiology (AK) uses dubious "muscle testing" to diagnose "energy imbalance," which purportedly causes allergies, illness, etc. The typical AK arm muscle test entails the patient tasting a substance while the therapist attempts to push the patient's outstretched arm down, against the patient's attempt to resist. AK asserts that if the arm drops, the muscles had weakened from negative energy created by the mere presence of the substance.

Demonstrate the unreliable nature of AK muscle testing for yourself: Ask someone to extend their arm and to fully resist your effort to push it down. Then, suddenly but subtly allow the person's arm to rise slightly before continuing the downward pressure. The arm easily succumbs.

"Extraordinary claims require extraordinary evidence," Carl Sagan advised. Yet, an analysis of twenty favorable AK studies conducted from 1981-1987 found all were faulty - not one valid conclusion!

Although scientific-sounding, AK and its off-shoots, Specialized Kinesiology and Applied Neurogenics, are not associated with the scientific fields of kinesiology or neurogenics; rather, AK and its numerous off-shoots have more in concert with New Age or Eastern philosophies.

We speak of alternative medicine, but there is no alternative science. Tidings reporters should employ skepticism and investigate claims rather than report unsubstantiated curative powers. Or label such articles as advertisements.

Further information at: www.quackwatch.com.

Other commentaries by Lorie Anderson:

Psychic/Indigo/Mystic Children
James Twyman's Beloved Community homeless children's shelter in Iraq
"EYES OPEN-WALLET SHUT," Letter of concern to Daily Tidings about Ilchi Lee, 12/8/04.
Bert Hellinger's "Movements of the Soul" Therapy
Pre-diabetes
Exploding Toastmaster Toaster Oven


© 2003 Lorie Anderson SelectSmart.com All Rights Reserved



SelectSmart.com


FONTE: http://www.selectsmart.com/appliedkinesiology.html Lorie we love you :-)
Tornare in alto Andare in basso
 
Kinesiology
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: TERAPIE ALTERNATIVE E LOGICA - ALTERNATIVE THERAPIES AND LOGIC :: Lo scientismo New Age e le Terapie Alternative - New Age False Science and Alternative Therapies :: New Age pseudo Medicine - Le pseudo terapie alternative new age-
Andare verso: