Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Introduzione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Introduzione   Mer 15 Apr 2009 - 10:45

Il Reiki è una avventura meravigliosa dentro se stessi.

é una occasione per poter evolvere, imparare a sentire l'energia, guarire, aiutare a guarire ma soprattutto imparare ad accettare la bellezza della vita.

Come per ogni essere umano, questo è un cammino lungo spesso, costellato da prove. Da ostacoli forse e da tanta ricerca di consapevolezza.

La mia esperienza col Reiki ha avuto inizio nel 2006.

Spero di potermi riservare lo spazio per potermi confrontare con voi.

Spesso ho sentito che in molti hanno recepito una accentuazione delle capacità extrasensoriali altri invece dicono il contrario.

In realtà sul Reiki si dice tutto e il suo contrario. C'è poca chiarezza.

é per questo motivo che qui di seguito ho pensato di inserire della documentazione con origine delle fonti sul Reiki, iniziando dal Reiki Usui.


Admin
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: La Storia del Reiki Usui   Mer 15 Apr 2009 - 10:46

Tutto ebbe inizio alla fine del 1800: il Dr. Mikao Usui era un ministro cristiano, preside di un seminario cristiano a Kyoto in Giappone, Durante una discussione alcuni suoi studenti più anziani lo interrogarono sui metodi di guarigione utilizzati da Gesu il Cristo, ed egli ammise di non essere in grado di spiegare i miracoli a lui attribuiti. La questione cominciò ad occupare i suoi pensieri ed egli lasciò Kyoto per prendere il dottorato all’università di Chicago, negli Stati Uniti. Quindi incapace di trovare le risposte negli scritti della Cristianità, decise di studiare il Buddismo poiché anche il Buddha aveva il potere di guarire. Fu ammesso in un monastero Zen in cui intraprese lo studio delle scritture Buddiste. La sua ricerca durò sette anni durante i quali imparò anche a leggere il sanscrito. Poi finalmente, tra i vecchi sutra Buddhisti, trovò alcune formule e simboli che sembravano contenere le risposte alle sue domande.

A quel tempo il Dr. Usui viveva in un monastero di Kyoto. Avendone chiesto e ottenuto il permesso, si recò sul Kuriyama, la montagna sacra, per digiunare e meditare; il suo desiderio era quello di entrare in contatto con il livello di coscienza al quale erano stati tracciati i simboli per poterne verificare personalmente la veridicità. Non appena giunto alla montagna, dispose davanti a sé ventuno sassi per tener conto del tempo togliendone uno ogni giorno. Passarono così tutti i ventuno giorni senza che accadesse nulla di insolito fino a quando, l’ultimo giorno, egli cominciò a vedere una luce intensissima che si muoveva verso di lui a grande velocità. A mano a mano che gli si avvicinava la luce aumentava di grandezza e infine lo colpì in mezzo alla fronte dandogli la percezione di alcune bolle di luce contenenti i simboli che aveva studiato e che si impressero così a fuoco nella sua memoria. Tornato al normale stato di coscienza il Dr. Usui si stupì nell’accorgersi di non provare più alcuna fame o indolenzimento. Pieno di energia, iniziò immediatamente a ridiscendere dalla montagna con tanta foga che batté violentemente un alluce contro un sasso. Pose le mani sul dito e nel giro di pochi minuti cessarono sia il dolore che il sanguinamento. Era il primo miracolo.

Disceso dalla montagna, egli si fermò in una locanda per mangiare qualcosa. Notando il suo aspetto l’oste gli offri qualcosa di leggero con cui rompere il digiuno, ma lui volle un pasto abbondante che consumò senza il minimo malessere. Era il suo secondo miracolo.

La nipote del locandiere soffriva di un forte mal di denti. Il Dr. Usui le pose la mano sul volto e il dolore cessò immediatamente. Era il suo terzo miracolo.

Tornato al monastero sperimentò ancora l’efficacia dei simboli con l’abate, che soffriva di artrite. Quindi decise di lasciare quel luogo e per i successivi sette anni, aiutò la gente che viveva nei bassifondi di Kyoto. Un giorno egli cominciò a notare che si presentavano sempre le stesse facce, e così capì che aveva guarito i loro corpi, ma non aveva insegnato loro ad apprezzare la vita né il nuovo modo di vivere. Lasciò allora i bassifondi per cercare persone, che volessero imparare nuove cose e insegnò loro guarire se stesse. Sentendosi prossimo alla morte, egli passo i suoi segreti a uno dei suoi collaboratori più stretti; il Dr. Chijiro Hayashi il quale, rendendosi conto dell’importanza di documentare i risultati ottenuti, aprì a Tokyo una clinica nella quale insegnare e praticare il Reiki. Fu proprio in questa clinica che un giorno giunse una giapponese delle Hawaii, Hawayo Takata.

All’epoca in cui le fu consigliato di tentare con la clinica Reiki, la donna soffriva di numerose e gravissime malattie e avrebbe dovuto subire un intervento chirurgico; invece dopo pochi mesi di trattamenti, tornò in perfetta salute. Hawayo Takata restò a studiare con il Dr. Hayashi un anno, quindi ritornò nelle Hawaii. Nel 1938 fu iniziata a Master dal Dr. Hayashi, e gli successe dopo la sua morte, nel 1941. Hawayo Takata visse e lavorò alle Hawaii per molti anni, poi, giunta alla settantina, iniziò ad addestrare altri Master. Mori l’11 dicembre 1980 lasciando 22 Master negli Stati Uniti e in Canada.

Poco prima di morire, Hawayo Takata e alcuni di tali Master, fondarono l’American Reiki Association, il cui scopo era l’organizzazione, il coordinamento e il passaggio di queste conoscenze. Oggi il Reiki è rappresentato da due organizzazioni che sono successe all’American Reiki Association Inc.: l' American International Reiki Association Inc. (A.I.R.A. ) e la Reiki Alliance. L’A.I.R.A. è stata fondata dalla Dr.ssa Barbara Weber Ray, mentre la Reiki Alliance è stata fondata dalla nipote di Hawayo Takata, Phyllis Lee Furumoto.

Teniamo a mente che alcune parti di questa storia non corrispondono a verità assoluta, e precisamente la parte che riguarda il Dr. Usui come ministro Cristiano. Usui non era un prete, bensì un Giapponese che seguiva gli insegnamenti del Buddismo. E la Master Takata modificò la storia originale, perché nel 1941 gli Americani entrarono in guerra (2° guerra mondiale) in seguito all’attacco subito da parte dei Giapponesi a Pearl Harbor (il 7 Dicembre del 1941) nelle Hawaii. Quindi i Giapponesi non erano visti molto di buon occhio da parte degli Americani. E se Hawayo Takata, una hawaiana di origini giapponesi avesse detto che Reiki era un metodo riscoperto da un Giapponese, probabilmente pochissime persone le avrebbero dato ascolto

il maestro MIKAO USUI

Nato il 15 Agosto del 1865 nel villaggio di Yago del distretto di Yamagata, nella prefettura di Gifu, situato vicino a Kyoto ( l'antica capitale del Giappone). Era uno studente molto dotato e si impegnava a fondo in quello che faceva. Da adulto viaggiò in diversi paesi Occidentali ed in Cina per studiare. Lavorò con costanza e determinazione coltivando diversi interessi culturali tra cui la psicologia, il "Kampo" l'insieme della medicina tradizionale Giapponese, la filosofia Zen, teologia delle diverse religioni del mondo e l'esoterismo Buddhista. Animato da una profonda spiritualità si impegnò profondamente, ma fu anche molto sfortunato. Non si arrese e continuò con tenacia il suo apprendimento.

All'età di 57 anni (1922) durante un periodo di profondo sconforto della sua esistenza, si ritirò in solitudine sul monte Kurama per eseguire 21 giorni di digiuno e meditazione, durante il quale raggiunse l'illuminazione ed ottenne come dono dal cielo l'abilità di ripristinare la salute. Dando vita al sistema Reiki.

All'inizio lo usò su di sé, poi sulla sua famiglia. Constatato che funzionava per guarire diverse malattie, decise di condividere pubblicamente quello che sapeva. Aprì una clinica a Harajuku, Aoyama, Tokyo, nell'Aprile del 1922. La "Usui Reiki Ryoho Gakkai". Diede trattamenti a molti pazienti, alcuni dei quali arrivavano da molto lontano, conducendo anche diversi seminari. Nel Settembre del 1923 il terremoto di Kanto devastò Tokyo e migliaia di persone rimasero uccise, ferite o si ammalarono. Il Dr. Usui portò Reiki alla città distrutta usandolo sui sopravvissuti. In poco tempo la sua clinica divenne troppo piccola per accogliere i pazienti e nel Febbraio del 1925 ne costruì una fuori Tokyo a Nakano.

La sua fama si sparse molto velocemente e venne invitato in molti villaggi del Giappone. Andò a Kure, Hiroshima, poi a Saga e Fukuyama. Mentre era a Fukuyama fù colpito da un infarto e morì il 9 Marzo del 1926, all'età di 62 anni. La sua tomba e la sua lapide memoriale sono all'interno del tempio Shaihoji di Jodo-Shu (Setta della terra pura del Buddhismo giapponese) a Tokyo. Sua moglie si chiamava Sadako, ebbero un figlio e una figlia. Il figlio Fuji Usui, continuò l'attività familiare dopo la morte del padre.

Usui era una persona semplice, umile, affettuosa, fisicamente i salute e ben proporzionato. Non si vantava mai e sorrideva sempre, era coraggioso e possedeva diversi talenti. Gli piaceva leggere e studiare. La sua abitudine all'osservazione e alla ricerca sicuramente lo aiutarono nella comprensione del Reiki. Il Reiki non solo guarisce ma amplifica le capacità innate, dona equilibrio allo spirito,rende il corpo sano e quindi aiuta a raggiungere la felicità. Per insegnare questo bisognerebbe seguire i principi dell'imperatore Meiji e interiorizzarli, dovrebbero essere recitati al mattino e alla sera:

Solo per oggi non mi arrabbio.

Solo per oggi non mi preoccupo.

Sono pieno di gratitudine.

Svolgo il mio lavoro con dedizione.

Sono gentile con le persone.

Al mattino e alla sera medita pensando a questo con la tua mente e cantando con la bocca. Lo scopo ultimo e comprendere l'antico metodo segreto per raggiungere la felicità e quindi di scoprire una cura per le malattie. Se questi principi sono seguiti raggiungerai la tranquilla mente che appartiene ai saggi. Per iniziare a diffondere il Reiki bisogna iniziare da un posto a te più vicino (te stesso); non cominciare da qualcosa di distante come la filosofia e la logica. Siediti immobile in silenzio ogni mattina e sera con le mani unite nel "Gassho". Segui i principi, sii puro e tranquillo. Lavora all'interno del tuo cuore ed inizia dallo spazio calmo dentro di te. Chiunque può accedere a Reiki perché parte dall'interno di te stesso.

La filosofia non cambia il mondo. Se Reiki si diffondesse riuscirebbe a toccare il cuore dell'uomo e la morale della società. Sarà di aiuto a molte persone, non solo guarendo le malattie ma anche la terra intera. Più di duemila persone appresero il Reiki dal Dt. Usui. Molte di più lo impararono dai suoi discepoli anziani che proseguirono nell'insegnamento del Reiki. Oggi dopo il trapasso del Dt. Usui Reiki si è diffuso e continua a diffondersi a macchia d'olio per tutto il mondo. Che molti possano comprendere quale grande servizio fece all'umanità il dt. Usui.


FONTE: http://www.mondoreiki.com/reiki_storia.htm
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Reiki: definition on wikipedia   Gio 9 Lug 2009 - 11:58

FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Reiki



Reiki

From Wikipedia, the free encyclopedia
Jump to: navigation, search
For the Japanese era name, see Reiki (era).
The examples and perspective in this article deal primarily with the United States and do not represent a worldwide view of the subject. Please improve this article or discuss the issue on the talk page.

The neutrality of this introduction is disputed. Please see the discussion on the talk page. Please do not remove this message until the dispute is resolved. (June 2009)



A reiki treatment in progress
Reiki (霊気 or レイキ?, English: /ˈreɪkiː/) is a spiritual practice[1] developed in 1922 by Mikao Usui. After three weeks of fasting and meditating on Mount Kurama, in Japan, Usui claimed to receive the ability of "healing without energy depletion".[2] A portion of the practice, tenohira or palm healing, is used as a form of complementary and alternative medicine (CAM).[3][4] Tenohira is a technique whereby practitioners believe they are moving "healing energy" (a form of ki) through the palms.[5][6]
There is no scientific evidence for either the existence of ki or any mechanism for its manipulation, and a systematic review of randomized clinical trials conducted in 2008 did not support the efficacy of reiki or its recommendation for use in the treatment of any condition. However, it should be noted that "Most trials suffered from methodological flaws such as small sample size, inadequate study design and poor reporting".[7][8]

History











Derivation of name
Japanese reiki 霊気 "mysterious atmosphere; spiritual power" is a loanword from Chinese lingqi 靈氣, which some Chinese-English dictionaries translate: "(of beautiful mountains) spiritual influence or atmosphere";[9] "① intelligence; power of understanding ② supernatural power or force in fairy tales; miraculous power or force";[10] "① spiritual influence (of mountains/etc.) ② ingeniousness; cleverness".[11] This Japanese compound joins rei 霊 "ghost, spirit, soul; supernatural, miraculous, divine; ethereal body" and ki 気 "gas, air; breath; energy; force; atmosphere; mood; intention; emotion; attention", here meaning qi "spiritual energy; vital energy; life force; energy of life".[12] Some reiki translation equivalents from Japanese-English dictionaries are: "feeling of mystery",[13] "an atmosphere (feeling) of mystery",[14] and "an ethereal atmosphere (that prevails in the sacred precincts of a shrine); (feel, sense) a spiritual (divine) presence."[15]
English reiki or Reiki transliterates a Japanese loanword. Reiki is syntactically used as a noun (referring to either "the putative energy" or "the therapeutic method based upon it"), a verb, or an adjective. Some Western authors loosely translate reiki as "universal life energy".[16] This coinage partially mistranslates: ki means "life energy" — rei does not mean "universal".
Origin
Mikao Usui (臼井甕男) originated Reiki in 1922 after a twenty-one day retreat on Mount Kurama, involving meditation, fasting, and prayer.[2] Usui said that by mystical revelation he had gained the knowledge and spiritual power to apply and attune others to what is called Reiki.
In April 1922, Usui moved to Tokyo and founded the Usui Reiki Ryoho Gakkai (Usui Reiki Healing Society).[17]
Usui was an admirer of the literary works of Emperor Meiji, and, in the process of developing his Reiki system, summarised some of the emperor's works into a set of ethical principles, which later became known as the Reiki Principles.("GOKAI" in Japanese) Many Reiki teachers and practitioners aim to abide by these five principles,[18] one translation of which is:
"The secret method of inviting good fortune.
The marvelous medicine for all sickness
Just for today:
Do not be angry
Do not worry
Be grateful
Work with integrity
Be kind to others.
Every morning and every night, sit in the Gassho position [hands held palm-to-palm] and speak these words out loud in your heart.
For the evolution of body and soul, Usui Reiki Ryoho" — Mikao Usui, the founder.[19]
Usui taught over 2000 students to use Reiki. Sixteen of his students continued their training to reach the Shinpiden level, equivalent to the Western third degree, or master level.[20]
Usui died in 1926.
Early development
After Usui's death, Chujiro Hayashi, a former student of Usui, left the Usui Reiki Ryoho Gakkai and formed his own association. Hayashi simplified the Reiki teachings, stressing physical healing and using a more codified and simpler set of Reiki techniques.[21]
Hayashi initiated and trained Hawayo Takata,[22] who traveled widely in the US, practising Reiki and teaching the first two levels to others.[23]
Takata stressed the importance of charging money for Reiki treatments and teachings. In 1976, Takata began teaching the Shinpiden stage and introduced the term Reiki master for this level.[24] She also fixed a price of $10,000 for the master training.[citation needed]
Takata died in 1980[25] by which time she had trained 22 Reiki masters.[26] Almost all Reiki taught outside Japan can be attributed to her work.[27]
Teachings
Reiki teachings claim that there is an inexhaustible, universal "life force" spiritual energy,[28][29] that can be used to induce a healing effect.[30] Believers say that anyone can gain access to this energy[31] by means of an attunement process[32] carried out by a Reiki Master.[33] Claims for such energy have no known theoretical or biophysical basis.[5][34][35]
Reiki is described by adherents as a holistic therapy which brings about healing on physical, mental, emotional and spiritual levels.[36] The belief is that the energy will flow through the practitioner's hands whenever the hands are placed on, or held near a potential recipient, who can be clothed.[37] Some teachings stress the importance of the practitioner's intention or presence in this process, while others claim that the energy is drawn by the recipient's injury to activate or enhance the natural healing processes.[38] Going further, the belief is that the energy is "intelligent",[39] making diagnosis unnecessary.
A second level of training, including another initiation, is said to equip the practitioner to perform Reiki treatments from a distance.[40] This method, it is stated, involves the use of special symbols to form a temporary connection between the practitioner and the recipient, regardless of location, and then to send the Reiki energy.[41] Techniques are also taught whereby Reiki can be sent to a specific point in time, either in the past or the future.[42]
Practice
Whole body treatment
In a typical whole-body Reiki treatment,[43] the practitioner asks the recipient to lie down, usually on a massage table, and relax. Loose, comfortable clothing is usually worn during the treatment. The practitioner might take a few moments to enter a calm or meditative state of mind and mentally prepare for the treatment,[44] that is usually carried out without any unnecessary talking.[45]
The treatment proceeds with the practitioner placing his hands on the recipient in various positions. However, practitioners may use a non-touching technique, where the hands are held a few centimetres away from the recipient's body, for some or all of the positions. The hands are usually kept still for 3 to 5 minutes before moving to the next position. Overall, the hand positions usually give a general coverage of the head, the front and back of the torso, the knees and feet. Between 12 and 20 positions are used, with the whole treatment lasting 45 to 90 minutes.[46]
Some practitioners use a fixed set of hand positions. Others use their intuition to guide them as to where treatment is needed,[47] sometimes starting the treatment with a "scan" of the recipient to find such areas. The intuitive approach might also lead to individual positions being treated for much shorter or longer periods of time.


Ultima modifica di Admin il Gio 9 Lug 2009 - 11:59, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Introduzione   Gio 9 Lug 2009 - 11:58

It is reported that the recipient often feels warmth or tingling in the area being treated, even when a non-touching approach is being used. A state of deep relaxation, combined with a general feeling of well-being, is usually the most noticeable immediate effect of the treatment, although emotional releases can also occur.[48] As the Reiki treatment is said to be stimulating natural healing processes, instantaneous "cures" of specific health problems are not usually observed. A series of three or more treatments, typically at intervals of 1 to 7 days, is usually recommended if a chronic condition is being addressed.[49] Regular treatments, on an on-going basis, can be used with the aim of maintaining well-being. The interval between such treatments is typically in the range of 1 to 4 weeks, except in the case of self-treatment when a daily practice is common.[50]
Localized treatment
Localized Reiki treatments involve the practitioner's hands being held on or near a specific part of the body. Recent injuries are usually treated in this way,[51] with the site of injury being targeted. There is great variation in the duration of such treatments, though 20 minutes might be typical.
Some practitioners use localized treatments for certain ailments, and some publications have tabulated appropriate hand positions.[52] However, other practitioners prefer to use the whole body treatment for all chronic conditions, on the grounds that it has a more holistic effect.[53] Another approach is to give a whole body treatment first, followed by a localized treatment.[54]
Training
The teaching of Reiki outside of Japan is commonly divided into three levels, or degrees.[55]
First degree
The first degree Reiki course[56] teaches the basic theories and procedures. Four "attunements" are given to the student by the teacher.[57] Students learn hand placement positions on the recipient's body that are thought to be most conducive to the process in a whole body treatment.[58] Having completed the first degree course, the participant can treat himself and others with Reiki. The course duration is traditionally four sessions, most often presented in 2, 3, or 4 consecutive days[59]
Second degree
In the second degree Reiki course,[60] the student learns the use of three symbols which are said to enhance the strength and distance over which the effect can be exerted.[61] Another attunement is given, which is said to further increase the capacity for Reiki to flow through the student, as well as empowering the use of the symbols.[62] Having completed the second level, the student can work without being physically present with the recipient.[63]
Third degree or master training
Through the third degree, or "master training",[64] the student becomes a Reiki Master. (In Reiki terminology, the word "master" does not imply spiritual enlightenment.) One or more attunements are carried out and the student learns a further master-level symbol, called Dai Ko Myo.[65] Having completed the master training, the new Reiki Master can attune other people to Reiki and teach the three degrees of Reiki. The duration of the master training can be anything from a day to a year or more, depending on the school and philosophy of the Reiki Master giving the training.
Variations
There is much variation in training methods, speeds and costs. There is no accreditation body for Reiki, nor any regulation of the practice. Reiki courses can even be taken over the Internet, although Traditionalists state that attunement must be done in person in order to take effect, as the Reiki Master/Teacher doing the attunement must be able to actually touch the energy field of the person being attuned. Some traditionalists maintain that any method that teaches Reiki "quickly" cannot yield as strong an effect, because there is no substitute for experience and patient mastery of the art.[66]
Scientific research
The strongest research conducted as of 2008 has failed to demonstrate that Reiki is an effective treatment for any condition. This systematic review assessed this evidence base, finding nine studies which fit their selection criteria.[7] A modified Jadad score of methodological quality was used, taking into account the difficulty of blinding practitioners. Non-randomized studies were excluded, as the potential for intentional or unintentional bias in such studies is large, rendering the results uninterpretable. Overall, the methodological quality of the evidence base was found wanting, with even high-ranking studies failing fully to control for placebo effects and most studies suffering "methodological flaws such as small sample size, inadequate study design and poor reporting."[7] As trials with such flaws are known to be likely to show exaggerated treatment effects, there is insufficient evidence to indicate that reiki is effective as sole or adjuvant therapy for any medical condition, or that it has any benefits beyond possible placebo effects.[7][8]
Safety and effectiveness
Main article: Alternative medicine#Testing of safety
Concerns about safety in Reiki are similar to those of other alternative medicines. Doctors of medicine and allied health care workers believe that patients might avoid clinically proven treatments for serious conditions in favor of unproven alternative medicines.[67] Reiki practitioners may encourage their clients to consult a medical doctor for serious conditions, stating that Reiki can be used to complement conventional medicine.[68] Clinical trials have not reported any significant adverse effects from the use of Reiki.[7]
The National Council Against Health Fraud suggests that any clinical effect of Reiki may be due to suggestion (the placebo effect),[69] and Reiki has been labelled as a "feel-good" therapy, where recipients themselves do not expect any significant healing effects.[70] The U.S. Conference of Catholic Bishops has banned the practice of reiki at all Catholic hospitals and health care facilities, stating that it lacks scientific credibility and has not been accepted by the scientific and medical communities as an effective therapy.[71]
Internal controversies
With the many varied ways that have been used to teach Reiki, there have emerged points of controversy between different groups, teachers and practitioners. Controversies exist on topics such as the nature of the Reiki energy itself, fees charged for courses and treatments, training methods, secrecy of symbols, and attunement methods.[72][73]
Following the death of Hawayo Takata, through to the mid 1990s, there were rival claims to the title of "Grandmaster" of Reiki. However, this dispute largely evaporated when it was discovered that Takata herself had created the term.[74]
Catholic Church concerns
In March 2009, the Committee on Doctrine of the United States Conference of Catholic Bishops issued a decree (Guidelines for Evaluating Reiki as an Alternative Therapy, 25 March 2009) halting the practice of Reiki by Catholics, including Reiki therapies used in some Catholic retreat centers and hospitals. The conclusion of the decree stated that "since Reiki therapy is not compatible with either Christian teaching or scientific evidence, it would be inappropriate for Catholic institutions, such as Catholic health care facilities and retreat centers, or persons representing the Church, such as Catholic chaplains, to promote or to provide support for Reiki therapy."
See also
• Complementary medicine
• Energy medicine
• Kinesiotherapy
• Qi
• Reiki history, a concise Reiki history timeline
• Vibrational Medicine
Notes
1. ^ Lübeck,Petter,Rand 2001 ch14,pp108-110; Ellyard 2004 p79; McKenzie 1998 pp19,42,52; Lübeck 1996 p22; Boräng 1997 p57; Veltheim,Veltheim 1995 p72
2. ^ a b Usui's 21 day retreat: (Lübeck,Petter,Rand 2001 p14); What is the History of Reiki?
3. ^ National Center for Complementary and Alternative Medicine. "Reiki: An Introduction", nccam.nih.gov/health/reiki/. Accessed November 13, 2008.
4. ^ Institute for Complementary and Natural Medicine. "BRCP Divisions & Practises", i-c-m.org.uk. Accessed November 12, 2008.
5. ^ a b National Center for Complementary and Alternative Medicine. An Introduction to Reiki
6. ^ Reiki flows through hands: (McKenzie 1998 p18); (Ellyard 2004 p27); (Boräng 1997 p9); (Veltheim,Veltheim 1995 p33)
7. ^ a b c d e Lee, MS; MH Pittler, E Ernst (2008). "Effects of reiki in clinical practice: a systematic review of randomized clinical trials". International Journal of Clinical Practice 62: 947. doi:10.1111/j.1742-1241.2008.01729.x. http://www.blackwell-synergy.com/doi/abs/10.1111/j.1742-1241.2008.01729.x. Retrieved on 2008-05-02.
8. ^ a b Henderson, Mark. "Prince of Wales's guide to alternative medicine 'inaccurate'", The Times. April 17, 2008. Accessed November 13, 2008.
9. ^ Lin Yutang, 1972, Lin Yutang's Chinese-English Dictionary of Modern Usage, Chinese University of Hong Kong Press.
10. ^ Ling Yuan, 2002, The Contemporary Chinese Dictionary, Chinese-English Edition, Foreign Language Teaching and Research Press.
11. ^ DeFrancis, John, 2003, ABC Chinese-English Comprehensive Dictionary, University of Hawaii Press.
12. ^ Derivation of name: (Lübeck, Petter, Rand 2001 ch 6)
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Introduzione   Gio 9 Lug 2009 - 11:59

13. ^ M. Spahn and W. Hadamidtzy, 1989, Japanese Character Dictionary With Compound Lookup via Any Kanji, Nichigai.
14. ^ J. H. Haig, ed. 1997, The New Nelson Japanese-English Character Dictionary, Tuttle.
15. ^ T. Watanabe, E., R. Skrzypczak, P. Snowden, 2003, Kenkyūsha's New Japanese-English Dictionary.
16. ^ Lübeck, Petter, Rand 2001 p302; McKenzie 1998 p18; Shuffrey 1998 p1
17. ^ Founding of Usui Reiki Ryoho Gakkai: (Lübeck,Petter,Rand 2001 p14)
18. ^ Practice of 5 Principles: Part of Reiki Alliance membership agreement
19. ^ The 5 Reiki Principles: Reiki Principles; (Petter 1998 p29); (Lübeck,Petter,Rand 2001 p95)
20. ^ Number of people taught by Usui: (Lübeck,Petter,Rand 2001 p16)
21. ^ Hayashi's teachings: (Lübeck,Petter,Rand 2001 p17,ch19)
22. ^ Hayashi trained Takata: (Ellyard 2004 p13)
23. ^ Takata's Reiki practice and teaching in the US: (Ellyard 2004 p15)
24. ^ Start of Takata's teaching of Reiki Masters: (Ellyard 2004 p15)
25. ^ (Petter 1997 p21), (Veltheim, Veltheim 1995 p26)
26. ^ Takata trained 22 Reiki Masters: (Ellyard 2004 p14), (Veltheim, Veltheim 1995 p26), (Petter 1997 p20)
27. ^ Significance of Takata in bringing Reiki out of Japan: (Ellyard 2004 pp14,16), (Veltheim, Veltheim 1995 p26)
28. ^ Reiki is inexhaustible. McKenzie 1998 p18; Boräng 1997 p9
29. ^ Reiki as universal life force energy: Lübeck,Petter,Rand 2001 p62; McKenzie 1998 p18; Ellyard 2004 p75; (Lübeck 1994 p13); (Boräng 1997 p8)
30. ^ McKenzie 1998 p18; Lübeck,Petter,Rand 2001 pp14,68; Veltheim,Veltheim 1995 p30; Ellyard 2004 p27
31. ^ Anyone can be attuned to Reiki: (Lübeck,Petter,Rand 2001 p8); (Veltheim,Veltheim 1995 p35); (Ellyard 2004 p77)
32. ^ Note: The terms attunement and "initiation" are usually used interchangeably with regard to Reiki. Occasionally there is a slight difference of emphasis implied, with attunement used when discussing the gaining of access to the Reiki energy and "initiation" when discussing the personal (or spiritual) growth aspect. Both these aspects relate to the same physical procedure.
33. ^ Access is by means of attunement: (Ellyard 2004 pp27,31); (Lübeck,Petter,Rand 2001 p22); (McKenzie 1998 pp18,19); (Gollagher 1998 p26); (Boräng 1997 p12)
34. ^ The 'National Center for Complementary and Alternative Medicine (October 13 2006). "Energy Medicine: An Overview". http://nccam.nih.gov/health/whatiscam/energy/energymed.htm. "
35. ^ Stenger, Victor J. (1999). "The Physics of 'Alternative Medicine' Bioenergetic Fields". Scientific Review of Alternative Medicine 3 (1): 1501. doi:10.1126/science.134.3489.1501. PMID 14471768. http://www.sram.org/0301/bioenergetic-fields.html. Retrieved on 2008-03-30.
36. ^ Reiki is holistic, bringing healing on physical, mental, emotional and spiritual levels: (Baginski,Sharamon 1988 p35); (Gollagher 1998 p44); (Boräng 1997 p10); (McKenzie 1998 p81)
37. ^ Recipient may be clothed: (Lübeck 1994 p48); (McKenzie 1998 p81); (Boräng 1997 pp10,36)
38. ^ Reiki activates or enhances natural healing: (McKenzie 1998 p18); (Veltheim,Veltheim 1995 pp78,93); (Gollagher 1998 p24)
39. ^ Reiki is "intelligent": (Ellyard 2004 pp28,29); (Boräng 1997 p10)
40. ^ Second level allows distance healing: (Ellyard 2004 p107); (McKenzie 1998 p56); (Lübeck 1994 p155); (Veltheim,Veltheim 1995 p119)
41. ^ Use of symbols for connection during distant healing: (McKenzie 1998 p39); (Ellyard 2004 p110)
42. ^ Reiki can be sent to past or future: (McKenzie 1998 p39); (Ellyard 2004 p115); (Lübeck 1994 p155)
43. ^ Whole body treatment: (Lübeck 1994 ch4,ch5); (McKenzie 1998 p84); (Ellyard 2004 p45); (Lübeck,Petter,Rand 2001 ch20); (Veltheim,Veltheim 1995 p79); (Petter 1997 pp50,55); (Boräng 1997 p36)
44. ^ Mental preparation by practitioner at start of treatment: (Ellyard 2004 p46)
45. ^ Minimum talking during formal treatments: (Ellyard 2004 p45)
46. ^ Duration of whole body treatment: (Ellyard 2004 p41)
47. ^ Use of intuition: (Usui,Petter 2003 p17)
48. ^ Immediate effects of treatment: (Ellyard 2004 p44)
49. ^ Frequency of treatment of others: (Ellyard 2004 p41)
50. ^ Frequency of self-treatment: (Ellyard 2004 p41)
51. ^ Treatment of injuries: (McKenzie 1998 p110); (Ellyard 2004 p70); (Veltheim,Veltheim 1995 p77)
52. ^ Hand positions for specific ailments: (Usui,Petter 2003 pp49-67); (Lübeck 1994 pp173-184)
53. ^ Whole body treatment for chronic conditions: (McKenzie 1998 p108); (Veltheim,Veltheim 1995 p81)
54. ^ Localized treatment following on from whole body treatment: (McKenzie 1998 p105)
55. ^ Reiki is taught in 3 levels: (McKenzie 1998 p54); (Veltheim,Veltheim 1995 p117); (Petter 1997 p38)
56. ^ First degree course content: (McKenzie 1998 p54); (Veltheim,Veltheim 1995 p118); (Petter 1997 p38)
57. ^ Effect of 4 attunements in 1st level: (Ellyard 2004 p37)
58. ^ Teaching of hand positions during First degree course: (Baginski, Sharamon 1988 p48), (Petter 1997 p39)
59. ^ Duration of First degree course: (Baginski, Sharamon 1988 p46), (Petter 1997 p38)
60. ^ Second degree course content: (McKenzie 1998 p56); (Veltheim,Veltheim 1995 p119); (Petter 1997 p43)
61. ^ Teaching of symbols in Second Degree: (Ellyard 2004 p81)
62. ^ Effect of 2nd level attunement: (Ellyard 2004 p81)
63. ^ Healing at a distance taught during Second Degree course: (Petter 1997 p43)
64. ^ Master training: (McKenzie 1998 p58); (Veltheim,Veltheim 1995 pp120-124); (Petter 1997 pp47-49)
65. ^ Content of master training: (Ellyard 2004 ch16,ch17)
66. ^ The levels of Reiki
67. ^ Lilienfeld, Scott O. (2002). "Our Raison d’Être". The Scientific Review of Mental Health Practice 1 (1). http://www.srmhp.org/0101/raison-detre.html. Retrieved on 2008-01-28.
68. ^ Reiki does not replace conventional medicine but complements it: (McKenzie 1998 pp7,18,105)
69. ^ A skeptical assessment of reiki: National Council Against Health Fraud article.
70. ^ Some Thoughts about "CAM" Beliefs
71. ^ Guidelines for Evaluating Reiki as an Alternative Therapy, Committee on Doctrine, United States Conference of Catholic Bishops, 25 March 2009
72. ^ "Charging for Reiki Healing". Indobase. http://www.indobase.com/reiki/info-for-practioners/charging-for-reiki.html. Retrieved on 2009-02-05.
73. ^ Ray, Barbara (1995). "The Radiance Technique, Authentic Reiki: Historical Perspectives". The Radiance Technique International Association Inc.. http://www.trtia.org/histpers.html. Retrieved on 2008-04-02.
74. ^ "Grandmaster" dispute: (Veltheim, Veltheim 1995 p106), (Ellyard 2004 pp21,23)
References
• B.J. Baginski, S. Sharamon. Reiki: Universal Life Energy (English print: Life Rhythm, 1988), ISBN 0-940795-02-7.
• Daniel J. Benor, MD Spiritual Healing: Scientific Validation of a Healing Revolution (Vision Publications - Dec 2000) ISBN 1-886785-11-2.
• Kajsa Krishni Boräng. Reiki (Principles of) (Thorsons, 1997) ISBN 0-7225-3406-X.
• L. Ellyard. Reiki Healer: A Complete Guide to the Path and Practice of Reiki (Lotus Press, 2004) ISBN 0-940985-64-0.
• Trevor Gollagher. Reiki: a Gift from the Universe (Pub. unknown 1998).
• Mark Hosak and Walter Luebeck. Big Book of Reiki Symbols (Lotus Press, 2006) ISBN 0-914955-64-0.
• W. Luebeck. Complete Reiki Handbook (Lotus Press, 1994) ISBN 0-941524-87-6.
• W. Luebeck. Reiki: Way of the Heart (Lotus Press, 1996) ISBN 0-941524-91-4.
• W. Luebeck, F. A. Petter & W. L. Rand. Spirit of Reiki (Lotus Press, 2001, 5th print: 2004) ISBN 0-914955-67-5.
• Oliver Klatt etc. Reiki Systems of the World (Lotus Press, 2007) ISBN 0-914955-79-9.
• Eleanor McKenzie. Healing Reiki (Hamlyn, 1998) ISBN 0-600-59528-5.
• Pamela Miles. Reiki: A Comprehensive Guide( Tarcher/Penguin, 2006) ISBN 1-58542-474-9.
• Nina L. Paul PhD Reiki For Dummies( Wiley Publishing Inc, 2005) ISBN 0-7645-9907-0
• F. A. Petter. Reiki Fire (Lotus Press, 1997) ISBN 0-914955-50-0
• F. A. Petter. Reiki: The Legacy of Dr. Usui (Lotus Press, 1998) ISBN 0-914955-56-X
• F. A. Petter, T. Yamaguchi and C. Hayashi. Hayashi Reiki Manual: Traditional Japanese Healing Techniques from the Founder of the Western Reiki System (Lotus Press, 2004) ISBN 0-914955-75-6
• Dr. Barbara Ray. The 'Reiki' Factor in The Radiance Technique(R) (Radiance Associates, 1983 -current Expanded Edition (c) 1992) ISBN 0-933267-06-1
• Sandi Leir Shuffrey. Reiki: A Beginner's Guide (Headway [Hodder & Stoughton], 1998) ISBN 0-340-72081-6
• Bronwen and Frans Stiene. The Reiki Sourcebook (O Books, 2003) ISBN 1-903816-55-6
• Bronwen and Frans Stiene. The Japanese Art of Reiki (O Books, 2005) ISBN 1-905047-02-9
• Bronwen and Frans Stiene. A-Z of Reiki (O Books, 2006) ISBN 1-905047-89-4
• M. Usui and F. A. Petter. Original Reiki Handbook of Dr. Mikao Usui (Lotus Press, 2003) ISBN 0-914955-57-8
• Dr. John & Esther Veltheim. Reiki: the Science, Metaphysics and Philosophy (Parama, 1995) ISBN 0-9645944-0-4
• An Introduction to Reiki National Center for Complementary and Alternative Medicine (retrieved on 3 July 2007)
• ABC of complementary medicine Catherine Zollman and Andrew Vickers, BMJ 1999;319:693-696, 11 September 1999, (retrieved on 3 July 2007)
• BRCP Divisions and Practises Institute For Complementary Medicine (retrieved on 3 July 2007)
• Miles, P., True, G. Reiki: Review of a Biofield Therapy (Alternative Therapies in Health and Medicine, March/April 2003, 9(2) pp62–72).
• Human Hemoglobin Levels and Reiki (Journal of Holistic Nursing, 1989, 7(1)pp47–54)
• Wardell, D.W., Engebretson, J. Biological correlates of Reiki touch healing, (J. Advanced Nursing, 2001, 33(4): 439-445)

• External links
• Introduction to Reiki at the U.S. National Center for Complementary and Alternative Medicine
• The International Center for Reiki Training Many articles on Reiki and research into Reiki.
• The International House of Reiki Excerpts from Tomita Kaiji's 1933 book and many other articles.
• Council of Australian Reiki Organisations Ltd. an Australian non-profit national body with approximately 22,500 members through affiliated organisations.
• National Council Against Health Fraud article on reiki
• Reiki - Skeptic's Dictionary
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Introduzione   Gio 4 Nov 2010 - 16:59

FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Reiki

Reiki
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai a: Navigazione, cerca

Avvertenza
Le pratiche qui descritte non sono accettate dalla scienza medica, non sono state sottoposte alle verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Potrebbero pertanto essere inefficaci o dannose per la salute. Queste informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia non dà consigli medici: leggi le avvertenze.


Il Reiki, secondo i suoi sostenitori, è una pratica spirituale[1] usata come forma terapeutica alternativa[2] per il trattamento di malanni fisici, emozionali e mentali.[3]

Una sistematica revisione di una serie di studi clinici sul Reiki, condotta nel 1988, ha concluso che non c'è prova dell'efficacia del Reiki nel trattamento di qualsiasi condizione patologica[4]

Indice
[nascondi]

* 1 Le origini
* 2 L'ideogramma tradizionale del Reiki: derivazione del nome
* 3 Principi teorici del Reiki
* 4 Reiki e Chakra
* 5 Il Reiki e le discipline terapeutiche alternative
* 6 La malattia vista dal Reiki
o 6.1 Malattia e squilibrio secondo il Reiki
* 7 Il costo dei livelli Reiki
* 8 Controindicazioni e critiche
o 8.1 Il Reiki e la Chiesa cattolica
* 9 Note
* 10 Voci correlate
* 11 Collegamenti esterni

Le origini [modifica]

Secondo la tradizione fu Mikao Usui, nato in Giappone nel 1865, a sviluppare la pratica del Reiki affermando di avere ricevuto l'abilità di curare dopo tre settimane di digiuno e meditazione sul Monte Kurama. I praticanti di Reiki usano infatti un tecnica analoga alla "imposizione delle mani", che, affermano, canalizza le energie terapeutiche (ki).[5]

Nell'aprile del 1922, Usui andò a Tokyo dove fondò l'Usui Reiki Ryoho Gakkai.[6]

Lo scopritore della sua tomba, Frank Arjava Petter riferisce che "Agli inizi degli anni venti Mikao Usui fondò la Usui Reiki Ryoho Gakkai, un’organizzazione che si era prefissa l’obiettivo della guarigione dello spirito e del corpo. Egli stesso fu il primo presidente di questa organizzazione. Il successore legittimo del dr. Usui, il suo amico e collaboratore Ushida, divenne, alla morte del dr. Usui avvenuta il 9 marzo 1926, il secondo presidente. A lui succedettero il signor Taketomi, il signor Watanabe, il signor Wanami e la signora Koyama, la quale all’inizio del 1998 lasciò l’incarico a causa dell’età avanzata. L’attuale presidente è il signor Kondoh".[7]

Usui fu un ammiratore dei lavori letterari dell'Imperatore Meiji, tanto che nel processo di sviluppo del Reiki, riassunse parte del lavoro dell'imperatore in un sistema di principi etici. Molti insegnanti Reiki e praticanti affermano di rispettare questi cinque principi[8]:

"Il metodo segreto per invitare la fortuna
La meravigliosa medicina per ogni malanno
Solo per oggi:

Non ti arrabbiare
Non ti preoccupare
Sii riconoscente
Lavora duro (per migliorare te stesso)
Sii gentile con gli altri

Ogni giorno e ogni notte, siediti nella posizione del Gassho (le mani giunte di fronte al torace, conosciuta anche come posizione di preghiera) e pronuncia queste parole a voce alta nel tuo cuore.
Per l'evoluzione del corpo e dell'anima, Usui Reiki Ryoho" - Mikao Usui, il fondatore. [9]

Nel corso della sua vita, Usui trasmise i suoi insegnamenti ad oltre duemila persone e formò 16 Maestri.

Dopo la morte di Usui, avvenuta nel 1926, un suo studente, Chujiro Hayashi, lasciò Usui Reiki Ryoho Gakkai e formò una propria associazione. Hayashi semplificò l'insegnamento del Reiki, spingendo sulla terapeuticità fisica e usando un sistema di tecniche più codificato e semplice. [10]

Hayashi iniziò al Reiki Hawayo Takata, [11] che viaggiò lungamente negli Stati Uniti d'America, praticando e insegnando i primi due livelli del Reiki .[12] Takata sottolineò molto l'importanza di far pagare i trattamenti e gli insegnamenti del Reiki. Nel 1976, Takata iniziò ad insegnare lo Shinpiden introducendo il termine di Reiki master per questo livello, [13], fissando in 10.000 dollari il prezzo per il master training.

Takata morì nel 1979 (alcune fonti citano come data della morte il 1980), [14] dopo avere addestrato 22 master. [15] Quasi tutte le conoscenze Reiki nel mondo occidentale derivano dal suo lavoro .[16]

Dopo la morte di Takata, una sua studentessa, Barbara Weber Ray, fondò l'American Reiki Association (ARA) che più tardi diventò l'AIRA e ora è conosciuta come Radiance Technique International Association Inc. (TRTIA). L'associazione si differenzia negli insegnamenti dagli altri master e associazioni Reiki, considerandosi l'unica vera depositaria dell'eredità di Takata. [17]

Subito dopo la fondazione dell'ARA, Phyllis Furumoto, nipote di Takata, fondò la Reiki Alliance .[18]

Un altro studente di Takata, Iris Ishikuro, abbandonò la pratica di chiedere il prezzo di 10.000 dollari per il conseguimento del livello di master Reiki consentendo al Reiki di diffondersi più ampiamente.

Un grande varietà di contenuti New Age si è spesso aggiunta al Reiki, a volte integrandolo in parte ed esistono numerose scuole di pensiero.[19] Oggi, un Network Reiki è stato fondato per promuovere la standardizzazione delle tecniche tradizionali del Reiki. [20]

Nel Tempio Saihoji che si trova nel Distretto Suginami di Tokyo esiste un monumento commemorativo di Usui Sensei, costituito da un monolito collocato vicino alla tomba contenente le ceneri di Usui, della moglie e del figlio. Contiene iscrizioni firmate dal Signor Ushida che parlano della vita di Usui e di come i principi di Reiki provengano dagli scritti dell'imperatore Meiji. Il memoriale fu costruito pochi mesi dopo la morte di Usui e mantenuto fino ad oggi dalla Usui Shiki Reiki Ryoho Gakkai Giapponese. Il testo è il seguente:

Colui che si dedica con impegno allo studio e alla meditazione e lavora instancabilmente per migliorare il corpo e la mente allo scopo di diventare una persona migliore è chiamato un uomo dalla grande anima. Coloro che utilizzano questo dono per scopi sociali, ovvero indicare la retta via a molte persone e operare per il bene comune, sono chiamati maestri. Usui era uno di questi maestri. Egli insegnò il Reiki Universale. Innumerevoli persone andarono da lui e gli chiesero di insegnare loro la grande via del Reiki
L'ideogramma tradizionale del Reiki: derivazione del nome [modifica]

Il nome Reiki deriva dalla pronuncia di due caratteri giapponesi che descrivono l'energia in sè: '霊 rei' (significante 'l'al di là' o 'spirituale') e 気 ki (in cinese qi, qui nel significato di 'energia' o 'forza vitale').[21]

Nelle lingue occidentali, il significato di Reiki è spesso definito come Energia Vitale Universale [22] (traduzione usata da Hawayo Takata). Il sostantivo "Reiki" comunemente si riferisce indistintamente sia all'energia sia al metodo terapeutico che utilizza l'energia. Reiki è anche usato come verbo e aggettivo. I madrelingua giapponesi utilizzano il termine in senso generico come "potere spirituale" distinguendo dallo specifico "metodo Usui di cura Reiki", similmente la pratica viene a volte chiamata Usui-do o Usui-no-michi ("il Metodo di Usui").

Principi teorici del Reiki [modifica]

Gli insegnamenti del Reiki affermano che c'è una energia vitale universale, [23] accessibile ai praticanti per indurre effetti curativi. [24]

Viene affermato dai praticanti di Reiki che ognuno di noi può acquisire la capacità di accedere a questa energia (iniziazione) [25]. Tutti, in pratica, possono essere iniziati al Reiki. La credenza di base è che l'energia scorrerà attraverso le mani del praticante. Alcuni insegnanti sottolineano l'importanza dell'intenzione (di sanare le ferite) del praticante in questo processo mentre altri affermano che l'energia è estratta dalla ferita del ricevente al fine di attivare il processo di guarigione. [26] Andando oltre, la credenza fondamentale vuole che il Reiki sia un'energia intelligente che rende la diagnosi di un male non necessaria. [27]

Un secondo livello di insegnamento Reiki, che include un'ulteriore iniziazione, serve ad equipaggiare il praticante dei mezzi per "curare" a distanza. [28] Questo metodo, dichiarano i sostenitori del Reiki, prevede l'uso di speciali simboli per creare una connessione temporanea tra il praticante ed il ricevente, a prescindere dalla ubicazione dei due soggetti, al fine di inviare l'energia Reiki. [29] Si afferma inoltre che il Reiki non è vincolato a uno specifico punto nel tempo, ma può essere inviato nel passato o nel futuro. [30]

L'energia impiegata nelle terapie Reiki si dice discenda dall'Universo piuttosto che da energia personale del praticante [31] e per questo è inesauribile [32] (alcuni insegnamenti affermano che l'energia entrerebbe nel praticante attraverso un chakra per poi defluire attraverso le mani). [33] Come conseguenza di questo, viene insegnato ai praticanti il Reiki che essi possono curare se stessi attraverso il Reiki. [34]

Il Reiki è altresì usato dai praticanti come medicina preventiva poiché, si afferma, l'energia stimola la cura prima ancora che ci sia un evidente sintomo del male. [35] Altra conseguenza della semplicità del Reiki è che esso può essere insegnato ai bambini. [36]

Alcuni insegnanti affermano che, in taluni livelli, se il ricevente non vuole essere curato, l'energia non scorrerà. [37]

Gli aderenti descrivono il Reiki come una terapia olistica che cura malesseri fisici, mentali, emozionali e spirituali. [38] Si afferma poi che la guarigione può interessare parte o tutti questi aspetti in un singolo trattamento senza alcuna necessità conscia di direzionare l'energia sia da parte del praticante sia da parte del ricevente.

Reiki e Chakra [modifica]

I chakra non facevano parte degli insegnamenti originali del Reiki, ma sono stati aggiunti successivamente ai vari stili che sono nati in America nella metà degli anni '80.
Molti Masters, sia tradizionali che non tradizionali, insegnano i chakra come componente importante del sistema Reiki. Alcune scuole non tradizionali indipendenti insegnano anche tecniche particolari quali l'apertura e la chiusura dei chakra, se il "vortice" gira in senso orario piuttosto che in senso antiorario e che cosa significa. Vi sono opinioni discordanti in tal senso e sui colori attribuiti ai vari chakra.
Altri Masters usano pratiche New Age e pendoli per determinare "la rotazione" di un chakra, o come oracoli per stabilire se un chakra "è ostruito" o fluisce liberamente.

Il Reiki e le discipline terapeutiche alternative [modifica]

Si afferma che il Reiki possa essere usato nel trattamento di praticamente tutte le malattie e disturbi conosciuti. Quando affiancato ad altre terapie naturali ed allopatiche, ne migliorerebbe l'efficacia.

Il Reiki secondo chi lo pratica avrebbe l'effetto di migliorare i risultati del trattamento medico globale, agendo in modo da ridurre gli effetti collaterali di eventuali farmaci, ridurre il tempo del trattamento, ridurre o eliminare il dolore, ridurre lo sforzo e contribuire ad aumentare un senso generale di ottimismo, che gioverà alla cura nel suo complesso.

Il Reiki, inoltre, secondo i sostenitori, può essere abbinato alla medicina tradizionale così come altre medicine alternative che tengono in considerazione la salute della persona da un punto di vista olistico quali Omeopatia, i Fiori di Bach, Aromaterapia, Aurasoma, Medicina Ayurvedica e Fitoterapia, e con la Cristalloterapia.

La malattia vista dal Reiki [modifica]

Seguendo il punto di vista olistico, nel Reiki si afferma che la malattia, in qualsiasi forma si presenti, non è altro che la manifestazione sul piano fisico di uno squilibrio energetico. Secondo questa visione, traumi, incidenti, alimentazione, eventi atmosferici, situazioni ambientali, danno origine a dei blocchi energetici e alle malattie. [39] Il Reiki ha come scopo quello di rimuovere questi blocchi energetici, ristabilendone il flusso, ristabilendo l'armoniosa interazione tra mente e corpo.

L'evento esterno, secondo questo punto di vista, può al massimo partecipare come concausa nella produzione di uno specifico sintomo, ma il conflitto nasce sempre nella psiche dell'individuo. Il dolore è l'informazione preposta alla conservazione della vita.

Malattia e squilibrio secondo il Reiki [modifica]

Affermano i seguaci del Reiki che quando l'energia vitale non fluisce regolarmente all'interno del corpo umano seguendo il giusto ritmo, si parla di squilibrio energetico. La funzione principale del Reiki è quella di ristabilire questo equilibrio, e di permettere alla salute, alla vitalità ed alla felicità di manifestarsi liberamente. Le emozioni positive come la felicità, il buon umore, l'amore, la pietà, la tranquillità e l'appagamento sono qualità energetiche molto pure.
Secondo i praticanti il Reiki, quando vengono provate queste emozioni, si sta generando energia positiva. Le emozioni negative come la preoccupazione, la paura, il terrore, l'avversione, la rabbia, l'avidità, la bramosia, l'invidia sono energie molto dense e pesanti che richiedono grandi quantitativi di energia e di lavoro per circolare e sostenersi, tendendo ad infettare le altre persone con le quali vengono in contatto (come fanno anche le emozioni positive). [40] Ecco dove, secondo i seguaci, il Reiki agisce. Comincia ristabilendo la pace e l'equilibrio nella mente e nel corpo.
Ristabilendo questo equilibrio e raggiungendo la "guarigione spirituale" anche il corpo ne avrà beneficio.

Il costo dei livelli Reiki [modifica]

Alcuni insegnanti affermano tuttavia che non ci deve essere una stretta correlazione tra Reiki e denaro cioè si afferma che "un buon insegnante è colui che adotta il buon senso, ed è principalmente consapevole dei suoi limiti umani e delle sue insicurezze, si farà sicuramente pagare cifre ragionevoli che gli permettano di fare una vita dignitosa, senza mai eccedere nelle richieste e ti darà anche un buon insegnamento in quanto sarà frutto della sua vera esperienza evolutiva" [42].

Controindicazioni e critiche [modifica]

Secondo gli estimatori, essendo il Reiki un'"energia intelligente", non ci sono controindicazioni: il Reiki sa come deve agire, quindi non può causare danni.

Al contrario, alcune testimonianze[43] riportano che in talune persone il Reiki induce soggezione psicologica poiché può portare a ritenere che il Reiki possa risolvere qualsiasi problema, fino a fare trascurare le terapie tradizionali, di dimostrata efficacia, curando ogni male (o affrontando ogni situazione della vita) con tale disciplina. Inoltre, il Maestro a cui ci si affida può far leva sul grado di influenza che ha sugli adepti per strutturare forme di condizionamento del tutto simili a quelle presenti all'interno delle sette.

Più in generale, del reiki si contesta che non ha alcuna valenza scientifica: non sono disponibili studi scientifici seri (studi controllati "in cieco", pubblicati su riviste autorevoli che ne garantiscano la serietà); inoltre, le spiegazioni fornite, basate su squilibri energetici, energia cosmica, canali energetici e così via, pur comuni nel campo delle medicine alternative, sono completamente estranee alla scienza moderna, e si collegano piuttosto a concezioni magiche.[44]
Si afferma che il Reiki, mancando di ogni fondamento scientifico, deve i suoi eventuali (e comunque non dimostrati) benefici all'effetto placebo. [45]
Altra tesi sostenuta dagli scettici è che il Reiki non sarebbe altro che un terapia per stare bene con sé stessi, non aspettandosi il praticante alcun significativo effetto di guarigione da alcunché. [46]

In definitiva la pericolosità del trattamento Reiki è simile a quella di molte altre forme di medicina alternativa: spingere il praticante ad abbandonare forme di cura scientifiche per privilegiare forme di cura alternative prive di alcuna prova scientifica.

Il Reiki e la Chiesa cattolica [modifica]

Ad essere contestata è anche la conciliabilità del Reiki con la religione cattolica poiché, come le varie esperienze e tecniche psico-fisiche di "meditazione" o di "guarigione" - che di per sé non presentano verità da credere -, in realtà insinua una determinata visione dell'uomo e del mondo non conforme alla Rivelazione di Gesù Cristo. [47]

Il Reiki ha poi avuto un'ampia diffusione negli Stati Uniti d'America, il primo paese occidentale a conoscerlo, tanto da meritare l'attenzione della Commissione per la Dottrina della Conferenza episcopale degli Stati Uniti che, il 25 marzo 2009, ha bollato come "superstizione" il Reiki, asserendo che sia senza alcun fondamento scientifico e contrario alla fede cristiana. Il Reiki sarebbe infatti una tecnica di channeling o spiritismo e, sebbene alcuni praticanti Reiki abbiano tentano di cristianizzarlo con l'aggiunta di una preghiera a Cristo, questo non cambierebbe il carattere essenziale del Reiki che non ricorre alla guarigione per mezzo della Divina Grazia - ottenuta con la preghiera a Cristo -, ma per mezzo di una tecnica che verrebbe trasmessa dal Reiki Master all'allievo.

Per queste ragioni la Conferenza episcopale degli Stati Uniti ha denunciato gli importanti pericoli del Reiki in termini di cura per la salute spirituale, condannandolo in quanto non compatibile con la dottrina Cristiana. [48]

Note [modifica]

1. ^ (EN) Il Reiki come pratica spirituale: (Lübeck,Petter,Rand 2001 ch14,pp108-110); (Ellyard 2004 p79); (McKenzie 1998 p19,42,52); (Lübeck 1996 p22); (Boräng 1997 p57); (Veltheim,Veltheim 1995 p72)
2. ^ (EN) Il Reiki come terapia complementare: NCCAM;[1] BMJ;[2] ICM [3]
3. ^ (EN) Cos'è il reiki secondo la Reiki Alliance;[4] Il Reiki Network;[5] La casa Internazionale del Reiki;[6] Il centro internazionale per l'insegnamento del Reiki [7]
4. ^ (2008) Effects of Reiki in clinical practice: a systematic review of randomized clinical trials. International Journal of Clinical Practice 62 (6): 947. DOI:10.1111/j.1742-1241.2008.01729.x. URL consultato il 2008-05-02.
5. ^ (EN) Centro Nazionale per la medicina alternativa e complementare. An Introduction to Reiki
6. ^ (EN) Fondamenti dell'Usui Reiki Ryoho Gakkai: (Lübeck,Petter,Rand 2001 p14)
7. ^ (EN) La Vera Storia del Reiki: (Canil,Petter 2000 p22-23)
8. ^ (EN) La pratica dei 5 Principi Part of Reiki Alliance membership agreement
9. ^ (EN) I 5 principi del Reiki: Reiki Principles; (Petter 1998 p29); (Lübeck,Petter,Rand 2001 p95)
10. ^ (EN) Gli insegnamenti di Hayashi: (Lübeck,Petter,Rand 2001 p17,ch19)
11. ^ (EN) Hayashi trained Takata: (Ellyard 2004 p13)
12. ^ (EN) La pratica e gli insegnamenti Reiki di Takata in USA: (Ellyard 2004 p15)
13. ^ (EN) L'inizio dell'insegnamento di Takata del Reiki Masters: (Ellyard 2004 p15)
14. ^ (EN) morte di Takata: (Ellyard 2004 p16); alcune fonti citano come anno della morte il 1980: (Petter 1997 p21), (Veltheim, Veltheim 1995 p26)
15. ^ (EN) Takata formò 22 Reiki Masters: (Ellyard 2004 p14), (Veltheim, Veltheim 1995 p26), (Petter 1997 p20)
16. ^ (EN) L'importanza di Takata nel portare il Reiki fuori dal Giappone: (Ellyard 2004 p14,16), (Veltheim, Veltheim 1995 p26)
17. ^ (EN) The Radiance Technique brief history and "authentic" stance: (Ellyard 2004 p23)
18. ^ (EN) La fondazione della Reiki Alliance: (Ellyard 2004 p20)
19. ^ (EN) Diversification of Reiki: (Ellyard 2004 p24)
20. ^ (EN) Formazione e obiettivi del Reiki Network: (Veltheim, Veltheim 1995 p113), [8]
21. ^ (EN) Derivazione del nome: (Lübeck,Petter,Rand 2001 ch6)
22. ^ (EN) Il Reiki come "Energia Vitale Universale": (Lübeck,Petter,Rand 2001 p302); (McKenzie 1998 p18); (Shuffrey 1998 p1)
23. ^ (EN) Il Reiki come energia vitale universale: (Lübeck,Petter,Rand 2001 p62); (McKenzie 1998 p18); (Ellyard 2004 p75); (Lübeck 1994 p13); (Boräng 1997 p8)
24. ^ (EN) Il Reiki può indurre la guarigione: (McKenzie 1998 p18); (Lübeck,Petter,Rand 2001 p14,68); (Veltheim,Veltheim 1995 p30); (Ellyard 2004 p27)
25. ^ (EN) Chiunque può essere inizializzato al Reiki: (Lübeck,Petter,Rand 2001 p8); (Veltheim,Veltheim 1995 p35); (Ellyard 2004 p77)
26. ^ (EN) Il Reiki attiva o potenzia la guarigione naturale: (McKenzie 1998 p18); (Veltheim,Veltheim 1995 p78,93); (Gollagher 1998 p24)
27. ^ (EN) Il Reiki è 'intelligente': (Ellyard 2004 p28,29); (Boräng 1997 p10)
28. ^ (EN) Il secondo livello permette le guarigioni a distanza: (Ellyard 2004 p107); (McKenzie 1998 p56); (Lübeck 1994 p155); (Veltheim,Veltheim 1995 p119)
29. ^ (EN) Use of symbols for connection during distant healing: (McKenzie 1998 p39); (Ellyard 2004 p110)
30. ^ (EN) Il Reiki può essere inviato nel passato o nel futuro: (McKenzie 1998 p39); (Ellyard 2004 p115); (Lübeck 1994 p155)
31. ^ Reiki energy is from the Universe, not personal: (Ellyard 2004 p27,28,75); (Boräng 1997 p9)
32. ^ (EN) Reiki is inexhaustible. (McKenzie 1998 p18); (Boräng 1997 p9)
33. ^ (EN) Reiki enters practitioner through crown chakra: (Ellyard 2004 p27,28)
34. ^ (EN) Self-treatment is possible: (Ellyard 2004 p27); (Veltheim,Veltheim 1995 ch6); (McKenzie 1998 p18,66); (Baginski,Sharamon 1988 ch7); (Gollagher 1998 ch6)
35. ^ Reiki as preventative medicine: (McKenzie 1998 p18); (Ellyard 2004 p69)
36. ^ (EN) Children can use Reiki: (Ellyard 2004 p55); (McKenzie 1998 p100)
37. ^ Reiki blocked if recipient does not want to be healed: (Lübeck 1994 p16)
38. ^ (EN) Reiki is holistic, bringing healing on physical, mental, emotional and spiritual levels: (Baginski,Sharamon 1988 p35); (Gollagher 1998 p44); (Boräng 1997 p10); (McKenzie 1998 p81)
39. ^ La malattia secondo il Reiki
40. ^ La malattia vista dal Reiki
41. ^ Perché pagare il Reiki
42. ^ Reiki e soldi
43. ^ Il libro nero delle sette in Italia di Caterina Boschetti (ISBN 978-88-541-0777-9)
44. ^ Metodologia di approccio a pratiche terapeutiche alternative: il reiki
45. ^ A skeptical assessment of reiki: National Council Against Health Fraud article.
46. ^ Some Thoughts about "CAM" Beliefs
47. ^ Dichiarazione di Angelo Bagnasco e altri
48. ^ Commissione per la Dottrina della Conferenza episcopale degli Stati Uniti: "Linee guida per la valutazione del Reiki" - 25 marzo 2009

Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Introduzione   Oggi a 21:53

Tornare in alto Andare in basso
 
Introduzione
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: TERAPIE ALTERNATIVE E LOGICA - ALTERNATIVE THERAPIES AND LOGIC :: Lo scientismo New Age e le Terapie Alternative - New Age False Science and Alternative Therapies :: Reiki-
Andare verso: