Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 MEDICINA POPOLARE E GUARITORI NEL TERRITORIO DEL PIEMONTE MERIDIONALE - Bruna Viglione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: MEDICINA POPOLARE E GUARITORI NEL TERRITORIO DEL PIEMONTE MERIDIONALE - Bruna Viglione   Lun 4 Gen 2010 - 18:12

FONTE: http://www.israt.it/asticontemporanea/asticontemporanea11/viglione.pdf


MEDICINA POPOLARE E GUARITORI
NEL TERRITORIO DEL PIEMONTE MERIDIONALE

Bruna Viglione

Esiste una ricca bibliografia riguardante la medicina
popolare.
Secondo Massimo Biondi, detta medicina, conosciuta
anche come medicina alternativa è ciò che esiste da tempo
immemorabile accanto alla medicina ufficiale.1
Vidossi afferma: «Si intende per medicina popolare ciò
che il popolo pensa della natura e della causa delle malattie
e ciò che fa per combatterle e prevenirle».2
Parenti fa derivare la medicina popolare, considerandola
nelle sue molteplici espressioni, dal significato attribuito
alla malattia presso i popoli primitivi. Essi non le
attribuiscono una vera e propria autonomia, ma la inquadrano
nelle poliforme manifestazioni delle forze soprannaturali.
3
La definizione più completa è quella che suggerisce
Seppilli, sostenendo che conviene partire
da una definizione di massima dello stesso termine di “medicina”
: con il quale possiamo sostanzialmente intendere, in ogni
1 M. Biondi, Tra antropologia e medicina: il processo di guarigione in medicina
popolare, in Storia e medicina popolare, vol. I, Roma, Rivista del Centro
Storia e Medicina Popolare, Novembre 1983, pp. 6-9.
2 Aa.Vv., La Pranoterapia, Seminario in Medicina Popolare in Italia,
Università di Torino, a.a. 1993-94, pp. 1-4.
3 F. Parenti e P.L.Pagani, I guaritori, Milano, Casa editrice Meschina, 1968,
pp. 15-17.
507
dato contesto storico-sociale, l’assetto delle forme culturali,
comportamentali ed organizzative concernenti, grosso modo, la
difesa della salute e dell’equilibrio psichico. Ora, se facciamo
riferimento a come si presentano tali assetti nelle società cosiddette
complesse, caratterizzate cioè da profonde differenziazioni
nelle condizioni di vita e di cultura dei vari strati sociali, appare
evidente un dato di fondo quasi costante: che l’assetto della
medicina risulta nelle classi popolari significativamente diverso
da quello “culto” della medicina ufficiale. In molte situazioni,
ancora oggi gli strati popolari delle società complesse esprimono
modelli interpretativi e di intervento, e anche figure di operatori,
che si collocano in una logica diversa da quella della medicina
ufficiale. Appunto questa “diversità” dà fondamento alla
definizione di particolari ambiti di rappresentazioni, pratiche e
professionalità, concernenti gli stati di salute/malattia, per i
quali può appunto valere, almeno in prima approssimazione il
termine “medicina popolare”; e, sempre nella “diversità” legittima,
...il costituirsi di una particolare focalizzazione di ricerca,
detta “demoiatrica”, entro il più generale quadro della ricerca
storico-sociale sugli assetti della medicina nelle varie civiltà.
Ma, al di là di una complessiva “diversità” di fondo rispetto i
modelli di medicina delle classi egemoni, va anche sottolineato
che, fra le varie classi rurali o urbane genericamente indicate
con il termine “popolari”, l’assetto della medicina presenta notevoli
differenziazioni, e che in ciascuna di tali classi si configura
come un corpus composito, costituito da forme di diverso
spessore storico e di varia matrice territoriale e sociale se pur
caratterizzato (per effetto di un gran numero di processi di adattamento
e rifunzionalizzazione) da un certo grado di interna organicità.
Non esiste dunque, in genere, nel contesto di una qualsiasi
società complessa, una sola medicina popolare, cioè un assetto
unico e specifico di forme di difesa della salute e dell’equilibrio
psichico comune a tutte le classi subalterne... In assenza
di ulteriori specificazioni l’espressione “medicina popolare”
segnala soltanto il manifestarsi di un limite all’ espansione della
medicina ufficiale “verso il basso” o “verso la periferia”. Invia
esclusivamente alla persistenza, o in ogni caso all’esistenza, almeno
in talune classi subalterne, di costrutti medici e orizzonti
ideologici di riferimento che rispetto alla medicina ufficiale si
presentano come opposti o comunque “altri” e che vanno poi
508 Medicina popolare e guaritori
singolarmente individuati e interpretati in rapporto alle loro specifiche
caratteristiche e alla loro effettiva base socio-territoriale.
4
In ultima analisi il significato di medicina popolare, che
si occupa del rapporto tra uomo e malattia, va ogni volta
specificato considerando lo strato subalterno cui si riferisce,
il preciso territorio che ha rapporti con i centri propulsori
del cambiamento sociale, specifiche relazioni cittàcampagna,
specifiche modalità di circolazione culturale e
specifici rapporti di classe e di potere.
1. Storia della medicina popolare
Per le società primitive, le malattie erano un evento misterioso;
venivano attribuite all’azione dei demoni, di spiriti maligni che
penetravano nel corpo e lo possedevano. Tali forze invisibili,
espressione del male, presenti nella Natura, erano le anime dei
nemici , dei rivali, dei morti e agivano malignamente con il solo
intento di nuocere. In tale interpretazione l’uomo non poteva
nulla di fronte a tali forze che dominavano tutto; l’unica possibilità
di sfuggire ai demoni risiedeva nell’esorcismo, nelle pratiche
magiche, nei sortilegi.5
Nel 2500-500 a.C.
con il fiorire delle prime civiltà, soprattutto quella Assiro-
Babilonese, subentra una nuova sfumatura della concezione di
malattia. L’uomo si ammala perchè ha commesso un peccato e
la malattia è la punizione voluta dagli dei. Nella tradizione
Assiro-Babilonese esistevano più di 6000 divinità, ognuna delle
quali poteva generare una specifica malattia. L’ammalato era un
peccatore, una persona disonorata che doveva esaminare la propria
anima e le proprie colpe per liberarsi dal male. Anche pres-
4 Cfr. T. Seppilli (a cura di), La medicina popolare in Italia: avvio ad una
nuova fase della ricerca e del dibattito, in La ricerca Folklorica, n. 8, Milano,
Grafo edizioni, ottobre 1983, p. 5.
5 Aa. Vv., Medicina viva, vol. I-X, Milano, Fabbri, 1983, p. 154.
6 Ivi.
Medicina popolare e guaritori 509
so gli Ebrei, come si legge nelle Sacre Scritture, si trova un’analoga
interpretazione “punitiva” della malattia.6
Nel 400 a.C.
in Grecia sorgono le prime scuole mediche, le più famose a
Coo, Cnido e Crotone, nella Magna Grecia. La pratica medica
si svolgeva presso i templi di Esculapio, mitico Dio della medicina,
dove il paziente si recava e sostava per alcuni giorni sottoponendosi
a cure mediche, riti sacrificali, purificazioni, abluzioni.
In questa commistione di cura del corpo e purificazione spirituale,
si scorge un rudimento di medicina psicosomatica. Il più
importante dei medici dell’antica Grecia, Ippocrate (460-355
a.C.) che studiò e esercitò la professione a Coo, riteneva che la
malattia si originasse nell’organismo non per azione di divinità
malefiche, ma per una alterazione dell’equilibrio interiore che
poteva essere causata da fattori ambientali, da cibi avariati e
anche da disordini emotivi.7
Per i medici greci, quindi, il corpo e lo spirito erano entità
inseparabili e non era pensabile curare l’organismo
senza intervenire anche sulla mente dell’uomo.
Nel 100 a.C.-400 d.C.
due correnti di pensiero tentarono di spiegare i fenomeni naturali
partendo da concezioni diametralmente opposte: gli idealisti
e seguaci di Pitagora e Platone, che consideravano lo spirito
un padrone, un dominatore della materia, e materialisti, che si
richiamavano alle teorie di Democrito, per i quali era la materia,
formata da un numero infinito di particelle indivisibili, gli
atomi, a prevalere sulla psiche. Uno sforzo per conciliare in
campo medico le teorie degli idealisti e dei materialisti, venne
compiuto da Galeno, uno dei massimi medici dell’antichità.
Nato a Pergamo in Asia Minore nell’anno 130 d.C., visse ed
esercitò la professione a Roma dove fu anche al servizio dell’imperatore
Marco Aurelio. Egli vedeva il cervello come sede
delle sensazioni, del movimento, della ragione e riteneva che le
6 Ivi.
7 Ivi..
510 Medicina popolare e guaritori
malattie fossero legate ad una alterazione dell’equilibrio esistente
tra i componenti fondamentali dell’organismo. Con la sua
opera di fusione delle teorie idealistiche e materialistiche egli
rafforzò l’idea di una stretta relazione tra corpo e psiche, concetto
che abbandonato poi per secoli, riapparirà all’inizio del
novecento.8
Il Medioevo vide il tramonto delle ricerche mediche,
portò al dileguarsi delle conoscenze dell’anatomia, della fisiologia,
della capacità di formulare una prognosi ed impostare una
terapia. Scomparendo la scienza, riaffiorano la superstizione, i
demoni, gli spiriti malvagi; incantesimi, amuleti, talismani e riti
magici furono per secoli gli unici mezzi terapeutici.9
Nel 1500-1700
rifiorì l’interesse per le scienze naturali, per la matematica, la
chimica, la fisica. L’attenzione degli studiosi si concentrò sul
mondo materiale. Questa impostazione si riflettè anche nel rinnovato
interesse per la medicina: si svilupparono gli studi anatomici,
le autopsie, le prime indagini batteriologiche con rudimentali
microscopi. In questo periodo storico l’influenza della
psiche sul corpo fu respinta come una tesi non scientifica.10
Nel 1800-1900 si accentuò la scissione tra mente e
corpo
che già si era creata nelle epoche precedenti. Nell’ottocento la
ricerca in campo medico si svolse prevalentemente nei laboratori
e gli studiosi focalizzarono la loro attenzione sulla cellula
che venne riconosciuta come struttura fondamentale dei tessuti
e degli organi... Dal 1900 ai giorni nostri si assiste ad un nuovo
tentativo di considerare l’uomo come unità inscindibile psichica
e somatica sia nella salute che nella malattia. Furono soprattutto,
ma non solo le teorie psicosomatiche di Sigmund Freud
8 Ivi.
9 Ivi.
10 Ivi.
Medicina popolare e guaritori 511
(1856-1939) a enfatizzare il ruolo della psiche nella genesi degli
stati morbosi. Le osservazioni di Freud si limitarono al campo
delle manifestazioni isteriche. Negli anni successivi, sotto l’influenza
delle idee di Freud, lo studio delle malattie in relazione
alle condizioni psicologiche del paziente ricevette un grande
impulso e diversi quadri clinici furono classificati nell’ambito
delle malattie psicosomatiche:11
la colite ulcerosa, l’ulcera peptica, l’obesità, l’anoressia
nervosa, le malattie ischemiche del miocardio, l’asma
bronchiale, l’artrite reumatoide, l’amenorrea, le malattie
della pelle, le cefalee, i dolori pelvici, l’impotenza secondaria.
Risalta in questo periodo la figura dello psicanalista
Franz Alexander (1891-1964) che introdusse il concetto di
una correlazione non casuale tra un particolare conflitto
psichico ed il preciso disturbo psicosomatico: ne è esempio
il caso dell’ipertensione arteriosa e dell’infarto miocardico
che si svilupperebbero in soggetti che reprimono la propria
aggressività.12
2. Medicina popolare nel territorio del piemonte meridionale
Tenendo presente il quadro eterogeneo delle diverse posizioni
dell’uomo, secondo il tempo e la società, per il
mantenimento biopsichico, ho focalizzato, nella ricerca
che qui presento, l’attenzione sulla medicina popolare e sui
guaritori nel territorio del Piemonte meridionale.
La medicina popolare ha una visione unitaria del corpo,
è legata alla personalità dell’individuo, agli schemi di comportamento,
ai rapporti interpersonali. La sua caratteristica
principale è di essere strettamente correlata ai vari momenti
dell’esistenza dell’uomo: riguarda soprattutto le
11 Ivi.
12 Cfr., ivi, p. 159.
512 Medicina popolare e guaritori
pratiche propiziatorie, preventive, di cura o di annientamento
del male che scandiscono i momenti più rilevanti
della vita individuale e collettiva.
Lo/a specialista nella cura delle malattie chiamato, nella
zona d’indagine, “settimino”, “pranoterapeuta”, “guaritore”,
“masca”, è colui che per virtù innata possiede una
qualche facoltà paranormale o super normale, o anche solo
dispone di mezzi psichici atti a risolvere alcune situazioni
di patologia medica, senza che necessariamente possegga
cognizioni di medicina né tanto meno che sia medico.
Tra i documenti scritti che ho avuto modo di analizzare
voglio citare l’opera dello studioso di economia e finanze
Giovanni Eandi (1833-1836), prestante servizio presso la
pubblica amministrazione sabauda, che denuncia la credenza,
nel Piemonte, da parte di uomini incolti dell’esistenza
di esseri maligni disposti a «ingenerare malattia
lenta» e «uomini al mondo capaci di virtù segrete».13
Quella profonda ignoranza lascia credere a tali incolti uomini,
che vi siano uomini al mondo capaci di virtù segrete e padroni
de’ più reconditi arcani della natura: vogliono essi, che alcuni
genij mali-gni siano disposti ad ingenerare malattia lenta, od a
produrre la mancanza repentina di sanità nei fanciulli, la perdita
subitanea del latte ad una nutrice ed anche alle bestie bovine,
il che attribuiscono, come sogliono dire, ad un “incontro” con
qualche strega o spirito o folletto, oppure pretendono che l’origine
del male provenga dalla malevolenza di qualche persona
avversa o nemica, e non si esitano di sostenere talvolta, che le
persone trapassate, ed alcuni uomini viventi si trasformino in
bestie feroci per infestare le campagne.
E ancora:
Se accade un temporale con grandine si vedono non solo i contadini,
ma eziandio persone di miglior condizione pronte a pren-
13 Cfr. M. Douglas (a cura di), La stregoneria, Torino, Einaudi, 1980.
Medicina popolare e guaritori 513
dere la catena da fuoco od i pannolini dei putti, e gittare ogni
cosa fuori casa nell’erronea persuasione, che abbiano simili arredi
il privilegio di far cessare un sì spaventoso flagello.14
Le teorie contadine riguardanti la medicina sono parte
di una più ampia visione del mondo nella quale sono più
fitti i rimandi e le corrispondenze tra il cosmo, l’ambiente
naturale, l’animale e l’uomo.
Questa visione che non manca di controparti colte come quella
dell’ermetismo e platonismo rinascimentale, non è stata afferrata
dagli intellettuali ottocenteschi; ai loro occhi è apparsa solo
una congerie disorganica di stranezze e “superstizioni”, aggravate
dall’ignoranza delle acquisizioni scientifiche e culturali eurocolte,
ed è risultata quindi incomprensibile la tenuta delle concezioni
magiche e dei comportamenti ad esse coerenti (e tanto
più inspiegabile la loro diffusione tra persone colte e di più elevata
condizione sociale).


Ultima modifica di Admin il Lun 4 Gen 2010 - 18:13, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: MEDICINA POPOLARE E GUARITORI NEL TERRITORIO DEL PIEMONTE MERIDIONALE - Bruna Viglione   Lun 4 Gen 2010 - 18:12

Solo più tardi lo sviluppo industriale e urbano avrebbe minato
le basi della comunità contadina e delle sue conoscenze e pratiche
ormai tradizionali; quella visione del mondo ha così perso
forza e organicità e si è attenuata la percezione di legami e corrispondenze,
anche se essa non è caduta completamente.15
come ho personalmente constatato intervistando i guaritori.
3. Situazione socio-economica-etnica-antropologica
Percorrendo la statale Torino-Asti, che scorre in pianura
fino a Valfenera, ci si trova, appena imboccata la discesa,
di fronte ad un susseguirsi di dolci pendii collinari coperti
da vigneti, prati e frutteti, separati qua e là da lembi
di bosco. Qui si giunge a Valfenera, Ferrere, Cisterna,
14 G. L.Bravo, Stregoneria e magia contadina, Il Platano, 1989, p. 139.
15 G.L.Bravo, Stregoneria e magia contadina, Il Platano, xiv 1989, p. 139-140;
AA.VV, Tra sviluppo e marginalità, Asti, Israt, 2006.
514 Medicina popolare e guaritori
Canale, San Damiano che hanno caratteristiche del Monferrato
astigiano e del Roero. Si tratta di appezzamenti eterogenei
di terreno per forma e dimensione; la forma e
l’estensione di ogni particella, scrive Giovanni Renosio16,
derivano spesso dalla conformazione del terreno (nel senso
di giacitura e pendenza) alla quale l’uomo ha dovuto
adeguarsi nel momento in cui è dovuto intervenire per mettere
a coltura lo stesso. Essi creano una sorta di rete a
maglie irregolari che nel complesso danno, ad un attento
osservatore, l’impressione di una più generale omogeneità.
Soffermando l’attenzione sulla collocazione geografica
dell’area territoriale soggetta ad indagine (cinque paesi
confinanti) si può notare come essa si incunei fra Asti,
Torino e Cuneo, le tre province sud-occidentali del Piemonte
ad una distanza rispettivamente di circa 20 Km, 40
Km e 70 Km e ciò accerta la perifericità della zona rispetto
ai grandi centri urbani.
Gli elementi caratterizzanti il paesaggio sono: la collina,
il vigneto e la piccola proprietà diretto coltivatrice; tale
configurazione è la conseguenza dell’azione modificatrice
di fattori sia naturali sia umani. Se è noto che un paesaggio
sia la conseguenza dell’evoluzione climatica e geologica
generante elementi mineralogici, animali e vegetali tipici,
non bisogna dimenticare l’incidenza sull’ambiente del rapporto
uomo-terra. L’evoluzione di un dato paesaggio è imprescindibile
da coloro che lo abitano. Gli uomini, col
tempo, piegano l’ambiente alla loro volontà e le sue modificazioni
impongono la modificazione degli uomini stessi,
della loro cultura, della loro mentalità.17
Approfondendo l’analisi di tale concetto ricordiamo alcuni
caratteri storici salienti. Nel territorio d’indagine, nel
16 G. Renosio, Trasformazioni del territorio e crisi del “mondo contadino”, in
AA.VV, Tra sviluppo e marginalità, Asti, Israt, 2006.
17 Cit., ivi.
Medicina popolare e guaritori 515
periodo compreso fa la seconda metà del diciannovesimo
secolo e la prima metà del ventesimo, esistevano pochi
centri di qualche importanza in cui risiedeva la maggior
parte della popolazione e più di un centinaio di piccoli comuni,
spesso isolati fra loro.
Le relazioni si svolgevano per lo più all’interno della
comunità locale. La terra serviva per sfamare la famiglia.
Era fondamentale la coltivazione della vite, i cui interfilari
venivano utilizzati per la semina di prodotti-base utili per
l’alimentazione quotidiana.
In questo contesto storico e socio-culturale, in cui regnavano
la miseria e la disponibilità di braccia, risultavano
ambite anche le occasioni di lavoro saltuario. L’utilizzo di
servitù e servente era una pratica abituale per le famiglie
più ricche, almeno fino alla vigilia della seconda guerra
mondiale. E tutta la vita delle persone ruotava attorno a
tempi di lavoro e festa scanditi dal ritmo della giornata e
delle stagioni.
In pochi anni si è passati da una dipendenza dai cicli
naturali ad uno sfruttamento incondizionato della campagna,
conseguenza anche della meccanizzazione e della
graduale scomparsa della trazione animale.
Giungiamo ai nostri giorni in cui i dati rilasciati dalla
Camera di Commercio di Asti confermano che nell’anno
1996 sono aumentate le immatricolazioni di macchine
agricole e precisamente in primo luogo i trattrici o trattori,
poi i rimorchi, le macchine agricole operatrici, i motocoltivatori,
le motoagricole, le motozappatrici, le mietitrebbiatrici
e per ultimi gli apparecchi sprovvisti di motore.
Si nota confrontando “immatricolazioni nuove” e “immatricolazioni
usate” che le prime prevalgono nelle macchine
agricole operatrici, nei motocoltivatori, nelle motofalciatrici,
negli attrezzi sprovvisti di motore e nei rimorchi.
Altro fattore, che a partire dalla fine degli anni ’60, ha
516 Medicina popolare e guaritori
agito in tale direzione è stato il diserbo chimico, cioè l’utilizzo
dei fertilizzanti di sintesi.
Ciò ha provocato la diminuzione della manodopera, una
maggior produttività e il modificarsi del rapporto uomocampagna.
Riduzione di manodopera vuol dire anche abbandono
delle tradizionali, di fondamentali pratiche di
tutela e conservazione del territorio come ad esempio le
regimazioni idriche e la manutenzione delle strade interpoderali.
Infine con il progresso tecnologico e la conseguente alternativa
di tipo di vita offerto dallo sviluppo industriale si
assiste all’abbandono, proprio a partire dai giovani, della
campagna.
Dal 1861 al 1971 la flessione demografica coincide con
l’emigrazione verso paesi stranieri sia europei (in particolare
Svizzera, Francia e Germania) sia extraeuropei (America
meridionale).
Si riportano fedelmente due citazioni di Luciano
Bertello riguardanti storie di emigrati, perché sono la testimonianza
di questa fuga da condizioni materiali e psicologiche,
legate al mondo contadino, che trovavano spesso
sfogo nella bestemmia, nella violenza o nell’alcool, verso
l’illusione della sopravvivenza.
Non esiste un’età per emigrare, [...] Basta un nulla: una frana, la
morte di un vitello, una grandinata, una siccità persistente, una
malattia e la precarietà in cui si vive diventa malora. Li unisce
la volontà di ribellarsi alla rassegnazione, la fiducia nelle proprie
forze ed il mestiere di contadino. Ecco due casi: Damonte
Giuseppe è un piccolo contadino canalese, sposato e con quattro
figli “è storpio d’una mano e debole non più capace di molto
lavoro attese le molte fatiche sofferte”. Affitta dal Comune un
sito “montuoso e scosceso” posto in regione Rocche e [...] ne riduce
una piccola porzione a coltivo e fruttifero. [...] Ma nel
1876 “ecco defraudata ogni sua speranza! Dopo soli nove anni
di godita una orribile frana [...] portò via per una metà ogni spe-
Medicina popolare e guaritori 517
ranza di coltivazione rendendo lo stabile almeno per un quarto
una nuda e ripida roccia.18
Ferrero Giacomo alla Madonna dei Cavalli ha casa, poca terra e
“tenera famiglia”. Si industria per il possibile ed affitta stabili
dal Comune. “Nella primavera del corrente anno ebbe a morirgli
una bestia bovina del valore di lire 120 ed in luglio ebbe l’infortunio
di essergli state abbruciate sei borse di formento che
aveva raccolto in fondo da esso tenuto in affitto [...] quali erano
il principale e quasi unico sostentamento” ora non può pagare
l’affitto e si trova nell’estrema miseria.19
Dal 1950 al 1976 vengono lasciate alcune zone con il
conseguente sovraccarico di altre in seguito all’ondata emigratoria
dal Sud verso il Nord industrializzato e dalla
campagna alla città, fenomeno che in misura minore continua
ancora oggi. In esso sono state colpite in modo massiccio
le frazioni, mentre i nuclei dei paesi hanno funzionato,
specie in questi ultimi anni, da zona di compensazione,
grazie anche alla presenza di alcune industrie come la
Facis e l’Ocava.
Questo fatto è interessante anche a livello sociale, in
quanto non significa solo paesi che si svuotano, ma in cui
la popolazione invecchia gravemente. La generazione tra i
15 ed i 30 anni è molto esigua. Infatti non solo i giovani
sono i primi ad andarsene, ma sono anche quelli che rifiutano
di formare nuove famiglie in centri troppo poveri che
non permettono di omologarsi al modello dominante nel
nostro tempo.
Si tratta di una svolta epocale che ha condotto alla fine
della civiltà contadina: un mondo vecchio di millenni, con
la sua storia, le sue tradizioni, la sua cultura.
Il progresso tecnologico ha reso meno faticosa e più si-
518 Medicina popolare e guaritori
18 L.Bertello e B. Molino, Canale - Storia e cultura di una Terra del Roero,
Cavallermaggiore, Gribaudo, 1989, p. 493.
19 Ivi.
cura la produzione e di conseguenza molti riti, superstizioni,
detti e capacità derivate da esperienze millenarie
sono state messe da parte. Ad esempio con le pompe a motore
non è più necessario contrastare la siccità pregando S.
Anna, S. Giacomo o S. Lorenzo; con i concimi chimici gli
effetti delle fasi lunari sulle semine diventano di secondaria
importanza; con il riscaldamento a metano o a gasolio
non è più necessario potare le viti di luna nuova per
conservare a lungo le fascine di tralci (un tempo indispensabili)
per accendere il fuoco.20
Così l’antica struttura uomo-ambiente si sgretola sotto
l’effetto congiunto della crisi agricola e della concentrazione
delle attività produttive, mentre la struttura urbana
e sotto-urbana dei nuclei non è più in grado di accogliere
l’afflusso di nuove leve e di rispondere adeguatamente alla
crescente domanda di servizi.21
Il paese cambia, e assume la funzione di dormitorio e di
estensione della produzione dei grandi centri. Sono in aumento
i lavoratori in proprio che gestiscono una piccola
azienda industriale, i soci di cooperative aventi figura di lavoratori
in proprio o chi lavora nel proprio domicilio direttamente
per conto di consumatori o su commissione di imprese
che hanno sede in altro loco. Queste nuove figure lavorative
trovano sbocco nel settore meccanico, tessile e socioassistenziale.
Inoltre il paese è visto dai cittadini come un ritorno a
principi di vita sana.
Il sentire e l’avvertire i problemi e le esigenze, fanno sì
che gli individui riconoscono la necessità di non costituire
un elemento inerte.
Medicina popolare e guaritori 519
20 Cfr, P. Maiocco, Analisi del ciclo delle cerimonie in un paesino dell’astigiano,
voll. I-III, Facoltà di Magistero, Università di Torino.
21 Cfr. G. Vanzetti, Il fenomeno delle masche in due comunità del Piemonte
meridionale, Tesi di laurea in Sociologia urbana e rurale, voll. I-II, Facoltà di
Magistero, Università di Torino.
Tale movimento, fervore, fa riflettere sulla possibilità di
nuove regole del “gioco sociale”: può tradursi in un elemento
di freno della dialettica sociale quando in esso
prevalgono le ansie del presente sulle spinte a “creare futuro”;
può invece rivelarsi una molla essenziale dei processi
di crescita e di innovazione sociale quando riesce a intuire
e concepire tutte le potenzialità di sviluppo insite
nella situazione data.
4. Guaritori di campagna
Gli specialisti della guarigione, nella zona d’indagine
rispondono al nome di “settimini”, pranoterapeuti e guaritori.
L’essere conoscitori della flora locale è una caratteristica
costante; molti ritengono poi che vi sia una circolazione
energetica nell’universo che metta in relazione uomo,
ambiente e Creatore. Ci si trova di fronte a una realtà
in cui esiste una divisione tra mondo umano, visibile, e un
mondo invisibile degli spiriti, che intervengono costantemente
in esso.
I guaritori si differenziano per caratteristiche fisiche e
caratteriali, tipologia del dono ricevuto, natura del donatore,
tecniche di guarigione, tipo di malattia che curano,
stile di vita, rapporto con il cliente e con la medicina ufficiale.
Anche se il tempo ha operato delle modifiche, frequenti
sono i rimandi a pratiche dei primordiali approcci
dell’uomo con malattia e con la salute.
4.1 Doti naturali
Una prima categoria di guaritori si distingue dal modo
in cui sono nati. Un tempo, infatti, si riteneva che le doti
dei guaritori prendessero origine in primo luogo dalle
modalità connesse alla nascita o dalle qualità ereditarie23.
23 Cfr. F. Parenti, e P. L. Pagani, I guaritori, Milano, Casa editrice Meschina,
1968, p. 60.
520 Medicina popolare e guaritori
Così era diffusa la credenza dell’esistenza di famiglie custodi
di qualità straordinarie capaci di tramandarle ai loro
successori. A differenza del risultato di altre ricerche etnologiche
riguardanti la medicina popolare, come quella guidata
da Ernesto De Martino (15 maggio - 4 giugno 1957)
presso gli abitanti delle montagne della Lucania, tale convinzione
non implica necessariamente il matrimonio con
gente appartenente allo stesso gruppo sociale.24
Non bisogna dimenticare, però, che nei paesi della zona
d’indagine predominava la famiglia patriarcale a tendenza
endogamica.
La maggior parte dei matrimoni avvenivano rispettando
lo stato sociale di appartenenza: il prestigio della famiglia,
il potere, la ricchezza, l’istruzione e le caratteristiche fisiche.
Si può quindi ipotizzare, ma non esistono testimonianze
che l’accertino, che questo rispetto riguardasse, un tempo,
anche le caratteristiche di guaritore.
I settimini erano considerati dei guaritori per nascita.
Oggi questa espressione è usata con un significato del tutto
diverso da un tempo, in cui tale espressione si riferiva alle
persone nate di sette mesi o ai maschi nati dopo sei maschi
non inframmezzati da alcuna femmina ed alle femmine
nate dopo sei femmine consecutive.
Non esistono guaritori nati con la camicia, cioè venuti
alla luce ricoperti dal sacco amniotico o con caratteristiche
fisiche visibili particolari, cosa invece molto comune nei
guaritori di altri tempi come testimoniano i racconti dei
contadini.
Per quanto riguarda il sesso, su 15 specialisti della guarigione
intervistati 11 sono donne e 4 uomini.
Innanzitutto la differenza di sesso corrisponde a una
Medicina popolare e guaritori 521
24 E.De Martino, La terra del rimorso, Milano, Il Saggiatore, 1961.
differenza di età. Le guaritrici intervistate sono più anziane
dei colleghi maschi. Si tratta di donne che hanno conosciuto,
se non la prima (solamente due hanno vissuto la prima
guerra mondiale) la seconda guerra mondiale. Il tema della
guerra è d’obbligo, basta un niente perché il discorso cada
su quei giorni di fatica, fame e terrore. Sono donne segnate
dal dolore, ma vive e ricche di una grande forza interiore.
La donna aveva compreso che questo suo modo di fare
medicina a livello di classi popolari e subalterne, poteva
rappresentare il mezzo per arrivare alla conquista di quelle
posizioni sociali delle quali era esclusa, il mezzo di ribellarsi
alla oppressione ed allo sfruttamento, il mezzo per affermare
altri valori che non fossero la bellezza e la maternità
mistificati come fondamentali della sua vita, ma l’intelligenza,
l’intuizione, la capacità di studiare, di sperimentare,
di lavorare.25
Anche le malattie curate e il tipo di cura adottato differiscono.
Le ricette conosciute da queste donne sono connesse
al loro sesso e al conseguente ruolo di madre-moglie.
Le guaritrici operano soprattutto nelle pratiche che si
sogliono definire empiriche. Si tratta dell’alimentazione
quotidiana, di curare piccole ferite e altri mali occasionali
come il mal di stomaco, dolori mestruali, regolazione delle
nascite, contraccezione, aborto. Ricorrono frequentemente
alla carne, al brodo di gallina, al caffè, al limone, impacchi,
decotti, suffumigi, papin (impiastri medicamentosi).
I guaritori uomini curano malattie sporadiche e come
metodo di cura prediligono l’imposizione delle mani. In alcuni
casi si è però verificato un’appropriarsi da parte delle
donne di competenze riguardanti settori che sono stati per
molto tempo esclusivamente monopolio maschile.
25 Cfr. L. Chiti (a cura di), Le donne delle erbe, Roma, 1978, p. 121.
522 Medicina popolare e guaritori
4.2 Guaritori per investitura umana
Molti guaritori di altri tempi devono la loro fortuna alla
carica sociale ricoperta. Il ruolo di guaritore, come testimonia
la storia, viene a coincidere con quello di re o di sacerdote.
Questa è una credenza antichissima, ma venne ufficialmente
riconosciuta nel «496 d.C., epoca in cui
Clodoveo, re di Francia, addolorato per la malattia di un
suo paggio, ebbe una visione in cui un angelo gli consigliava
di toccare il malato con le sue mani regali. La guarigione
del malato fece sì che tale tipo di cura continuasse
e soprattutto applicata agli effetti della scrofola, tanto che
questa malattia finì per prendere il nome di “male del
re”».26 Molti furono i re di Francia che curarono utilizzando
le mani e tra i più famosi ricordiamo Roberto il Pio, di
cui narra il monaco Elgaldo, Luigi IX, più noto come San
Luigi, Enrico IV che fece coincidere il rito con la Pasqua,
e così fino a Luigi XVI.
Nelle campagne del Piemonte meridionale non ho incontrato
guaritori-sacerdoti, anche se la religione occupa il
posto d’onore nelle cure utilizzate dagli specialisti. Tanto
meno ho rilevato la presenza di specialisti della guarigione
ricoprenti qualche altra carica onorifica. È rimasta però
l’usanza di condurre i malati alla messa per ottenere la guarigione.
5. Iniziazione
Il guaritore sente il bisogno di essere socialmente accettato
e giustificato. Con il termine iniziazione si intendono
i riti di passaggio da una condizione di vita ad un’altra.
L’etnologo Arnol Van Gennep scrive:
26 F. Parenti, e P. L. Pagani, I guaritori, Milano, cit., p. 61.
Medicina popolare e guaritori 523
In qualsiasi tipo di società, la vita dell’individuo consiste nel
passare successivamente da un’età all’altra e da un’occupazione
a un’altra. Là dove le età, e quindi le corrispondenti occupazioni,
sono tenute separate, questo passaggio si accompagna ad
atti particolari: essi, per esempio costituiscono, rispetto ai nostri
mestieri, l’apprendistato, mentre, per i popoli semicivilizzatri, si
espletano in cerimonie religiose, giacché presso di loro nessun
atto è completamente svincolato dal sacro. Ogni mutamento di
situazione dell’individuo viene a comportare dunque delle azioni
e delle relazioni tra il profano e il sacro, queste azioni e relazioni
devono essere appunto regolamentate e controllate, affinché
la società generale non subisca né disagi, né danni. È, il
fatto stesso di vivere che rende necessario il passaggio successivo
da una società speciale ad un’altra e da una situazione sociale
ad un’altra, cosicché la vita dell’individuo si svolge in una
successione di tappe...27
L’inizio dell’attività di guaritore segna il passaggio da
una forma di vita diversa da quella condotta fin a quel momento:
nella maggior parte dei casi, l’individuo viene allontanato
dalle quotidiane e solite attività della comunità,
ma diventa una figura di spicco in situazioni eccezionali e
non risolvibili dagli altri membri del paese. Si tratta di passare
da una situazione determinata, quella della vita precedente,
ad un’altra situazione anch’essa determinata, quella
dei guaritori. Ed è proprio il modo in cui si diventa guaritore
che contribuisce ad aumentare o diminuire l’autorevolezza.
Sono stati tutti prescelti e questo è un tema comune alla
vita di molti sciamani.28
Il termine sciamano è oggi comunemente usato per
definire tutti quei guaritori che fungono da intermediari tra
l’uomo e gli spiriti, raggiungendo stati di estasi o di trance;
un tempo con tale espressione si indicavano essenzial-
27 A. Van Gennep, I riti di passaggio, Torino, Bollati Boringhieri, 1981, p. 5.
28 Cfr. S. Kakar, Sciamani mistici e dottori, Parma, Pratiche Editrice, 1982.
524 Medicina popolare e guaritori
mente i maghi mistici della Siberia e dell’Asia Centrale.29
Mircea Eliade definì lo Sciamanesimo una tecnica dell’estasi,
mediante la quale alcuni uomini possono entrate in
contatto con il mondo sovrumano degli spiriti della natura
e degli antenati. Il termine sciamano è di origine tangusa (i
Tungusi, o Evenchi, sono un popolo siberiano), tuttavia,
pur essendo lo Sciamanesimo tipico delle popolazioni della
regione siberiana, si presenta con aspetti molto simili
anche presso altre culture.30
13 guaritori su 14, anche se in forma diversa, comunicano
con ciò che è oltre l’empirico: morti, spiriti della
natura, spiriti guida, santi, la Madonna, il Signore, Dio.
A.G. non ha alcuna forma di rapporto con il sovraumano;
nel caso di B.D., D.D., C.M. e G.C. si tratta di devozione;
B.R., A.M., E.C., M.T., P.P., R.P. e T.C., sono guidati da un
essere soprannaturale che comunica con loro ma che essi
non possono influenzare; P.V. e G.B. hanno un rapporto bilaterale
rispettivamente con il marito e il padre morti.
L’essere stato scelto da un dio, un’entità superiore, senza
intermediazione umana è sicuramente la fonte di maggior
prestigio per un guaritore. Avendo un continuo spettatore,
padre generoso di applausi, il guaritore può vivere ai
margini della collettività senza il continuo bisogno di cercare
conferme sociali31, seguendo tenacemente il cammino
prescelto nonostante gli ostacoli e le opposizioni che incontra
lungo il cammino.
Mia mamma aveva cascato un cavallo [...] Mio fratello è cascato
lui, si è fatto poco, grazie al Signore, ma quel poco l’ho guarito
io. Questa è stata la prima volta che misi le mani: è guari-
29 Cfr. F. Parenti, e Pagani P.L., I guaritori, cit.; C. A. Weslager, Erbe e medicine
magiche degli indiani del Nordamerica, Roma, D. Guanella di Liberti., 1994.
30 Cfr. E. Mircea, Immagini e simboli, Milano, Tea, 1993.
31 Cfr. E. De Martino, La terra del rimorso, cit.; C. Gallini, La ballerina variopinta,
Napoli, Liquori Editori, 1988; S. Kakar, Sciamani mistici e dottori,
Parma, Pratiche Editrice.
Medicina popolare e guaritori 525
to... Io non credevo mai più di guarire tutta ’sta gente. Il dottor
V.: per lui io faccio i miracoli. Il dottor …: io faccio i miracoli;
chiedi il farmacista: io faccio i miracoli... Ma io ciò un santo
buono che nessuna malattia mi attacca! Vede che è la volontà
del Signore. Non lo faccio io. Certi mi capiscono e certi mi dicono:
– Insegnami! –. Io lo insegno con tutto il cuore.32
Io ho anche uno spirito guida.33
Lo faceva così (si riferisce alla nonna), è un dono anche quello
lì. Lei in primavera, io sono anche un po’ come lei, andava a
raccogliere le foglie delle primule, le margheritine, gli spinaci
selvatici, il timo selvatico, le ortiche. Tritava tutto poi faceva il
riso al verde o la frittata. Lei sapeva: il timo è profumato, quello
lì fa bene per quell’altra cosa, le ortiche sono piene di virtù.34
Secondo lei qual è l’origine di questa energia?
È un dono, di chi non so. Può esser un dono di Dio, ma non sono
sicura.35
Anche nel caso di P.V. e G.B. si tratta di comunicare con
un essere non umano: il marito e il padre morti. Si aggiunge
però l’essere stati eletti da un componente della famiglia.
Non possono rifiutarsi di sentire, non possono sbarazzarsi
di un rapporto così privilegiato che permette loro di comunicare
con l’adilà. E poi l’intermediario è una persona a cui
sono sentimentalmente legate, con cui hanno condiviso momenti
della vita e, cosa più importante, di cui si fidano. La
persona morta funge da intermediario tra l’uomo, il mondo
terreno e il Divino, mondo spirituale. Il defunto diventa,
simbolicamente, l’asse che collega la Terra al Cielo. Non
bisogna dimenticare che per i culti precristiani relativi alla
fertilità, i morti assicurerebbero la prosperità ai vivi36.
32 Int. del 20/12/1995.
33 Ivi.
34 Int. del 29/6/1995.
35 Int. del 13/1/1994.
36 Cfr. J. Bonnet, L terre delle donne e le sue magie, Como, red edizioni, 1991.
526 Medicina popolare e guaritori
Una notte mi è apparso in sogno mio marito e mi ha detto che
potevo guarire le altre persone. Ero malata da 10 anni e nessuno
capiva la causa del mio malessere. Mio marito mi ha detto
che io non ero ammalata, che avrei risolto il mio problema se
avessi iniziato ad aiutare le altre persone.37
6. Il ruolo della famiglia e della comunità
L’essere stato prescelto non è sufficiente; ed è proprio a
partire dalle persone che vivono sotto lo stesso tetto e nello
stesso paese, con cui condivide relazioni di autorità, sentimenti
ed emozioni che sente la necessità di avere l’approvazione.
38 Per lui e per le persone che gli stanno vicino
necessita di riprove, riconferme.39
Tutti i guaritori intervistati credono in un’essenza superiore
che regola amorevolmente il mondo. Cambia il modo
con cui ciascuno si rapporta. I guaritori tradizionali hanno
una forma di rispetto e devozione che fa riferimento a regole
più rigide e formalizzate. Gli altri terapeuti privilegiano
il dialogo spontaneo e la libera espressione. Per loro
l’uomo è il frutto forgiato da un pensiero d’amore. Ma intendendo
per libertà il liberare l’uomo dalla situazione attuale
per ritrovare l’equilibrio primordiale perso, si limita
la libertà dell’uomo. Quello che varia è la via concessa per
raggiungerla, ma il fine è raggiungere il benessere nella divinità.
40
Anche se non tutti i guaritori o tutte le cure necessitano
di preghiere intese nel senso comune, siamo comunque all’interno
di una concezione erede di una religiosità arcaica,
intendendo con quest’espressione il bisogno implicito di
sacralità, di dare senso, di collocare in una sede ciò che è,
37 Int. del 13/1/1994.
38 Cfr. M. Barbagli, Sotto lo stesso tetto, Bologna, Il Mulino, 1984.
39 Cfr. P. Grimaldi, Il calendario rituale contadino, Milano, Angeli, 1993.
40 Cfr. G. Tarozzi, Reiki: energia e guarigione, Torino, Amrita, 1991.
Medicina popolare e guaritori 527
o positivamente o negativamente, in relazione con noi41.
... malocchio è roba di preghiera, come qua se un bambino o una
bambina non sono stati battezzati non va bene.
Anche i nervi sono roba di preghiera?
No, lì non c’entra niente. Lì è forza, sudi come non so cosa.
Mia mamma mi ha insegnata (insegnato).42
Sei aiutata dalla fede?
No. Prego il Signore e la Madonna tutte le sere, ma a berlichè
el balaustre vugn nen (a leccare le balaustre non vado).43
I gesti, i segni sono ciò che rende più concreto il processo,
cosa di cui l’uomo in quanto uomo ha ed ha avuto sempre
bisogno, già dai tempi primordiali.44
Per quel che mi riguarda, l’uso di energia è anche legata alla
simbologia, perchè io voglio mandarti un’onda di energia benefica,
ma la voglio rendere molto più concreta, posso fare mentalmente,
ma posso renderlo molto più concreto. Ti mando quest’energia
con il gesto. Ovvio che se faccio il gesto la persona
non vede, perchè senò passi per matto.45
7. Analisi delle virtù di piante, cose, animali
A questo punto riporto le conoscenze riferitemi dai
guaritori intervistati e le tecniche che utilizzano per prevenire,
allontanare o distruggere la malattia.
Le singole operazioni che gli specialisti eseguono fanno
riferimento a una sottile rete che prevede a livelli diversi la
conoscenza fisica e psichica della persona. Ognuno poi,
partendo da questa traccia, ha ricamato la rosa della propria
specializzazione. C.M., B.R., B.D., D.D., C.G., M.T.
528 Medicina popolare e guaritori
41 Cfr. E. Mircea, Immagini e simboli, cit.
42 Int. del 29/11/1995.
43 Int. del 6/12/1995.
44 E. Mircea, Il sacro e il profano, Torino, Boringhieri, 1973.
45 Int. del 7/7/1996.
conoscono buona parte delle qualità delle erbe; G.A., G.B.,
P.P., P.V., A.M., E.C. e T.C sono particolarmente esperti
nell’uso delle mani. Tutte le conoscenze, qualsiasi esse siano,
sono poi amalgamate dall’esperienza, dall’originalità e
dalle opportunità che ciascun guaritore ha avuto nel corso
della propria vita.
7.1 Erbe
Per quanto riguarda le erbe, esse sono spesso abbinate
ad abitudini alimentari ereditate da un’alimentazione povera,
che spesso superava le soglie della sufficienza.46 Tale
situazione era resa necessaria dalla ristrettezza economica
contornante il periodo storico del secondo dopoguerra.
I preparati derivanti dal regno vegetale sono quelli più
numerosi. D’altronde i guaritori, appartenendo al mondo
contadino, sanno distinguere con sicurezza le piante, anche
se spesso non conoscono il nome.
Fanno parte del loro vivere quotidiano, le vedono crescere
giorno per giorno, le custodiscono, le coltivano e si
dilettano nello sperimentare incroci fra specie diverse.
Inoltre molte di queste sono alimento per i loro animali e
perciò hanno modo di verificarne l’efficacia.
Le piante officinali e medicamentose a cui hanno fatto
riferimento i guaritori sono tutte comuni e vengono genericamente
defininite con il termine erbaccia. Sono subito
riconoscibili anche da un occhio inesperto e di facilissima
reperibilità. Crescono nei prati, sui cigli delle strade, nei
boschi o sono coltivate negli orti davanti casa.
L’aglio, l’alloro, l’artemisia, il biancospino, la carota,
l’ortica, il rosmarino, il sambuco e il tanaceto, sono quelle
di cui si fa più uso.
L’aglio, l’artemisia, il rosmarino e il tanaceto sono pi-
Medicina popolare e guaritori 529
46 Cfr. G. L. Bravo, Stregoneria e magia contadina, “Il Platano”, XIV, pp. 139-
146.
ante del solstizio estivo che ha un influsso benefico su erbe
e piante e per questo motivo i giorni di fine giugno sono
quelli che gli intervistati hanno indicato come migliori per
la raccolta.
Ritornando a considerare le piante che interessano la
zona d’indagine, l’aglio è noto soprattutto per l’odore acre
e pungente e come tutte le gigliacee è considerata una pianta
infera.
In passato, nelle campagne dell’astigiano l’aglio era il
rimedio prediletto contro le pestilenze. A S. Pietro, frazione
di S. Damiano è stato usato dalla mamma di una intervistata
nel 1918, in occasione dell’epidemia nota con il
nome di Spagnola.
A S. Pè, quand l’an ciapà l’influensa, mia mama a l’a tni sempre
l’ai an buca per na smana e a la nen ciapala (A S. Pietro,
quando hanno preso l’influenza, mia mamma ha sempre tenuto
l’aglio in bocca per una settimana e non l’ha presa).47
Serve per abbassare la pressione, ma è conosciuto soprattutto
come vermifugo. L’uso dell’aglio varia da paese
a paese: a S. Damiano, Cisterna, Ferrere, Valfenera e Montà
si è soliti realizzare con gli spicchi una collana, mentre
M. di Canale ha sostenuto più volte che questo è un rimedio
tutt’altro che efficace.
I vermi, loro dicono che è acetone, ma sono i vermi, a veru nen
ca sia dita (non vogliono ammetterlo). Prendete l’aglio ed ungete
i polsi qui per così. Quando il dottore dice che è acetone,
voi schiacciate uno spicchio d’aglio e lo fate passare sotto il
naso, sono i vermi. Voi ungete i polsi con l’aglio e poi se non
basta anche con una cipolla. La schiacciate su di un asse e la
mettete in un cucchiaio con un po’ di zucchero e gli date quello.
Con la collana d’aglio vengono su tutti insieme e soffocano
il bambino.48
530 Medicina popolare e guaritori
47 Int. del 3/7/1996.
48 Int. dell’11/7/1995.
Per confermare ulteriormente la propria tesi M. ricorda
un fatto di cui lei stessa è stata testimone:
Il nipote del conte, un bambino piccolo del conte che è morto 2
anni fa, è morto per vermi. Loro non vogliono che si dica, ma
i vermi ti addormentano e le persone non si svegliano più. Li
soffocano e non si svegliano più. Quello lo hanno trovato morto.
Non sanno per cosa è morto, ma è morto per i vermi praticamente.
Era un bambino che aveva diciotto mesi, la più bella
masnà (bambino), quello capita. I vermi sono quello.49
Nella tesi di laurea di Patrizia Maiocco si legge che nell’astigiano
la maggior parte dei bambini che soffrivano di
vermi erano curati con corone d’aglio appese al letto e
quando il male diventava più preoccupante si ricorreva a
qualcuno che ‘i snava. Io ho incontrato B.R.
È nata il 14 novembre 1910. Proviene da una famiglia patriarcale,
abituata a dover chiedere il permesso ai componenti più
anziani prima di intraprendere qualsiasi iniziativa e a mettere in
comune le poche entrate di denaro. B. è in possesso della licenza
elementare ed è conosciuta nel suo paese d’origine e nei
paesi limitrofi come cula ca cunos i verm (quella che conosce i
vermi). Ancora oggi vengono da Cisterna, Villafranca e a volte
anche più lontano per farsi segnè i verm (segnare i vermi). A
detta della guaritrice giungono persone di tutte le età, ma i bambini
sono i più comuni frequentatori di questa casa, perchè al
lac e i dus a furmu pi facilment i verm, a e a l’è pi facil, se as
mangia ad pi, che as mangia di dus (il latte e i dolci formano
più facilmente i vermi, è più facile, se si mangia di più, che si
mangino dei dolci).
Dopo aver conversato per più volte con il figlio di B. al telefono
sono riuscita a fissare un appuntamento per giovedì 7 dicembre
1995.
La casa è situata a metà di una di una collina ed è isolata dal
resto della popolazione della frazione. Ha un cortile grande e ha
un interno spazioso; tutto è molto semplice. Il figlio mi ha fatto
Medicina popolare e guaritori 531
49 Ivi.
entrare in una camera poco illuminata, che a giudicare dall’arredamento
si direbbe la sala. Sul tavolo è appoggiato l’occorrente:
una scodella piena d’acqua appoggiata su di un piattino.
Accanto c’è uno spicchio d’aglio e nove fili di lana. È l’occorrente
per segnè i vem. Dopo un po’ arriva B.: ha un berretto di
lana, un vestito scuro, tipico delle donne anziane che vivono in
campagna e delle pantofole molto alte. Per prima cosa mi chiede
il motivo della visita. Inizio il momento più difficile della
conversazione; le dico che mi interessa conoscere qualcosa riguardo
i vermi e che mi sono rivolta a lei perchè in zona “è la
persona che ne sa di più”. La vedo un po’ impacciata, di solito
si rivolgono a lei per farsi curare. Cosa deve spiegare?
Mi dice che su di foglio bisogna scrivere nome, cognome e data
di nascita del bambino che ha problemi di vermi, poi occorre
prende il foglio e metterlo vicino alla scodella. A questo punto
si dovrà recitare 9 Pater-Ave-Gloria per San Giusep (9 Padre
nostro-Ave Maria-Gloria per San Giuseppe) ed al termine di
ogni preghiera deporre un filo sulla scodella in modo che l’attraversi.
50
L’artemisia, per le proprietà che le sono attribuite, può
essere definita l’erba delle donne: accelera le mestruazioni,
favorisce i parti, impedisce le false gravidanze e contrasta
l’azione di qualunque veleno. È una pianta con potenti riflessi
su tutto ciò che riguarda strade, viaggi e cammino
dell’uomo sia in senso fisico sia spirituale.
Nella zona d’indagine le parti aeree si usano a scopo terapeutico
per preparare un olio medicamentoso.
Ci sono delle piante con delle foglie fini, fini, lunghe e verdi. Di
queste piante prende solo i fiori che sono gialli e li mette dentro
a una bottiglia, lo riempie d’olio. Io di solito metto l’olio sasso,
ma qualsiasi tipo di olio può andare bene, che sia però d’oliva e
non grasso e unto [...], comunque fate questa bottiglia, la mettete
al sole per 40 giorni, poi la girate. Viene rossa, vede l’olio
com’è rosso. Questo va bene sia che uno si speli, un bambino
quando lo si fascia ed ha il sedere rosso... i talloni quando sono
532 Medicina popolare e guaritori
50 Int. del 7/12/1995.
rossi, domani con quello scompare tutto. Mi capisce? Vi bruciate,
date quello e passa. Un bambino cade? Lulì (quello) ha una
potenza che non credete che potenza che ha.51
M.T. si fa portare a casa i fiori che le occorrono dalla
montagna da parenti e amici, perché l’artemisia che trova
nei campi o lungo il ciglio della strada statale per Torino,
non ha più le proprietà di un tempo a causa dell’ inquinamento
provocato dalle industrie, dalle automobili e dalle
sostanze chimiche usate dai contadini.
...anche qui ci sono, ma danno tutti i diserbanti, queste polveri
che danno nell’erba e nelle vigne. In montagna danno niente.52
Solamente una guaritrice di Ferrere usa l’artemisia come
vermifugo.53
L’erba tneia (tanaceto) è un’erba di facilissima reperibilità,
comunissima e conosciutissima. C.M. di Cisterna ha
imparato dalla nonna a distinguerla e come utilizzarla.
Ricorda che «la raccoglieva e faceva delle tisane, [...] levava
il mal di testa, il mal di stomaco, tutti i mali».54
Il tanaceto, noto come L’erba tneia a Cisterna e la tnè a
S. Damiano, è legato soprattutto al mondo femminile. C. lo
ritiene il miglior metodo per alleviare i dolori mestruali.
L’alloro, considerato nell’epoca classica simbolo di gloria
e vittoria, oggi è usato per ornare le case e proteggerle
da malefici.
Le piante di alloro sono di solito molto vigorose, perciò
l’appassire di una di queste è il segno che sta per accadere
qualcosa di negativo.
A S. Defendente (frazione di Ferrere) M. aveva molto lauro intorno
alla casa e poi è appassitto tutto: adesso lei ed il marito
Medicina popolare e guaritori 533
51 Int. dell’11/7/1995.
52 Ivi.
53 Int. del 7/12/1995.
54 Int. del 29/6/1995
stanno tutte e due molto male.55
Il sambuco è conosciuto come l’albero del flauto magico
e ha uno stretto legame con la magia. Un tempo intorno
alle fortezze, ai monasteri e alle case si piantavano sambuchi
perché si diceva che avrebbero protetto animali e uomini.
Questo uso ricorrente anche in Bretagna, in Russia e
Danimarca continua ancora oggi nella zona d’indagine.
C. di Cisterna ricorda che la nonna preparava con il
sambuco una medicina:
Mia nonna faceva una medicina di cui non ci ha lasciato il segreto
ed ha fatto una cosa malfatta. Prendeva il sambuco, me lo
ricordo bene, toglieva la prima pelle; la seconda pelle, quella
bianca la puliva bene e la metteva nel fuiot (pentolino) con dell’olio
d’oliva e cera simb... poi metteva altri ingredienti che io
non ricordo, ma era una cosa che faceva molto bene per i bruciori...
il segreto è morto con lei.56
Un altro albero simbolico, consacrato alla Madonna per
il colore bianco avorio dei suoi fiori (simbolo di purezza),
è il biancospino.
Spesso l’uso di queste erbe è abbinato a delle parole,
delle frasi o ad un rito che ne aumenta l’efficacia. È il caso
dei nove Pater-Ave-Gloria di B.R. e di altre formule che i
guaritori non hanno voluto rivelare.
Esistono poi altri rimedi medicinali.
Ad uso esterno si adoperano i fiori della camomilla fatti
essicare al sole, cotti in un poco d’olio con l’aggiunta di uno
spicchio d’aglio. Il cataplasma così ottenuto è ritenuto un
ottico rimedio per i problemi di gola e di “mal di pancia”.
Bisogna friggere un pesiun (unità di misura utilizzata in cucina:
un po’) di camomilla nell’olio caldo con uno spicchio d’aglio e
534 Medicina popolare e guaritori
55 Int. del 3/7/1996
56 Int. del 29/6/1995.
poi ungere le tonsille.57
Lo zucchero conservato per una notte all’interno di una
canna è un ottimo rimedio per alleviare i sintomi della
tosse.
Quando in primavera ci sono le canne, le tagliano e sono vuote,
si può mettere dentro dello zucchero e poi bisogna lasciarlo
tutto lì. Si lascia una notte, poi al mattino presto si va a prendere.
Va bene per le tossi, le tossi cattive... perchè una notte non
so il motivo.58
Le bacche legnose del cipresso vengono utilizzate da
M. di Canale per preparare un unguento contro i “dolori”.
...i pini che ho giù hanno queste palline. Prendete un paio di
pinze, le schiacciate, le mettete dentro ad una bottiglia, poi riempite
la bottiglia con alcool. Qualsiasi tipo va bene. Non andate a
comprare quello disinfettante. Qualsiasi va bene. Viene così,
vede, per i dolori. Quando lo prendete, bisogna sempre che con
una mano o su o giù, mai fregare, questo va bene per quello. Va
bene per mal di pancia: lo fate bollire e lo mettete dentro un bicchiere.
59
Il limone rientra nei rimedi familiari ed è utilizzato a
scopo digestivo, nei casi di febbre, per curare il raffreddore,
come disinfettante per ferite e piaghe infette.
Se qualcuno ha un’indigestione allora fate un buon caffè e dentro
mettete un limone schiacciato, non fa rimettere ed inoltre
passa di sotto e passa mal di stome (mal di stomaco).60
Se ha sempre la febbre a trentasette, trentasette e mezzo, sempre
più di trentasette e che io non so cos’è, se è di più si chiama
il medico; allora cosa fate? Prendete un pentolino, mezzo limo-
Medicina popolare e guaritori 535
57 Int. del’11/7/1995.
58 Int. del 29/6/1995.
59 Int. dell’11/7/1995.
60 Ivi.
ne in mezzo pentolino. Quando bolle prendete la caffettiera e
fate il caffè. L’acqua di questo mezzo limone e del pentolino lo
usate per fare il caffè e bevete questo caffè, se è solo una mezza
cosa passa.61
Nella medicina popolare l’olio trova impiego per curare
il “mal d’orecchia”.
Per mal d’orecchia, in particolare i bambini appena nati di 15 o
20 mesi, prendete un cucchiaio con dentro un po’ d’olio con un
pizzico di camomilla, lo mettete sul gas, poi prendete un osso di
pesca, poi un pezzo di cotone. Se qui lo resistete... allora ungete
l’orecchio qui così (si accarezza il padiglione auricolare).62
Preparati a base di «chelidonia (celidonia) servono per
i puret (porri), come anche il latte che esce dalle foglie del
fico».63 C. di S. Damiano d’Asti la usa abitualmente per
prevenire le verruche.
Alla cipolla vengono attribuite proprietà diuretiche e digestive.
Cotta sotto la cenere e messa in bocca, favorisce la
maturazione degli ascessi.64
Le erbe grasse «curano l’infiammazione e il dolore».65
Per erbe grasse C.D. e R.D. intendono tutte quelle erbe le
cui foglie carnose, immagazzinando acqua in quantità, permettono
di sopravvivere anche in periodi di siccità. Si tratta
delle crussulacee a cui appartiene anche la cosiddetta
erba di S. Giovanni (Sedum telephium), conosciuta, ma
non nella zona d’indagine, pure come “erba dei cavalli”.
Fin dall’antichità l’ortica è stata una delle piante più
usate a scopo terapeutico. Tra le molte proprietà del vegetale
ricordiamo quella di regolatore intestinale e soprattutto
quella depurativa del sangue.
536 Medicina popolare e guaritori
61 Ivi.
62 Int. del 6/12/1995.
63 Int. dell’11/5/1995.
64 Int. del 3/7/1996.
65 Int. dell’11/5/1995.
Riguardo le ortiche, gli antichi Romani, nelle terme, si facevano
flagellare con fasci di ortiche. Era un metodo per riattivare la
circolazione e per allievare i dolori. Se hai un dolore reumatico,
mettici sopra delle ortiche, la reazione è efficace... Con le ortiche è
possibile preparare un decotto che ha la proprietà di depurare il
sangue o un preparato per la frizione dei capelli.
C. di Ferrere e da C. di Cisterna ricordano che le rape
con lo zucchero alleviano i sintomi della tosse.
Le rape con lo zucchero servono per curare la tosse asinina.66
Fa un bel buco dentro, mette lo zucchero, poi dà lo zucchero da
mangiare ai bambini... lo fa anche mia nuora con la bambina...
calma subito la tosse.67
B. di Ferrere si serve dei semi di zucca per sconfiggere
il verme solitario. Il quantitativo è di 100 g.
I peduncoli delle ciliege vengono utilizzati per decotti a
scopo diuretico.68
Il brend (crusca) è usato fritto in padella e messo in sacchetti
di tela per fare degli impacchi. Si dice che «scalda i
bronchi».69
M.T. di Canale sa come usare la normale polenta per
lenire le ammaccature.
Fate una polenta con molta farina, perchè venga dura, che sia
troppo cotta non importa, ma che sia dura, poi la mettete dentro
un sacchetto, mettete non del profumo o anche del profumo, ma
non tanto forte: se è tanto calda mettete uno straccio di lana e
poi vi coricate sopra. Questo fa molto bene per togliere le ammaccature.
70
Medicina popolare e guaritori 537
66 Int. dell’11/5/1995.
67 Int. del 29/6/1995.
68 Cfr. Int. dell’11/5/1995.
69 Cfr. Int del 3/7/1996.
70 Int. dell’11/5/1995.
M. di Canale ritiene che se ingoiate vive, le lumache,
riducano i dolori di stomaco.
M.T. di Canale classifica questo rimedio fra i travai ad
na vota (i lavori di una volta). Ecco cosa ricorda:
Per esempio, quando uno aveva la polmonite, cosa si faceva?
Non si aspettava che venisse la settimina, prendevano un coniglio
e si metteva sopra la pelle calda.71
Alla mia domanda sul perchè la pelle dovesse essere
proprio di coniglio, ha risposto:
di coniglio, non vuol mica prendere una mucca o un vitello, so
pà (non so)!72
Riguardo le distorsioni è ricordata l’ingessatura di sterco
di vacca.
Per le distorsioni, le storte si usa la busa (sterco) delle mucche.
Mentre la mucca alza la coda, prendi la busa ancora calda, che
fuma ancora, metti il piede dentro fino alla caviglia e fasci con
uno straccio. La tieni fino a quando è fredda, la togli ed il male
ti passa. Questo l’ha fatto mio papà. Una domenica mattina,
prima di andare a messa è andato nell’orto e si è fatto male. Una
nostra vicina gli ha spiegato come fare. È riuscito ad andare a
messa, anche se gli faceva ancora male la caviglia. Dopo due o
tre volte è passato tutto... Fino a 30, 40 anni fa le mucche mangiavano
l’erba, digerendo con lo stomaco, i succhi gastrici si
mescolano con le erbe. L’escremento è l’insieme di tutte queste
erbe mescolate, elaborate e fermentate. La mucca è un ruminante...
elabora il cibo e la temperatura è quella del corpo.73
7.2 Amuleti
A volte i guaritori ritengono necessaria una forma di
protezione più evidente, percepibile ed efficace in ogni
538 Medicina popolare e guaritori
71 Int. del 6/12/1995.
72 Int. del 6/12/1995.
73 Int. dell’11/5/1995.
momento della giornata. Consigliano in questi casi l’uso di
oggetti con valore di amuleto.
Il termine amuleto indica «un qualsiasi oggetto di limitate
dimensioni cui venga attribuita una “potenza magica”
di tipo protettivo o propiziatorio»74.
Tra gli oggetti con valore di amuleto ho trovato l’aglio
e la castagna d’India. Ma a scopo protettivo o meglio per
buon auspicio per la casa vengono piantati davanti all’abitazione
alberi come la quercia, il sambuco ed il gelso.
Anche le piante d’alloro hanno un valore simbolico positivo,
tanto che l’appassire di una di queste piante viene vissuto
come il preannuncio di un maleficio.
Il significato simbolico dell’amuleto dipende essenzialmente
dagli elementi che lo costituiscono e «deve essere
desunto» ogni volta «da quelli».75
7.3 Colore, profumo, forma e dimensione
Il profumo particolarmente intenso e il colore vivace
sono due qualità che gli informatori sottolineano come
medicamentose.
Alcune erbe di cui gli intervistati ricordano il profumo
particolare sono le rose, la menta, il timo, il tiglio e il rosmarino.
C.G. sostiene che quest’ultima erba medicinale
venisse usata un tempo anche al posto dell’incenso, perché
ha un profumo simile e non ha alcun costo. C.G. ritiene inoltre
un ottimo rimedio mettere al collo una sciarpa rossa per
aiutare il morbillo a sfogarsi.
La sciarpa rossa faciliterebbe la fuoriuscuita delle maculo-
papule dello stesso colore che compaiono con la
malattia.
Anche la forma e la dimensione delle piante può in-
74 T. Seppilli, Le tradizioni popolari in Italia. Medicine e magie, Bergamo,
Electa, 1989, p.51.
75 Ivi.
Medicina popolare e guaritori 539
fluire. Gli alberi che si trovano normalmente in fondo all’aia,
sono tutti di grandi dimensioni. I più comuni nei
cinque paesi considerati sono: la quercia simbolo di eternità,
il sambuco simbolo di fecondità, il gelso simbolo di
saggezza.
7.4 Luoghi sede di forze occulte
Oltre erbe, preparati e oggetti, esistono alcuni luoghi
ritenuti sede di forze particolari.
A Gherba, frazione di Ferrere, veniva detto ai bambini
che erano stati trovati neonati sotto la pietra di S. Anna, vicino
al pilone omonimo lungo il sentiero che porta a
Cisterna.
La strada che da Ferrere conduce a Cisterna attraversa
una buia e solitaria vallata. Sono quattro, cinque chilometri
in cui non c’è una casa , ma solo una fitta vegetazione che
non lasciando trasparire un filo di luce, rende fresca, ma
tetra la Val Botassa anche di giorno. Sulla destra, appena
dopo la frazione Guarene di Ferrere, sbuca fra la boscaglia
una chiesetta. Si racconta che il luogo destinato alla costruzione
della chiesetta non fosse quello attuale, ma che doveva
essere costruita dalla parte opposta della strada. Il giorno
precedente all’inizio dei lavori erano già stati portati
dalla popolazione i mattoni ed il materiale per costruirla.
La mattina seguente un gruppo di uomini si recò sul posto
per iniziare la costruzione della cappella, ma i mattoni non
erano più nel luogo destinato loro la sera precedente.
Non ci si poteva contrapporre ad un volere divino: nonostante
la scomodità del luogo, in quanto per accedervi
bisognava attraversare un rio, la graziosa chiesetta venne
eretta nel pezzo di terreno predestinato, dove ancora oggi
possiamo ammirarla.
Questa vallata è tristemente famosa per essere stata uno
dei luoghi prediletti dalle masche per i loro ritrovi, apparizioni
e “scherzi” ai contadini di Ferrere e Cisterna.
540 Medicina popolare e guaritori
Si dice che l’acqua che sgorga in prossimità della
chiesetta abbia proprietà curative.
7.5 Energia
Oltre a questi mezzi sopra citati i guaritori spesso si basano
sull’energia emanata dal proprio corpo. Le mani sono
la parte del corpo più usata, perchè più pratica, per trasmetterla
al paziente, anche se un guaritore sostiene che è possibile
usare qualsiasi estremità del corpo.
A. di Valfenera non conosce le proprie possibilità perchè
lei è solo il mezzo tramite cui agisce la forza divina.
Io non curo niente. Vieni tu, –Ame mi fa male la schiena –, per
farti capire, [...]. Io guarisco la gente e non so neanche perchè,
come faccio a guarire. Semplice, io metto un pezzo di cerotto e
basta così... con la volontà del Signore.76
A.B. di Valfenera tocca con le mani la zona che si presume
essere malata e poi una volta individuato il punto
esatto agisce di conseguenza, massaggiando comunque
sempre dall’alto verso il basso della fascia considerata e
mai incrociando le mani. Quando ha terminato si lava le
mani per eliminare i residui impuri.
.. le mani. Mi lavo le mani e poi quando se ne vanno, una persona
la tocco, le rilavo. Però mai che mi hanno attaccato niente,
con la volontà di Dio. Tanta gente me lo dice, – Ma signora non
hai paura che ti possano attaccare qualche malattia? –
– Ma io ciò un santo buono che nessuna malattia mi attacca! –.
Vede che è la volontà del Signore. Non lo faccio io. Certi mi capiscono
e certi dicono: – Insegnami –. Io lo insegno con tutto il
cuore.77
Per quanto riguarda la pranoterapia il sistema di cura
76 Int. del 20/12/1995.
77 Int. del 20/12/1995.
Medicina popolare e guaritori 541
più consigliato è quello di imporre le mani dove è stato rilevato
il disturbo, anche non si esclude la possibilità di curare
a distanza.
Il sistema di cura è lo stesso per ogni tipo di malattia?
Sì, metto le mani dove c’è il male: curo con le mani per mezzo
dell’energia.... si può aiutare anche a distanza, ma è preferibile
il contatto. Una volta ho curato una donna con un’ulcera di otto
millimetri, per telefono. Questa donna residente ad Aosta non
l’avevo mai conosciuta, conoscevo solo la mamma.78
8. Conclusione
La medicina popolare «presenta l’immagine di un reticolo,
anzi di tanti reticoli dalle maglie di grandezza diversa
e irregolare, che sovrapponendosi l’una all’altra, creano
zone di massima o minima densità, cioè insiemi relativamente
simili e relativamente diversi».79 Ciò si percepisce
dalle cure e dai guaritori che le mettono in pratica. È la vita
quotidiana il teatro dove si confrontano, amalgamano, tollerano,
scontrano annientano le azioni e le relazioni degli
uomini, dove l’indistinto, l’astratto, la pluralità diventano
il distinguibile, la pratica, l’unico.
78 Int. del 21/2/1994.
79 Gallini C., 1988, La ballerina variopinta, Napoli, Liquori Editore, p. 196.
542 Medicina popolare e guaritori
Tornare in alto Andare in basso
 
MEDICINA POPOLARE E GUARITORI NEL TERRITORIO DEL PIEMONTE MERIDIONALE - Bruna Viglione
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: SCIAMANESIMO :: I TEMI DELLO SCIAMANESIMO - THEMES OF SHAMANSIM :: Countryside Shamanism? - Sciamanesimo nostrano: i guaritori di campagna-
Andare verso: