Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Il Drago: animale mistico

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10

MessaggioOggetto: Re: Il Drago: animale mistico   Lun 31 Ott 2011 - 14:36

Ancora una volta il drago visto come un mostro...

FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Drago_dell%27Apocalisse

Drago dell'Apocalisse
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Il Drago dell'Apocalisse con in groppa Babilonia
FONTE IMMAGINE: http://it.wikipedia.org/wiki/File:BambergApocalypseFolio043WhoreOfBabylon.JPG

Il Drago dell'Apocalisse è un mostro mitologico, nominato al capitolo 12 dell'Apocalisse di Giovanni.

Descrizione

Il Drago dell'Apocalisse viene descritto come un grande drago rosso, con sette teste e dieci corna, e un diadema sopra ogni testa.
Le corna generalmente sono considerate distribuite in tre possibili modi:

quattro su una testa, sulle altre una;
su tre teste due corna, sulle altre una;
dieci su ogni testa, con forme diverse;

Viene presentato subito dopo la descrizione della donna vestita di sole. Questo mostro non è da confondere con la Bestia del mare, con cui ha in comune alcune caratteristiche fisiche, perché si tratta di creature differenti.


Il Drago dell'Apocalisse e la Bestia del mare
FONTE IMMAGINE: http://it.wikipedia.org/wiki/File:La_B%C3%AAte_de_la_Mer.jpg

Simbolismo

Se la donna vestita di sole viene presentata con simbologia celeste (sole, luna e stelle) il Drago è descritto con simbologia terrestre. Infatti viene identificato con il serpente[1].

Interpretazione

Generalmente il Drago viene identificato con Satana, anche seguendo un'indicazione dell'Apocalisse stessa[2].

Iconografia medievale

Nell'iconografia medievale legata al pensiero di Gioacchino da Fiore, ciascuna testa del drago apocalittico può trovarsi associata a una figura storica.

Nel Liber Figurarum di Gioacchino, manoscritto al Corpus Christi College dell'Università di Oxford (mss. 255A - fol. 7r), sei delle sette teste sono associate in sequenza a Erode, Nerone, Costanzo II (figlio di Costantino Magno e seguace dell'Arianesimo), Maometto, Mesemotus (forse identificabile con il sultano ‛Abd al-Mu’min?) e Saladino, mentre la settima testa è di un Anticristo anonimo[3][4].

Nelle Praemissiones e super Esaiam, alla Biblioteca Vaticana (mss. Vaticano Latino 4959, fol. 2r), un commento a Isaia attribuito apocrifamente a Gioacchino, redatto dopo la sua morte da qualcuno del suo séguito, spariscono Maometto e Mesemoto, ora sostituiti da Cosroe II e da Henricus primus (Enrico IV o, più probabilmente, Enrico II[3]), mentre la testa del settimo e ultimo Anticristo, precedentemente anonimo, si trova ora attribuita a Federico II di Svevia[4].

Nel Liber de oneribus prophetarum, altro scritto apocrifo di Gioacchino da Fiore (Biblioteca Vaticana, mss. Vaticano Latino 3822, fol. 5r), si ripete la medesima sequenza offerta dalle Praemissiones: Herodes, Nero, Constantius arrianus, Cosroe, Henricus primus, Saladinus, Fredericus secundus[3][4].

Note

^ cfr. Apocalisse 12,9.
^ cfr Apocalisse 12,9.
^ a b c Hubert Houben, Anticristo o novello Messia? Il mito di Federico II, da stupormundi.it
^ a b c Hubert Houben, Federico II. Imperatore, uomo, mito, Il Mulino, 2009 (pp. 96-97)



L'arcangelo Michele combatte il Drago dell'Apocalisse
FONTE IMMAGINE: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Saint_Michel_combattant_le_dragon.jpg
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Il Drago: animale mistico   Gio 3 Nov 2011 - 15:32

Dalla mitologia greca Pitone era un drago di terra, alcune volte scambiato per un serpente.

Questo mostro mitologico morì per mano di Apollo.

Grazie a questi documenti di wikipedia possiamo conoscerne meglio il mito.

Buona lettura.

FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Pitone_%28mitologia%29

Pitone (mitologia)
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pitone è una figura della mitologia greca.

Era un drago-serpente di dimensioni impressionanti, figlio di Gea, prodotto dal fango della terra dopo il Diluvio Universale. Custodiva l'Oracolo di Delfi. Morì in seguito ad un epico combattimento contro Apollo che, per questo, si impossessò dell'oracolo e diede alla sacerdotessa il nome di "Pizia" (Pitonessa).

Tra i motivi della morte di Pitone per mano di Apollo, dobbiamo considerare anche una possibile vendetta di Apollo verso il serpente, il quale, prima della nascita del dio, aveva perseguitato Latona (Leto), madre di Apollo, fino nell'isola di Delo.

Apollo stesso a causa della sua impresa si guadagnò l'appellativo pitio, infatti tra le varie feste e celebrazioni in onore di Apollo (Apollo Carneo, le Targelie, ecc.) ricordiamo in particolare quella di Apollo Pitico.
Inoltre vi erano i famosi Giochi Pitici (Pythia) che si celebravano ogni tre anni nella pianura Crissea presso Delfi, che consistevano in una gara musicale, a cui si aggiunsero col tempo anche gare ginniche ed equestri, e che prevedevano come premio per il vincitore una corona di alloro.


FONTE IMMAGINE: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Virgil_Solis_-_Apollo_Python.jpg


FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Python_%28mythology%29

Python (mythology)
From Wikipedia, the free encyclopedia

In Greek mythology, Python (Greek: Πύθων, gen.: Πύθωνος) was the earth-dragon of Delphi, always represented in Greek sculpture and vase-paintings as a serpent. He presided at the Delphic oracle, which existed in the cult center for his mother, Gaia, "Earth," Pytho being the place name that was substituted for the earlier Krisa.[1] Hellenes considered the site to be the center of the earth, represented by a stone, the omphalos or navel, which Python guarded.

Python became the chthonic enemy of the later Olympian deity Apollo, who slew him and remade his former home and the oracle, the most famous[2] in Classical Greece, as his own. Changes such as these in ancient myths may reflect a profound change in the religious concepts of Hellenic culture. Some were gradual over time and others occurred abruptly following invasion.

Versions and interpretations

There are various versions of Python's birth and death at the hands of Apollo. In the Homeric Hymn to Apollo, now thought to have been composed in 522 BCE during Classical times,[3] a small detail is provided regarding Apollo's combat with the serpent, in some sections identified as the deadly Drakaina, or her parent.

The version related by Hyginus[4] holds that when Zeus lay with the goddess Leto, and she was to deliver Artemis and Apollo, Hera sent Python to pursue her throughout the lands, so that she could not deliver wherever the sun shone. Thus when Apollo the infant was grown he pursued the python, making his way straight for Mount Parnassus where the serpent dwelled, and chased it to the oracle of Gaia at Delphi; there he dared to penetrate the sacred precinct and kill him with his arrows beside the rock cleft where the priestess sat on his tripod. Robert Graves, who habitually read into primitive myths a retelling of archaic political and social turmoil, saw in this the capturing by Hellenes of a pre-Hellenic shrine. "To placate local opinion at Delphi," he wrote in The Greek Myths, "regular funeral games were instituted in honour of the dead hero Python, and her priestess was retained in office."

The politics are conjectural, but the myth reports that Zeus ordered Apollo to purify himself for the sacrilege and instituted the Pythian Games, over which Apollo was to preside, as penance for his act.

Erwin Rohde wrote that the Python was an earth spirit, who was conquered by Apollo, and buried under the Omphalos, and that it is a case of one god setting up his temple on the grave of another.[5]

The priestess of the oracle at Delphi became known as the Pythia, after the place-name Pytho, which Greeks explained as named after the rotting (πύθειν) of the slain serpent's corpse in the strength of Hyperion (day) or Helios (the sun).[6]

Karl Kerenyi points out[7] that the older tales mentioned two dragons, who were perhaps intentionally conflated; the other was a female dragon (drakaina) named Delphyne in the Homeric Hymn to Apollo, with whom dwelt a male serpent named Typhon: "The narrators seem to have confused the dragon of Delphi, Python, with Typhon or Typhoeus, the adversary of Zeus". The enemy dragoness "... actually became an Apollonian serpent, and Pythia, the priestess who gave oracles at Delphi, was named after him. Many pictures show the serpent Python living in amity with Apollon and guarding the Omphalos, the sacred navel-stone and mid-point of the earth, which stood in Apollon's temple" (Kerenyi 1951:136).

Notes

^ Hymn to Pythian Apollo, l. 254-74: Telphousa recommends to Apollo to build his oracle temple at the site of "Krisa below the glades of Parnassus".
^ But also see Dodona, famous in the earliest traditions.
^ Walter Burkert, "Kynaithos, Polycrates and the Homeric Hymn to Apollo" in Arktouros: Hellenic studies presented to B. M. W. Knox ed. G. W. Bowersock, W. Burkert, M. C. J. Putnam (Berlin: De Gruyter, 1979) pp. 53-62.
^ Fabulae 140.
^ cf. Rohde, Psyche, p.97.
^ Homeric Hymn to Pythian Apollo, 363-369.
^ Kerenyi The Gods of the Greeks 1951:136.


References

Burkert, Walter, Greek Religion 1985.
Deane, John Bathurst, The Worship of the Serpent, 1833. Cf. Chapter V., p.329. [1] [2]
Farnell, Lewis Richard, The Cults of the Greek States, 1896.
Fontenrose, Joseph Eddy, Python; a study of Delphic myth and its origins, 1959.
Goodrich, Norma Lorre, Priestesses, 1990.
Guthrie, William Keith Chambers, The Greeks and their Gods, 1955.
Hall, Manly Palmer, The Secret Teachings of All Ages, 1928. Ch. 14 cf. Greek Oracles,www, PRS
Harrison, Jane Ellen, Themis: A Study of the Social Origins of Greek Religion, 1912. cf. Chapter IX, p.329 especially, on the slaying of the Python.
Kerenyi, Karl, (1951) 1980. The Gods of the Greeks especially pp 135-6. [3] [4]
Homeric Hymn to Pythian Apollo
Rohde, Erwin, Psyche, 1925.
Smith, William; Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology, London (1873). "Python"



FONTE IMMAGINE: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Jan_Boeckhorst_-_Apollo_en_de_Python.JPG
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Il Drago: animale mistico   Ven 16 Dic 2011 - 14:09

Nel seguente link vi è uno studio approfondito sulla mitologia del drago. Buona lettura.


FONTE: http://www.sacred-texts.com/etc/ddl/index.htm

DRAGONS

AND DRAGON LORE

BY ERNEST INGERSOLL

With an Introduction by

HENRY FAIRFIELD OSBORN

President of the American Museum of Natural History

"There’s no such thing in nature, and you’ll draw

A faultless monster which the world ne’er saw."

[1928]

Payson & Clarke Ltd.

New York
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Il Drago: animale mistico   Sab 17 Mar 2012 - 11:35

Altre curiosità sul drago...oggi vedremo alcuni documenti su Ladone della mitologia greca...buona lettura!

FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Ladone_%28Forcide%29

Ladone (Forcide)
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ladone era il drago, figlio di Forcide e di Ceto, che sorvegliava i pomi d'oro delle Esperidi[1]. La leggenda dice che aveva ben cento teste.

Secondo altre tradizioni invece era figlio di Tifone e di Echidna, e, dopo che fu ucciso da Eracle, la dea Era lo trasformò nella costellazione del Dragone[2]. Esiste un'altra versione della storia nella quale Ercole mandò Atlante a prendere le mele d'oro e Ladone non viene ucciso.

Note

^ Esiodo Teogonia 333
^ Igino Astronomo, Astronomica II,3 e Fabulae 30




Eracle e Ladone, piatto romano a rilievi di epoca tardiva, Staatliche Antikensammlungen (SL89)
FONTE IMMAGINE: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Herakles_Ladon_Staatliche_Antikensammlungen_SL89.jpg



FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Ladon_%28mythology%29

Ladon (mythology)
From Wikipedia, the free encyclopedia

Ladon (Greek: Λάδων; gen.: Λάδωνος) was the serpent-like dragon that twined and twisted around the tree in the Garden of the Hesperides and guarded the golden apples. He was overcome by Heracles. Fifteen long years later, Jason and the Argonauts passed by on their chthonic return journey from Colchis and heard the lament of "shining" Aigle, one of the three Hesperides, and viewed the still-twitching Ladon.[1]

Ladon was given several parentages, each of which placed him at an archaic level in Greek myth: the offspring of "Ceto, joined in heated passion with Phorcys"[2] or of Typhon, who was himself serpent-like from the waist down, and Echidna[3] or of Gaia herself, or in her Olympian manifestation, Hera: "The Dragon which guarded the golden apples was the brother of the Nemean lion" asserted Ptolemy Hephaestion.[4] In one version, Heracles did not kill Ladon.

The image of the dragon coiled round the tree, originally adopted by the Hellenes from Near Eastern and Minoan sources, is familiar from surviving Greek vase-painting. In the 2nd century CE, Pausanias saw among the treasuries at Olympia an archaic cult image in cedar-wood of Heracles and the apple-tree of the Hesperides with the dragon coiled around it.[5]

Ladon might be given multiple heads, a hundred in Aristophanes' The Frogs (a passing remark in line 475), which might speak with different voices.

Diodorus Siculus gives an euhemerist interpretation of Ladon, as a human shepherd guarding a flock of golden-fleeced sheep, adding "But with regards to such matters it will be every man’s privilege to form such opinions as accord with his own belief".[6]

Ladon is the constellation Draco,[7] according to Hyginus' Astronomy.[8] Ladon is the Greek version of the West Semitic serpent Lotan, or the Hurrian serpent Illuyanka.

References

^ Argonautica, Book IV.
^ Hesiod. Theogony, 333.
^ Bibliotheke 2.113; Hyginus, Preface to Fabulae.
^ Recorded in his New History V, lost but epitomized in Photius, Myriobiblion 190.
^ Pausanias. Description of Greece, 6.19.8.
^ Diodorus Siculus, 4.26.2.
^ Theoi.com: Drakon Hesperos
^ Hyginus Theoi.com: Hyginus, "Astronomica 1" translated by Mary Grant

Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Il Drago: animale mistico   Oggi a 2:54

Tornare in alto Andare in basso
 
Il Drago: animale mistico
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Andare alla pagina : Precedente  1, 2

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: SCIAMANESIMO :: I TEMI DELLO SCIAMANESIMO - THEMES OF SHAMANSIM :: Animali Totem e Spiriti Guida - Totem Animals and Allies Spirits :: Totem Animals A-E-
Andare verso: