Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Agrifoglio: protezione, superamento dell’ira, guerriero spirituale

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Agrifoglio: protezione, superamento dell’ira, guerriero spirituale   Ven 16 Apr 2010 - 8:37


QUESTA SCHEDA CONTIENE INFORMAZIONI CHE POSSONO GENERARE SITUAZIONI DI PERICOLO E DANNI. I DATI PRESENTI HANNO SOLO UN FINE ILLUSTRATIVO E IN NESSUN CASO ESORTATIVO. PRIMA DI PROSEGUIRE SI PREGA DI LEGGERE ATTENTAMENTE LE AVVERTENZE.



AVVERTENZE:

Tutte le informazioni, voci e documenti riportati su Shamanism&Co sono da considerare ad ESCLUSIVO SCOPO DIVULGATIVO!
Le eventuali nozioni e/o procedure mediche, erboristiche di medicina popolare, ecc. NON POSSONO SOSTITUIRE IN ALCUN CASO IL CONSIGLIO DEL MEDICO o di qualunque altro operatore sanitario. Rivolgetevi sempre al vostro medico o altro addetto del settore sanitario per qualsiasi quesito possiate avere.
Shamanism&Co non può esser ritenuto responsabile dei risultati o delle conseguenze di un qualsiasi utilizzo o tentativo di utilizzo di una qualsiasi delle informazioni pubblicate.







FONTE: http://goodmorningumbria.wordpress.com/2009/11/17/agrifoglioilex-aquifoliumfam-aquifoliacee/

Agrifoglio(Ilex aquifolium)Fam. Aquifoliacee
Caratteristiche: albero a chioma stretta e conica, presenta ramificazioni regolari da giovane che diventano disordinate con l’età, può raggiungere i 20 m di altezza. Le foglie sono lucide, lucenti persistenti in inverno, lunghe fino a 10 cm con apice e margini spinosi. I frutti sono bacche rosse larghe e polpose, molto appetite dagli uccelli ma velenose per l’uomo.

Habitat: originario dell’Asia Occ. e dell’Europa vive nei boschi foggio e di quercia. L’agrifoglio è una specie spontanea dell’Europa centroccidentale con un vasto areale che va dalle coste atlantiche e mediterranee alle regioni costiere dell’Asia Minore. Si trova preferibilmente nelle regioni con clima oceanico, caratterizzate da piovosità accentuata, limitata siccità estiva ed escursione termica moderata, dove cresce in boschi umidi di latifoglie, con preferenza per i terreni acidi. In passato si trovava spesso associato al tasso (Taxus baccata) a costituire una fascia quasi continua sulle Alpi e sull’Appennino al limite della faggeta. Ora l’agrifoglio si concentra nei boschi medio montani delle nostre regioni centromeridionali e nelle isole, specialmente in querceti, boschi misti di leccio e caducifoglie e faggete. Ha tronco diritto rivestito da corteccia verde-bruno scura. I fiori unisessuali, cioè solo maschili o solo femminili, sono portati da piante separate: l’agrifoglio è dunque una specie dioica e solo le piante femminili portano le drupe. E’ una pianta molto apprezzata per la sua eleganza e gli splendidi colori tanto che la raccolta eccessiva a scopo ornamentale sta mettendo in serio pericolo la specie. La fioritura avviene a maggio-giugno e la fruttificazione in agosto-settembre.

Storia, mito, magia: Il nome latino della pianta, Ilex aquifolium (famiglia Aquifoliaceae), deriva da acrifolium: acer=acuto e folium=foglia, in riferimento alle foglie spinose. Come i rametti di pungitopo (Ruscus aculeatus), anche quelli di agrifoglio venivano posti sulle corde alle quali si appendeva la carne salata, per proteggerla dai topi: di qui il nome comune di “pungitopo maggiore”.

L’Agrifoglio è un albero dalla simbologia maschile, legato all’amore fraterno e alla paternità. Era considerato, insieme all’Edera e al Vischio, un potente simbolo di vita, per le sue foglie annuali e i suoi frutti invernali. Nelle quotidianità celtica si pensava che l’Agrifoglio fosse di aiuto e sostegno in ogni sorte di battaglia spirituale.

Una volta tanto Celti, Latini, Greci ed Etruschi si ritrovano perfettamente d’accordo: l’agrifoglio protegge dal male e garantisce fecondità e continuità della vita. In parte è un presagio ricavato facilmente dalle foglie spinose e coriacee e dai frutti rossi che maturano nel cuore dell’inverno, per cui è sempre stato al centro delle feste invernali appunto, dai Saturnali romani al Natale cristiano. Gli Etruschi però, come sempre, erano più precisi e la consideravano una pianta potente e pericolosa, vera e propria protagonista del bosco di confine della città, la famosa zona sacra che si stendeva tra le mura e l’abitato propriamente detto, ma per nessun motivo coltivata all’interno dei giardini domestici, forse anche perché i suoi frutti son velenosi per l’uomo anche se costituiscono un vero e proprio cibo invernale per gli uccelli. L’Agrifoglio è simbolo di paternità e amore fraterno ed è sempre stato considerato simbolo di vita. Il suo legno veniva usato per costruire ottime lance facilmente bilanciabili nelle mani di un guerriero e precise nella direzione in cui venivano scagliate. Contornate da cristalli di brina, le pungenti foglie dell’agrifoglio non hanno perduto il loro verde scuro e lucidissimo, e le bacche scarlatte fanno capolino nel diffuso biancore, trasmettendo calore, vitalità e allegria. Queste particolarità hanno fatto di questo splendido albero un simbolo del Solstizio d’Inverno, un inno alla rinascita imminente del Sole caldo e luminoso, un augurio di gioia e buona fortuna per l’anno che deve venire. Le sue bacche soprattutto, anticamente erano viste come piccole eco del grande astro di cui si attendeva trepidanti il ritorno. Per questo, qualche giorno prima del Solstizio si usava regalare dei rametti di agrifoglio alle persone amate: essi rappresentavano l’immortalità, la sopravvivenza oltre la morte apparente, e avrebbero portato una piccola luce nel buio e un po’ di calore nel gelo, insieme alla fortuna che proviene dai regni della natura sottili. I druidi appendevano rami di agrifoglio nelle loro abitazioni per onorare con amore gli spiriti della foresta, e dopo di loro questa usanza continuò ad essere rispettata, con l’intento di allontanare sortilegi e fulmini, di propiziare la fertilità degli animali e della terra, e soprattutto la protezione dalle presenze malevole e dalla sfortuna. Le spine appuntite delle sue foglie, infatti, mostrano senza alcun dubbio la sua funzione di difesa naturale, di combattività verso ciò che è pericoloso o ostile, di reazione attiva agli stati d’essere negativi. I fiorellini bianchi dell’agrifoglio, appesi alla maniglia della porta di casa, si credeva ostacolassero l’entrata di persone o entità dannose, e questa forza magica si pensava fosse ancora più forte e potente se la porta stessa fosse stata costruita con il suo legno duro e resistente. Soprattutto durante le feste del Solstizio e del Natale una simile protezione sarebbe stata auspicabile, dato che in tal periodo i folletti del bosco si sbizzarriscono e sono molto più dispettosi del solito e si sbizzarriscono con i loro scherzi e le loro malefatte. Un’altra proprietà magica dell’agrifoglio era quella di ammansire gli animali selvatici e imbizzarriti, nonché quella di rendere più dolce e sopportabile il gelo dell’inverno, proprio come un piccolo Sole che agiva in modi misteriosi, forse scaldando e rallegrando l’anima più che il corpo.
Come albero simbolo del Solstizio d’Inverno, l’agrifoglio è anche legato alla parte calante dell’anno, quella che dal momento di maggior splendore del Sole porta al momento più buio e freddo. Esso rappresenta il Vecchio dell’anno passato, il Re Agrifoglio dalla lunga barba bianca e dal sorriso radioso che porta i suoi regali a chi ha conservato in sé uno spirito bambino. Egli, che a seconda delle tradizioni assume nomi diversi, non è altri che il dolce e caro Babbo Natale, che proprio per non dimenticare le sue antichissime origini, ancora oggi porta tradizionalmente un rametto di agrifoglio sul berretto. In Irlanda, se si ricevevano rami d’agrifoglio prima del Solstizio, questi venivano spazzati fuori subito dopo il Solstizio stesso, poiché non era di buon auspicio conservare le cose dell’anno vecchio, ed inoltre in tal modo si spazzava via tutto ciò che apparteneva al passato, potendo poi cominciare un nuovo ciclo più leggeri e con lo sguardo rivolto non indietro, ma avanti a se. Come accennato, l’agrifoglio era connesso anche alla Fortuna che poteva pervenire dai regni sottili. Questa sua magica caratteristica compare in una delle antiche leggende irlandesi appartenente al Ciclo di Finn Mc Cumhail, nella quale si racconta che le tre figlie di Conanan possedevano tre fusi costruiti con il suo legno. Su di essi le tre Donne avevano posto matasse di filo fatato ed avevano filato la sorte di Finn e dei suoi guerrieri, provocando il loro imprigionamento e forse, con esso, una delle prove che essi avrebbero dovuto superare.
In questo senso, l’agrifoglio risulta essere vicino alle sacre Filatrici del Destino, nonché loro stesso strumento per determinare la sorte degli uomini posti sotto la loro protezione.
Sempre tra i celti, con il legno dell’agrifoglio si costruivano le lance e gli scudi dei guerrieri. Anche in questo caso appaiono chiaramente le funzioni di attacco alle forze ostili e, al contempo, difesa da esse, esercitate dalla pianta e probabilmente resi ancor più potenti ed efficaci dai suoi influssi sottili.

Anche i neonati potevano essere protetti da questo magico arbusto; per questo venivano spruzzati con l’Acqua di Agrifoglio, preparata come infuso delle foglie oppure come distillato.
Infine, pare che un antico incantesimo usasse l’agrifoglio per attirare i desideri del cuore. Se ne dovevano raccogliere nove foglie da una pianta non troppo spinosa, dopo la mezzanotte di un venerdì, nel più completo silenzio. Le foglie dovevano essere avvolte in un panno bianco, alle cui due estremità si dovevano fare nove nodi. Il sacchettino andava quindi riposto sotto al cuscino e ciò che si sarebbe intensamente desiderato, poggiandovi sopra la testa, si sarebbe presto avverato.

Nel Medioevo era associato al diavolo, per via delle foglie spinose, ma in ogni altro periodo e presso ogni popolo è sempre stato amato da tutti, perché le allegre bacche colorano i boschi in pieno inverno. Già per i Celti l’agrifoglio era una pianta sacra, ma in Italia la tradizione di usare l’agrifoglio a scopo augurale è arrivata grazie ai Romani che, conquistata la Bretagna, scoprirono che i sacerdoti celti usavano la pianta per proteggere le persone dai disagi dell’inverno e per ammansire gli animali; i Romani iniziarono a donarne i rami agli sposi novelli, come augurio e, durante i Saturnali, ne tenevano ramoscelli come talismani, e li piantavano vicino alle case per tener lontani i folletti che, secondo la tradizione, amavano architettare molti scherzi in questo periodo, ne decoravano la casa nel periodo dei Saturnali. L’agrifoglio era la pianta sacra di Saturno e veniva usato durante i Saturnalia per rendere onore al dio. I romani erano soliti fare delle ghirlande di agrifoglio per decorare le statue di Saturno. Secoli dopo, in Dicembre i primi cristiani iniziarono a celebrare la nascita di Gesù. Per evitare persecuzioni continuarono ad ornare le loro case con l’agrifoglio durante i Saturnalia. Una leggenda racconta di un piccolo orfanello che viveva con alcuni pastori quando gli angeli araldi apparvero annunciando la lieta novella della nascita di Cristo. Il bambino si mise in cammino verso Betlemme con gli altri pastori e sulla via intrecciò una corona di rami da portare in dono a Gesù Bambino. Ma quando pose la corona davanti al Bambinello gli sembrò così indegna che si vergognò del suo dono e si mise a piangere. Allora Gesù Bambino toccò la corona e le sue foglie brillarono di un verde intenso e trasformò le lacrime dell’orfanello in splendide bacche rosse. Con l’avvento del Cristianesimo l’Agrifoglio divenne l’Albero Santo a rappresentare la Croce di Spine.

Piccole perle:

In caso di allergie consultare sempre il medico e assumere sempre sotto il controllo del medico.

infuso per contrastare l’influenza: mettere 1 o 2 cucchiaini di foglie d’agrifoglio fresche, spezzettate, in una tazza d’acqua, lasciando riposare per una notte. La mattina seguente far bollire brevemente il composto, zuccherare, preferibilmente con del miele, e bere durante la giornata, anche due tazze al giorno.

Vino d’agrifoglio contro la febbre: far macerare 25 grammi di foglie fresche, pestate nel mortaio, in mezzo bicchiere di alcool a 60° per una settimana. Aggiungere poi una tazza di vino bianco e lasciar riposare ancora per una settimana, al termine della quale il preparato andrà filtrato. Assumere due cucchiai di vino d’agrifoglio per tre volte al giorno.
Vino d’agrifoglio per calmare la diarrea: in un litro di vino rosso bollente mettere 30 grammi di foglie fresche d’agrifoglio, facendo bollire il tutto per circa 10 minuti. Assumere durante la giornata, in cucchiai da tavola, senza però mai superare i 70 grammi.
Decotto per combattere la bronchite: bollire a fuoco basso 30 grammi di foglie d’agrifoglio essiccate in un litro d’acqua, per 10 minuti. Sciogliere del miele, far raffreddare e bere due tazze al giorno.


FONTE: http://ilsentierodiluce.forumattivo.com/florario-f18/piante-e-proprieta-magiche-t9.htm
Agrifoglio: Agisce contro i fulmini, favorisce la magia dei sogni, protezione, fortuna.

FONTE: http://astronavepegasus.forumattivo.com/le-rune-consulente-renzo-f39/piantealberi-rune-t1476.htm
L’agrifoglio era considerato il RE dell’anno che volgeva alla fine. Rappresentava le preoccupazioni per i problemi domestici e donava protezione, dalle forze ostili, a tutta la famiglia. Con i suoi rami venivano intrecciate delle ghirlande per dare riparo agli spiriti buoni.
Nei paesi nordici una leggenda narra che Baldur, figlio di Odino, cadde morto, trafitto da una freccia, sopra un cespuglio di agrifoglio. Suo padre, per ricompensare la pianta, la ricoprì di bacche rosse in ricordo del sangue versato dal figlio.
L'AGRIFOGLIO aiuta a trovare la direzione da seguire ed aiuta a mantenersi sul giusto cammino. Dona fermezza ed apertura mentale per cogliere al volo le occasioni
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Agrifoglio: protezione, superamento dell’ira, guerriero spirituale   Dom 31 Lug 2011 - 9:43

Riporto i ricchi documenti di wikipedia, buona lettura!

FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Ilex_aquifolium

Ilex aquifolium
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Agrifoglio (Ilex aquifolium L.), detto anche Aquifoglio, Alloro spinoso, Pungitopo maggiore, è una pianta appartenente alla famiglia delle Aquifoliaceae.


FONTE IMMAGINE: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Illustration_Ilex_aquifolium0.jpg

Descrizione

Albero o arbusto dioico alto fino a 10 m, ha chioma piramidale, corteccia liscia grigia e rami verdastri, spontaneo in Italia, dal fogliame verde scuro lucente, decorativo, con varietà variegate di bianco, crema o giallo, e frutti che offrono un decorativo contrasto con il colore delle foglie, che sono alterne o sparse, ovali o ellittiche, coriacee, persistenti, a margine spinoso nei rami più bassi delle giovani piante, intero nelle piante adulte, fiori piccoli riuniti in fascetti ascellari, con 4 petali di colore bianco o rosato, unisessuali, quelli maschili hanno 4 stami quelli femminili un pistillo con ovario supero sormontato da 4 stimmi quasi sessili, durante l'inverno portano drupe globose di colore rosso vivo lucente a maturazione, contenenti 2-4 semi.

Esemplari monumentali

A Piano Pomo, sul versante nord orientale del Massiccio del Carbonara (Madonie Sicilia) una cinquantina di annose piante di Agrifoglio formano un boschetto puro. Secondo i botanici il bosco di agrifogli doveva essere diffuso in Europa nel Terziario, prima delle glaciazioni pleistoceniche. A 1400 metri di altitudine in una valle dal suolo siliceo e profondo questi esemplari hanno trovato il loro optimum climatico raggiungendo dimensioni ragguardevoli. La pianta più vecchia ha circa 900 anni.

Metodi di coltivazione

Gradiscono posizioni ombreggiate o di sottobosco, terreno acido o semi-acido, fertile e ricco di humus.

La moltiplicazione avviene con la semina dei semi freschi, per mezzo di talea semilegnosa, per margotta o per innesto

Pianta di Natale


FONTE IMMAGINE: http://it.wikipedia.org/wiki/File:English_holly.jpg

L'agrifoglio è una pianta magica fin da prima dell'avvento del Natale cristiano, si dice che proteggesse dai demoni e portasse fortuna. I suoi primi utilizzi risalgono all'Irlanda dove anche le famiglie più povere potevano permettersi di utilizzarlo per decorare le proprie abitazioni. Nel tempo i cristiani iniziarono ad utilizzare anch'essi questa pianta durante il periodo natalizio. La struttura della foglia infatti ricorda la corona di spine di Gesù Cristo e i frutti rossi il suo sangue. Inoltre i boccioli bianchi sono immagine della purezza della Madonna.

Usi medicinali

Contiene saponine, la xantina teobromina e un pigmento giallo, l'ilexantina [1]. Oggigiorno l'agrifoglio viene usato raramente in fitoterapia per via della sua tossicità, ma presenta proprietà diuretiche, febbrifughe e lassative [2]. Ha inoltre un effetto simile a quello della serotonina.

Il decotto delle giovani radici raccolte in autunno è diuretico
Il decotto e il vino medicato della corteccia raccolta in qualunque periodo dell'anno vantano proprietà febbrifughe
L'infuso delle foglie raccolte prima della fioritura e fatte essiccare all'ombra ha proprietà calmanti, febbrifughe e curative dell'itterizia, contiene tra le altre sostanze la ilicina
I frutti raccolti a maturazione da ottobre a dicembre e fatti essiccare al calore hanno azione purgativa

Tossicità

Il contenuto di ilicina contribuisce a rendere l'agrifoglio tossico per gli esseri umani poiché irrita lo stomaco e l'intestino, e altri componenti lo rendono dannoso per il sistema nervoso e per il cuore. L'ingestione di appena venti bacche può essere mortale per un adulto.[3][4]

Note

^ Heinz, A. (1975). Drogenkunde. W. de Gruyter
^ Wren, R.C. (1988). Potter's New Cyclopedia of Botanical Drugs and Preparations. C.W. Daniel ISBN 0-85207-197-3.
^ Rushforth, K. (1999). Trees of Britain and Europe. Collins ISBN 0-00-220013-9.
^ Flora of NW Europe: Ilex aquifolium


FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Agrifoglio_%28araldica%29

Agrifoglio (araldica)
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In araldica l' agrifoglio non compare tanto come pianta, ma quasi sempre solo come foglia. È frequente nell'araldica civica e simboleggia la previdenza.


di rosso, alla banda d'argento caricata da tre foglie di agrifoglio di verde, accompagnata in capo da una torre d'oro
FONTE IMMAGINE: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Blason_La_Houssiere.svg



FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Holly

Holly
From Wikipedia, the free encyclopedia

Holly (Ilex, pronounced /ˈaɪlɛks/)[1] is a genus of approximately 600 species of flowering plants in the family Aquifoliaceae, and the only living genus in that family.


FONTE IMMAGINE: http://en.wikipedia.org/wiki/File:Ilex-aquifolium_%28Europaeische_Stechpalme-1.jpg

Description and ecology

Holly berries are somewhat toxic to humans, though their poisonous properties are overstated and fatalities almost unknown. [2] [3] They are extremely important food for numerous species of birds, and also are eaten by other wild animals. In the fall and early winter the berries are hard and apparently unpalatable. After being frozen or frosted several times, the berries soften, and become milder in taste. During winter storms, birds often take refuge in hollies, which provide shelter, protection from predators (by the spiny leaves), and food. The flowers are sometimes eaten by the larva of the Double-striped Pug moth (Gymnoscelis rufifasciata). Other Lepidoptera whose larvae feed on holly include Bucculatrix ilecella (which feeds exclusively on hollies) and The Engrailed (Ectropis crepuscularia). Holly is commonly referenced at Christmas time.

Having evolved numerous species that are endemic to islands and small mountain ranges, and being highly useful plants, many hollies are now becoming rare. Tropical species are especially often threatened by habitat destruction and overexploitation, and at least two have become extinct, with numerous others barely surviving.[4]


FONTE IMMAGINE: http://en.wikipedia.org/wiki/File:Holly_in_Winter.jpg

Etymology

The origin of the word "holly" is Old English holegn [5] , which is related to Old High German hulis. [6] The French word for holly, houx, derives from the Old High German word hulis, huls [7] , as do Low German/Low Franconian terms like Hülse or hulst. These Germanic words appear to be related to words for holly in Celtic languages, such as Welsh celyn, Breton kelen(n) and Irish cuileann. [8] The botanical name ilex was the original Latin name for the Holm Oak (Quercus ilex), which has similar foliage to common holly, and is occasionally confused with it. [9] Several romance languages use the Latin word acrifolium (turned into aquifolium in modern time), so Italian agrifoglio, Occitan grefuèlh, etc. [10]

Uses

Ornamentation

In many western cultures, holly is a traditional Christmas decoration, used especially in wreaths. Many of the hollies are widely used as ornamental plants in gardens and parks. Several hybrids and numerous cultivars have been developed for garden use, among them the very popular "Highclere hollies", Ilex × altaclerensis (I. aquifolium × I. perado) and the "blue hollies", Ilex × meserveae (I. aquifolium × I. rugosa).[11] Hollies are often used for hedges; the spiny leaves make them difficult to penetrate, and they take well to pruning and shaping.[12] In heraldry, holly is used to symbolise truth.

Fodder

Between the thirteenth and eighteenth century, before the introduction of turnips, holly was cultivated for use as winter fodder for cattle and sheep.[13] Less spiny varieties of holly were preferred, and in practice the leaves growing near the top of the tree have far fewer spines making them more suitable for fodder.

Teas

Several holly species are used to make caffeine-rich herbal teas. The South American Yerba Mate (I. paraguariensis) is boiled for the popular revigorating drinks Mate, and Chimarrão, and steeped in water for the cold Tereré. Guayusa (I. guayusa) is used both as a stimulant and as an admixture to the entheogenic tea ayahuasca; its leaves have the highest known caffeine content of any plant. In North and Central America, Yaupon (I. vomitoria), was used by southeastern Native Americans as a ceremonial stimulant and emetic known as "the black drink".[14] As the name suggests, the tea's purgative properties were one of its main uses, most often ritually. Gallberry (Appalachian Tea, I. glabra) is a milder substitute for Yaupon and does not have caffeine. In China, the young leaf buds of I. kudingcha are processed in a method similar to green tea to make a tisane called kǔdīng chá (苦丁茶, roughly "bitter spikeleaf tea").

Wood

Holly was also once among the traditional woods for Great Highland bagpipes before tastes turned to imported dense tropical woods such as cocuswood, ebony, and African blackwood.[15]


FONTE IMMAGINE: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Down_%28022%29,_October_2009.JPG


FONTE IMMAGINE: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Ilex_aquifolium_Fruits_Closeup_DehesaBoyalPuertollano.jpg
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Agrifoglio: protezione, superamento dell’ira, guerriero spirituale   Mar 6 Dic 2011 - 16:34

Usata come protezione, per fare sogni profetici o come portafortuna...

FONTE: http://www.linsdomain.com/herbs-2.htm

Holly

Holly is one of the best protection herbs; it guards against lightning, poison and evil spirits. Plant it around the house for protection. Since it is a male plant, men should carry holly for luck (Women should carry the female plant Ivy). After midnight on a Friday, in silence, gather nine holly leaves (the smooth kind) and wrap these in white cloth using nine knots to tie the ends together. Place this under your pillow and you will have prophetic dreams that night.
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Agrifoglio: protezione, superamento dell’ira, guerriero spirituale   Oggi a 18:22

Tornare in alto Andare in basso
 
Agrifoglio: protezione, superamento dell’ira, guerriero spirituale
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: SCIAMANESIMO :: I TEMI DELLO SCIAMANESIMO - THEMES OF SHAMANSIM :: Sciamanesimo e Mondo vegetale - Shamanism and Plants :: Plants A - F-
Andare verso: