Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Quarzo ialino

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Quarzo ialino   Lun 19 Apr 2010 - 16:50

FONTE: Titolo "Cristalli" di Valentina Beggio ed. Giunti Demetra

Proprietà: essendo trasparente, amplifica tutte le positività che si riflettono su di esso e dissolve le negatività; mette in contatto con il proprio spirito guida e attiva tutti i livelli di coscienza.

FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Quarzo_ialino

Quarzo ialino
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il quarzo ialino detto comunemente anche cristallo di rocca, è una varietà completamente incolore di quarzo, di solito perfettamente trasparente, con aspetto simile al vetro ed al cristallo artificiale, da cui si può distinguere facilmente, come tutte le sostanze minerali, per la sensazione di freddo che provoca al saggio con la lingua.
Diffusione e aspetto

Il quarzo ialino proveniente da ogni parte del mondo, contiene una enorme varietà di inclusioni. Quarzi di diverse provenienze possono contenere cristalli aghiformi o verdastri, di epidoto, di tormaline; fibrosi, a ventaglio fino addirittura a zolfo giallo o gocce di olio o petrolio ambrato.
Usi

Considerato per secoli come un materiale dotato di formidabili poteri magici e apotropaici, forse anche in virtù delle sue ben note proprietà elettriche[senza fonte], il cristallo di rocca era pietra ipnotica e divinatoria, capace di indurre la trance (ad esempio attraverso la famosa sfera di cristallo) e di conseguenza impiegata nell'occultismo.

Il cristallo di rocca era inoltre una pietra che portava la pioggia, mitigava la sete se tenuta in bocca o in mano e, sotto forma di collana, rendeva la donna feconda di prole femminile.

È ancora usato nella litoterapia.


FONTE: http://shakti.altervista.org/Cristallo%20di%20rocca.htm

CRISTALLO DI ROCCA (Quarzo ialino)

Classe minerale: Ossidi, gruppo dei quarzi
Formula chimica: SiO2 (Biossido di Silicio)
Sistema cristallino: trigonale
Processo litogenetico: primario
Colore: trasparente e incolore

Il re del regno minerale
Il quarzo è uno dei minerali più diffusi della terra. La sua capacità di vibrare e di entrare in risonanza ne fa un componente essenziale della moderna tecnologia.
Le druse, formate da più punte cresciute insieme, hanno una vibrazione potente e svolgono un’azione di purificazione dell’ambiente circostante.
La fama del cristallo di rocca per convogliare energie positive è presente in tutte le culture: dall'antica Roma, al Giappone, dall'Africa, all'Australia. Persino nelle leggendarie civiltà di Atlantide, Lemuria e Mu.
È il sovrano del regno minerale. La sua funzione è quella di incanalare energia ad alta frequenza sul piano terrestre. Riflette pura luce bianca, da utilizzare per illuminare i pensieri, i sentimenti, le azioni quotidiane.
Dissolve la negatività e fa vibrare l’aura ad una frequenza tale da purificare ogni parte oscura.
Il cristallo di rocca lavora sul 7° chakra, aumentandone la vibrazione e connettendolo con l’energia cosmica. Focalizza i pensieri e ne aumenta il respiro.
Si può utilizzare su qualsiasi chakra: sarà sempre portatore di equilibrio, armonia, limpidezza, anti-stress.

Dati tecnici:

Il quarzo è un materiale piezoelettrico cioè che si deforma se è sottoposto a elettricità.
Viceversa dà elettricità se viene deformato. Il quarzo è capace di oscillare con grande precisione se gli vengono applicate oscillazioni elettriche con la frequenza pari alla sua frequenza di oscillazione.
Il quarzo vien tagliato in piastrine, dischetti, anelli barrette in cui le facce vengono metallizzate.
Si taglia il quarzo delle dimensioni e secondo gli assi giusti perchè la vibrazione meccanica abbia la frequenza di risonanza voluta e applicati gli elettrodi per mezzo della metallizzazione.
Quindi se applichiamo una onda elettrica con la stessa frequenza di risonanza della laminetta (es: 32.768 impulsi/sec su una laminetta che risuona a 32.768 hertz, ) le due oscillazioni dell'onda e della laminetta si esaltano.
Il quarzo è estremamente elastico, proprietà che lo obbliga a vibrare esclusivamente alla sua frequenza di risonanza con uno scarto estremamente piccolo.
La lamina utilizzata viene ridotta alle dimensioni alla forma
ed allo spessore richiesto, e sulle superfici parallele è deposto un film d'oro metallico per evaporazione al fine di renderla conduttrice, poi è collegata elettricamente nel circuito oscillante che ne è stabilizzato.
Bisogna ancora ricordare che i gloriosi giradischi degli anni '50 e '60 migliorarono la qualità del suono per merito delle caratteristiche del quarzo, infatti la testina di lettura trasformava la pressione della puntina in impulso elettrico attraverso una lamina piezoelettrica che dopo elaborazione veniva inviato agli altoparlanti.
Per la sua trasparenza ai raggi ultravioletti è utilizzato in apparecchiature scientifiche; inoltre sono le caratteristiche elettriche, magnetiche ed elastiche che lo rendono indispensabile per la realizzazione di apparecchiature ed oggetti di grande diffusione come : generatori di onde ultrasonore, orologi, accendini, filtri radiofonici ecc.
Il quarzo viene collegato in un circuito dove un transistor amplifica l'oscillazione del quarzo (emette elettricità costretto ad oscillare per sua natura PROPRIO ALLA FREQUENZA SUA DI OSCILLAZIONE.
Il transistor riceve la (piccola, alcuni millivolt) tensione oscillante del quarzo e la amplifica. Ne ridà una parte al quarzo CON LA STESSA FREQUENZA E QUINDI MANTIENE L'OSCILLAZIONE meccanica del quarzo che di nuovo reca la tensione oscillante al transistor che di nuovo la amplifica e la ridà al quarzo.
Così si è fatto un circuito oscillante elettronico controllato in frequanza dal quarzo.
Come dicevo il quarzo oscilla ad una frequenza ben precisa. Il suo scarsissimo coefficiente di dilatazione termica fa che la piastrina sia sempre delle stesse dimensioni con il variare della temperatura.
Quindi la frequanza di risonanza rimane costante a meno di qualche parte per milione (10 sec/anno nei migliori quarzi) con la temperatura.
I n conclusione il quarzo vibra ad una frequenza stabilita e viene tenuto in oscillazione dal transistor che riceve e gli ridà esclusivamente la sua stessa frequenza. Dal transistor quindi esce una corrente oscillante a frequena molto precisa.
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Quarzo Ialino   Lun 19 Apr 2010 - 16:55





FONTE: http://www.reiki.info/Energie/Cristalli/Cristallo-di-Rocca.htm

CRISTALLO DI ROCCA
QUARZO IALINO

EFFETTI SUL CORPO FISICO:

Infonde energia e sblocca le energie del corpo. Attenua gli stati febbrili. Ha un effetto calmante sul sistema nervoso e stimola vigore e vitalità.
Raccomandato per aiutare la guarigione nelle malattie della tiroide e degli occhi. Fortifica il cuore, i polmoni, il sistema linfatico, le ghiandole, e la circolazione in generale.
Calma i dolori della schiena ed aiuta ad attenuare i problemi legati ai dischi intervertebrali e all’ernia del disco. Abbinato all’ambra, rinforza gli effetti calmanti per i dolori dorsali.
Efficace contro il mal di testa, i problemi dell’intestino e della digestione e, combinato al diaspro rosso, combatte l’eccesso di peso.

EFFETTI SULL'EMOTIVITA' PSICHICA:

E' una pietra da abbinare alla meditazione. Procura calma e armonia.
Contribuisce a dissolvere i blocchi emozionali. Rende più socievoli, sensibili e compassionevoli. Stimolando il recupero di ricordi inconsci porta chiarezza e aiuta a risolvere i problemi nel modo più semplice.

EFFETTI SULL'ATTIVITA' MENTALE:

Riequilibra la mente, stimola lucidità. Porta a una più profonda conoscenza di sé. Nella versione fantasma stimola l'uso della saggezza e aiuta a superare le prorpie rigidità e i limiti mentali.

EFFETTI SULLA SPIRITUALITA':

Stimola l'espressione dell'autenticità (nei confronti di sé e degli altri) con autorevolezza e determinazione. Al tempo stesso aiuta a comprendere gli altri e a entrare in contatto in modo più vero e diretto col mondo esterno. Sincerità e imparzialità.

POSSIBILITA' D'IMPIEGO - PARTICOLARITA'
Per i problemi legati all’intestino, lo stomaco e la digestione, si può mettere un Cristallo di Rocca in un bicchiere d’acqua, lasciarlo per una notte, e bere l'acqua energetizzata il mattino seguente a digiuno. E' utile farlo in maniera continuativa per 1-2 mesi.

PULIZIA
Può essere scaricato da disarmonie dopo l'uso sotto l’acqua corrente. Ama il Reiki. Può essere posto senza problemi al sole.

TERAPIA
Emette energia pura e luminosa, penetra profondamente in ogni centro di luce e rende così più fluida la nostra energia. Potenzia gli effetti di tutte le altre pietre. Armonizza e chiarifica l’aura.

CHAKRA CORRISPONDENTE
Può essere utilizzato per tutti i chakra. Agisce particolarmente sul 7° chakra, sul 6°, sul 4° e sul 3°.

SEGNI ZODIACALI
Leone, Gemelli
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Quarzo ialino   Lun 19 Apr 2010 - 17:02

FONTE: http://www.viviamoinpositivo.org/salute/cristallo/cristallo.htm

CHAKRA: Settimo
ELEMENTO: i quattro elementi insieme
COLORE: bianco trasparente e brillante

"A colui che vincerà, donerò una Pietra Bianca con un nome scritto su che nessuno conoscerà, se non colui alla quale sarà stata data".
(Apocalisse, II, 17)

"Ci fu un tempo in cui tutto era totalmente diverso da oggi. Era un mondo felice, con energie sublimi che convivevano in armonia. In questo mondo, noi eravamo dei. Un giorno, un grande peccato fu commesso e tutto cambiò. Gli dei persero i loro troni e l'unico modo che trovarono per rendersi eterni fu quello di trasformarsi in cristalli".

Questa è una leggenda tramandata dagli antichi sciamani australiani. Anticamente il neofita diveniva uno sciamano quando si trasformava in "Luce solidificata", vale a dire in un "cristallo umano".

Occorre trasformarsi in "cristallo umano" per comprendere a pieno il significato di questa pietra sommamente sacra. Possiamo solo aprirci alla sua influenza santificante e per entrare nella sua dimensione spirituale dobbiamo diventare la sua luce.

Nella Cabala, il cristallo è "l'antico degli Antichi", "l'anziano di tutti i giorni", "L'esistenza delle esistenze", "il segreto dei segreti", la "luce interiore", "L'Intelligenza occulta" di tutte le cose.

Corrisponde alla scintilla divina dell'uomo, al suo vero Sé, comunemente chiamato "Io superiore". Il Cristallo è il Maestro interiore di ognuno, il "Loto dai mille petali". Il nostro Grande Io sconosciuto. É l'energia primordiale dell'Universo cristallizzata in materia-coscienza.

Nelle varie religioni e negli antichi sistemi filosofici, il cristallo corrisponde alla divinità suprema: Zeus dei greci, Amon Ra egizio, Parabrahn hindù, l'Atma buddista.

Universalmente rappresenta lo stato supremo della materia, la tappa culminante dell'evoluzione, la corona dell'Iniziazione. É il maestro di tutta l'illuminazione spirituale completa. L'esperienza mistica di una totale compenetrazione della nostra anima col cristallo è quella dell'unione con Dio.

Il diossido di silicio di cui è composto il Cristallo è uno dei composti minerali più abbondanti della terra. Non solo forma parte della costituzione del pianeta ma è pure uno dei componenti del corpo umano. Così dunque la pietra di quarzo esagonale è una sintesi della propria vita e un microcosmo dell'Universo.

Rispetto al campo della metafisica: se tutto proviene dalla cristallizzazione dell'energia fluida, l'iniziazione è il ritorno dell'energia densa alla libertà dell'energia pura e sottile, attraverso un processo inverso di cristallizzazione.

É per questo, nella tradizione, il Cristallo, condensazione dell'energia cosmica più pura, è la materia in stato di perfezione, l'orecchio dello Spirito. Il ponte della materia verso la più elevata spiritualità, il cima del processo evolutivo universale.

Lo straordinario simbolismo del Cristallo di Quarzo conferma le più antiche tradizioni religiose. Sono sei lati di un esagono perfetto, rappresentano i sei chakra, riuniti in direzione della punta che termina in una piramide (simbolo di ascensione spirituale), culminando in un punto supremo, che rappresenta la realizzazione metafisica nel Settimo Chakra, l'incontro con l'Assoluto.

L'esagono sotto un triangolo simbolizza perfettamente il movimento delle forze psichiche dell'uomo per raggiungere il "punto nel vuoto" del vertice della pietra. É come un'opera d'arte della natura che rappresenta la propria iniziazione, l'ultima fase del ritorno alla coscienza dell'Assoluto.

La sua forma piramidale affascinò le tribù primitive. Adoravano la pietra come microcosmo dello spazio. Essi sapevano che tenevano in mano un riflesso dell'infinito, scolpito in pietra dagli dei. In essa sentivano la Mente di Dio.

In un Quarzo di Cristallo abbiamo un Universo in miniatura. I suoi atomi entrano in contatto con il nostro più intimo Sé per farlo risvegliare alla nostra coscienza.

Il suo centro vibratorio emana la stessa energia dei Grandi Maestri dell'umanità, nascosta in forma di pietra. Questo attrae coloro la cui sensibilità spirituale si è evoluta nei millenni di reincarnazioni e allontana chi non è pronto.

Per i primitivi, il Cristallo era "luce solidificata", "essenza della terra", o "acqua congelata", vale a dire la più potente forza della natura e, per questo avevano fiducia nei suoi grandi poteri. Pensavano che ricevevano dalla pietra gli influssi della propria divinità suprema. I giacimenti di Cristalli erano considerati "terra sacra" o "Terra degli dei". Ad essi avevano accesso solo i grandi sacerdoti.

Seguendo i consigli dei saggi tibetani che studiavano i cristalli, i morti erano sotterrati insieme a pietre di Cristallo, affinché conducessero la loro anima alla Luce pura.

Cristalli consacrati furono usati come mezzi di guarigione dagli sciamani, dai druidi e dai romani, mentre i popoli nomadi lo utilizzavano come mezzo di divinazione.

Nel Medio Evo arrivarono ad esser cari come i diamanti.

Attraverso l'energia del Cristallo il nostro cristallo interiore si affina e si sintonizza con le vibrazioni magnetiche .
Il Cristallo di Rocca o Quarzo Ialino

Si trova in natura sotto forma di cristalli incolori, limpidi come l'acqua. Il nome deriva dal greco "Kristallos" e significa 'ghiaccio'. Gli antichi, infatti, supponevano che i cristalli altro non fossero che ghiaccio indurito in modo tale da non potersi più scongelare.

Da sempre questo minerale è stato utilizzato per creare dei manufatti tipo calici e utensili.

Il Cristallo di Rocca racchiude in sé tutti i colori dello spettro luminoso e tutte le potenzialità energetiche cosmiche.

E' quindi adatto a tutti, al di là del segno zodiacale, anche se viene catalogato come 'pietra lunare' e quindi associata al segno del Cancro.

E' una "pietra guida", che ci insegna la chiarezza, la trasparenza, la purezza. questi cristalli hanno accumulato energia attraverso i secoli, energia di cui noi possiamo beneficiare, liberandola attraverso un corretto utilizzo, un comando.

I Cristalli di Rocca possono essere 'programmati' per curare, proteggere.

Alcune credenze popolari gli attribuiscono il potere di preservare dalla depressione, dalla follia e dagli incubi notturni.

Terapeuticamente è una pietra dalle innumerevoli quelità: armonizza, depura e protegge la nostra aura, i corpi sottili, gli ambienti, scioglie i nodi energetici, purifica e stimola l'attività dei Chakra, scarica le tensioni bervose, bilancia le energie corporee, amplifica il pensiero positivo, rigenera i tessuti, crea ordine e chiarezza mentale.

Il Cristallo di Rocca è noto anche per le sue qualità emostatiche. Dopo aver disinfettato una ferita, vi si ponga vicino un cristallo di discrete dimensioni e si respiri profindamente. Questa azione limita i danni del trauma, riduce il dolore ed attiva le cellule del corpo che si metteranno subito in movimento per riparare i tessuti lesionati.

In caso di problemi di equilibrio e di vertigini è utile indossare (collane o pendenti) un CRistallo di Rocca e, per accelerare la guarigione, poggiarlo per qualche minuto al giorno sul Chakra frontale.
Applicazioni del Cristallo di Rocca

Occhi deboli: riscaldare al sole un Cristallo di Rocca e applicarlo ancora caldo sugli occhi. La sua natura 'acquea' lo rende capace di estrarre le linfe nocive, rendendo migliore la vista stessa.

Gonfiori alle ghiandole giugulari: riscaldarlo al sole e legarlo con una benda alle ghiandole gonfie. Ripetere l'applicazione più volte.

Malattie cardiache o gastriche, disturbi all'addome: si riscaldi il Cristallo di Rocca al sole, quindi lo si metta dentro un bicchiere di vetro colmo di acqua pura (di fonte). Si lasci la pietra in immersione per circa un'ora, dopo averla tolta, bere l'acqua rimasta nel bicchiere. Ripetere frequentemente.

Orticaria: Dopo aver scaldato il Cristallo al sole, applicarlo sulle parti colpite.

Nella medicina ayurvedica il Cristallo di Rocca viene utilizzato per la cura di febbri di seria entità e di sensazioni di caldo o di freddo sul corpo.

Bibliografia:

Christa Faye Burka - La coscienza del cristallo - L'Età dell'Acquario
Francisco Bostrom - il Mago dei Cristalli - Blu International
Katrina Raphaell - Manuele di cristalloterapia - Xenia
Ursula Klinger-Raatz - Magia e segreti delle pietre preziose - Mediterranee
Marco Dini Sin - Cristallopoli - Lunaris
Giuseppe Zanella - Cristalli - Atlantide


FONTE IMMAGINE: http://mariannadeilabirinti.splinder.com/archive/2006-10
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Quarzo ialino   Oggi a 0:22

Tornare in alto Andare in basso
 
Quarzo ialino
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: SCIAMANESIMO :: I TEMI DELLO SCIAMANESIMO - THEMES OF SHAMANSIM :: Sciamanesimo e mondo minerale - Shamanism, Minerals and crystals :: P - Z-
Andare verso: