Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Coniglio - Oryctolagus cuniculus - la vitalità e la velocità dalla paura

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Coniglio - Oryctolagus cuniculus - la vitalità e la velocità dalla paura   Mer 21 Apr 2010 - 6:10




FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Rabbit

Rabbit
From Wikipedia, the free encyclopedia


"Bunny" redirects here. For other uses, see Bunny (disambiguation).
For other uses, see Rabbit (disambiguation).
Rabbits are small mammals in the family Leporidae of the order Lagomorpha, found in several parts of the world. There are seven different genera in the family classified as rabbits, including the European rabbit (Oryctolagus cuniculus), Cottontail rabbit (genus Sylvilagus; 13 species), and the Amami rabbit (Pentalagus furnessi, endangered species on Amami Ōshima, Japan). There are many other species of rabbit, and these, along with pikas and hares, make up the order Lagomorpha.
Contents
[hide]
• 1 Location and habitat
• 2 Characteristics and anatomy
o 2.1 Cecal pellets
• 3 Behavior
• 4 Reproduction
• 5 Diet and eating habits
• 6 Diseases
• 7 Differences from hares
• 8 As pets
• 9 As food and clothing
• 10 Environmental problems
• 11 In culture and literature
o 11.1 Folklore and mythology
o 11.2 Other fictional rabbits
o 11.3 Urban legends
• 12 Classifications
• 13 See also
• 14 References
• 15 External links

The rabbit lives in many areas around the world. Rabbits live in groups, and the best known species, the European rabbit lives in underground burrows, or rabbit holes. A group of burrows is called a warren. [1] Meadows, woods, forests, thickets, and grasslands are areas in which rabbits live.[1] They also inhabit deserts and wetlands. More than half the world's rabbit population resides in North America.[1] They also live in Europe, India, Sumatra, Japan, and parts of Africa. The European rabbit has been introduced to many places around the world.[2]
Characteristics and anatomy
The rabbit's long ears, which can be more than 10 cm (4 in) long, are probably an adaptation for detecting predators. They have large, powerful hind legs. Each foot has five toes, with one greatly reduced in size. They are digitigrade animals; they move around on the tips of their toes. Wild rabbits do not differ much in their body proportions or stance, with full, egg-shaped bodies. Their size can range anywhere from 20 cm (8 in) in length and 0.4 kg in weight to 50 cm (20 in) and more than 2 kg. The fur is most commonly long and soft, with colors such as shades of brown, gray, and buff. The tail is a little plume of brownish fur (white on top for cottontails).[2]
Cecal pellets
Rabbits are hindgut digesters. This means that most of their digestion takes place in their large intestine and cecum. In rabbits, the cecum is about 10 times bigger than the stomach, and it, along with the large intestine, makes up roughly 40% of the rabbit's digestive tract.[3] Cecotropes, sometimes called "night feces", come from the cecum and are high in minerals, vitamins and proteins that are necessary to the rabbit's health. Rabbits eat these to meet their nutritional requirements. This process allows rabbits to extract the necessary nutrients from their food.[4]
Rabbits have two sets of incisor teeth, one behind the other. This way they can be distinguished from rodents, with which they are often mistaken.[5]
Behavior
Rabbits, being prey animals, tend to be exploratory in new spaces and when confronted with a threat, they tend to freeze and observe. Rabbit vision has a remarkably wide field of vision, and a good deal of it is devoted to overhead scanning. Even indoors, rabbits will scan for overhead threats.
Rabbits have a complex social structure, and like dogs, will attempt to establish a hierarchy and dominance. Rabbits are crepuscular, meaning that they tend to have two active periods each day, around dawn and dusk.
Reproduction
Female rabbits do not actually ovulate until after mating. They have a bifurcated uterus and often, mating can involve multiple acts that can result in multiple impregnations from different bucks (male rabbits). Males are commonly sterile during the heat of summer months.
A litter of rabbit kits (baby rabbits) can be as small as a single kit, ranging up to 12 or 13; however there have been litters as big as 18. The gestation period is 30–32 days.[6]

Diet and eating habits
Rabbits are herbivores who feed by grazing on grass, forbs, and leafy weeds. In consequence, their diet contains large amounts of cellulose, which is hard to digest. Rabbits solve this problem by passing two distinct types of feces: hard droppings and soft black viscous pellets, the latter of which are immediately eaten. Rabbits reingest their own droppings (rather than chewing the cud as do cows and many other herbivores) to digest their food further and extract sufficient nutrients.[7]
Rabbits graze heavily and rapidly for roughly the first half hour of a grazing period (usually in the late afternoon), followed by about half an hour of more selective feeding. In this time, the rabbit will also excrete many hard fecal pellets, being waste pellets that will not be reingested. If the environment is relatively non-threatening, the rabbit will remain outdoors for many hours, grazing at intervals. While out of the burrow, the rabbit will occasionally reingest its soft, partially digested pellets; this is rarely observed, since the pellets are reingested as they are produced. Reingestion is most common within the burrow between 8 o'clock in the morning and 5 o'clock in the evening, being carried out intermittently within that period.
Hard pellets are made up of hay-like fragments of plant cuticle and stalk, being the final waste product after redigestion of soft pellets. These are only released outside the burrow and are not reingested. Soft pellets are usually produced several hours after grazing, after the hard pellets have all been excreted. They are made up of micro-organisms and undigested plant cell walls.
The chewed plant material collects in the large cecum, a secondary chamber between the large and small intestine containing large quantities of symbiotic bacteria that help with the digestion of cellulose and also produce certain B vitamins. The pellets are about 56% bacteria by dry weight, largely accounting for the pellets being 24.4% protein on average. These pellets remain intact for up to six hours in the stomach; the bacteria within continue to digest the plant carbohydrates. The soft feces form here and contain up to five times the vitamins of hard feces. After being excreted, they are eaten whole by the rabbit and redigested in a special part of the stomach. This double-digestion process enables rabbits to use nutrients that they may have missed during the first passage through the gut, and thus ensures that maximum nutrition is derived from the food they eat.[2] This process serves the same purpose within the rabbit as rumination does in cattle and sheep.[8]
Rabbits are incapable of vomiting due to the physiology of their digestive system.[9]
Diseases
• Myxomatosis
• Coccidiosis
• Pasteurellosis
Differences from hares
Main article: Hare
Rabbits are clearly distinguished from hares in that rabbits are altricial, having young that are born blind and hairless. In contrast, hares are generally born with hair and are able to see (precocial). All rabbits except the cottontail rabbit live underground in burrows or warrens, while hares live in simple nests above the ground (as does the cottontail rabbit), and usually do not live in groups. Hares are generally larger than rabbits, with longer ears, and have black markings on their fur. Hares have not been domesticated, while European rabbits are often kept as house pets. In gardens, they are typically kept in hutches — small, wooden, house-like boxes — that protect the rabbits from the environment and predators.
As pets
Pet rabbits kept indoors are referred to as house rabbits. House rabbits typically have an indoor pen or cage and a rabbit-safe place to run and exercise, such as an exercise pen, living room or family room. Rabbits can be trained to use a litter box and some can learn to come when called. Domestic rabbits that do not live indoors can also often serve as companions for their owners, typically living in an easily accessible hutch outside the home. Some pet rabbits live in outside hutches during the day for the benefit of fresh air and natural daylight and are brought inside at night.
Whether indoor or outdoor, pet rabbits' pens are often equipped with enrichment activities such as shelves, tunnels, balls, and other toys. Pet rabbits are often provided additional space in which to get exercise, simulating the open space a rabbit would traverse in the wild. Exercise pens or lawn pens are often used to provide a safe place for rabbits to run.
A pet rabbit's diet typically consists of unlimited Timothy hay, a small amount of pellets, and a small portion of fresh vegetables. Rabbits are social animals. Rabbits as pets can find their companionship with a variety of creatures, including humans, other rabbits, guinea pigs, and sometimes even cats and dogs. Animal welfare organisations such as the House Rabbit Society recommend that rabbits do not make good pets for small children because children generally do not know how to stay quiet, calm, and gentle around rabbits. As prey animals, rabbits are alert, timid creatures that startle easily. They have fragile bones, especially in their backs, that require support on the belly and bottom when picked up. Children 7 years old and older usually have the maturity required to care for a rabbit.[10]
As food and clothing
Leporids such as European rabbits and hares are a food meat in Europe, South America, North America, some parts of the Middle East, and China, among other places.
Rabbit is still commonly sold in UK butchers and markets, although not frequently in supermarkets. At farmers markets and the famous Borough Market in London, rabbits will be displayed dead and hanging unbutchered in the traditional style next to braces of pheasant and other small game. Rabbit meat was once commonly sold in Sydney, Australia, the sellers of which giving the name to the rugby league team the South Sydney Rabbitohs, but quickly became unpopular after the disease myxomatosis was introduced in an attempt to wipe out the feral rabbit population (see also Rabbits in Australia).
When used for food, rabbits are both hunted and bred for meat. Snares or guns along with dogs are usually employed when catching wild rabbits for food. In many regions, rabbits are also bred for meat, a practice called cuniculture. Rabbits can then be killed by hitting the back of their heads, a practice from which the term rabbit punch is derived. Rabbit meat is a source of high quality protein.[11] It can be used in most ways chicken meat is used. In fact, well-known chef Mark Bittman says that domesticated rabbit tastes like chicken because both are blank palettes upon which any desired flavors can be layered.[12] Rabbit meat is leaner than beef, pork, and chicken meat. Rabbit products are generally labeled in three ways, the first being Fryer. This is a young rabbit between 4.5 and 5 pounds and up to 9 weeks in age.[13] This type of meat is tender and fine grained. The next product is a Roaster; they are usually over 5 pounds and up to 8 months in age. The flesh is firm and coarse grained and less tender than a fryer. Then there are giblets which include the liver and heart. One of the most common types of rabbit to be bred for meat is New Zealand white rabbit.
There are several health issues associated with the use of rabbits for meat, one of which is Tularemia or Rabbit Fever.[14] Another is so-called rabbit starvation, due most likely to essential fatty acid deficiencies in rabbit meat and synthesis limitations in human beings.
Rabbits are a favorite food item of large pythons, such as Burmese pythons and reticulated pythons, both in the wild, as well as pet pythons. A typical diet for example, for a pet Burmese python, is a rabbit once a week.[citation needed]
Rabbit pelts are sometimes used for clothing and accessories, such as scarves or hats. Angora rabbits are bread for their long, fine hair, which can be sheared and harvested like sheep wool. Rabbits are very good producers of manure; additionally, their urine, being high in nitrogen, makes lemon trees very productive. Their milk may also be of great medicinal or nutritional benefit due to its high protein content.[citation needed]
Environmental problems


When introduced to a new area, rabbits can quickly overpopulate and become a nuisance, as they have on this university campus.

A European Rabbit afflicted by Myxomatosis in England
See also: Rabbits in Australia
Rabbits have been a source of environmental problems when introduced into the wild by humans. As a result of their appetites, and the rate at which they breed, wild rabbit depredation can be problematic for agriculture. Gassing, barriers (fences), shooting, snaring, and ferreting have been used to control rabbit populations, but the most effective measures are diseases such as myxomatosis (myxo or mixi, colloquially) and calicivirus. In Europe, where rabbits are farmed on a large scale, they are protected against myxomatosis and calicivirus with a genetically modified virus. The virus was developed in Spain, and is beneficial to rabbit farmers. If it were to make its way into wild populations in areas such as Australia, it could create a population boom, as those diseases are the most serious threats to rabbit survival. Rabbits in Australia are considered to be such a pest that land owners are legally obliged to control them.[citation needed]
In culture and literature
See also: List of fictional rabbits
Rabbits are often used as a symbol of fertility or rebirth, and have long been associated with spring and Easter as the Easter Bunny. The species' role as a prey animal also lends itself as a symbol of innocence, another Easter connotation.
Additionally, rabbits are often used as symbols of playful sexuality, which also relates to the human perception of innocence, as well as its reputation as a prolific breeder.
Further information: Playboy Bunny
Folklore and mythology
The rabbit often appears in folklore as the trickster archetype, as he uses his cunning to outwit his enemies.
• In Aztec mythology, a pantheon of four hundred rabbit gods known as Centzon Totochtin, led by Ometotchtli or Two Rabbit, represented fertility, parties, and drunkenness.
• In Central Africa "Kalulu" the rabbit is widely known as a tricky character, getting the better of bargains.[citation needed]
• In Chinese literature, rabbits accompany Chang'e on the Moon. Also associated with the Chinese New Year (or Lunar New Year), rabbits are also one of the twelve celestial animals in the Chinese Zodiac for the Chinese calendar. It is interesting to note that the Vietnamese lunar new year replaced the rabbit with a cat in their calendar, as rabbits did not inhabit Vietnam.
• In the folklore of the United States, a rabbit's foot is frequently carried as an amulet, and is often used on keychains, where it is thought to bring luck. The practice derives from the system of African-American folk magic called hoodoo.
• In Japanese tradition, rabbits live on the Moon where they make mochi, the popular snack of mashed sticky rice. This comes from interpreting the pattern of dark patches on the moon as a rabbit standing on tiptoes on the left pounding on an usu, a Japanese mortar (See also: Moon rabbit).
• In Jewish folklore, rabbits (shfanim שפנים) are associated with cowardice, a usage still current in contemporary Israeli spoken Hebrew (similar to English colloquial use of "chicken" to denote cowardice).
• A Korean myth similar to the Japanese counterpart presents rabbits living on the moon making rice cakes (Tteok in Korean).
• In Native American Ojibwe mythology, Nanabozho, or Great Rabbit, is an important deity related to the creation of the world.
• A Vietnamese mythological story portrays the rabbit of innocence and youthfulness. The Gods of the myth are shown to be hunting and killing rabbits to show off their power.
• "Taushan Tepe" (Rabbit Hill) was the Turkish name of Kabile, Bulgaria.
On the Isle of Portland in Dorset, UK, the rabbit is said to be unlucky and speaking its name can cause upset with older residents. This is thought to date back to early times in the quarrying industry, where piles of extracted stone (not fit for sale) were built into tall rough walls (to save space) directly behind the working quarry face; the rabbit's natural tendency to burrow would weaken these "walls" and cause collapse, often resulting in injuries or even death. The name rabbit is often substituted with words such as “long ears” or “underground mutton”, so as not to have to say the actual word and bring bad luck to oneself. It is said that a public house (on the island) can be cleared of people by calling out the word rabbit and while this was very true in the past, it has gradually become more fable than fact over the past 50 years.
Other fictional rabbits
Main article: List of fictional rabbits
The rabbit as trickster appears in American popular culture; for example the Br'er Rabbit character from African-American folktales and Disney animation; and the Warner Bros. cartoon character Bugs Bunny.
Anthropomorphized rabbits have appeared in a host of works of film, literature, and technology, notably the White Rabbit and the March Hare in Lewis Carroll's Alice's Adventures in Wonderland; in the popular novels Watership Down, by Richard Adams (which has also been made into a movie) and Rabbit Hill by Robert Lawson, as well as in Beatrix Potter's Peter Rabbit stories.
Urban legends
Main article: Rabbit test
It was commonly believed that pregnancy tests were based on the idea that a rabbit would die if injected with a pregnant woman's urine. This is not true. However, in the 1920s it was discovered that if the urine contained the hCG, a hormone found in the bodies of pregnant women, the rabbit would display ovarian changes. The rabbit would then be killed to have its ovaries inspected, but the death of the rabbit was not the indicator of the results. Later revisions of the test allowed technicians to inspect the ovaries without killing the animal. A similar test involved injecting Xenopus frogs to make them lay eggs, but animal tests for pregnancy have been made obsolete by faster, cheaper, and simpler modern methods.
Classifications

Rabbits and hares were formerly classified in the order Rodentia (rodent) until 1912, when they were moved into a new order Lagomorpha. This order also includes pikas.
Order Lagomorpha
• Family Leporidae
o Genus Pentalagus
 Amami Rabbit/Ryūkyū Rabbit, Pentalagus furnessi
o Genus Bunolagus
 Bushman Rabbit, Bunolagus monticularis
o Genus Nesolagus
 Sumatran Striped Rabbit, Nesolagus netscheri
 Annamite Striped Rabbit, Nesolagus timminsi
o Genus Romerolagus
 Volcano Rabbit, Romerolagus diazi
o Genus Brachylagus
 Pygmy Rabbit, Brachylagus idahoensis
o Genus Sylvilagus
 Forest Rabbit, Sylvilagus brasiliensis
 Dice's Cottontail, Sylvilagus dicei
 Brush Rabbit, Sylvilagus bachmani
 San Jose Brush Rabbit, Sylvilagus mansuetus
 Swamp Rabbit, Sylvilagus aquaticus
 Marsh Rabbit, Sylvilagus palustris
 Eastern Cottontail, Sylvilagus floridanus
 New England Cottontail, Sylvilagus transitionalis
 Mountain Cottontail, Sylvilagus nuttallii
 Desert Cottontail, Sylvilagus audubonii
 Omilteme Cottontail, Sylvilagus insonus
 Mexican Cottontail, Sylvilagus cunicularis
 Tres Marias Rabbit, Sylvilagus graysoni
o Genus Oryctolagus
 European Rabbit, Oryctolagus cuniculus
o Genus Poelagus
 Central African Rabbit, Poelagus marjorita
o Three other genera in family, regarded as hares, not rabbits
See also
• Cecotrope
• Cuniculture
• Domestic rabbit
• Dwarf rabbits
• European Rabbit
• House rabbit
• Jackalope
• List of fictional rabbits
• Rabbit hopping
• Rabbits in Australia







Ultima modifica di Admin il Gio 9 Dic 2010 - 17:17, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Coniglio - Oryctolagus cuniculus - la vitalità e la velocità dalla paura   Mer 21 Apr 2010 - 6:14

Leggere anche alla FONTE: http://paganismwicca.suite101.com/article.cfm/rabbithare_tricksterfear_caller

Diamo qui un breve estratto a scopo esemplificativo:


Rabbits and hares are swift long-eared animals. They live on every continent except Antarctica. They aren’t native to Australia. Thomas Austin, from England, moved to Victoria. He loved to hunt, but there were no rabbits in Australia. He asked his nephew to send him rabbits and hares, so he could set them free and hunt for sport.

Western European Rabbit Symbolism
Rabbit (Coinean) and Hare (Gèarr) are symbols of fertility, intuition, rebirth, promise, fulfillment, and balance. He is the Goddess’ creature and represents the Moon, night and dawn. is also associated with abundance, rebirth and release and is symbolic of the ‘tween times, dawn and dusk.

Their motions were used for divination. They’re also associated with transformation, receiving esoteric knowledge and intuitive messages.

Read more at Suite101: Rabbit/Hare is Trickster-Fear Caller: Rabbit - Fertility Symbol, Ostara Pagan and Christian Easter Animal http://paganismwicca.suite101.com/article.cfm/rabbithare_tricksterfear_caller#ixzz0liFHrgXq


The Celts believed they brought luck and keeping a part of the animal, usually the foot, attracted good fortune. It was also believed that the foot protected people against evil.

Rabbit is a symbol of Easter and Ostara.




Ultima modifica di Admin il Gio 9 Dic 2010 - 17:20, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Coniglio - Oryctolagus cuniculus - la vitalità e la velocità dalla paura   Mer 21 Apr 2010 - 14:32

Riporto uno stralcio di wikipedia che ci parla di uno spirito nella mitologia relazionato a questo totem e in fondo al mio post troverete qualcosa legata alla sua simbologia... buona lettura!

FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Nanabozho


Nanabozho
From Wikipedia, the free encyclopedia
In Anishinaabe mythology, particularly among the Ojibwa, Nanabozho is a spirit, and figures prominently in their storytelling, including the story of the world's creation. Nanabozho is the Ojibwe trickster figure and culture hero (these two archetypes are often combined into a single figure in First Nations mythologies). He plays a similar role as the Saulteaux Wiisagejaak (Cree Wisakedjak)—eastern James Bay Crees call this figure 'Chikapash', who is said to be a shape shifter. (He can change from various animal forms to various human forms (adult to child) and various mythical animals such as (the great big porcupine, or big skunk.) Chikapash conquered or diminished these mythical animals to smaller size after killing or changing them with his trickery or shape shifting.
The Algonquin had a similar figure called Ganoozhigaabe (Abenaki Gluskabe). He was the son of Wiininwaa ("Nourishment"),[1] a human mother, and E-bangishimog ("In the West"), a spirit father.
Nanabozho most often appears in the shape of a rabbit and is characterized as a trickster. In his rabbit form, he is called Mishaabooz ("Great rabbit" or "Hare") or Chi-waabooz ("Big rabbit"). He was sent to Earth by Gitchi Manitou to teach the Ojibwe. One of his first tasks was to name all the plants and animals. Nanabozho is considered to be the founder of Midewiwin. Like the Egyptian god Thoth, he is thought to be the inventor of fishing and hieroglyphs, and the creator of the earth.
Nanabojo is a trickster hero in Native American legend. The middle brother created the road to the spirit world after he died; the youngest brother was made of stone. Nanabojo killed his two younger brothers because he wanted to travel the earth freely. Ojibway myth has it that Nanabojo saved the forests from Paul Bunyan. They fought for forty days and nights, and Nanabojo killed Bunyan with a Red Lake walleye (blackjack).


FONTE: http://animalitotem.wordpress.com/2008/02/04/animali-dalla-a-alla-d/

Per sostenere la creazione della ricchezza, a tutti i livelli della vita. Incoraggia e promuove la creatività. Aiuta a superare le paure e a coltivare la fiducia nella propria capacità di realizzare i sogni..
Nella tradizione celtica
Coniglio (Coinean): Un animale sacro alla dea Andraste in particolare. I suoi movimenti sono stati a volte utilizzati per la divinazione. Il suoi poteri sono associati con l’intuizione e con la ricezione di insegnamenti nascosti.


FONTE IMMAGINE: http://www.bornagain.it/wp/tag/coniglio/


Ultima modifica di Tila il Mar 28 Dic 2010 - 18:35, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Coniglio - Oryctolagus cuniculus - la vitalità e la velocità dalla paura   Mer 28 Apr 2010 - 11:27

Che carino il coniglio che hai messo!!!1 tongue

dopo averlo coccolato me lo faccio al forno.....

What a Face

scherzo...

ho trovato questa immagine artistica molto bella con un coniglio come co-tema, la allego



FONTE immagine: http://site.artworldchicago.com/community/picture.php?albumid=91&pictureid=607


Ultima modifica di Admin il Gio 9 Dic 2010 - 17:20, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Coniglio - Oryctolagus cuniculus - la vitalità e la velocità dalla paura   Mer 28 Apr 2010 - 14:59

Admin ha scritto:
Che carino il coniglio che hai messo!!!1 tongue

dopo averlo coccolato me lo faccio al forno.....

What a Face

scherzo...


Accompagnato da un buon risotto allo spumante immagino.....che brutale che sei
albino
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Coniglio - Oryctolagus cuniculus - la vitalità e la velocità dalla paura   Lun 1 Ago 2011 - 8:27

Admin riporto la versione italiana di wikipedia, buona lettura!

FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Coniglio

Coniglio
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con il termine coniglio si definisce un gruppo di animali appartenente alla famiglia dei leporidi, anche se il termine viene spesso usato per indicare la specie coniglio europeo (Oryctolagus cuniculus).

Si distinguono dalle lepri per varie caratteristiche: ad esempio, appena nati i piccoli conigli sono privi di pelo, hanno gli occhi chiusi e sostanzialmente dipendono in modo totale dai genitori. I conigli, tranne quelli del gruppo coda di cotone, hanno l'abitudine di vivere in gallerie scavate nel terreno.

I conigli, insieme con le lepri e i pica, costituiscono l'ordine dei Lagomorfi.

Alimentazione

L'alimentazione naturale è costituita da erba, foglie secche, radici e cortecce. Essendo erbivoro mangia però verdure di tutti i tipi, ad esempio sedano, carote o cicoria. Inoltre esistono dei mangimi confezionati per lui che per essere adatti devono avere delle caratteristiche particolari ovvero

fibra > 18% (fino al 22-25% soprattutto per i soggetti anziani, sedentari o dal pelo lungo)
proteine 12-14% (fino al 16% per gli angora durante il ricambio del pelo)
grassi non oltre il 3%
calcio 0,6-1%
fosforo 0,4-0,8%

Vi è l'errata convinzione che il pane consumi i denti dei conigli. Anche se questo sembra gradirla, va segnalato che l'alimentazione a base di pane, fette biscottate, farine d'avena, melassa e carboidrati in genere oppure mangimi in ogni caso è causa di gravi problemi. Infatti, l'apparato digerente del coniglio non è in grado di assimilarli correttamente e la fermentazione di questo tipo di cibi può causare meteorismo e successivo blocco gastro intestinale coccidiosi (una delle maggiori cause di morte nei conigli da compagnia). Da non sottovalutare, inoltre, sono i già citati problemi dentali che tali cibi possono causare; malocclusioni dovute ad un cattivo consumo dei denti, sia incisivi che molari, che se non curate da un veterinario, causano inappetenza, ascessi ed infine la morte.

Invece il silicio contenuto nell'erba permette ai denti la crescita continua e il consumarsi naturalmente.

La corretta alimentazione del coniglio è quindi composta da fieno in quantità abbondante, verdura fresca e pulita in quantità pari a circa 250-300g per kg di peso del coniglio stesso ed acqua sempre a disposizione.

È importante lasciare questo cibo sempre a disposizione dell'animale in quanto l'apparato digerente del coniglio è a digestione continua ed un digiuno prolungato per più di 12 ore apre la porta a patologie molto serie che possono ucciderlo.

Comportamenti

Il coniglio da compagnia è generalmente affettuoso e socievole: nonostante non siano soliti chiedere manifestazioni d'affetto esplicitamente come potrebbe fare un gatto o un cane, molti conigli hanno un comportamento molto aperto e disponibile all'affetto che gli viene manifestato. Quando avvertono l'esigenza di mangiare, non è un caso che vengano ai piedi del padrone a domandare cibo, alzandosi sulle zampe posteriori o alzando il muso. I conigli sono in genere molto pacifici; ottimi animali da compagnia, non recano particolari disturbi, sono molto puliti e vivono in determinati spazi da loro selezionati e opportunamente "marchiati", anche più volte, strusciandosi col muso. È inoltre da ricordare che il coniglio è molto selettivo per quanto riguarda l'alimentazione: per esempio, trovandosi davanti del sedano e del prezzemolo, potrebbe scegliere o uno o l'altro a seconda del suo gusto, nonostante siano entrambi due alimenti tipici della sua alimentazione.

I conigli assumono particolari comportamenti quando per esempio vogliono riposare; sono infatti soliti distendersi, oppure assumere una posizione "a palla", cioè piegando in dentro le zampe anteriori, stando in sostanza semidistesi. Difficilmente i conigli recano disturbi, anche in base al loro comportamento, proprio per la loro indole pacifica. Per antonomasia, si sa però che il coniglio è l'animale più pauroso, infatti, a meno che non siano coscienti di trovarsi in un luogo familiare e protetto, potrebbero spaventarsi anche per il minimo rumore, stando sempre sull'attenti.

Classificazione

Ci sono almeno sette generi differenti della famiglia dei Leporidi che possono ricadere sotto la denominazione di coniglio.

Oryctolagus
Coniglio europeo o coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus)
Sylvilagus (conigli coda di cotone, originari dell'America)
Sylvilagus brasiliensis
Sylvilagus dicei
Sylvilagus bachmani
Sylvilagus mansuetus
Sylvilagus aquaticus
Sylvilagus palustris
Silvilago orientale, Silvilago o minilepre (Sylvilagus floridanus)
Sylvilagus transitionalis
Sylvilagus nuttallii
Coniglio del deserto, (Sylvilagus audubonii)
Sylvilagus insonus
Sylvilagus cunicularis
Sylvilagus graysoni
Pronolagus (coniglio africano)
Pronolagus crassicaudatus
Pronolagus randensis
Pronolagus rupestris
Poelagus
Poelagus marjorita
Bunolagus
coniglio fluviale, (Bunolagus monticularis)
Romerolagus
coniglio dei vulcani, (Romerolagus diazi)
Nesolagus (conigli dell'isola di Sumatra)
Nesolagus netscheri
Nesolagus timminsi
Pentalagus
coniglio "Amami" (Pentalagus furnessi, una specie in pericolo di estinzione che vive ad Amami Oshima, in Giappone).


Versi e comunicazione dell'animale

Anche avendo un proprio verso, il coniglio lo utilizza molto raramente, specialmente in presenza di esseri umani, e comunica con il linguaggio del corpo.

Questo verso, simile ad un "gu gu" emesso con una tonalità molto bassa e gutturale, è detto zigare, si dice quindi che il coniglio ziga.

Per ciò che concerne invece il loro linguaggio del corpo, oltre ad usare movimenti evidenti (ad esempio quando battono forte le zampe posteriori sul terreno), emettono dei suoni non considerabili versi, come soffiare o sbattere i denti.

Il loro udito permette di avvertire le vibrazioni a notevole distanza e a interpretarle.

Coniglio nano

A differenza del coniglio di taglia normale può avere massimo due/tre conigli a gestazione.

La femmina è pronta all'accoppiamento da quando compie sette mesi mentre il maschio è pronto per riprodursi a sei mesi. La gravidanza dura all'incirca trenta giorni durante i quali è consigliabile mettere dentro la gabbietta della coniglietta dei pezzi di lana o di stoffa mentre nel frattempo essa completerà il tutto con un po' dei suoi peli.

Il coniglio nano è un animale estremamente delicato, infatti, non può essere esposto al sole molto tempo e necessita di cure molto specifiche. In particolare deve essere visitato almeno ogni 6 mesi in occasione dei vaccini, da un veterinario esperto in animali esotici.

I vaccini da effettuare con regolarità e con puntualità sono due: contro la mixomatosi e contro la malattia emorragica virale. Entrambe le malattie, se contratte, non hanno cura.

La scadenza dei vaccini è semestrale per uno ed annuale per l'altro, quindi i richiami possono coincidere con le visite di controllo.

A differenza del coniglio di taglia normale, ha delle orecchie più corte.

Il coniglio nano si trova difficilmente in libertà.

Si trovano diverse specie di coniglio nano tra cui:

Coniglio nano olandese
Coniglio nano ermellino (polacco)
Coniglio nano testa di leone
Coniglio Rex nano
Coniglio Fulvo di borgogna
Coniglio Cincillà nano
Coniglio Alaska nano
Coniglio Angora nano
Coniglio Ariete nano

FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Oryctolagus_cuniculus

Oryctolagus cuniculus
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il coniglio selvatico europeo (Oryctolagus cuniculus Linnaeus, 1758) è un mammifero lagomorfo della famiglia dei Leporidi, diffuso in Europa. Si tratta dell'unica specie vivente appartenente al genere Oryctolagus (Lilljeborg, 1873).


FONTE IMMAGINE: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Oryctolagus_cuniculus_Tasmania_2.jpg

Distribuzione e habitat

Inizialmente diffuso in tutta Europa, dopo l'ultima glaciazione l'areale del coniglio selvatico era limitato all'area mediterranea di Francia e Spagna ed ai Monti dell'Atlante (dove tuttavia era stato introdotto dai Fenici): gli antichi Romani provvidero ad introdurre questi animali in Europa centrale ed in numerose isole (Baleari, Creta, Cipro, Sardegna, Corsica, Azzorre, Madera etc.). Attualmente, con sei sottospecie (O. cuniculus algirus, O. cuniculus brachyotus, O. cuniculus cnossius, O. cuniculus cuniculus, O. cuniculus habetensis, O. cuniculus huxleyi) il coniglio è diffuso allo stato selvatico praticamente in tutta Europa (dal Portogallo sino alla Polonia, comprendendo la Gran Bretagna ed alcuni territori di Norvegia, Svezia ed Ucraina) e nel Nordafrica. I conigli selvatici sono stati inoltre introdotti con successo in Australia, Nuova Zelanda, Cile ed in numerosissime isole.

In Italia, la sottospecie huxleyi è diffusa in tutte le isole (Sardegna, Sicilia, Corsica, Malta, Elba ed isole minori), oltre che con popolazioni frammentarie in tutto il territorio peninsulare: a più riprese è stata importata e liberata sul territorio nazionale anche la sottospecie nominale[3].

Predilige ambienti aperti, con clima secco e mite, ad altitudine non eccessivamente elevata: il suolo dev'essere soffice o sabbioso, in modo da permettere all'animale di scavarsi la tana. Un tempo i conigli selvatici si spostavano nelle aree rurali, dove il suolo appena arato era agevolmente colonizzabile, tuttavia con l'avvento delle moderne tecniche di aratura meccanica, molto più invasive, ciò non è più conveniente per l'animale[4].

Descrizione

Dimensioni

Misura fino a 45 cm di lunghezza, per un peso che raggiunge i 2,5 kg: i maschi sono generalmente più grossi e robusti delle femmine.

Aspetto

Ha lunghe orecchie e grandi occhi neri situati sui lati della testa, che nelle femmine è più lunga e affusolata rispetto ai maschi. Le zampe posteriori sono robuste e più lunghe di quelle anteriori e mettono il coniglio in condizione di correre rapidamente. Invece di avere dei cuscinetti a protezione della pianta dei piedi, il coniglio ha una fitta copertura di peli che gli permette di non scivolare sia sulla roccia che sulla neve. Le zampe sono inoltre palmate per impedire alle dita di separarsi mentre l'animale salta o scarta di lato, provocando così cadute. La coda è molto corta e rivolta all'insù: essa è ricoperta sul lato inferiore di pelo bianco, che le dà un aspetto ovattato.
La pelle è piuttosto scura e lucida nella parte superiore del corpo, mentre è grigio-biancastra nelle parti più basse. La pelliccia ha tre strati:

un sottopelo, fitto, lanoso e soffice;
uno strato mediano di peli più lunghi e più duri che danno al mantello il suo colore;
un terzo strato (detto "di guardia") di peli ancora più lunghi ma meno fitti;

Il rivestimento si infittisce durante la stagione invernale. Il pelo è solitamente bruno uniforme nella zona dorsale, con sfumature grigie sul quarto posteriore e color ruggine sulle spalle, mentre il ventre, la gola, la coda e la parte interna delle zampe sono bianche. Tutta l'area dorsale è brizzolata di nero: non sono rari anche gli esemplari completamente neri.
Sotto il mento del coniglio vi sono delle ghiandole, più grandi nel maschio che nella femmina, le quali producono una secrezione che viene utilizzata per contrassegnare il territorio: i conigli hanno l'abitudine di fregarsi a vicenda il mento, specialmente tra coppie e con i neonati, e si presume che ciò permetta loro di riconoscersi.

Biologia

Si tratta di animali principalmente notturni e fortemente gregari, che possono vivere in colonie di grandezza direttamente proporzionale alla disponibilità di cibo. Una colonia tipo è composta da una decina di individui, senza distinzione di sesso: in ogni caso all'interno di ciascuna colonia (in particolare fra i maschi) vige un rigido schema gerarchico, che si traduce nella facilità di accesso all'accoppiamento o al cibo. Ciascuna colonia vive in un territorio che solitamente si estende per una decina di acri e nei maschi ha dimensioni maggiori, in modo tale da sovrapporsi con quelli di più femmine.
Nonostante l'idea di animale placido che l'opinione pubblica ha dei conigli, questi animali possono rivelarsi particolarmente aggressivi fra loro: in particolare i maschi, pur mostrando rituali aggressivi come lo spruzzare la propria urina sui contendenti, generalmente rispondono ad eventuali sfide attaccando immediatamente e ferendosi anche gravemente con morsi, graffi e calci[5].

Rapporti con l'uomo

I rapporti tra uomo e coniglio europeo risalgono ai tempi dei Fenici, prima del 1000 a.C., quando il popolo di navigatori definì la penisola iberica con il termine i-shephan-im (che letteralmente vuol dire "terra de gli iraci", infatti la parola shephan in fenicio vuol dire sia "coniglio" che "irace", anzi nella traduzione della Bibbia dall'aramaico - dove invece si allude all'irace - è stata mutata in "coniglio"), che i Romani successivamente convertirono nella forma latina Hispania (da qui il moderno Spagna). Il coniglio europeo è la sola specie di coniglio ad essere stata addomesticata, anche se i rapporti tra questa specie e l'uomo si sono evoluti in modi diversi: i conigli, infatti, sono un esempio di animali trattati come cibo, animali da compagnia o flagelli nella stessa cultura.

Ultimamente si è diffuso molto come animale da compagnia nella versione "ridotta" del coniglio nano. Per distinguere un coniglio normale da uno nano è necessario guardare le orecchie che nella seconda specie sono piuttosto piccole e se dritte, quasi ridicolmente minute. Il coniglio nano è un animale domestico capace di dare molto affetto, è vivace e pulito in quanto impara con facilità ad usare la lettiera per i bisogni.

Il coniglio europeo come specie invasiva

Il coniglio europeo è stato introdotto a partire dal XVIII secolo in numerose parti del mondo: Cile, Nuova Zelanda, oltre che in numerosissime isole tutt'intorno al globo e soprattutto in Australia.

In quest'ultimo paese, la specie ha proliferato a tal punto da risultare estremamente dannosa. Il coniglio, infatti, è più di molti altri animali introdotti nell'isola-continente il responsabile dell'estinzione di numerose specie endemiche di animali e piante australiani[6]. L'abitudine di scavare cunicoli e la grande voracità di questi animali hanno fatto sì che il terreno, non più trattenuto dalle radici delle piante, divenisse molto più cedevole e soggetto all'erosione, devastando intere aree che richiederanno secoli per tornare allo stato iniziale.

Il coniglio venne introdotto in Australia per la prima volta nel 1788 dalla Prima Flotta, senza tuttavia danneggiare il territorio più di tanto: l'attuale popolazione discende infatti quasi interamente dai 24 esemplari rilasciati da Thomas Austin nella propria proprietà nello stato del Victoria nell'ottobre 1859 a fini venatori[7].
I conigli si trovarono davanti immensi spazi aperti con scarse aree cespugliose, nei quali vi erano scarsissimi predatori: cominciarono pertanto a moltiplicarsi velocemente (agevolati dal fatto che in condizioni di tempo come quelle australiane, ossia con inverni miti, essi possono riprodursi durante tutto l'anno), al punto che a 10 anni di distanza dalla prima introduzione potevano essere uccisi più di due milioni di conigli senza intaccare minimamente la popolazione totale.
Nel 1901 una regia commissione accertò la gravità del problema e si mise al lavoro per trovare una soluzione: le operazioni di distruzione delle tane e di avvelenamento non si dimostrarono molto producenti. Perciò, nel 1907 venne costruita in Australia Occidentale la Rabbit-proof Fence, un reticolato alto e piantato in profondità nel suolo che taglia in due da nord a sud il Paese, al fine di impedire un'espansione della popolazione di conigli verso ovest.

A partire dagli anni cinquanta, per limitare la popolazione di conigli australiani venne deliberatamente introdotta la Mixomatosi, malattia che solitamente colpisce le specie del genere Sylvilagus (senza peraltro arrecare particolari danni), ma che sul coniglio europeo ha effetti molto maggiori, arrivando a causare tassi di mortalità del 99,9% nelle sue forme più virulente. Grazie a tale drastico metodo, la popolazione di conigli crollò dai 600 milioni stimati prima del trattamento a meno di 100 milioni. Col tempo, tuttavia, i conigli australiani hanno sviluppato una resistenza genetica alla malattia, divenendone meno soggetti: il loro numero è perciò nuovamente salito a circa 250 milioni (stime del 1991). I ricercatori si affidarono perciò al calicivirus RHD (Rabbit Hemorrhagic Disease, "malattia emorragica del coniglio"), che venne accidentalmente rilasciato nel 1996: il virus pareva tuttavia colpire con successo solo gli esemplari delle aree calde secche, mentre i conigli delle aree umide ne erano in massima parte immuni. Si scoprì in seguito che nelle aree umide dell'isola era diffuso un altro calicivirus meno virulento, che tuttavia immunizzava i conigli dall'altra forma.

Attualmente, i conigli vivono nelle aree centrali e meridionali dell'Australia, oltre che con popolazioni sparse in alcune zone a nord: il governo australiano rifiuta di legalizzare un vaccino contro la mixomatosi, per paura che eventuali conigli vaccinati fuggano e trasmettano la resistenza alla malattia alle popolazioni selvatiche. Il vaccino contro la RHD è invece disponibile[8].

É inserita nell'Elenco delle 100 specie aliene più dannose del mondo.

Il coniglio nella cultura popolare

Il Bianconiglio, personaggio del libro di Lewis Carroll "Alice nel Paese delle Meraviglie"
Tippete, il tenero coniglietto amico di Bambi
Bugs Bunny, personaggio animato della Warner Bros
Lola Bunny, la fidanzata di Bugs Bunny
Roger Rabbit, personaggio principale del film "Chi ha incastrato Roger Rabbit"
il coniglio logo della rivista Playboy
Abracadabra, coniglio di una fiaba musicale negli anni settanta
Saetta, il coniglietto amico di Robin Hood.
i conigli appaiono in film come Biancaneve e i sette nani, La carica dei 101 - Questa volta la magia è vera, Wallace & Gromit: La maledizione del coniglio mannaro, Chicken Little, Boog & Elliot a caccia di amici e La bella addormentata nel bosco.
Kiko, il coniglietto di Bloom in Winx Club.
Puffy, il coniglietto di Elena Patata in Monster Allergy.


Attribuzione: I, ElC
FONTE IMMAGINE: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Rabbit-closeup-profile-looking.jpg?uselang=it


FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Conigli_in_Australia

Conigli in Australia
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In Australia, i conigli sono una seria piaga a causa del loro soprannumero. Ogni anno, la specie di coniglio selvatico europeo causa milioni di dollari di danno alle coltivazioni.

Storia

I conigli furono importati dall'Europa nel 1856, da parte dell'allevatore Thomas Austin. In questo continente i conigli, in cui non vi erano mai stai prima, trovarono condizioni favorevoli: cibo in abbondanza, nessun predatore e nessun parassita. Di conseguenza iniziarono a moltiplicarsi molto rapidamente, causando enormi danni alla flora del paese. Le contromisure adottate del governo furono sempre inefficaci: il tentativo di avvelenare le pozze d'acqua in cui i conigli si abbeverarono fu un insuccesso; l'introduzione dei predatori dei conigli non diede l'effetto sperato, anzi i predatori si diedero alla caccia delle altre specie presenti nel continente. Solo nel 1950, con la diffusione di una zanzara vettore di un potente virus, la Myxomatosi, la popolazione fu decimata al 99% , causando la morte di oltre 200 milioni di individui, a un punto tale da porre fine allo stato di "calamità". Il rimanante 1%, però, resistette alla malattia e ricominciò a riprodursi, tornando a causare danni e sovrappopolazione. Negli anni 80, la diffusione dei conigli resistenti alla Myxomatosi fece risorgere il problema della sovrappopolazione. Per questo motivo fu introdotto un altro virus, l'RHD (Rabbit Haemorrhagic Disease) che fece registrare la morte del 90% dei conigli, ma che causò la nascita, anche in questo caso, di ceppi di resistenza alla malattia. L'ultima "arma" contro questa piaga è una nuova forma di Calicivirus, la RHDV (gen. Lagovirus), introdotto nel 2000, che ha causato la morte di un numero tale di conigli da evitare la perdita di oltre 1 miliardo di dollari di danni in 10 anni.

Effetti sull'ecologia australiana

L'effetto dei conigli sull'ecologia australiana è stato devastante. Si pensa che i conigli siano la maggiore causa di perdita di specie vegetali nel continente. Difatti i conigli spesso uccidono i giovani alberi nei frutteti, nelle foreste attraverso la pratica dell'anellazione.

I conigli sono inoltre responsabili di un serio fenomeno d'erosione del suolo proprio a causa della loro abitudine di cibarsi delle piante appena nate.


FONTE IMMAGINE: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:B%C3%A9b%C3%A9s_lapins.jpg?uselang=it

Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Coniglio - Oryctolagus cuniculus - la vitalità e la velocità dalla paura   Ven 30 Set 2011 - 9:28

Admin stamani, nel mio solito girovagare su internet, ho trovato questa curiosa leggenda sul coniglio...

FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Coniglio_lunare

Coniglio lunare
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


FONTE IMMAGINE: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Rabbit_in_the_moon_standing_by_pot.png

Il coniglio lunare, in cinese yuètù (cinese semplificato: 月兔; cinese tradizionale: 月兔; pinyin: yuètù), in giapponese tsuki no usagi (月の兎?) è una creatura immaginaria presente nella mitologia e nel folklore di molti paesi dell'Estremo Oriente, ed in particolare di Cina e Giappone. Si tratta per l'appunto di un coniglio che vivrebbe sulla Luna. Deve la sua origine ad una pareidolia comune in Asia (ma non in Occidente) per la quale è possibile vedere, negli avvallamenti della faccia illuminata della Luna piena, la figura di un coniglio seduto sulle zampe posteriori a fianco di un pestello da cucina.

È una figura leggendaria molto presente nell'immaginario mitologico sino-nipponico, sebbene con alcune varianti: in Cina viene solitamente considerato un compagno della divinità lunare Chang'e, per la quale è incaricato di produrre l'elisir di lunga vita pestandone i componenti nel suo mortaio; nel folklore del Giappone si limita invece a pestare del comune mochi nel tradizionale pestello giapponese, l'usu (kanji: 臼). In entrambi i casi, il suo mito si ricollega ad una antica fiaba buddhista, la Śaśajâtaka.

In Cina viene anche chiamato coniglio di giada (cinese semplificato: 玉兔; pinyin: yùtù) o coniglio d'oro (cinese semplificato: 金兔), e la sua figura viene celebrata nella festività dedicata alla Luna e alla dea Chang'e, appunto la Festa della Luna (o Festa di metà autunno; cinese semplificato: 中秋节; cinese tradizionale: 中秋節; pinyin: zhōngqiūjié).

Storia

La più antica testimonianza del mito del coniglio lunare risale al Periodo dei regni combattenti, nell'antica Cina, ed è presente nel Chu Ci (cinese semplificato: 楚辞; cinese tradizionale: 楚辭; pinyin: chǔ cí), una raccolta di poesie cinesi composta durante la Dinastia Han. In essa, viene menzionata la credenza per la quale sulla Luna, insieme ad un rospo, si troverebbe un coniglio occupato a sminuzzare nel suo pestello le erbe per l'immortalità. Una successiva menzione è riscontrabile nel Taiping yulan (cinese tradizionale: 太平御覽; pinyin: Tàipíng Yùlǎn, letteralmente "Letture imperiali dell'epoca Taiping") della Dinastia Song.

Leggenda

Nella mitologia, la ragione per cui un coniglio dovrebbe trovarsi sulla Luna è descritta nel Śaśajâtaka, una antica storia (in realtà una vera e propria favola, per gli standard occidentali) buddista, con intenti moralistici. In essa si narra di quattro amici animali, una scimmia, una lontra, uno sciacallo ed un coniglio che, nel giorno sacro buddista di Uposatha (dedicato alla carità e alla meditazione) decisero di cimentarsi in opere di bene. Avendo incontrato un anziano viandante, sfinito dalla fame, i quattro si diedero da fare per procacciargli del cibo; la scimmia, grazie alla sua agilità, riuscì ad arrampicarsi sugli alberi per cogliere della frutta; la lontra pescò del pesce e lo sciacallo, sbagliando, giunse a rubare cibo da una casa incustodita. Il coniglio invece, privo di particolari abilità, non riuscì a procurare altro che dell'erba. Triste ma determinato ad offrire comunque qualcosa al vecchio, il piccolo animale si gettò allora nel fuoco, donando le sue stesse carni al povero mendicante. Questi, tuttavia, si rivelò essere la divinità induista Śakra e, commosso dall'eroica virtù del coniglio, disegnò la sua immagine sulla superficie della Luna, perché fosse ricordata da tutti.

La leggenda, il cui intento è celebrare le qualità buddiste del sacrificio e della carità portata avanti ad ogni costo, è ben nota in Cina e in Giappone, ed è conosciuta anche in versioni diverse: una di esse, popolare in Cina, vuole che sia stata la divinità Chang'e a salvare la coraggiosa bestiola dalle fiamme e a portarla con sé sulla Luna. In altre varianti cambia il numero e la specie dei compagni del coniglio, che vengono riferiti come una scimmia ed una volpe nella raccolta giapponese Konjaku Monogatarishū, scritta durante il Periodo Heian e che colleziona antiche storie indiane, cinesi o giapponesi, o una volpe e un orso in altre versioni.

Immaginario moderno e contemporaneo

Creatura folkloristica molto popolare in Giappone, dove il racconto della sua leggenda, così come la sua identificazione sulla superficie lunare, sono popolari fra i bambini, il coniglio della Luna è spesso citato in numerose opere di finzione provenienti dal Sol Levante.

Sono numerosissimi i riferimenti alla sua figura presenti nella vasta produzione nipponica di anime e manga. Fra di essi possono essere ricordate citazioni presenti in Dragon Ball, nel quale, in una delle prime storie, il protagonista Goku affronta un malvivente dall'aspetto di un coniglio antropomorfo, spedendolo infine sulla Luna; in Lamù, dove in alcuni degli ultimi episodi del manga è presente un curioso "coniglio spaziale", Inaba, il cui compito è forgiare le chiavi del destino; nelle mini-avventure di Ener nel manga One Piece, quando questi atterra sulla Luna, vi trova degli esseri simili a roditori che poi sottometterà al suo volere; ne I Cavalieri dello Zodiaco, durante la corsa lungo le 12 case dei Gold Saints viene narrata in breve la favola del coniglio lunare e viene paragonato a Shun (Andromeda) per via del suo profondo senso del sacrificio, inoltre nel sequel Saint Seiya - Next Dimension - Myth of Hades le guerriere della dea Artemide (chiamate Satelliti portano sugli elemi delle orecchie da coniglio . La citazione forse più nota si trova però nel popolarissimo anime e manga Sailor Moon, nel quale il nome originale della protagonista è Usagi Tsukino, la cui pronuncia è identica al termine giapponese per "coniglio della Luna" (kanji: 月の兎), sebbene scritto in modo diverso (kanji: 月野うさぎ)[1].

Riferimenti a questa leggenda vi sono anche nei videogiochi Dark Cloud e Dark Chronicle (tutti i conigli in entrambi i giochi vengono dalla Luna e uno dei livelli di Dark Cloud è ambientato su di essa). Inoltre, il sesto livello del gioco Gokujyō Parodius è ambientato sulla Luna, la quale ospita una fabbrica con martelloni che pestano il mochi, numerosi conigli e il boss finale è una sagoma di una ragazza in kimono con orecchie da coniglio che potrebbe essere una rappresentazione di Chang'e.

Al di fuori dell'animazione giapponese, il coniglio lunare viene menzionato anche in una scherzosa conversazione tra l'equipaggio dell'Apollo 11 e lo staff della base statunitense di Houston, poco prima dello storico allunaggio: in essa, un addetto NASA ricordava agli astronauti del modulo la leggenda di Chang'e e del coniglio che avrebbero dovuto vivere sulla Luna; al che Michael Collins rispose: "Okay, we'll keep a close eye for the bunny girl" ("Ok, terremo gli occhi aperti per la coniglietta")[2].

Infine, il cantautore italiano Angelo Branduardi ha composto una canzone ispirata alla leggenda orientale, intitolata La lepre nella luna e contenuta nel suo album del 1977 La pulce d'acqua.

Note

^ Nella versione italiana dell'anime, il nome della protagonista è stato trasformato in "Bunny", che in lingua inglese vuol dire appunto coniglietto.
^ (EN) Apollo 11 Apollo 11 Technical Air-to-Ground Voice Transcription


FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Moon_rabbit

Moon rabbit
From Wikipedia, the free encyclopedia

The Moon rabbit, also called the Jade Rabbit, in folklore is a rabbit that lives on the moon, based on pareidolia that identifies the markings of the moon as a rabbit. The story exists in many cultures, particularly in East Asian folklore, where it is seen pounding in a mortar and pestle.[1][2] In Chinese folklore, it is often portrayed as a companion of the moon goddess Chang'e, constantly pounding the elixir of life for her; but in Japanese and Korean versions it is just pounding the ingredients for rice cake.

History

An early mention that there is a rabbit on the moon appears in the Chu Ci, a Western Han anthology of Chinese poems from the Warring States period, which notes that along with a toad, there is a rabbit on the moon who constantly pounds herbs for the immortals. This notion is supported by later texts, including the Imperial Readings of the Taiping Era encyclopedia of the Song Dynasty. Han Dynasty poets call the rabbit on the moon the Jade Rabbit or the Gold Rabbit (金兔), and these phrases were often used in place of the word for the moon. A famous poet of the Tang Dynasty period, Li Bai, relates how: "The rabbit in the moon pounds the medicine in vain" in his poem "The Old Dust."

Folklore


White Rabbit in the Moon making the elixir of immortality. From an 18th-century imperial robe embroidery
FONTE IMMAGINE: http://en.wikipedia.org/wiki/File:White-Rabbit-making-elixir-of-immortality.jpg

In the Buddhist Śaśajâtaka (Jataka Tale 316),[3] a monkey, an otter, a jackal, and a rabbit resolved to practice charity on the day of the full moon (Uposatha), believing a demonstration of great virtue would earn a great reward.

When an old man begged for food, the monkey gathered fruits from the trees and the otter collected fish, while the jackal wrongfully pilfered a lizard and a pot of milk-curd. The rabbit, who knew only how to gather grass, instead offered its own body, throwing itself into a fire the man had built. The rabbit, however, was not burnt. The old man revealed himself to be Śakra and, touched by the rabbit's virtue, drew the likeness of the rabbit on the moon for all to see. It is said the lunar image is still draped in the smoke that rose when the rabbit cast itself into the fire.

A version of this story can be found in the Japanese anthology Konjaku Monogatarishū, where the rabbit's companions are a fox and a monkey.

Similar legends occur in Mexican folklore, where people also identified the markings on the moon as a rabbit. According to an Aztec legend, the god Quetzalcoatl, then living on Earth as a man, started on a journey and, after walking for a long time, became hungry and tired. With no food or water around, he thought he would die. Then a rabbit grazing nearby offered himself as food to save his life. Quetzalcoatl, moved by the rabbit's noble offering, elevated him to the moon, then lowered him back to Earth and told him, "You may be just a rabbit, but everyone will remember you; there is your image in light, for all men and for all times."

Another Mesoamerican legend tells of the brave and noble sacrifice of Nanahuatzin during the creation of the fifth sun. Humble Nanahuatzin sacrificed himself in fire to become the new sun, but the wealthy god Tecciztecatl hesitated four times before he finally set himself alight to become the moon. Due to Tecciztecatl's cowardice, the gods felt that the moon should not be as bright as the sun, so one of the gods threw a rabbit at his face to diminish his light. It is also said that Tecciztecatl was in the form of a rabbit when he sacrificed himself to become the moon, casting his shadow there.

A Native American (Cree) legend tells a different variation, about a young rabbit who wished to ride the moon. Only the crane was willing to take him. The trip stretched Crane's legs as the heavy rabbit held them tightly, leaving them elongated as crane's legs are now. When they reached the moon Rabbit touched Crane's head with a bleeding paw, leaving the red mark cranes wear to this day. According to the legend, Rabbit still rides the moon to this day.

Modern references

The moon rabbit was mentioned in the conversation between Houston and the Apollo 11 crew just before the first moon landing:[4]

Houston: Among the large headlines concerning Apollo this morning there's one asking that you watch for a lovely girl with a big rabbit. An ancient legend says a beautiful Chinese girl called Chang-o has been living there for 4000 years. It seems she was banished to the moon because she stole the pill of immortality from her husband. You might also look for her companion, a large Chinese rabbit, who is easy to spot since he is always standing on his hind feet in the shade of a cinnamon tree. The name of the rabbit is not reported.

Edwin "Buzz" Aldrin (LMP): Okay, we'll keep a close eye for the bunny girl.

This NASA speech was sampled on the prominent 1994 UK acid-techno track The Rabbit's Name Was... by A+E Dept (a collaboration between DDR and Julian Liberator).
Kenneth Anger's film Rabbit's Moon, released in 1972, takes inspiration from the folklore of the moon rabbit.
The American electronic music group Rabbit in the Moon gets its name from this legend.
Italian singer Angelo Branduardi wrote a song, "La lepre nella luna" (The hare in the moon) from his album La pulce d'acqua (1977; English edition: Fables and fantasies, 1980), based on a Japanese version of the legend.[5]
Usagi Tsukino (in Japanese, Tsuki no Usagi: "the moon's rabbit") from Sailor Moon is named after the legend.
The character Reisen Udongein Inaba from Touhou Project is a moon rabbit escaped from the war between the Moon and the Earth.
On September 2011, Angry Birds Seasons released "Mooncake Festival" in conjunction with the Chinese Mid-Autumn Festival, which features a rabbit on a moon.
In Dragon Ball, Goku defeats a gang called the rabbits and then takes them to the moon, telling them that he won't bring them back until they make enough mochi for all the children on Earth.
In an episode of Hetalia: Axis Powers, Japan and China look at the moon and argue whether the rabbit is making mochi or medecine, reflecting the real-world difference in the respective countries' legends.


References

^ The Great Hare.
^ Windling, Terri. The Symbolism of Rabbits and Hares.
^ Source: [1] (accessed: Saturday January 23, 2010)
^ Apollo 11 Technical Air-to-Ground Voice Transcription
^ The hare in the moon lyrics


FONTE IMMAGINE: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Sun_Wukong_and_Jade_Rabbit.jpg
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Coniglio - Oryctolagus cuniculus - la vitalità e la velocità dalla paura   Oggi a 16:15

Tornare in alto Andare in basso
 
Coniglio - Oryctolagus cuniculus - la vitalità e la velocità dalla paura
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: SCIAMANESIMO :: I TEMI DELLO SCIAMANESIMO - THEMES OF SHAMANSIM :: Animali Totem e Spiriti Guida - Totem Animals and Allies Spirits :: Totem Animals A-E-
Andare verso: