Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Opossum: uso delle apparenze.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Opossum: uso delle apparenze.   Sab 8 Mag 2010 - 14:43


FONTE IMMAGINE: http://lansingwbu.blogspot.com/2009/02/nature-up-close-what-do-opposums-eat.html


FONTE: da “Segni e presagi del mondo animale – i poteri magici di piccole e grandi creature.” Di Ted Andrews Ed. Mediterranee

L’opossum ci insegna a usare le apparenze. Talvolta è necessario “far finta di niente”, oppure assumere un atteggiamento particolare per assicurarsi un successo più facile ed efficace. È questo che la medicina dell’opossum insegna, oltre a rivelarvi quando sono gli altri a ingannarvi e ad assumere falsi atteggiamenti nei vostri confronti. L’opossum possiede un’energia archetipica che ci aiuta a usare le apparenze per trarne il massimo vantaggio e a riconoscere quando sono gli altri a creare false impressioni. Talvolta è necessario comportarsi o agire in maniera strategica, magari dando l’impressione di avere paura o di non averne affatto, malgrado ciò che veramente proviamo, mostrando sottomissione o aggressività, indifferenza o estrema premura. L’opossum è un attore straordinario. Imparare a recitare e agire in vari modi e con realismo è la magia che l’opossum insegna.


FONTE: http://animalitotem.wordpress.com/2008/02/05/animali-dalla-m-alla-r/

OPOSSUM – Protezione. L’opossum ti insegna la strategia dell’immobilità, nei momenti in cui devi proteggerti da influenze esterne non desiderate. Con la sua spiccata teatralità difende il tuo bambino interiore e ti aiuta a sdrammatizzare..

FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Opossum


Opossum
From Wikipedia, the free encyclopedia

Opossums (Didelphimorphia, pronounced /daɪˌdɛlfɨˈmɔrfi.ə/) are the largest order of marsupials in the Western Hemisphere. They are also commonly called possums, though that term is also applied to Australian fauna of the suborder Phalangeriformes. The Virginia Opossum was the first animal to be named an opossum.[citation needed] The word opossum comes from Algonquian wapathemwa meaning "white dog". Opossums probably diverged from the basic South American marsupials in the late Cretaceous or early Paleocene.

Their unspecialized biology, flexible diet and reproductive strategy make them successful colonizers and survivors in diverse locations and conditions. Originally native to the eastern United States, the Virginia Opossum was intentionally introduced into the West during the Great Depression, probably as a source of food.[2] Its range has been expanding steadily northwards. Its range has extended into Ontario, Canada, and it has been found farther north than Toronto.
Contents
[hide]

* 1 Characteristics
o 1.1 Reproduction and life cycle
o 1.2 Diet
o 1.3 Behavior
* 2 Historical references
* 3 In hunting and foodways
* 4 Classification
* 5 See also
* 6 References

[edit] Characteristics

Didelphimorphs are small to medium-sized marsupials, with the largest about the size of a large house cat, and the smallest the size of a mouse. They tend to be semi-arboreal omnivores, although there are many exceptions. Most members of this taxon have long snouts, a narrow braincase, and a prominent sagittal crest. The dental formula is: Upper: 5.1.3.4, lower: 4.1.3.4 By mammalian standards, this is a very full jaw. Opossums have more teeth than any other land mammal; only aquatic mammals have more.[citation needed] The incisors are very small, the canines large, and the molars are tricuspid.

Didelphimorphs have a plantigrade stance (feet flat on the ground) and the hind feet have an opposable digit with no claw. Like some New World monkeys, opossums have prehensile tails. Like all marsupials, the fur consists of awn hair only, and the females have a pouch. The tail and parts of the feet bear scutes. The stomach is simple, with a small cecum.

Opossums have a remarkably robust immune system, and show partial or total immunity to the venom of rattlesnakes, cottonmouths, and other pit vipers.[3][4] Opossums are about eight times less likely to carry rabies than wild dogs, and about one in eight hundred opossums are infected with this virus.[5]
[edit] Reproduction and life cycle
Sleeping Virginia opossum with babies in her relaxed pouch

As a marsupial, the opossum has a reproductive system that is composed of a placenta and a marsupium, which is the pouch.[6] The young are born at a very early stage, although the gestation period is similar to many other small marsupials, at only 12 to 14 days.[7] Once born, the offspring must find their way into the marsupium to hold onto and nurse from a teat. The species are moderately sexually dimorphic with males usually being slightly larger, much heavier, and having larger canines than females.[8] The largest difference between the opossum and other mammals is the bifurcated penis of the male and bifurcated vagina of the female (the source of the Latin "didelphis," meaning double-wombed). Male opossum spermatozoa exhibit cooperative methods of ensuring the survival of genotypically similar sperm by forming conjugate pairs before fertilization.[9] Such measures come into place particularly when females copulate with multiple males. These conjugate pairs increase motility and enhance the likelihood of fertilization. Conjugate pairs dissociate into separate spermatozoa before fertilization. The opossum is one of many species that employ sperm cooperation in its reproductive life cycle.

Female opossums often give birth to very large numbers of young, most of which fail to attach to a teat, although as many as thirteen young can attach,[8] and therefore survive, depending on species. The young are weaned between 70 and 125 days, when they detach from the teat and leave the pouch. The opossum lifespan is unusually short for a mammal of its size, usually only two to four years. Senescence is rapid.[10]
[edit] Diet

Didelphimorphs are opportunistic omnivores with a very broad diet. Their diet mainly consists of carrion and many individual opossums are killed on the highway when scavenging for roadkill. They are also known to eat insects, frogs, birds, snakes, small mammals, and earthworms. Some of their favorite foods are fruits, and they are known to eat apples and persimmons. Their broad diet allows them to take advantage of many sources of food provided by human habitation such as unsecured food waste (garbage) and pet food.
Opossum fur is quite soft.
[edit] Behavior

Opossums are usually solitary and nomadic, staying in one area as long as food and water are easily available. Some families will group together in ready-made burrows or even under houses. Though they will temporarily occupy abandoned burrows, they do not dig or put much effort into building their own. As nocturnal animals, they favor dark, secure areas. These areas may be below ground or above.
Didelphis marsupialis: intrusion in human dwelling (French Guiana)
"Playing possum"

When threatened or harmed, they will "play possum", mimicking the appearance and smell of a sick or dead animal. When playing possum, the lips are drawn back, teeth are bared, saliva foams around the mouth, and a foul-smelling fluid is secreted from the anal glands. The physiological response is involuntary, rather than a conscious act. Their stiff, curled form can be prodded, turned over, and even carried away. The animal will regain consciousness after a period of minutes or hours and escape.

Adult opossums do not hang from trees by their tails, though babies may dangle temporarily. Their semi-prehensile tails are not strong enough to support a mature adult's weight. Instead, the opossum uses its tail as a brace and a fifth limb when climbing. The tail is occasionally used as a grip to carry bunches of leaves or bedding materials to the nest. A mother will sometimes carry her young upon her back, where they will cling tightly even when she is climbing or running.

Threatened opossums (especially males) will growl deeply, raising their pitch as the threat becomes more urgent. Males make a clicking "smack" noise out of the side of their mouths as they wander in search of a mate, and females will sometimes repeat the sound in return. When separated or distressed, baby opossums will make a sneezing noise to signal their mother. If threatened, the baby will open its mouth and quietly hiss until the threat is gone.
The Virginia Opossum is the only North American marsupial.
[edit] Historical references

An early description of the opossum comes from explorer John Smith, who wrote in Map of Virginia, with a Description of the Countrey, the Commodities, People, Government and Religion in 1608 that "An Opassom hath an head like a Swine, and a taile like a Rat, and is of the bignes of a Cat. Under her belly she hath a bagge, wherein she lodgeth, carrieth, and sucketh her young."[11][12] The Opossum was more formally described in 1698 in a published letter entitled "Carigueya, Seu Marsupiale Americanum Masculum. Or, The Anatomy of a Male Opossum: In a Letter to Dr Edward Tyson," from Mr William Cowper, Chirurgeon, and Fellow of the Royal Society, London, by Edward Tyson, M. D. Fellow of the College of Physicians and of the Royal Society. The letter suggests even earlier descriptions.[13]
[edit] In hunting and foodways

The opossum was once a favorite game animal in the United States, and in particular the southern regions which have a large body of recipes and folklore relating to the opossum.[14] Opossum was once widely consumed in the United States where available, as evidenced by recipes available online[15] and in books such as older editions of The Joy of Cooking.[16] A traditional method of preparation is baking, sometimes in a pie or pastry,[17] though at present "possum pie" most often refers to a sweet confection containing no meat of any kind. In Dominica and Trinidad opossum or "manicou" is popular and can only be hunted during certain times of the year owing to overhunting; the meat is traditionally prepared by smoking then stewing. The meat is light and fine-grained, but the musk glands must be removed as part of preparation. The meat can be used in place of rabbit and chicken in recipes.

Historically, hunters in the Caribbean would place a barrel with fresh or rotten fruit to attract opossums who would feed on the fruit or insects. Cubans growing up in the mid-twentieth century tell of brushing the maggots out of the mouths of "manicou" caught in this manner to prepare them for consumption.

In Mexico, opossums are known as "tlacuache" or "tlaquatzin". Their tails are eaten as a folk remedy to improve fertility.

Opossum oil (Possum grease) is high in essential fatty acids and has been used as a chest rub and a carrier for arthritis remedies given as topical salves.

Opossum pelts have long been part of the fur trade.
[edit] Classification

* Family Didelphidae[1][18][19]
o Subfamily Caluromyinae
+ Genus Caluromys
# Subgenus Mallodelphys
* Derby's Woolly Opossum (Caluromys derbianus)
* Brown-eared Woolly Opossum (Caluromys lanatus)
# Subgenus Caluromys
* Bare-tailed Woolly Opossum (Caluromys philander)
+ Genus Caluromysiops
# Black-shouldered Opossum (Caluromysiops irrupta)
+ Genus Glironia
# Bushy-tailed Opossum (Glironia venusta)
o Subfamily Didelphinae
+ Genus Chacodelphys
# Chacoan Pygmy Opossum (Chacodelphys formosa)
+ Genus Chironectes
# Yapok or Water Opossum (Chironectes minimus)
+ Genus Cryptonanus (translation of Spanish article)
# Agricola's Gracile Opossum (Cryptonanus agricolai)
# Chacoan Gracile Opossum (Cryptonanus chacoensis)
# Guahiba Gracile Opossum (Cryptonanus guahybae)
# Red-bellied Gracile Opossum (Cryptonanus ignitus)
# Unduavi Gracile Opossum (Cryptonanus unduaviensis)
+ Genus Didelphis
Skull of a Virginia Opossum, D. virginiana
# White-eared Opossum (Didelphis albiventris)
# Big-eared Opossum (Didelphis aurita)
# Guianan White-eared Opossum (Didelphis imperfecta)
# Common Opossum (Didelphis marsupialis)
# Andean White-eared Opossum (Didelphis pernigra)
# Virginia Opossum (Didelphis virginiana)
+ Genus Gracilinanus
# Aceramarca Gracile Opossum (Gracilinanus aceramarcae)
# Agile Gracile Opossum (Gracilinanus agilis)
# Wood Sprite Gracile Opossum (Gracilinanus dryas)
# Emilia's Gracile Opossum (Gracilinanus emilae)
# Northern Gracile Opossum (Gracilinanus marica)
# Brazilian Gracile Opossum (Gracilinanus microtarsus)
+ Genus Hyladelphys
# Kalinowski's Mouse Opossum (Hyladelphys kalinowskii)
+ Genus Lestodelphys
# Patagonian Opossum (Lestodelphys halli)
+ Genus Lutreolina
# Lutrine or Thick-tailed Opossum (Lutreolina crassicaudata)
+ Genus Marmosa
# Heavy-browed Mouse Opossum (Marmosa andersoni)
# Rufous Mouse Opossum (Marmosa lepida)
# Mexican Mouse Opossum (Marmosa mexicana)
# Linnaeus's Mouse Opossum (Marmosa murina)
# Quechuan Mouse Opossum (Marmosa quichua)
# Robinson's Mouse Opossum (Marmosa robinsoni)
# Red Mouse Opossum (Marmosa rubra)
# Tyleria Mouse Opossum (Marmosa tyleriana)
# Guajira Mouse Opossum (Marmosa xerophila)
+ Genus Marmosops
# Bishop's Slender Opossum (Marmosops bishopi)
# Narrow-headed Slender Opossum (Marmosops cracens)
# Marmosops creightoni
# Dorothys' Slender Opossum (Marmosops dorothea)
# Dusky Slender Opossum (Marmosops fuscatus)
# Handley's Slender Opossum (Marmosops handleyi)
# Tschudi's Slender Opossum (Marmosops impavidus)
# Gray Slender Opossum (Marmosops incanus)
# Panama Slender Opossum (Marmosops invictus)
# Junin Slender Opossum (Marmosops juninensis)
# Neblina Slender Opossum (Marmosops neblina)
# White-bellied Slender Opossum (Marmosops noctivagus)
# Delicate Slender Opossum (Marmosops parvidens)
# Brazilian Slender Opossum (Marmosops paulensis)
# Pinheiro's Slender Opossum (Marmosops pinheiroi)
+ Genus Metachirus
# Brown Four-eyed Opossum (Metachirus myosuros)
+ Genus Micoureus (translation of Spanish article)
# Alston's Mouse Opossum (Micoureus alstoni)
# White-bellied Woolly Mouse Opossum (Micoureus constantiae)
# Woolly Mouse Opossum (Micoureus demerarae)
# Tate's Woolly Mouse Opossum (Micoureus paraguayanus)
# Little Woolly Mouse Opossum (Micoureus phaeus)
# Bare-tailed Woolly Mouse Opossum (Micoureus regina)
+ Genus Monodelphis (translation of Spanish article)
Monodelphis domestica
# Sepia Short-tailed Opossum (Monodelphis adusta)
# Northern Three-striped Opossum (Monodelphis americana)
# Northern Red-sided Opossum (Monodelphis brevicaudata)
# Yellow-sided Opossum (Monodelphis dimidiata)
# Gray Short-tailed Opossum (Monodelphis domestica)
# Emilia's Short-tailed Opossum (Monodelphis emiliae)
# Amazonian Red-sided Opossum (Monodelphis glirina)
# Ihering's Three-striped Opossum (Monodelphis iheringi)
# Pygmy Short-tailed Opossum (Monodelphis kunsi)
# Marajó Short-tailed Opossum (Monodelphis maraxina)
# Osgood's Short-tailed Opossum (Monodelphis osgoodi)
# Hooded Red-sided Opossum (Monodelphis palliolata)
# Reig's Opossum (Monodelphis reigi)
# Ronald's Opossum (Monodelphis ronaldi)
# Chestnut-striped Opossum (Monodelphis rubida)
# Long-nosed Short-tailed Opossum (Monodelphis scalops)
# Southern Red-sided Opossum (Monodelphis sorex)
# Southern Three-striped Opossum (Monodelphis theresa)
# Red Three-striped Opossum (Monodelphis umbristriata)
# One-striped Opossum (Monodelphis unistriata)
+ Genus Philander
# Anderson's Four-eyed Opossum (Philander andersoni)
# Deltaic Four-eyed Opossum (Philander deltae)
# Southeastern Four-eyed Opossum (Philander frenatus)
# McIlhenny's Four-eyed Opossum (Philander mcilhennyi)
# Mondolfi's Four-eyed Opossum (Philander mondolfii)
# Olrog's Four-eyed Opossum (Philander olrogi)
# Gray Four-eyed Opossum (Philander opossum)
+ Genus Thylamys (translation of Spanish article)
# Cinderella Fat-tailed Mouse Opossum (Thylamys cinderella)
# Elegant Fat-tailed Mouse Opossum (Thylamys elegans)
# Karimi's Fat-tailed Mouse Opossum (Thylamys karimii)
# Paraguayan Fat-tailed Mouse Opossum (Thylamys macrurus)
# White-bellied Fat-tailed Mouse Opossum (Thylamys pallidior)
# Common Fat-tailed Mouse Opossum (Thylamys pusillus)
# Argentine Fat-tailed Mouse Opossum (Thylamys sponsorius)
# Tate's Fat-tailed Mouse Opossum (Thylamys tatei)
# Dwarf Fat-tailed Mouse Opossum (Thylamys velutinus)
# Buff-bellied Fat-tailed Mouse Opossum (Thylamys venustus)
+ Genus Tlacuatzin (translation of Spanish article)
# Grayish Mouse Opossum (Tlacuatzin canescens)

[edit] See also

* Great American Interchange

[edit] References
Search Wikispecies Wikispecies has information related to: Didelphidae
Search Wikimedia Commons Wikimedia Commons has media related to: Didelphis virginiana

1. ^ a b Gardner, Alfred (2005-11-16). Wilson, D. E., and Reeder, D. M.. ed. Mammal Species of the World (3rd ed.). Baltimore: Johns Hopkins University Press. pp. 3-18. ISBN 0-801-88221-4. http://www.bucknell.edu/msw3.
2. ^ "The Opossum: Its Amazing Story" William J. Krause and Winifred A. Krause, University of Missouri-Columbia, 2006, p. 23, ISBN 097859990X, 9780978599904.
3. ^ "The Opossum: Our Marvelous Marsupial, The Social Loner". Wildlife Rescue League. http://www.wildliferescueleague.org/report/opossum.html.
4. ^ Journal Of Venomous Animals And Toxins - Anti-Lethal Factor From Opossum Serum Is A Potent Antidote For Animal, Plant And Bacterial Toxins. Retrieved 2009-12-29.
5. ^ Cantor SB, Clover RD, Thompson RF (07/01/1994). "A decision-analytic approach to postexposure rabies prophylaxis". Am J Public Health 84 (7): 1144–8. doi:10.2105/AJPH.84.7.1144. PMID 8017541. http://www.ajph.org/cgi/pmidlookup?view=long&pmid=8017541. Retrieved 2009-12-29.
6. ^ Campbell, N. & Reece, J. (2005)BiologyPearson Education Inc.
7. ^ O'Connell, Margaret A. (1984). Macdonald, D.. ed. The Encyclopedia of Mammals. New York: Facts on File. pp. 830–837. ISBN 0-87196-871-1.
8. ^ a b North American Mammals: Didelphis virginiana. Retrieved 2009-12-29.
9. ^ Moore, H.D. (1996). "Gamete biology of the new world marsupial, the grey short-tailed opossum, monodelphis domestica". Reproduction, fertility, and development 8: 605–15. doi:10.1071/RD9960605.
10. ^ Opossum Facts. Retrieved 2009-12-29.
11. ^ Chrysti the Wordsmith > Radio Scripts > Opossum. Retrieved 2009-12-29.
12. ^ Possum History. Retrieved 2009-12-29.
13. ^ Langworthy, Orthello R. (August 1932). "The Panniculus Carnosus and Pouch Musculature of the Opossum, a Marsupial". Journal of Mammalogy 13 (3): 241–251. doi:10.2307/1373999. http://links.jstor.org/sici?sici=0022-2372%28193208%2913%3A3%3C241%3ATPCAPM%3E2.0.CO%3B2-0. Retrieved 2009-12-29.
14. ^ Keith Sutton. Possum days gone by. ESPN Outdoors. January 12, 2009. Retrieved 2009-12-29.
15. ^ Wild Game Recipes online. Retrieved 2009-12-29.
16. ^ The joy of the ‘Joy of Cooking,’ circa 1962. Retrieved 2009-12-29.
17. ^ opossum pie. Retrieved 2009-12-29.
18. ^ Lew, Daniel; Roger Pérez-Hernández, Jacint Ventura (2006). "Two new species of Philander (Didelphimorphia, Didelphidae) from northern South America". Journal of Mammalogy 87 (2): 224–237. doi:10.1644/05-MAMM-A-065R2.1.
19. ^ David A. Flores, DA, Barqueza, RM, and Díaza, MM (2008). "A new species of Philander Brisson, 1762 (Didelphimorphia, Didelphidae)". Mammalian Biology 73 (1): 14–24. doi:10.1016/j.mambio.2007.04.002.

FONTE: http://www.linsdomain.com/totems/pages/opposum.htm
Cunning possum, Trickster changeling, So alive, yet seeming dead, Teach me wise old possum magc That reacts from instinct, not from head. Show me the way to slip past danger.
Fill me with earthy wisdom great, That I might be secure and happy Living life and trusting fate.

Diversity
Opossum medicine requires a great deal of strategy.
Although a opossum has teeth and claws, it rarely uses them, preferring the strategy of diversion to save itself. It plays dead until the attacker loses interest and then bolts for safety.
The Opossum teaches us to use our brains rather than our brawn.
The number 13 is very symbolic for Opossum people.
When an Opossum shows up as a totem, check appearances.
Are there people around you putting up false appearances?
Is your attention being diverted?


Ultima modifica di Tila il Sab 14 Ago 2010 - 8:35, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Opossum: uso delle apparenze.   Dom 9 Mag 2010 - 21:27

Hai postato la scheda di un magnifico animale...sarà perché il tema che esso rappresenta in qualche maniera possiamo ritrovarlo nella vita quotidiana di ognuno di noi, sarà perché il tema della paura e dell'inganno sono temi caldi e costanti, l'opossum rappresenta in effetti un ottimo esempio di agguato a se stessi.

egli impara a simulare.

Questo è un argomento spinoso per la società occidentale, che, come spesso si dice, predica bene e poi razzola molto, molto male.

Simulare è condannato dalla nostra società, raccontiamo a inostri figli che non devono mentire e non devono simulare ne usare la simulazione per interagire con gli altri, ma quando siamo tra "adulti" ci scanniamo coi coltelli.

Non è cosi in tutte le culture. In cina ad esempio la simulazione gode di una lunga tradizione, a meta tra filosofia, spiritualità e politica.

E non è vista come qualcosa di negativo ma come un modo di evitare di perdere energie in scontri perdenti o dissanguanti per le energie del contendente.

Questo tipo di percezione si vede chiaramente anche nel gioco degli scacchi in occidente e del "go" in oriente. negli scacchi ogni pezzo ha un ruolo statico e predenfinito, lo scopo è quello di eliminare il capo, il re. Fatto cio la guerra finisce il conflitto termina e tutti vissero felici e contenti.

Nel go, la partita non cessa con la fine della partita, poiché immaginando di estendere la dimensione della scacchiera la conquista di zone di influenza potrebbe muoversi all'infinito.

non esistono pezzi piu importanti degli altri in modo predefinito. cio implica che ognuno possa giocare un ruolo essensiale nella partita a seconda del momento o della circostanza dell'antagonismo con l'avversario.


due mondi diversi.quindi. In CIna la conoscenza dei testi bellici era riservata a pochi, perché la loro diffusione avrebbe permesso a tutti di avere quegli strumenti per giocare le partite della vita in modo sottile e non traumatico...spesso per nessuno.

Tempo fa un amico mi disse che per molto tempo in CIna non esistette la parola "no". Un rifiuto diretto, una opposizione diretta agli altri era proibita, censurata.

Per dire "no" esistevano (ed esistono credo) diversi gradi di "si". Personalmente trovo questo tipo di organizzazione sociale molto interessante.

Noi abbiamo fatto, sia a livello filosofico che politico e sociale, dell'antagonismo un aspetto essenzxiale della nostra vita, anche quotidiana, a livelli che spesso possono essere dispersivi e dannosi.
Quesot tipo di discorso ma su altri piani può essere esteso anche alla welthanschaung cinese.

Per aggiungere esempi, ricordo di aver letto che secoli fa i consuglieri alla corte degli imperatori nella città proibita non potevano dare consigli direttamente, e soprattutto criticare direttamente l'operato dell'imperatore. Avrebbero perso la testa. Cosi si istituzionalizzò una abitudine da parte loro: raccontare all'imperatore di prodigi e presagi accaduti in natura, che avevano lo scopo di indicare per metafore che qualcosa nell'ordine delle cose (di cui l'imperatore era garante) non stava andando per il verso giusto.

L'imperatopre poi avrebbe dovuto fare le somme per conto suo, ma senza la critica diretta alla sua carica.

Questo sembra essere stato anche il motivo di fondo che mise in moto gli avvenimenti di ritorsione del primo imperatore di cina Qin Shi Huang


fece giustiziare tutti gli abitanti di un piccolo centro abitato dell'Henan poiché rei per Qin di aver scritto su un meteorite precipitato pochi giorni prima frasi ingiuriose contro di lui. Non riuscendo ad identificare l'esecutore di queste frasi, furono mandati a morte tutti gli abitanti del villaggio, dopo aver fatto distruggere il meteorite. (fonte:http://it.wikipedia.org/wiki/Qin_Shi_Huang)


Il meteorite è il classico oggetto eccezionale che rappresenta il segno del cofrso delle cose per il verso sbagliato, e l'imperatore ne era perciò responsabile.

Qualcuno (che evidentememnte sapeva leggere e scrivere) completo l'opera incidendo su di esso caratteri di morte e presagi funesti per l'imperatore.

Ora sto uscendo dal topic però.... Razz è solo che adoro la storia della Cina.

Che dici Tila, possibile che in China l'opossum abbia goduto simbolicamente di una certa fama? Non mi sono ancora informato in proposito....
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Opossum: uso delle apparenze.   Mar 11 Mag 2010 - 7:44

Admin ha scritto:

Ora sto uscendo dal topic però.... Razz è solo che adoro la storia della Cina.
Che dici Tila, possibile che in China l'opossum abbia goduto simbolicamente di una certa fama? Non mi sono ancora informato in proposito....


Ho provato a cercare qualcosa sulle leggende ma non ho avuto fortuna...ho trovato solo quella già menzionata nella scheda del ragno (leggenda dei nativi americani - nonna ragno rubò il sole).
Ma intanto per non andare fuori topic ecco alcune foto sull'attore per eccellenza


FONTE IMMAGINE: http://wildlifemysteries.wordpress.com/2009/07/10/an-opossum-carries-her-babies-this-way/



FONTE IMMAGINE: http://www.thevlm.org/ForSeniors.aspx


Admin ha scritto:
Questo è un argomento spinoso per la società occidentale, che, come spesso si dice, predica bene e poi razzola molto, molto male.
Simulare è condannato dalla nostra società, raccontiamo a inostri figli che non devono mentire e non devono simulare ne usare la simulazione per interagire con gli altri, ma quando siamo tra "adulti" ci scanniamo coi coltelli.
Non è cosi in tutte le culture. In cina ad esempio la simulazione gode di una lunga tradizione, a meta tra filosofia, spiritualità e politica.

Credo che l'uomo occidentale si faccia troppe se@@@ mentali dovute soprattutto da quelle parole (i famosi accordi) che vengono prese per dogmi... sai la Medicina Tradizionale Cinese dice che un uomo per stare bene e vivere a lungo ha bisogno di poche cose ma soprattutto deve avere milza e cuore vuoto... se vorrai ti spiegherò meglio questo concetto (sempre che tu non lo sappia già) in un altro topic.
Un abbraccio


Ultima modifica di Tila il Mar 5 Lug 2011 - 13:59, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Opossum: uso delle apparenze.   Mar 11 Mag 2010 - 18:52

Tila ha scritto:
Credo che l'uomo occidentale si faccia troppe se@@@ mentali dovute soprattutto da quelle parole (i famosi accordi) che vengono prese per dogmi... sai la Medicina Tradizionale Cinese dice che un uomo per stare bene e vivere a lungo ha bisogno di poche cose ma soprattutto deve avere milza e cuore vuoto... se vorrai ti spiegherò meglio questo concetto (sempre che tu non lo sappia già) in un altro topic.
Un abbraccio

questo è un argomento interessante di cui so molto poco.

La strada è aperta Tila: se vuoi puoi già aprire il topic...ad esempio in "shamanesimo e medicina"....li si possono postare argomenti inerenti filosofie orientali, sciamanesimo, medicina e "medicina".

Oppure se hai altre idee proponi senza esitazione Very Happy


P.S. non vedo l'ora di leggere il topic su questo argomento cyclops


chesuperpuccioso l'opossum!!!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Opossum: uso delle apparenze.   Mar 11 Mag 2010 - 19:07

Admin ha scritto:

questo è un argomento interessante di cui so molto poco.
La strada è aperta Tila: se vuoi puoi già aprire il topic...ad esempio in "shamanesimo e medicina"....li si possono postare argomenti inerenti filosofie orientali, sciamanesimo, medicina e "medicina".
Oppure se hai altre idee proponi senza esitazione Very Happy
P.S. non vedo l'ora di leggere il topic su questo argomento cyclops
chesuperpuccioso l'opossum!!!!!!

Sei riuscito a contare i piccoli opossum??? Sembra un autobus...
Appena posso inserisco qualcosa sulla MTC (Medicina Tradizionale Cinese) è molto interessante lavorano usando metafore e leggende...
un abbraccio
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Opossum: uso delle apparenze.   Mar 9 Ago 2011 - 7:45

Riporto la versione italiana delle schede di wikipedia.

FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Didelphis_marsupialis

Didelphis marsupialis
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L' Opossum comune (Didelphis marsupialis) o Manicou (come viene chiamato nelle Antille[2]) è un mammifero marsupiale della famiglia dei Didelphidae, sottofamiglia Didelphinae, genere Didelphis, che vive tra il sud del Messico e l' Argentina. Preferisce abitare nella foresta, ma può vivere anche nei campi e nelle città.

L'Opossum comune ha circa le dimensioni di un gatto. La sua coda può misurare 50 cm ed ha una dentatura composta da 50 denti.

L'Opossum Comune è un animale notturno. Durante il giorno, dorme nelle cavità degli alberi. Ama stare a testa in giù. Mangia frutta (ad esempio il mango), vermi, rane ed insetti. Spesso ama mangiare anche uccelli e uova.

Quando percepisce una possibile situazione di pericolo, emette un odore particolarmente sgradevole.

La femmina di Opossum Comune partorisce dai 5 ai 9 cuccioli, fino a tre volte l'anno. I nuovi nati vivono nel marsupio della madre fino a quando non riescono a sopravvivere autonomamente. I maschi non si prendono cura dei figli durante la loro crescita.

L'Opossum Comune vive in media 2 anni e mezzo.

Nelle Antille, gli abitanti si cibano di Opossum. Essi vengono cacciati utilizzando delle torce che li abbagliano.

Dal 17 febbraio 1989, la specie è protetta dalla legge francese. L'Opossum Comune, come altre creature originarie dei tropici, viene spesso introdotta illegalmente negli Stati Uniti[3].

Il nome "Manicou" deriva probabilmente da una parola utilizzata nella lingua dei nativi americani.


Note

^ New World Marsupial Specialist Group 1996. Didelphis marsupialis. In: IUCN 2010. IUCN Red List of Threatened Species. Versione 2010.1 Database entry includes justification for why this species is of least concern
^ Mendes, John. 1986. Cote ce Cote la: Trinidad & Tobago Dictionary, p. 95.
^ Gehlbach, Frederick R., Messages from the Wild: An Almanac of Suburban Natural and Unnatural History, University of Texas Press, Austin, 2002, pp. 160.


FONTE. http://it.wikipedia.org/wiki/Didelphis_virginiana

Didelphis virginiana
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L' Opossum della Virginia (Didelphis virginiana Kerr, 1792) è un mammifero marsupiale della famiglia dei didelphidae.

Descrizione

Lungo dai 38 ai 51 centimetri e con un peso che si aggira tra i 6 e i 9 chili, l'opossum della Virginia è il più grande tra i didelphidae. La pelliccia è prevalentemente grigiastra, tranne sulla faccia che è bianca. Gli opossum della Virginia sono forniti di una lunga coda prensile priva di peli che può essere utilizzata per appendersi ai rami o trasportare piccoli oggetti. Le orecchie sono grandi e senza peli e il naso è lungo e schiacciato. Gli opossum hanno 50 denti e pollici opponibili sprovvisti di artigli negli arti posteriori.

Distribuzione e habitat

È l'unico marsupiale che si può trovare in America del Nord.

È diffuso in America Centrale, in Messico ed in America del Nord, fino al sud del Canada. Inoltre, sembra che si stia espandendo sempre più a nord. È stato introdotto in California nel 1910 e ora si è diffuso in tutta la costa pacifica.

I suoi antenati erano originari del Sud America ma si espansero in Nord America con il grande scambio americano, circa tre milioni di anni fa, in seguito alla formazione dell'Istmo di Panamá.

Biologia

Gli opossum, come molti marsupiali, hanno un ciclo vitale piuttosto breve a causa delle loro dimensioni e del loro tasso metabolico. Gli opossum della Virginia allo stato brado vivono al massimo un paio d'anni, mentre in cattività possono raggiungere i quattro anni di vita. Sono animali notturni e durante l'inverno, sebbene non vadano in letargo, si rintanano in luoghi riparati.[2]

Sebbene sia un animale molto diffuso e adattabile, l'opossum della Virginia possiede il Quoziente di Encefalizzazione più basso tra tutti i marsupiali.[3]


Comportamento

L'opossum della Virginia è noto per la sua abitudine di fingersi morto in caso di pericolo. Questo comportamento è detto tanatosi. Nel caso dell'opossum questa sembra essere una reazione involontaria attivata da un momento di intensa paura. Non dovrebbe essere scambiata per un comportamento docile perché in caso di estrema necessità questi animali rispondono ferocemente, sibilando, stridendo e mostrando i denti. Con un'intensa stimolazione, l'opossum può entrare in uno stato che si avvicina al coma e che può durare fino a quattro ore. Esso cade infatti su un lato con bocca e occhi spalancati e lingua penzoloni, emettendo un liquido verde e maleodorante dall'ano. Questo solitamente scoraggia la maggior parte dei predatori.

Alimentazione

Gli opossum sono onnivori e si nutrono di una grande varietà di vegetali e animali come frutta, insetti e altri piccoli animali. I frutti del loto americano (Diospyros virginiana) sono uno dei cibi preferiti degli opossum durante l'autunno.[4] Gli opossum in cattività possono commettere atti di cannibalismo, sebbene questa pratica in natura sia poco comune.[5]

Relazioni con l'uomo

Come i procioni, gli opossum della Virginia si avventurano spesso in città e li si nota rovistare nei bidoni della spazzatura o ai lati delle strade in cerca di cibo per animali, frutta o avanzi. Spesso rimangono vittima degli automobilisti. Per questa loro abitudine alcuni spesso li scambiano per ratti, sebbene gli opossum non siano affatto roditori. Raramente questi animali trasmettono malattie all'uomo e sono incredibilmente resistenti alla rabbia grazie alla loro temperatura corporea più bassa rispetto agli altri mammiferi placentati.

Sebbene sia diffuso in tutto il paese, l'usanza folcloristica di utilizzare questo animale come prodotto alimentare lo legano soprattutto al sud-est degli Stati Uniti. In animazione spesso rappresenta personaggi incivili o selvaggi. Il personaggio principale di Pogo, una striscia a fumetti di Walt Kelly, è un opossum. Nel tentativo di creare un'altra icona come l'orsacchiotto di peluche, il presidente degli Stati Uniti William Howard Taft fu legato alla figura di Billy Possum.[6][7] Il personaggio non riscosse il successo sperato poiché la percezione che il pubblico aveva degli opossum ne causò il fallimento.

Etimologia

Questo animale è stato il primo ad essere chiamato opossum. Tale parola deriva, infatti, dalla lingua algonchina parlata dai nativi americani. Colloquialmente nella lingua inglese, l'Opossum della Virginia è chiamato Possum. Il nome "opossum" indica generalmente qualsiasi animale appartenente alla famiglia dei didelfidi.

I possum dell'Australia, il cui nome deriva dalla somiglianza con l'opossum della Virginia, sono anch'essi marsupiali, ma appartenenti all'ordine diprotodontia.

Note

^ (EN) New World Marsupial Specialist Group 1996. Didelphis virginiana. In: IUCN 2010. IUCN Red List of Threatened Species. Versione 2010.1
^ (EN) Virginia Opossum Didelphis virginiana in eNature.com
^ (EN) K. W. S Ashwell. Encephalization of Australian and New Guinean Marsupials. Brain, Behavior and Evolution 71 (3): 181–199.
^ (EN) Vin T. Sparano, Complete outdoors encyclopedia: revised and expanded, 1998.
^ (EN) Cannibalism in the Opossum in Opossum Society
^ (EN) Possum Politics in Possum Network
^ (EN) Political Postcards in Cyberbee learning



FONTE IMMAGINE: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Pos2.JPG?uselang=it
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Opossum: uso delle apparenze.   Oggi a 0:21

Tornare in alto Andare in basso
 
Opossum: uso delle apparenze.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: SCIAMANESIMO :: I TEMI DELLO SCIAMANESIMO - THEMES OF SHAMANSIM :: Animali Totem e Spiriti Guida - Totem Animals and Allies Spirits :: Totem Animals M-Q-
Andare verso: