Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Sun Bin : La Via dei Draghi Silenti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Sun Bin : La Via dei Draghi Silenti   Mar 14 Set 2010 - 11:16

Sun Bin : La Via dei Draghi Silenti

Questo articolo è dedicato ad uno dei personaggi piu pittoreschi e complessi di tutta la storia della strategia cinese, Sun Bin.

Prima di addentrarci nella esposizione della sua vita, credo sia necessaria una breve riflessione.

In Occidente il concetto di conflitto ha raggiunto le sue massime espressioni con personaggi come Clausewictz nel XIX secolo e prima di lui, tutta una tradizoone che vuole nel conflitto diretto la chiave per la espressione di valori sociali come il coraggio, la dignità e l’eroismo che regala la immortalità.
A ben guardare però, tali espressioni furono fin dagli inizi considerate solo parziali, se è vero che Tucilide mette in bocca agli ateniesi parole assai astute e pragmatiche nelmomento in cui cercano di convincere i Melii ad assoggettarsi al loro dominio.
Gli scacchi sono una raffigurazione semplificata di questa visione dle mondo, una squadra contro l’altra, strategie di conflitto diretto, vittoria di chi annienta il nemico, caduta di chi viene distrutto nel suo Capo, nella sua figura gerarchicamente e funzionalemnte essenziale.

L’Oriente ha sempre avuto uno sviluppo ben diverso, sia per ragioni socio politiche che storiche.
Il conflitto diretto aveva infiammato le provincie e i regni della cina per secoli, i tradimenti e gli intrighi avevano dissanguato famiglie e potentati, in un clima come questo, in cui tutti concorrono al potere assoluto, nessuno era al sicuro. Nemmeno ilcontadico che non poteva permettersi di inimicarsi NESSUNO. Un cenno male intepretato avrebbe fatto perderela testa anche al piu borioso dei conquistatori. L’arrivo poi dell ?impero non cambiò le cose : le lotte intestine per il potere non cessarono, solo, assunsero una forma piu sotterranea. Ne derivò che si giunse a livello culturale alla formulazione di un concetto di conflitto e della sia gestione assai piu articolata di quella occidentale. Se volessimo comparare il gioco del GO con gli scacchi ci renderemmo conto subito che cosa conta per un giocatore orientale rispetto ad uno occidentale : la coninuità e la capacità di mantenere aree di influenza invece di mirare necessariamente ed esclusivamente alla estinzione del nemico.

Un « no », una opposizione diretta è dichiarazione di guerra, dal livello militare e strategico su vasta scala fino ai piu piccoli conflitti sociali tra parenti, magari. E si sa, ogni grande caduta di una muraglia inizia sempre con una piccola crepa….alla corte dell’imperatore di Cina i consiglieri dovevano usare cautele particolari per consigliare i regnanti : in certe fasi della loro storia, dovevano usare storie astrologiche e astronomiche per equiparare il fato e le decisionio dle figlio del Cielo, agli eventi del Ciuelo stesso….e anche allora ciò non assicurava la salvezza della testa di chi consigliava….

Sun Bin è vissuto in un’epoca di grandi cambiamenti, e la sua grandezza, non fu solo la sua conoscenza teorica della strategia : gli eventi della vita trasformarono quest’uomo in un esempio di strategia. E di volontà disperata di vivere.

Buona lettura


http://en.wikipedia.org/wiki/Sun_Bin


Shamanism & Co. ©. - All rights reserved – Tutti I diritti riservati - Tous droits reserves
Tornare in alto Andare in basso
 
Sun Bin : La Via dei Draghi Silenti
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: SCIAMANESIMO :: I MONDI DELLO SCIAMANESIMO - WORLDS OF SHAMANISM :: ASIA :: CHINESE SHAMANISM- Sciamanesimo Cinese-
Andare verso: