Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Curcuma - Curcuma longa

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Curcuma - Curcuma longa   Sab 9 Ott 2010 - 13:37


QUESTA SCHEDA CONTIENE INFORMAZIONI CHE POSSONO GENERARE SITUAZIONI DI PERICOLO E DANNI. I DATI PRESENTI HANNO SOLO UN FINE ILLUSTRATIVO E IN NESSUN CASO ESORTATIVO. PRIMA DI PROSEGUIRE SI PREGA DI LEGGERE ATTENTAMENTE LE AVVERTENZE.



AVVERTENZE:

Tutte le informazioni, voci e documenti riportati su Shamanism&Co sono da considerare ad ESCLUSIVO SCOPO DIVULGATIVO!
Le eventuali nozioni e/o procedure mediche, erboristiche di medicina popolare, ecc. NON POSSONO SOSTITUIRE IN ALCUN CASO IL CONSIGLIO DEL MEDICO o di qualunque altro operatore sanitario. Rivolgetevi sempre al vostro medico o altro addetto del settore sanitario per qualsiasi quesito possiate avere.
Shamanism&Co non può esser ritenuto responsabile dei risultati o delle conseguenze di un qualsiasi utilizzo o tentativo di utilizzo di una qualsiasi delle informazioni pubblicate.





Buondì a tutti, come avrete capito oggi parliamo della curcuma e delle sue proprietà.

Di questa pianta si conoscono circa 80 specie diverse...per questioni di spazio e a titolo informativo parleremo di quella comunemente chiamata zafferano delle indie ovvero la curcuma longa.

Buona lettura.

FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Curcuma



Curcuma
From Wikipedia, the free encyclopedia

Curcuma (Cúr-cu-ma) is a genus of about 80 accepted species in the plant family Zingiberaceae that contains such species as turmeric and Siam Tulip. The name comes from Arabic kurkum (كركم) meaning "turmeric". Since assembly of the genus Curcuma by Linnaeus in 1753 about 130 species have been described so far. Some of the species descriptions are without Latin diagnosis or type specimen, therefore the legitimate status of many species is suspicious and remains unclear. An overview about the taxonomical classification along with citation of the most relevant literature of Curcuma species can be found at Wikispecies [1]








FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Curcuma

Curcuma
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Curcuma è un genere di piante della famiglia Zingiberaceae, comprendente 80 specie conosciute.

Le piante appartenenti a questo genere (come moltissime zinziberaceae) sono utilizzate con scopi alimentari e officinali. La spezia più utile è la Curcuma longa o zafferano delle indie.
Indice
[nascondi]

* 1 Specie
* 2 Proprietà
* 3 Note
* 4 Altri progetti

Specie [modifica]

* Curcuma aeruginosa Roxb. (1810).
* Curcuma albicoma S.Q. Tong (1986).
* Curcuma albiflora Thwaites (1861).
* Curcuma alismatifolia Gagnep. (1903)
* Curcuma amada Roxb. (1810)
* Curcuma amarissima Roscoe (1826).
* Curcuma angustifolia Roxb. (1810).
* Curcuma aromatica Salisb. (1808)
* Curcuma attenuata Wall. ex Baker (1890).
* Curcuma aurantiaca van Zijp (1915).
* Curcuma australasica Hook.f. (1867).
* Curcuma bakeriana Hemsl. (1892).
* Curcuma bicolor Mood & K.Larsen (2001).
* Curcuma bhatii (R.M. Smith) Skornickova & M. Sabu (2005).
* Curcuma burttii K. Larsen & R.M. Smith (1978).
* Curcuma caesia Roxb. (1810).
* Curcuma ceratotheca K. Schum. (1899).
* Curcuma chuanezhu Z.Y. Zhu (1990).
* Curcuma chuanhuangjiang Z.Y. Zhu (1990).
* Curcuma chuanyujin C.K. Hsieh & H. Zhang (1990).
* Curcuma cochinchinensis Gagnep. (1907).
* Curcuma codonantha Skornickova (2003).
* Curcuma coerulea K. Schum. (1904).
* Curcuma colorata Valeton (1918).
* Curcuma comosa Roxb. (1810).
* Curcuma coriacea Mangaly & M. Sabu (1989).
* Curcuma decipiens Dalzell (1850).
* Curcuma domestica Val. (1918), syn. Curcuma longa Linn.
* Curcuma ecalcarata Sivar. & Balach. (1983).
* Curcuma euchroma Valeton (1918).
* Curcuma ecomata Craib (1912).
* Curcuma elata Roxb. (1820).
* Curcuma exigua N. Liu (1987).
* Curcuma ferruginea Roxb. (1810).
* Curcuma flaviflora S.Q. Tong (1986).
* Curcuma glans K. Larsen & Mood (2001).
* Curcuma gracillima Gagnep. (1903).
* Curcuma grandiflora Wall. ex Baker (1892).
* Curcuma haritha Mangaly & M. Sabu (1993).
* Curcuma harmandii Gagnep. (1907).
* Curcuma heyneana Valeton & van Zijp (1917).
* Curcuma inodora Blatt. (1930 publ. 1931).
* Curcuma karnatakensis Amalraj (1991).
* Curcuma kudagensis Velayudhan, V.S. Pillai & Amalraj (1990).
* Curcuma kwangsiensis S.G. Lee & C.F. Liang (1977).
* Curcuma lanceolata Ridley (1907).
* Curcuma larsenii C. Maknoi & T. Jenjittikul (2006).
* Curcuma latiflora Valeton (1913).
* Curcuma latifolia Roscoe (1825).
* Curcuma leucorrhiza Roxb. (1810).
* Curcuma loerzingii Valeton (1918).
* Curcuma longa L. (1753)
* Curcuma longispica Valeton (1918).
* Curcuma malabarica Velayudhan, Amalraj & Muralidharan (1990).
* Curcuma mangga Valeton & van Zijp (1917).
* Curcuma meraukensis Val. (1913).
* Curcuma mutabilis Skornickova, M. Sabu & Prasanthkumar (2004).
* Curcuma neilgherrensis Wight (1853).
* Curcuma nilamburensis K.C. Velayudhan et al. (1994).
* Curcuma oligantha Trimen (1885).
* Curcuma ornata Wall. ex Baker (1890).
* Curcuma parviflora Wall. (1830).
* Curcuma parvula Gage (1905).
* Curcuma peethapushpa Sasidh. & Sivar. (1989).
* Curcuma petiolata Roxb. (1820).
* Curcuma phaeocaulis Valeton (1918).
* Curcuma pierreana Gagnep. (1907).
* Curcuma plicata Wall. ex Baker (1890).
* Curcuma porphyrotaenia Zipp. ex Span. (1841).
* Curcuma prakasha S. Tripathi (2001 publ. 2002).
* Curcuma pseudomontana J. Graham (1839).
* Curcuma purpurascens Blume (1827).
* Curcuma purpurea Blatt. (1930).
* Curcuma raktakanta Mangaly & M. Sabu (1989).
* Curcuma reclinata Roxb. (1810).
* Curcuma rhabdota Sirirugsa & M.F. Newman (2000).
* Curcuma rhomba Mood & K. Larsen (2001).
* Curcuma roscoeana Wall. (1829).
* Curcuma rubescens Roxb. (1810).
* Curcuma rubrobracteata Skornickova, M. Sabu & Prasanthkumar (2003).
* Curcuma sattayasaii A. Chaveerach & R. Sudmoon (2008).
* Curcuma sichuanensis X.X. Chen (1984).
* Curcuma singularis Gagnep. (1907).
* Curcuma sparganiifolia Gagnep. (1903).
* Curcuma stenochila Gagnep. (1903).
* Curcuma strobilifera Wall. ex Baker (1890).
* Curcuma sulcata Haines (1923).
* Curcuma sumatrana Miq. (1861).
* Curcuma sylvatica Val. (1918).
* Curcuma thalakaveriensis Velayudhan et al. (1991).
* Curcuma thorelii Gagnep. (1907).
* Curcuma trichosantha Gagnep. (1907).
* Curcuma vamana M. Sabu & Mangaly (1988).
* Curcuma vellanikkarensis K.C. Velayudhan et al. (1994).
* Curcuma wenyujin Y.H. Chen & C. Ling (1981).
* Curcuma wenchowensis Y.H. Chen & C. Ling (1975).
* Curcuma xanthorrhiza Roxb. (1820): temu lawak
* Curcuma yunnanensis N. Liu & C. Senjen (1987).
* Curcuma zedoaria (Christm.) Rosc. (1807): zedoaria
* Curcuma zedoaroides A. Chaveerach & T. Tanee (2008).

Proprietà [modifica]

Le radici polverizzate giallo-ocra della curcuma sono l'ingrediente principale del curry. Possiede proprietà coleretiche (stimolanti la produzione di bile da parte del fegato), colagoghe (stimolanti la contrazione della cistifellea favorendo lo svuotamento della bile in essa contenuta), è un epatoprotettore, stimolante delle vie biliari, antiossidante, fluidificante del sangue. Effettua una buona azione antinfiammatoria sul tubo digerente oltre a svolgere la funzione di antispasmodico dei muscoli dell'apparato gastrointestinale. [1]


FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Turmeric



Turmeric
From Wikipedia, the free encyclopedia

Turmeric (Curcuma longa) is a rhizomatous herbaceous perennial plant of the ginger family, Zingiberaceae.[2] It is native to tropical South Asia and needs temperatures between 20 °C and 30 °C, and a considerable amount of annual rainfall to thrive.[3] Plants are gathered annually for their rhizomes, and re-seeded from some of those rhizomes in the following season.

The rhizomes are boiled for several hours and then dried in hot ovens, after which they are ground into a deep orange-yellow powder commonly used as a spice in curries and other South Asian and Middle Eastern cuisine, for dyeing, and to impart color to mustard condiments. Its active ingredient is curcumin and it has a distinctly earthy, slightly bitter, slightly hot peppery flavor and a mustardy smell.

In medieval Europe, turmeric became known as Indian Saffron, since it was widely used as an alternative to the far more expensive saffron spice.[4]

Erode, a city in the south Indian state of Tamil Nadu, is the world's largest producer and most important trading center of turmeric in Asia. For these reasons, Erode in history is also known as "Yellow City"[citation needed] or "Turmeric City".[citation needed] Sangli, a town in the southern part of the Indian western state of Maharashtra, is the second largest and most important trading center for turmeric in Asia.
Contents
[hide]

* 1 Nomenclature and taxonomy
* 2 Usage
o 2.1 Culinary uses
o 2.2 Uses in folk medicine
o 2.3 Preliminary medical research
o 2.4 Cosmetics
o 2.5 Dye
o 2.6 Gardening
o 2.7 Ceremonial uses
* 3 Composition
* 4 See also
* 5 References
* 6 External links

[edit] Nomenclature and taxonomy

Kingdom | Plantae (plants), Phylum | Magnoliophyta (flowering plants), Class | Liliopsida (monoctyledons), Order | Zingiberales (gingers, bananas, birds-of-paradise, heliconias, costus, cannas, prayer plants, arrowroots, ...), Family | Zingiberaceae (ginger family), Genus | Curcuma (curcuma), Species | Curcuma longa (common turmeric),

Culinary uses

Turmeric grows wild in the forests of Southeast Asia. It has become the key ingredient for many Indian, Persian, Thai and Malay dishes, not only in curry, but also in masak lemak, rendang and many more.

In Indonesia, the turmeric leaves are used for Minangese or Padangese curry base of Sumatra such as rendang, sate padang and many other varieties.

Although most usage of turmeric is in the form of root powder, in some regions (especially in Maharashtra), leaves of turmeric are used to wrap and cook food. This usually takes place in areas where turmeric is grown locally, since the leaves used are freshly picked. This imparts a distinct flavor.

In non-South Asian recipes, turmeric is sometimes used as an agent to impart a rich, custard-like yellow color. It is used in canned beverages and baked products, dairy products, ice cream, yogurt, yellow cakes, orange juice, biscuits, popcorn color, sweets, cake icings, cereals, sauces, gelatins, etc.[citation needed] It is a significant ingredient in most commercial curry powders. Turmeric is mostly used in savory dishes, as well as some sweet dishes such as the cake Sfouf.

Although usually used in its dried, powdered form, turmeric is also used fresh, much like ginger. It has numerous uses in Far Eastern recipes, such as fresh turmeric pickle which contains large chunks of soft turmeric.

Turmeric (coded as E100 when used as a food additive)[5] is used to protect food products from sunlight. The oleoresin is used for oil-containing products. The curcumin/polysorbate solution or curcumin powder dissolved in alcohol is used for water-containing products. Over-coloring, such as in pickles, relishes, and mustard, is sometimes used to compensate for fading.

In combination with annatto (E160b), turmeric has been used to color cheeses, yogurt, dry mixes, salad dressings, winter butter and margarine. Turmeric is also used to give a yellow color to some prepared mustards, canned chicken broths and other foods (often as a much cheaper replacement for saffron).

Turmeric is widely used as a spice in South Asian and Middle Eastern cooking. Many Persian dishes use Turmeric, for the coloring of rice bottoms as well as a starter ingredient for almost all Iranian fry ups (which typically consist of oil, onions and turmeric followed by any other ingredients that are to be included). In Nepal, turmeric is widely grown and is extensively used in almost every vegetable and meat dish in the country for its color as well as for its medicinal value. In South Africa turmeric is traditionally used to give boiled white rice a golden color.

[edit] Uses in folk medicine

In Ayurvedic practices, turmeric has many medicinal properties and many in South Asia use it as a readily available antiseptic for cuts, burns and bruises. It is also used as an antibacterial agent.

It is taken in some Asian countries as a dietary supplement, which allegedly helps with stomach problems and other ailments. It is popular as a tea in Okinawa, Japan. Pakistanis also use it as an anti-inflammatory agent, and remedy for gastrointestinal discomfort associated with irritable bowel syndrome, and other digestive disorders. In Afghanistan and northwest Pakistan, turmeric is applied to a piece of burnt cloth, and placed over a wound to cleanse and stimulate recovery. Indians, in addition to its Ayurvedic properties, use turmeric in a wide variety of skin creams that are also exported to neighboring countries.

[edit] Preliminary medical research

Turmeric is currently being investigated for possible benefits in Alzheimer's disease,[6] cancer, arthritis, and other clinical disorders.[7]

In the latter half of the 20th century, curcumin was identified as responsible for most of the biological effects of turmeric. According to a 2005 article in the Wall Street Journal, research activity into curcumin and turmeric is increasing, with supplement sales increased 35% from 2004. The U.S. National Institutes of Health currently has registered 19 clinical trials underway to study use of dietary turmeric and curcumin for a variety of clinical disorders (dated February 2010).[8]

[edit] Cosmetics

Turmeric is currently used in the formulation of some sunscreens.[citation needed] Turmeric paste is used by some Indian women to keep them free of superfluous hair. Turmeric paste is applied to bride and groom before marriage in some places of India, Bangladesh, and Pakistan, where it is believed turmeric gives glow to skin and keeps some harmful bacteria away from the body.

The government of Thailand is funding a project to extract and isolate tetrahydrocurcuminoids (THC) from turmeric. THCs are colorless compounds that might have antioxidant and skin-lightening properties and might be used to treat skin inflammations, making these compounds useful in cosmetics formulations.

[edit] Dye

Turmeric makes a poor fabric dye as it is not very lightfast (it fades with exposure to sunlight). However, turmeric is commonly used in Indian clothing, such as saris.

[edit] Gardening

Turmeric can also be used to deter ants. The exact reasons why turmeric repels ants is unknown, but anecdotal evidence suggests it works.[9]

[edit] Ceremonial uses

Turmeric is also used in various rituals, such as the turmeric ceremony or gaye holud, part of the Bengali wedding. It is widely used in all parts of India during wedding ceremony, particularly in North India and the Deccan Plateau.

It is also used in Pujas to make a form of the elephant God Ganesha. It is made by mixing turmeric with water and forming it into a cone-like shape.

During the south Indian festival Pongal, a whole turmeric plant with the root is placed as part of the ceremonial decorations. Also, fresh root is some times tied around the pot boiling the ceremonial rice.

In southern India, as a part of the marriage ritual, a piece of dried turmeric tied with string is sometimes used to replace the Thali necklace temporarily or permanently.

Modern Neopagans list it with the quality of fire, and it is used for power and purification rites.

In Goa and Dakshina Kannada (Karnataka state, India) turmeric plant leaf is used to prepare special sweet dishes, patoleo, by layering on the leaf — rice flour, and coconut-jaggery mixture, and then closing and steaming in a special copper steamer (goa).

Friedrich Ratzel in "The History of Mankind" reported in 1896 that in Micronesia the preparation of turmeric powder for embellishment of body, clothing and utensils had a highly ceremonial character.[10] He quotes an example of the roots being ground by four to six women in special public buildings and then allowed to stand in water. The following morning three young coconuts and three old soma nuts are offered by a priestess with prayer, after which the dye which has settled down in the water is collected, baked into cakes in coconut moulds, wrapped in banana leaves, and hung up in the huts till required for use.

[edit] Composition

Turmeric contains up to 5% essential oils and up to 5% curcumin, a polyphenol. It is the active substance of turmeric and it is also known as C.I. 75300, or Natural Yellow 3. The systematic chemical name is (1E,6E)-1,7-bis(4-hydroxy-3-methoxyphenyl)-1,6-heptadiene-3,5-dione.

It can exist at least in two tautomeric forms, keto and enol. The keto form is preferred in solid phase and the enol form in solution.

Curcumin is a pH indicator. In acidic solutions (pH <7.4) it turns yellow whereas in basic (pH > 8.6) solutions it turns bright red.

References

1. ^ "Curcuma longa information from NPGS/GRIN". www.ars-grin.gov. http://www.ars-grin.gov/cgi-bin/npgs/html/taxon.pl?12676. Retrieved 2008-03-04.
2. ^ Chan, E.W.C. et al.; Lim, Y; Wong, S; Lim, K; Tan, S; Lianto, F; Yong, M (2009). "Effects of different drying methods on the antioxidant properties of leaves and tea of ginger species". Food Chemistry 113 (1): 166–172. doi:10.1016/j.foodchem.2008.07.090. | accessyear = 2009}}
3. ^ Materia Indica, 1826, Whitelaw Ainslie, M.D. M.R.A.S., via Google Books
4. ^ Is it Turmeric or Saffron?
5. ^ UK food guide
6. ^ "Curry 'may slow Alzheimer's'". BBC News. 21 November 2001. http://news.bbc.co.uk/1/hi/health/1668932.stm. Retrieved 28 March 2010.
7. ^ http://www.mirror.co.uk/news/top-stories/2009/10/28/curry-kills-cancer-cells-and-other-health-benefits-of-the-nations-favourite-dish-115875-21779950/
8. ^ NIH-listed human clinical trials on turmeric and curcumin, February, 2010
9. ^ Ants Control Online Information Service for Non-Chemical Pest Control in the Tropics. Retrieved on 5 Feb 2010
10. ^ Ratzel, Friedrich. The History of Mankind. (London: MacMillan, 1896). URL: www.inquirewithin.biz/history/american_pacific/oceania/oceania-utensils.htm accessed 28 November 2009.




FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Curcuma_longa

Curcuma longa
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Curcuma longa o zafferano delle indie o Turmeric è una pianta erbacea, perenne, rizomatosa della famiglia delle Zingiberaceae (una delle molte specie del genere Curcuma) originaria dell'Asia e adattata alle zone sterili. Vive a temperature comprese tra i 20 ed i 30 gradi e necessita di una notevole quantità di pioggia annuale per prosperare. Le piante vengono raccolte annualmente per i loro rizomi che, in parte, vengono ripiantati nell'anno successivo.
È chiamata anche turmeric, oppure kunyit o haldi in alcune regioni asiatiche. È possibile trovarla in Asia sudorientale, Polinesia e Micronesia. L'India è il primo produttore mondiale di curcuma; centro principale della produzione è Sangli, una città nel sud dell'India.
Il suo ingrediente attivo è la curcumina che ha un sapore terroso, amaro, piccante ed estremamente volatile, mentre il colore si conserva nel tempo.
Sangli, una città nel sud dello stato indiano del Maharashtra, è il più grande e più importante centro commerciale per la curcuma dell'Asia e forse del mondo intero.

Indice
[nascondi]

* 1 Usi
* 2 Medicina
* 3 Note
* 4 Altri progetti

Usi [modifica]

Il nome zafferano delle Indie deriva dal fatto che dalla rizoma giallo della curcuma si ottengono la polvere di curcuma, una spezia molto usata nella gastronomia indiana e asiatica in generale, e la curcumina, sostanza gialla adoperata in tintoria e in chimica.
I suoi rizomi vengono bolliti per parecchie ore e seccati in forni e dopo vengono schiacciati in una polvere giallo-arancio, comunemente utilizzata come una spezia, e come colorante di alimenti nel curry ed in genere nella cucina Sud asiatica.

La polvere di curcuma è uno degli ingredienti del masala cui da il colore giallo intenso e caratteristico. Il sapore della spezia è estremamente volatile, mentre il colore si conserva nel tempo.
Nelle ricette la curcuma è spesso usata come colorante. Essa ha applicazione in bevande in lattina, prodotti da forno, prodotti lattiero-caseari, gelati, yogurt, biscotti, popcorn, dolci, cereali, salse, gelatine, ecc.
La curcuma (codificata come E100 quando viene utilizzata come additivo per alimenti) è usata per proteggere gli alimenti dal sole.
In combinazione con annatto (E160b), la curcuma è stata utilizzata per colorare formaggio, yogurt, condimento per insalata, burro e margarina. La curcuma è anche utilizzata per dare un colore giallo ad alcune mostarde, brodo di pollo in scatola ed altri alimenti (spesso è un surrogato a buon mercato dello zafferano, rispetto al quale ha anche un sapore meno intenso).
La curcuma è utilizzata largamente come una spezia nella cucina indiana e dell'Asia meridionale. Il piatto nepalese chiamato Momos (gnocchi nepalesi a base di carne), alimento tradizionale in Asia meridionale, è speziato con curcuma.

Medicina [modifica]

La medicina Ayurvedica, ritiene che la curcuma sia dotata di molte proprietà medicinali e molti la usano in India come antisettico per tagli, scottature e contusioni. Medici della medicina Ayurvedica ritengono che contenga fluoride (la forma ridotta del fluoro), elemento essenziale per i denti.
È utilizzata anche come antibatterico.
In alcune regioni dell'Asia è assunta come supplemento alimentare, utile per chi ha problemi di stomaco.
È popolare come tè ad Okinawa, Giappone.
È attualmente in esame per l'utilizzo contro la malattia di Alzheimer,il cancro e le malattie del fegato..
La curcuma, è divenuta popolare anche come prodotto per combattere la depressione.
Solo ultimamente i ricercatori occidentali, hanno riconosciuto le proprietà medicinali della curcuma.
Solo nel 2006 sono stati indicizzati su U.S. National Library of Medicine duecentocinquantasei articoli sulla curcumina. Dal 2004 le vendite sono incrementate del 35% e il U.S. National Institute of Health ha disposto 4 studi clinici per studiare il trattamento con la curcumina per il tumore del pancreas, mieloma multiplo, la malattia di Alzheimer ed il tumore del colon retto.
Nel 2004 uno studio dell'UCLA Veterans Affairs, suggerì che la curcumina poteva inibire l'accumulazione di b-amiloide nel cervello di pazienti con malattia di Alzheimer e sciogliere le placche esistenti.
Il Professor Gregory Cole, professore di medicina e neurologia al David Geffen School of Medicine at UCLA disse che "La medicina tradizionale indiana ha utilizzato la curcuma per migliaia di anni, come un antiinfiammatorio sicuro, in una grande varietà di alimenti". .
Un altro studio effettuato nel 2004 alla Yale University ha utilizzato curcumina somministrata per via orale in topi omozigoti per i più comuni alleli(?) implicati nella fibrosi cistica. Il trattamento con la curcumina ha ricreato un livello fisiologicamente rilevante di funzione proteica.
Sono stati dimostrati effetti antitumorali nel melanoma.[senza fonte]
Nel 1995 ad alcuni ricercatori del Centro Medico dell'Università del Mississippi, fu rilasciato il brevetto USA n. 5.401.504 sull'uso della curcuma nella cura delle ferite. Il consiglio indiano per la ricerca scientifica ed industriale (CSIR) ha chiesto la revoca del brevetto, visto cha la curcuma stessa veniva utilizzata per questo fine da migliaia di anni. L'U.S. Ufficio brevetti ha quindi revocato lo stesso. [1]

Note [modifica]

1. ^ Vandana Shiva, Riccardo Petrella, Arturo di Corinto et al, La privatizzazione della vita, Edizioni punto rosso , pag. 125
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Curcuma - Curcuma longa   Sab 9 Ott 2010 - 13:42

FONTE: http://www.mr-loto.it/curcuma.html

Curcuma: Proprietà e Benefici

In India è conosciuta ed utilizzata da almeno 5.000 anni, come medicina, spezia e anche colorante; botanicamente parlando, la curcuma appartiene alla famiglia delle Zingiberacee. Si tratta di piante erbacee, perenni, dotate di rizoma e coltivate prevalentemente nelle regioni tropicali. La pianta della curcuma è caratterizzata da foglie lunghe a forma ovale, mentre i fiori sono raccolti in spighe. Il suo nome deriva dalla lingua persiana-indiana e precisamente dalla parola Kour Koum, che significa zafferano; infatti la Curcuma è anche nota col nome di Zafferano delle Indie. I suoi rizomi, che sono la parte della pianta che contiene i principi attivi, o droga, vengono fatti bollire per parecchie ore e fatti seccare in grandi forni, dopodiché vengono schiacciati fino ad ottenere una polvere giallo-arancione che viene comunemente utilizzata come spezia nella cucina del Sud Asia.

La spezia che si ricava dalla curcuma, come abbiamo detto di un bel colore giallo dorato, contiene centinaia di componenti; tuttavia l'attenzione degli studiosi si è concentrata su uno in particolare: la curcumina.
Altri componenti della curcuma sono rappresentati da potassio, da vitamina C, e per il 26% da amido. Molto importante anche la presenza di oli eterici che sono in grado di stimolare l'appetito e quelli amari che sono in grado di stimolare la formazione di enzimi digestivi.

Proprietà curative e benefici della Curcuma

In base a recenti studi è risultato che la curcumina potrebbe essere utile a contrastare l'insorgere di almeno otto tumori: colon, bocca, polmoni, fegato, pelle, reni, mammelle e leucemia. La curcuma viene impiegata nella medicina tradizionale indiana e in quella cinese come disintossicante dell'organismo, in particolare del fegato e come antinfiammatorio. Queste proprietà salutari che vengono attribuite alla curcuma dalla tradizione popolare sono le stesse che oggi vengono confermate dalla medicina ufficiale, anche alla luce dei numerosissimi studi e scoperte che la scienza attuale ha ufficialmente confermato.
La cosa che ha "catturato" l'attenzione degli studiosi è il fatto che nei paesi asiatici e in particolare in India, dove il consumo di curcuma è altissimo, l'incidenza dei tumori è molto bassa. Molto interessanti le proprietà antiossidanti della curcumina che sono in grado di trasformare i radicali liberi in sostanze inoffensive per il nostro organismo oltre naturalmente a rallentare l'invecchiamento del nostro patrimonio cellulare. Molto valida anche l'azione cicatrizzante della curcumina; in India infatti viene applicato il rizoma di curcuma per curare ferite, scottature, punture d'insetti e malattie della pelle con risultati veramente soddisfacenti. Infine, secondo uno studio pubblicato sulla rivista " Cancer Research", la curcuma avrebbe un ruolo fondamentale nella prevenzione e nel trattamento del tumore alla prostata. Si è inoltre constatato che l'effetto della curcumina è ancora più evidente quando associato ad un isotiocianato presente in verdure come il cavolo, i broccoli o il cavolo rapa.

Usi della Curcuma

La pianta da cui si ricava la curcuma è quella della Curcuma longa, una pianta che vive tra i 20 ed i 30 gradi. Il primo produttore al mondo di curcuma è l'India con la sua città Sangli, a sud dell'India, che rappresenta il centro principale di produzione.
La polvere di curcuma è l'ingrediente che dà il colore caratteristico al curry; il sapore è molto volatile mentre, al contrario, il colore si mantiene inalterato nel tempo. Per questo motivo è una sostanza che viene largamente impiegata nel ramo alimentare come colorante, il suo codice è E 100; alimenti come il formaggio, yogurt, mostarda, brodi vari in scatola e altri ancora vengono spesso colorati con derivati della curcuma.

Come utilizzare la Curcuma

Per un uso salutistico è sufficiente di riuscire ad integrarla nella nostra dieta quotidiana. Un paio di cucchiaini da caffè al giorno sono la dose ideale; si può aggiungere a fine cottura di molti alimenti ma si può anche aggiungere a vari tipi di yogurt o farne una salsa. E' importante ricordare che la curcuma va assunta insieme al pepe nero o al tè verde per facilitarne l'assorbimento. Non solo. Anche l'abbinamento a qualche grasso, tipo olio d'oliva, burro, o quant'altro, facilita l'assorbimento della curcuma.

Precisazioni

Da non confondere con il curry, la curcuma è una polvere giallo scuro che deriva da una pianta appartenente alla famiglia dello zenzero. Il suo assorbimento da parte del nostro organismo è piuttosto basso e questa particolarità ne rende l'impiego molto sicuro, in quanto diventa molto difficile assumerne quantità notevoli che sarebbero dannose all'organismo. Al contrario, questa peculiarità, potrebbe essere di impedimento alla sua efficacia; in questo caso ci vengono in aiuto due "spezie": il pepe nero ed il tè verde, la cui assunzione, aumenta in modo sostanzioso l' assorbimento di alcune sostanze alimentari, tra cui la curcumina.

Mr.Loto - Curcuma: Proprietà e Benefici

Curiosità Curcuma

Lo sapevate? Un cucchiaino di curcuma corrisponde a 2 calorie. In cosmesi la curcuma è nelle formule di prodotti solari, antirughe, dermopurificanti e antiforfora.

La curcumina è usata oltre che come colorante alimentare ( E 100) come sostanza colorante per lana e seta e come indicatore acido-base visto che in ambiente basico il colore si trasforma in rosso.

Purtroppo, come avviene in molti altri campi, la curcuma viene aggiunta , dalle aziende poco serie , per "allungare" il più costoso Zafferano; in questo caso, fortunatamente, viste le proprietà salutari della curcuma, non vi sono problemi.


Conservazione

La curcuma viene normalmente venduta in polvere. In questo caso va conservata dentro a un vaso di vetro sigillato ed in un luogo fresco e asciutto per mantenerne più a lungo l’aroma; è buona cosa che il vaso non sia trasparente così da non far filtrare la luce che danneggerebbe le proprietà della "preziosa" polvere.


Tornare in alto Andare in basso
 
Curcuma - Curcuma longa
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: SCIAMANESIMO :: I TEMI DELLO SCIAMANESIMO - THEMES OF SHAMANSIM :: Sciamanesimo e Mondo vegetale - Shamanism and Plants :: Plants A - F-
Andare verso: