Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico
Nei momenti più bui, ricorda sempre di fare un passo alla volta.
Voler ottenere tutto e subito è sciocco
Nei momenti più difficili, ricorda sempre che le abitudini stabiliscono un destino.
Stabilisci quelle che ti danno energia e crescita.
È solo nell’ora più profonda del Duat, nella Notte oscura dell’anima che possiamo vedere noi stessi.
E capire come superare la notte.
Non rifuggire l’oscurità, impara a vederci attraverso.
Tutto passa e scorre, il giorno diviene notte e la notte giorno.
Ciò che è bene per te ora domani diverrà un ostacolo e un impedimento, o un danno, e viceversa.
Tutto finisce e muta, come la pelle di un serpente.
Impara ad essere la volontà pura di vivere e non la pelle morta di un intento esaurito.
Tutto ciò che non supera l’alba del tuo nuovo giorno, non deve essere portato con te.
Il mondo è infinito, non giudicare perdite e guadagni come il piccolo pescatore che non ha mai visto l’Oceano.
Sconfinate sono le possibilità della Ruota.
Impara a fluire e solo allora senza occhi, senza orecchie né pensiero, vedrai, sentirai e capirai il Tao.
(Admin - Shamanism & Co. © 2011 - All rights reserved)


Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico

forum di sciamanesimo, antropologia, spirito critico, terapie alternative, esoterismo. Forum of shamanism, anthropology, criticism, alternative therapies and esoterism
 
IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiAccedi

Condividere | 
 

 Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Mer 29 Dic 2010 - 17:13

Cerchiamo di vedere insieme se e quali differenze effettivamente ci sono…

Esistendo molte culture, credenze e miti è facile fare un po’ di confusione, non solo…per molte culture non esistono distinzioni ad esempio tra animale guida e animale totem; mentre in altre la differenza è tanta.

Anche se la mia impresa sarà ardua cerco di porre le basi e poi man mano, grazie al vostro aiuto, potremo fare chiarezza e dare maggiori informazioni a chi ci leggerà successivamente.

Ricordo comunque che è sempre essenziale il nostro spirito critico, ma soprattutto ricordiamoci di non farci ossessionare da regole prefissate…


Inizierei da quello che più o meno conosciamo tutti: il Famiglio.

Viene chiamato Famiglio un animale che segue ed aiuta una strega, si lega in particolar modo al suo compagno umano, nella superstizione famosi erano i gatti neri che venivano considerati famiglio di qualche strega…riporto uno stralcio di wikipedia (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Famiglio) che mi permette di approfondire l’argomento:

Nella tradizione giudaico-cristiana erano ritenuti demoni minori che fungevano da servitori o tramiti alle streghe e da cui derivano le storie di superstizione per i gatti neri o per i gufi. Non soltanto i gatti e gufi erano gli animali indicati come famigli: vi erano anche corvi, cornacchie, civette e furetti. Tali famigli venivano, per tradizione, affidati alla strega direttamente dal diavolo, comprati o ereditati. Nel medioevo si assistette anche al massacro di questi animali perché ritenuti demoniaci, ed una delle conseguenze fu la diffusione dei topi. I famigli però non erano considerati soltanto come esseri negativi o demoniaci, in alcuni luoghi della Germania si pensava che esistessero famigli più benevoli che servivano uomini e donne particolarmente saggi che erano maghi o capi villaggio. Questi esseri aiutavano a diagnosticare le malattie e gli effetti di una fattura ed erano usati per la divinazione e come catalizzatori delle magie. I maghi li facevano apparire nei rituali, poi li imprigionavano in bottiglie, anelli o pietre. Non solo in Europa i famigli esistevano ma in diverse parti del mondo le tradizioni popolari riportano diversi animali: in Nuova Guinea gli stregoni o sciamani indicano il serpente, in Malesia il gufo.



Animale di Potere o Animale Guida.

In alcune culture sciamaniche si ritiene che, alla nostra nascita, lo spirito di un animale si offra per seguirci e guidarci nella nostra vita.

Quando lo sciamano ha piena consapevolezza del suo animale di potere può domandargli assistenza per le pratiche, protezione e chiedergli aiuto per il proprio viaggio.

Se vogliamo paragonarlo ad altre culture, magari più vicine al nostro primo inventario, possiamo paragonare per alcuni versi l’animale di potere all’angelo custode o ad uno spirito guida.

Esso è una entità che racchiude in sé tutte le caratteristiche e i poteri della sua specie… per intenderci se ci appare un elefante come animale di potere lui rappresenta tutti gli elefanti.

In genere il proprio animale di potere lo si incontrerà durante il viaggio sciamanico, nel mondo inferiore… lo sciamano farà questi suoi primi viaggi proprio per incontrarlo e per instaurare un rapporto stretto con esso.

L’animale di Potere ci seguirà per tutta la vita o per parte di essa, ed è considerato lo spirito che non solo ci guiderà ma ci permetterà di avere un particolare dono, “potere”, attitudine utile nella nostra vita.




Animale Totem.

L’animale Totem è percepito essenzialmente da un punto di vista simbolico ci insegna comportamenti, poteri o capacità che ci saranno utili in un determinato periodo, possono cambiare spesso e inoltre se ne possono avere diversi.
Non solo in genere l’animale totem rispecchia in parte le peculiarità caratteriali dell’individuo che lo possiede.




Fatto questo breve distinguo ricordo quanto detto prima, queste definizioni non coincidono con tutte le culture e credenze, ma soprattutto per esperienza personale vi posso confermare che possono cambiare come cambiano le nostre percezioni individuali.


Cosa determinante è che stiamo parlando di entità, di spiriti, energie, alleati e aiutanti provenienti dal mondo naturale…e, secondo me, in qualunque modo vogliate chiamarli “loro” hanno tanto da insegnarci!


di Tila - Shamanism & Co. ©. 2009-2011 - All rights reserved – Tutti i diritti riservati - Tous droits reserves



Si consiglia inoltre la lettura del seguente articolo:

Introduzione



Ultima modifica di Tila il Lun 27 Giu 2011 - 17:28, modificato 3 volte
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Gio 30 Dic 2010 - 7:41

Tila ha scritto:
Inizierei da quello che più o meno conosciamo tutti: il Famiglio.

Viene chiamato Famiglio un animale che segue ed aiuta una strega, si lega in particolar modo al suo compagno umano, nella superstizione famosi erano i gatti neri che venivano considerati famiglio di qualche strega…riporto uno stralcio di wikipedia (fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Famiglio) che mi permette di approfondire l’argomento:

Nella tradizione giudaico-cristiana erano ritenuti demoni minori che fungevano da servitori o tramiti alle streghe e da cui derivano le storie di superstizione per i gatti neri o per i gufi. Non soltanto i gatti e gufi erano gli animali indicati come famigli: vi erano anche corvi, cornacchie, civette e furetti. Tali famigli venivano, per tradizione, affidati alla strega direttamente dal diavolo, comprati o ereditati. Nel medioevo si assistette anche al massacro di questi animali perché ritenuti demoniaci, ed una delle conseguenze fu la diffusione dei topi. I famigli però non erano considerati soltanto come esseri negativi o demoniaci, in alcuni luoghi della Germania si pensava che esistessero famigli più benevoli che servivano uomini e donne particolarmente saggi che erano maghi o capi villaggio. Questi esseri aiutavano a diagnosticare le malattie e gli effetti di una fattura ed erano usati per la divinazione e come catalizzatori delle magie. I maghi li facevano apparire nei rituali, poi li imprigionavano in bottiglie, anelli o pietre. Non solo in Europa i famigli esistevano ma in diverse parti del mondo le tradizioni popolari riportano diversi animali: in Nuova Guinea gli stregoni o sciamani indicano il serpente, in Malesia il gufo.

Ciao Tila,

Condivido con te la distinzione che ne ne fa e cerco di porre altre domande e ipotesi.

Nel passo che ho quotato si parla dei famigli e si fa l'esempio della Malesia o della Nuova Guinea. Il fatto è che iconograficamente i famigli sembrano essere gli stessi per piu di un individuo, o meglio per gruppi di individui magari accomunati da una stessa linea di tradizione. Questo sembrerebbe essere confermato anche dai resoconti dei processi alle streghe redatti dalla Santa Inquisizione. é vero che con la tortura si strappavano confessioni forzate e a volte del tutto campate in aria, ma come molti studiosi hanno fatto notare, se così fosse, avremmo notato un diverio ben piu ampio nelle tematiche delel confessioni. Sembra invece esserci una serie di fili conduttori che per alcuni NON possono essere ascritte all'atto di tortura in se. Magari il poverino o la poverina seviziati non sapevano nulla ne dei Sabba ne delel ritualità stregonesche, fatto sta che da qualche parte gli Inquisitori saranno pur andati a pescare...e là sembrano esserci bacini di riferimenti iconografici molto omogenei.

Il tema del famiglio a me sembra essere uno di questi. Il gatto o la civetta erano famigli molto diffusi e non conosco (al momento) testimonianze di streghe che avessero definito la esistenza di famigli solo individuali. Lo stesso termine sembra appunto definire una continuità di relazione tra la figura dell'animale "spirituale" e una serie di persona accomunate in una "famiglia", in un consorzio che ha in comune tradizioni o credenze di un certo tipo.

Il famiglio, anche se quasi mai chiamto così, può esistere anche tra sciamani. A me vengono in mente casi in cui l'animale di uno sciamano piu anziano passano per tradizione in eredità allo sciamano che ne prende il posto. Il altri episodi, esso può passare da unp sciamano all'altro come "bottino di guerra".

Admin
Tornare in alto Andare in basso
Jolnir



Maschile Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 28.12.10
Località : Calabria.

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Gio 30 Dic 2010 - 12:07

Salve Tila e Admin. Non posso fare a meno di notare che questa discussione ha preso chiaramente spunto dalla domanda che ho fatto nel mio topic. Esistono differenze fra animale totem e guida? Adesso ho la risposta completa e ben articolata, e ti faccio i miei complimenti Tila. Interessante il discorso sui famigli. Se non sbaglio il termine famiglio viene usato anche oggi per indicare gli inservienti e i domestici, oppure le persone addette all'esecuzione degli ordini impartiti da un pubblico ufficiale. Ma adesso ho un altro dubbio. Questi consigli ci vengono dati esclusivamente dagli animali totem/guida oppure è possibile che lo spirito guida in questione sia magari un antenato o un altro sciamano?
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Gio 30 Dic 2010 - 13:05

Jolnir ha scritto:
Salve Tila e Admin. Non posso fare a meno di notare che questa discussione ha preso chiaramente spunto dalla domanda che ho fatto nel mio topic. Esistono differenze fra animale totem e guida? Adesso ho la risposta completa e ben articolata, e ti faccio i miei complimenti Tila. Interessante il discorso sui famigli. Se non sbaglio il termine famiglio viene usato anche oggi per indicare gli inservienti e i domestici, oppure le persone addette all'esecuzione degli ordini impartiti da un pubblico ufficiale. Ma adesso ho un altro dubbio. Questi consigli ci vengono dati esclusivamente dagli animali totem/guida oppure è possibile che lo spirito guida in questione sia magari un antenato o un altro sciamano?

Sulla terminologia "famiglio" in seno alla società: posso chiederti in quali contesti hai sentito nominare il termine "famiglio" (specificamente per il pubblico ufficiale che hai menzionato)?

Se ti riferisci ad epoche passate, forse intendevi significati di questo genere:

"Nel Medioevo
era usanza del feudatario avere una propria corte privata nel feudo.
Questa corte era composta dal seguito del feudatario a seconda del suo
grado e dai famigli (dal latino
famulus),
cioè tutte le persone a seguito del feudatario che venivano "adottate" e
che vivevano nel castello. Dei famigli potevano far parte cugini
trasferitisi, quindi familiari effettivi, oppure dei cavalieri
o comunque persone che si erano particolarmente distinte nel servire il
feudatario. Far parte della corte del feudatario era un salto di classe sociale
che permetteva l'accesso ai circoli superiori. Di norma poche persone
venivano aggiunte alla famiglia in questo modo, perché il legame che
veniva a crearsi era di vicendevole responsabilità.
" http://it.wikipedia.org/wiki/Famiglio

In ogni caso confermo che il termine famiglio può avere anche accezione di "inserviente" e aiutante.

Io non farei confusione però: spirito totem e spirito guida da una parte e spirito guida dall'altro. Almeno per ciò che riguarda le tradizioni. E anche qui bisogna fare attenzione a non fare confusioni con il tema dello "spiritismo".

Per i consigli che chiedi lascio il campo a Tila.

Admin

p.s. ultima cosa:

ho trovato questa menzione nello stesso link sopracitato:

In alcune zone d'Italia il fenomeno dei "famigli" si è protratto fino agli inizi del '900. Ad esempio con valaniBenevento, venivano venduti come schiavi ai proprietari fondiari, sin sotto il fascismo. Ex valani, ancora viventi, risiedono nel paese di Castelpoto in provincia di Benevento.
Tornare in alto Andare in basso
Jolnir



Maschile Numero di messaggi : 7
Data d'iscrizione : 28.12.10
Località : Calabria.

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Gio 30 Dic 2010 - 13:24

Certo che puoi chiedere. Non ricordo le parole testuali ma ricordo che si parlava di condanne a morte quindi di un boia/assistente del boia, non posso fare più luce di così sulla situazione perchè anche io ho i miei dubbi a riguardo (da notare la voce "se non sbaglio" nel mio precedente post). Per quanto riguarda il resto del discorso, bhe, si, forse ho fatto un pò di confusione. Però Tila ha detto che questi spiriti hanno molto da insegnarci, io voglio semplicemente sapere se sono sempre animali o c'è qualche tradizione in cui possono essere umani.
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Gio 30 Dic 2010 - 13:39

Jolnir ha scritto:
Certo che puoi chiedere. Non ricordo le parole testuali ma ricordo che si parlava di condanne a morte quindi di un boia/assistente del boia, non posso fare più luce di così sulla situazione perchè anche io ho i miei dubbi a riguardo (da notare la voce "se non sbaglio" nel mio precedente post). Per quanto riguarda il resto del discorso, bhe, si, forse ho fatto un pò di confusione. Però Tila ha detto che questi spiriti hanno molto da insegnarci, io voglio semplicemente sapere se sono sempre animali o c'è qualche tradizione in cui possono essere umani.




Ok. Se hai qualche riferimento piu preciso
ci permetti di fare magari qualche ricerca più precisa. I termini, le parole,
la loro storia e il loro specifico utilizzo nascondo spesso piu di quanto non
sembri. Ho notato la tua voce “se non sbaglio” ma la mia domanda ha come scopo
l’approfondire la questione se possibile, per questo ti ho chiesto ^^


Il fatto che gli spiriti guida nello
sciamanesimo siano facilmente etichettabili in un versante “animale” o “umano”
è questione di difficile risoluzione. Ne la tua ipotesi ne la ipotesi oppsta
alla tua sono completamente corrette a mio parere, nel senso che esistono tradizioni
in cui gli spiriti “sciamanici” compaiono anche in forma umana. Pensa ai demoni
volpe della tradizione giapponese ad esempio. Devi darmi il tempo di recuperare
la documentazione ma sospetto che anche nel contesto Inuit ci siano elementi
interessanti in questo senso, e in molte altre tradizioni. Entro
sabato/domenica posterò un aggiornamento.
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Gio 30 Dic 2010 - 14:43

Buon pomeriggio a tutti,

Jolnir ha scritto:
Questi consigli ci vengono dati esclusivamente dagli animali totem/guida oppure è possibile che lo spirito guida in questione sia magari un antenato o un altro sciamano?

Jolnir ha scritto:
Però Tila ha detto che questi spiriti hanno molto da insegnarci, io voglio semplicemente sapere se sono sempre animali o c'è qualche tradizione in cui possono essere umani.

Jolnir più andrai avanti in questo percorso e più noterai e capirai quanto in realtà esso sia articolato e complesso Very Happy

Mi fa piacere vederti curioso e veramente interessato, al momento ti rispondo per quanto posso ma cercherò di completare al meglio questo mio intervento inserendo anche una più ampia documentazione.

Perciò chiedo venia se questa mia non sarà completa...ma ci tenevo a risponderti subito Very Happy

In effetti esistono molte credenze sciamaniche, asiatiche ad esempio, che credevano che i loro Animali guida erano la trasfigurazione dei loro antenati o di antichi sciamani. e di questo poi ti dirò meglio a quali tradizioni mi riferisco, mi sembra di ricordare i Buriati ma non sono sicura al 100% e se sbaglio Admin reclama subito Twisted Evil scherzo! Very Happy

In alcune tradizioni poi c'era la credenza che l'animale guida non era individuale ma proteggeva una intera tribù, una famiglia sciamanica, oppure un clan, come nel caso della cultura Celtica... i famosi clan o gruppi etnici per intenderci.

Ricordati che molte volte vengono usate delle parole delle "etichette" soltanto perchè sono vicine al nostro glossario personale...questa è una delle tante cose che vanno dimenticate, a mio avviso, se segui questo percorso.

Ad esempio per i nostri amici animali guida... ti dirò subito che con il mio ho un rapporto molte volte burrascoso perchè sono un po' testarda Very Happy quando ho posto le stesse tue domande al mio animale guida sai mi rispose: perchè ti sarebbe differente parlare con me se assomigliassi a tua nonna? Pensi che essere un elefante o una formica modificherebbe il mio sapere e il mio aiutarti?

Per quello anche ieri ti dicevo di lasciarti andare...

Dobbiamo dimenticarci di quello che sono i nostri preconcetti... dico questo perchè vedo molto spesso, e non sto parlando di te, persone che si pavoneggiano per futilità come può esserlo l'identità del loro totem... nella realtà non ordinaria una pulce non è differente da un puma.

E' vero loro hanno tanto da insegnarci...e per loro intendo non solo gli animali...ma gli alberi, i minerali... tutto ciò che ci circonda ha un qualcosa da insegnarci anche una persona a te vicina...come può essere il portalettere, o un compagno di scuola...siamo tutti maestri e tutti allievi...

Per non andare troppo in OT chiudo per il momento il mio intervento ma vedo di documentarmi meglio e ti risponderò al più presto Jolnir, come per te Admin sul famiglio.

Un abbraccio

Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Ven 31 Dic 2010 - 15:48

Admin ha scritto:

Il tema del famiglio a me sembra essere uno di questi. Il gatto o la civetta erano famigli molto diffusi e non conosco (al momento) testimonianze di streghe che avessero definito la esistenza di famigli solo individuali. Lo stesso termine sembra appunto definire una continuità di relazione tra la figura dell'animale "spirituale" e una serie di persona accomunate in una "famiglia", in un consorzio che ha in comune tradizioni o credenze di un certo tipo.
Il famiglio, anche se quasi mai chiamto così, può esistere anche tra sciamani. A me vengono in mente casi in cui l'animale di uno sciamano piu anziano passano per tradizione in eredità allo sciamano che ne prende il posto. Il altri episodi, esso può passare da unp sciamano all'altro come "bottino di guerra".
Admin

Buon pomeriggio a tutti,

inizio a riportare qualche documento trovato su internet riguardo al famiglio...

ma prima apro una piccola parentesi:

Admin credo che il significato di famiglio che ha dato Jolnir era stato preso da un documento simile a quello che riporto nel seguente link:

http://dizionari.corriere.it/dizionario_italiano/F/famiglio.shtml

poi ci saprà dire se era proprio quello o qualcosa di simile... Very Happy

ma chiusa la parentesi continuo con la mia risposta e la mia ricerca...

e in parte potrebbe anche rispondere alla precedente domanda di Jolnir se gli spiriti guida possono essere antenati o antichi sciamani...

grazie a wikipedia versione inglese ho trovato una più dettagliata scheda al riguardo perciò vi consiglio di visionare la fonte:

http://en.wikipedia.org/wiki/Familiar_spirit

Nella descizione è chiaro che si tratta di uno spirito, in genere animale ma a volte assumeva anche una forma umana, che accompagnava una famiglia quindi come hai ben fatto notare questo "spirito" o come in genere lo abbiamo sentito nominare "famiglio" non era un alleato individuale ma bensì serviva una intera famiglia o un clan...

in questo caso potremo anche paragonarlo ad alcune tradizioni sciamaniche, ora mi viene in mente quella tradizione celtica dove uno spirito guida, ad esempio il lupo, proteggeva un intero clan... e da qui i nomi come il clan del falco...il clan del lupo ecc.

In European folklore and folk-belief of the Mediaeval and Early Modern periods, familiar spirits, sometimes referred to simply as familiars, were supernatural entities that were believed to assist witches and cunning folk in their practice of magic.[1] According to the records of the time, they would appear in numerous guises, often as an animal, but also at times as a human or humanoid figure, and were described as "clearly defined, three-dimensional… forms, vivid with colour and animated with movement and sound" by those alleging to have come into contact with them, unlike later descriptions of ghosts with their "smoky, undefined form[s]".[2]



Non sempre è stato visto come uno spirito malevolo infatti alcune volte era stato paragonato ad esempio ad uno spirito del tutto simile alle fate. il suo compito principale era quello di aiutare uno stregone o una strega.

When they served witches, they were often thought to be malevolent, whilst when working for cunning-folk they were often thought of as benevolent, although there was some ambiguity in both cases. The former were often categorised as being demons, whilst the latter were more commonly thought of and described as being fairies.The main purpose of familiars is to serve the witch/young witch. The service the familiar would provide would be to protect the new witch coming into his/her new powers.[3]

Due to their association with older forms of magic, in the twentieth century a number of magical practitioners, including adherents of the Neopagan religion of Wicca, have once more begun to utilise the concept.




Ricordo anch'io Admin di aver letto che in alcune tradizioni sciamaniche lo spirito guida andava in eredità al nuovo sciamano, che poi sarebbe la stessa fonte dove sicuramente troverò riferimenti e documenti per rispondere a Jolnir... Parlo di Mircea Eliade naturalmente...

datemi un po' di tempo e cerco più informazioni ma intanto riporto ancora uno stralcio da wikipedia che mi ha fatto pensare...

In some cases, the magical practitioner then made an agreement or entered a pact with their familiar spirit.[citation needed] The length of time that the witch or cunning person worked with their familiar spirit varied between a few weeks through to a number of decades.[10] In most cases, the magical practitioner would conjure their familiar spirit when they needed their assistance, although there are many different ways that they did this: the Essex witch Joan Cunny claimed, in 1589, that she had to kneel down within a circle and pray to Satan for her familiar to appear whilst the Wiltshire cunning woman Anne Bodenham described, in 1653, that she conjured her familiars by reading books. In some rarer cases there were accounts where the familiars would appear at times when they were unwanted and not called upon, for instance the Huntingdonshire witch Elizabeth Chandler noted, in 1646, that she could not control when her two familiars, named Beelzebub and Trullibub, appeared to her, and had prayed to God that He would "deliver her therefrom".[11]


Dunque io ho sempre pensato che in realtà il famiglio fosse un animale in carne ed ossa... e poi leggendo questo articolo mi accorgo che invece si parla di uno spirito...la strega poteva convocare e richiamare uno spirito, un famiglio, quando gli occorreva un aiuto... quindi Admin come hai detto tu in realtà potrebbe essere paragonato ad uno spirito guida o a un totem...

Credo che la confusione nasca dal fatto che si sono perse gran parte delle testimonianze... e poi ripenso a quando avevo iniziato a studiare la Medicina Tradizionale Cinese...esattamente il primo giorno il mio insegnante cercò di farci capire che il problema più grande per noi occidentali è che diamo troppo peso alle etichette... e quindi per noi ad esempio è difficile capire che il Nord nella MTC si trova dove comunemente noi abbiamo il Sud...

Tila

FONTE articolo: http://en.wikipedia.org/wiki/Familiar_spirit



"The Love Potion" by Evelyn de Morgan: a witch with a black cat familiar at her feet.
FONTE IMMAGINE: http://en.wikipedia.org/wiki/File:The_Love_Potion.jpg
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Ven 31 Dic 2010 - 17:22

Ottimo Tila: io sono convinto che la natuira del famiglio sia rintracciabile anche in tradizioni che non riguardano solo streghe e stregoni. Forse anche la Banshee può essere vista cosi. Forse la tradizione popolare e diffusa col cristianesimo si è solidificata attorno alle figure sopramenzionate...chissà...

A piu tardi,

Admin
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Ven 31 Dic 2010 - 20:24

Rieccomi.

Per rispondere a tutti e due, il testo di cui avevo accennato qualche post fa si chiama:

"Les Chamanes" di Piers Vitebsky

libro ricco di testimonianze e fotografie. molto interessante. Lo spulcio avidamente e riporto appena possibile i casi utili per chiarire meglio questo topic.

Buon Capodanno a tutti!

Admin


P.S.: è azzeccato il titolo che è stato deciso per il topic, io aggiungerei anche il termine "Alleato", con cui si designa in contesti specifici entità la cui natura e iconografia e ancora diversa rispetto ai primi tre...
Tornare in alto Andare in basso
Admin
Admin
Admin


Maschile Capra
Numero di messaggi : 2142
Data d'iscrizione : 04.02.09
Età : 37
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Sab 1 Gen 2011 - 18:23

Oggi spulciando La Via dello Sciamano di Harner


Pagina 106:

Gli Indiani dell'America dle Nord, in articolare i SAlish della Costa e fli Okanagon dello stato di Washington, chiamavano talvolta lo spirito guardiano "animale del potere"

Qui possiamo quindi fare la ipotesi che il termine cosi in voga oggi nei corsi di scimanesimo cosi come nelle pubblicazioni possa avere la sua origine nella ricerca di Harner che proseguendo spiega che

I salish della costa a volte chiamano lo spirito guardiano l'Indiano, perché egli può apparire anche sotto forma umana

Ci tengo a fare presente che il termine Indiano non deve essere preso in senso assoluto ma come parola con la quale le tribù della Costa definivano se stesse, universalizzate alla categoria essere umano. Sarebbe come se nel medioevo l'animale di potere fosse stato definito il "cristiano" perché tale termine andava a definire una caratteristica ritenuta culturalmente universale a tutti gli uomini e cioè l'appartenene alla religione cristiana (anche se questo sembra un ossimoro se associato al tema dello sciamanesimo...vedere sezione "Sciamanesimo e Stregoneria")

La natura sia umana sia animale dello spirito guardiano è una caratteristica comune della mitologia degli indiani dell'America del Nord e del Sud, come pure della mitologia di altri popoli primitivi. Tra i Cocopa della valle del fiume Colorado gli animali appaiono nei sogni come esseri umani. Tra gli Jivaro uno spirito guardiano appare prima in una visione come un animale e poi in sogno come un essere umano.
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Dom 2 Gen 2011 - 8:05

Buondì a tutti,

oggi riporto un sunto di quanto scrive Mircea Eliade nel suo “Lo sciamanismo e le tecniche dell’estasi” Ed. Mediterranee a proposito degli spiriti ausiliari. Con riferimento anche a quello che ricordavamo Admin ed io sulla eredità dello spirito guida in alcune culture.

Prima di tutto c’è da dire che la maggior parte degli spiriti che accompagnano e aiutano uno sciamano hanno forma animale, quindi è ovvio supporre che non è sempre così.

Quando uno sciamano stabilisce un rapporto stretto con uno spirito vengono chiamati nella letteratura etnologica spiriti ausiliari, familiari o spiriti custodi.

Anche se chiamati con lo stesso termine in realtà esiste una differenza tra uno spirito familiare ed uno più potente che viene chiamato custode o protettore o guida.

Lo sciamano è colui che in genere ha rapporti concreti con il mondo degli spiriti di ogni tipo e perciò quando ne invoca o ne incontra uno non è detto che tale spirito sia da considerarsi semplicemente uno spirito familiare o ausiliario.

Fa un esempio di sciamani presso gli Altaici che prima di intraprendere un viaggio estatico lo sciamano invita come aiuto non uno spirito qualsiasi ma bensì una divinità.

Secondo alcune credenze il numero degli spiriti ausiliari degli sciamani varia.

Ad esempio uno sciamano vasiugano ne ha generalmente sette, oltre a questi spiriti familiari gode della protezione di uno “spirito della Testa” che lo difende durante i suoi viaggi estatici, di uno “spirito in forma d’orso” che l’accompagna nelle sue discese agli inferi, di un cavallo grigio per recarsi nei cieli…e via discorrendo ogni spirito ha un ruolo ben preciso.

In altre regioni non erano sette ma soltanto uno. Presso gli Eschimesi dell’Alaska lo sciamano è tanto più potente per quanto più i suoi spiriti ausiliari sono numerosi.

Mircea Eliade riferisce inoltre che ad ogni tipo di spirito corrisponde un ruolo ben preciso, ma non solo, ogni categoria di sciamano ha i suoi spiriti ausiliari e protettori specifici.

Il poyang jakun possiede uno spirito familiare che gli è venuto in sogno o che ha ereditato da un altro sciamano.

Nell’America del Sud gli spiriti ausiliari possono essere di diversa specie: anime di antenati-sciamani, spiriti delle piante o degli animali.

Per i Buriati l’animale protettore è colui che permette allo sciamano la metamorfosi, è il suo “doppio” il suo alter ego.

Concludo questa parte…riflettendo su quando ho riportato è chiaro, come nel precedente articolo di Admin, che anche qui l’uso dei termini è del tutto soggettivo, come anche la specie di questi spiriti che come abbiamo visto possono essere anche anime di antichi sciamani o antenati o piante, come anche il ricevere questi spiriti, chi tramite viaggi estatici, chi per eredità…

Aspetto i vostri commenti.

Un abbraccio

Tila
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Gio 6 Gen 2011 - 17:26

Buona sera a tutti,

oggi spulciavo il libro di Ted Andrews “Segni e presagi del mondo animale” naturalmente è un libro dedicato agli animali e al loro “potere”, rileggendo la prima parte riservata ai modi di poter incontrare e comunicare con il proprio totem ho trovato un pezzo interessante dal titolo: Elementi fondamentali degli animali totem…del quale riporto una sintesi…

Spesso gli animali totem vengono definiti in modi diversi: animali di potere, totem, guardiani ecc. Comunque vengano chiamati alcune sono le convinzioni più comuni e diffuse nelle culture, tra queste:

Ogni animale ha uno spirito potente.

Questo spirito può essere il suo, oppure quello di un essere che usa la sua immagine per comunicare messaggi agli esseri umani.

Ogni animale ha capacità proprie. Studiandole si sarà in grado di poterle sviluppare anche nella propria vita.

Gli animali di potere che vi seguiranno per tutta la vita in genere sono selvatici e non addomesticati.

Sarà l’animale a scegliere noi e mai il contrario. E qui c’è un punto che condivido pienamente e che avevo accennato anche in altri miei post perciò riporto quanto scrive l’autore:

Molti pensano di poter semplicemente scegliere un animale e cominciare a comunicare con esso. Di solito, in tale circostanze l’ego crea ostacoli: l’individuo tende a scegliere l’animale che ritiene più affascinante e potente, piuttosto che quello più in armonia con lui. I risultati sono inefficaci e spesso frustanti. Non esiste un animale migliore o peggiore di un altro. La medicina di ogni animale è unica. È sempre meglio essere padroni della medicina del topo che goffi e improduttivi in quella dell’aquila.

Bisogna costruire un buon rapporto con il proprio totem, entrambi dovete imparare a conoscervi e ad avere fiducia.

Onorarli, informarsi su di loro, danzando e cantando per loro.

Una volta imparato dal proprio animale di potere ne potrete avere degli altri, a seconda di ciò che vi può occorrere potete richiamare un animale che ha capacità corrispondenti alle vostre esigenze.

Anche se avrete molti totem ognuno di esso vi assisterà solo per un determinato compito, come può assistervi per tutta la vita può accompagnarvi solo per un giorno o per anni.

Più persone possono condividere lo stesso totem, capita ad esempio in individui molto vicini tra di loro.


Questi i punti salienti di quanto l’autore riporta, da quanto abbiamo potuto leggere risponde a molte delle nostre domande non trovate?


Un abbraccio.

Tila
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Gio 31 Mar 2011 - 14:09

Admin come per la mitologia norrena i Fylgja erano creature soprannaturali a volte a forma di animali, che accompagnano nella vita una persona, ho trovato una credenza che parla di spiriti a forma di animali che seguono una persona sin dalla nascita una sorta di angelo custode o guida o totem.

Invito chi non l'avesse fatto anche la lettura del seguente articolo interno:

http://sciamanesimo.forumattivo.com/t1089-fylgja


FONTE:
http://it.wikipedia.org/wiki/Nahual

Nahual
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella mitologia mesoamericana il Nahual è considerato lo spirito buono, simile ad un angelo guardiano, che si manifesta sotto la forma di un animale. Ogni persona aveva un nahual che lo seguiva e lo proteggeva.

A seconda del giorno di nascita dell'antico calendario divinatorio, ogni persona riceve un differente nahual. I genitori possono privare il figlio della sua custodia fino a che lui maturi abbastanza per usare la sua conoscenza in un modo responsabile. Questo per il fatto che la presenza dell'animale può influire sulle caratteristiche del bambino. Per esempio, un toro è forte, quindi se il nahual di un bambino è un toro lui potrebbe usarlo per trarne vantaggio, agendo in modo da prendere ciò che vuole.

In generale gli individui non raccontano alle altre persone dei loro nahual, a meno che con loro non abbiano una stretta relazione.
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Mar 13 Set 2011 - 8:56

Admin riprendo l'argomento degli animali di potere e dei totem, quest'oggi consiglio la lettura dei seguenti documenti di wikipedia dove viene spiegato il termine totem e totemismo.

Come potremo vedere anche qui parla in maniera generica di entità naturali o soprannaturali, facendo riferimento a delle cerimonie per evocare all'occorrenza dentro di sé il totem di un animale per poterne assorbire le caratteristiche che ci possono essere di aiuto nelle varie situazioni.

Molto interessante anche la storia dei totem (le sculture), scolpiti da grandi alberi, creati prevalentemente dai nativi americani che troverete in questo link: http://en.wikipedia.org/wiki/Totem_pole oltre la storia vedremo i vari significati che queste sculture assumono.

Aggiungo un ultimo link interno del nostro forum dove abbiamo inserito alcune tecniche sciamaniche per la ricerca del proprio animale di potere:
http://sciamanesimo.forumattivo.com/t1171-primo-viaggio-sciamanico-first-shamanic-journey

Ed ora, come anticipato, vediamo i documenti di wikipedia relativi al significato del termine totem, buona lettura!


FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Totem

Totem
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In antropologia, un totem è un'entità naturale o soprannaturale che ha un significato simbolico particolare per una singola persona o clan o tribù, e al quale ci si sente legati per tutta la vita. Il termine deriva dalla parola ototeman, usata dai nativi americani Ojibway.

Nei clan in cui il capostipite è divino o semidivino, tale entità è considerata il totem del clan.

Per le persone, l'associazione con il proprio totem avviene in una cerimonia di iniziazione, che può avvenire appena dopo la nascita, oppure anche in età adulta.

Un culto basato su un totem è detto totemismo.

Il totemismo è comunemente considerato una pratica religiosa tribale, ma si realizza anche nella cultura occidentale, per esempio nello scautismo, nel satanismo di stampo black metal, nel movimento New Age, nell'uso di mascotte, e anche nella religione cristiana, sotto le forme di Angelo custode e di Santo Patrono o Santo Protettore.

In alcune correnti pagane, si usa "evocare" all'occorrenza dentro di sé il totem di un animale (per es.: in una situazione pericolosa si evoca l'animale totem del Lupo) al fine di incorporare le caratteristiche più istintuali e utili alla situazione che sono proprie di quell'animale. In alcuni culti sciamanici, il totemismo si avvicina al concetto di "possessione volontaria" poiché i praticanti di queste discipline antiche e primitive entrano in un contatto così profondo con lo "spirito" dell'animale totem da esserne "soggiogate", prendendone persino alcuni atteggiamenti ed abitudini oltre che, come si suppone, le loro abilità.

L'antropologo Radcliffe Brown, nelle sue ricerche sui nativi americani scoprì che i totem rappresentavano le relazioni tra tribù secondo un principio strutturale d'opposizione.


FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Totemismo

Totemismo
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il totemismo è comunemente considerato una pratica religiosa tribale, basata su un oggetto di forte valore simbolico, detto totem. La definizione odierna di totemismo propone un'analisi del fenomeno che lo presenta sì come una forma di culto animista (o meglio preanimista), ma anche come un'espressione del culto degli antenati e, più generalmente, del legame dell'uomo con la natura e ciò che lo circonda.

Origini e basi del totemismo

Il culto del totemismo si fonda completamente sull'oggetto, astratto o concreto che sia, del totem: questo rappresenta una moltitudine di significati tra cui principalmente:

la discendenza del gruppo (solitamente sotto forma di clan) da un unico antenato, generalmente un animale caratteristicamente considerato forte, coraggioso, ...
la distinzione tra il proprio clan e gli altri gruppi, specie in occasione di confronti e battaglie (una sorta di nazionalismo molto primitivo e vago).

Il culto tuttavia ha anche molti aspetti individuali, come l'evocazione del totem al di fuori dalle manifestazioni sociali, e, oltretutto, richiede spesso riti di iniziazione che sono eseguiti anche in età adulta.

Storia della analisi teologica del fenomeno

Il totemismo venne inizialmente classificato come un passaggio precedente alle religioni politeistiche, nelle quali si riteneva che vi si potessero trovare delle tracce. Il termine "totemismo" venne tuttavia introdotto solo a fine 1700, probabilmente grazie a John Long [1]. Importanti novità sul concetto di totemismo vennero apportate da Claude Lévi-Strauss, che lo avvicinò nettamente a quello odierno. Ciò che però contribuì a fornire fonti di studio al riguardo furono proprio le esplorazioni del 1500 in America, Africa e soprattutto Oceania, dove è stato possibile studiare popolazioni e comunità "primitive".

Il totemismo oggi

Forme di totemismo si ritrovano anche oggi e, oltretutto, anche in religioni monoteistiche. Un esempio non spirituale ma sociopolitico di totem è rappresentato da simboli di unità nazionale quali le bandiere, gli stemmi e così via.

Note

^ Long, J. Voyages and Travels of an Indian Interpreter and Trader, 1791



FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Totem

Totem
From Wikipedia, the free encyclopedia

A totem is a stipulated ancestor of a group of people, such as a family, clan, group, lineage, or tribe.[1]

Totems support larger groups than the individual person. In kinship and descent, if the apical ancestor of a clan is nonhuman, it is called a totem. Normally this belief is accompanied by a totemic myth.

Although the term is of Ojibwe origin in North America, totemistic beliefs are not limited to Native Americans. Similar totem-like beliefs have been historically present in societies throughout much of the world, including Africa, Asia, Australia, Eastern Europe, Western Europe, and the Arctic polar region.

In modern times, some single individuals, not otherwise involved in the practice of a tribal religion, have chosen to adopt a personal spirit animal helper, which has special meaning to them, and may refer to this as a totem. This non-traditional usage of the term is prevalent in the New Age movement, and the mythopoetic men's movement.

Totemism

Totemism (derived from the root -oode- in the Ojibwe language, which referred to something kinship-related, c.f. odoodem, "his totem") is a religious belief that is frequently associated with shamanistic religions. The totem is usually an animal or other natural figure that spiritually represents a group of related people such as a clan.

Totemism was a key element of study in the development of 19th and early 20th century theories of religion, especially for thinkers such as Émile Durkheim, who concentrated their study on primitive societies. Drawing on the identification of social group with spiritual totem in Australian aboriginal tribes, Durkheim theorized that all human religious expression was intrinsically founded in the relationship to a group.

In his essay "Le Totemisme aujourdhui" (Totemism Today), the anthropologist Claude Lévi-Strauss argued that human cognition, which is based on analogical thought, is independent of social context. From this, he excludes mathematical thought, which operates primarily through logic. Totems are chosen arbitrarily for the sole purpose of making the physical world a comprehensive and coherent classificatory system. Lévi-Strauss argues that the use of physical analogies is not an indication of a more primitive mental capacity. It is rather, a more efficient way to cope with this particular no mode of life in which abstractions are rare, and in which the physical environment is in direct friction with the society. He also holds that scientific explanation entails the discovery of an "arrangement"; moreover, since "the science of the concrete" is a classificatory system enabling individuals to classify the world in a rational fashion, it is neither more nor less a science than any other in the western world. It is important to recognise that in this text, Lévi-Strauss manifests the egalitarian nature of his work. Lévi-Strauss diverts the theme of anthropology toward the understanding of human cognition.

Lévi-Strauss looked at the ideas of Firth and Fortes, Durkheim, Malinowski, and Evans-Pritchard to reach his conclusions. Firth and Fortes argued that totemism was based on physical or psychological similarities between the clan and the totemic animal. Malinowski proposed that it was based on empirical interest or that the totem was 'good to eat.' In other words, there was rational interest in preserving the species. Finally Evans-Pritchard argued that the reason for totems was metaphoric. His work with the Nuer led him to believe that totems are a symbolic representation of the group. Lévi-Strauss considered Evan-Pritchard's work the correct explanation.


Native North American Totems

Not including the totem pole, many Native North American tribes had or have traditions providing every person with nine different animals that will accompany them throughout life. These animals act as guides, surfacing in our lives depending on where we head and what we need at a given moment. One of those animals in particular is said to be your "totem animal;" it is the animal that is with you for life, both in the physical and spiritual world. Many people have a variety of different animal spirits but their "totem animal" is their main guide through life. [2]

North American totem poles

The mis-named totem poles of the Pacific Northwest of North America are, in fact, not totemic in nature. Rather, they are heraldic. They feature many different designs (bears, birds, frogs, people, and various supernatural beings and aquatic creatures) that function as crests of families or chiefs. They recount stories owned by those families or chiefs, and/or commemorate special occasions.



FONTE IMMAGINE: http://en.wikipedia.org/wiki/File:Totem_Park_pole_1.jpg

Possibly totemic culture in ancient China

The Sanxingdui Culture in southern China, dating back more than 5000 years, possibly placed bronze and gold heads on totems. Chinese transliterates totem as tuteng (圖騰). Sanxingdui bronze masks and heads (radiocarbon dated circa 1200BCE) appear to have been mounted on wooden poles. Some scholars have suggested that totemic culture spread from ancient Asian populations to the rest of the world. Others conclude that totemism arose separately in numerous cultures; totemic cultures in North America are estimated to have been more than 10,000 years old.

Korean JangSeung

A Jangseung or village guardian is a Korean totem pole usually made of wood. Jangseungs were traditionally placed at the edges of villages to mark for village boundaries and frighten away demons or welcome people in. They were also worshipped as village tutelary deities. JangSeungs were usually carved in the images of Janguns (equivalent to Admirals or Generals) and their wives. Many JangSeungs are also depicted laughing but in a frightening way. Many of the villages felt that the frightening laughter of the JangSeungs would frighten away the demons because the JangSeungs have no fear.


Totem beads in the Himalayan region

In the Himalayan region as well as on the whole Tibetan plateau area and adjacent areas, certain beaded jewelry is believed to have totemistic capabilities. Tibetans in particular give much importance to heirloom beads such as dzi beads. Though dzi beads were not produced in ancient Tibet, but by an unknown culture, most ancient dzi beads are owned by Tibetans. Different protective qualities depend on design, number of eyes, damage, color, shine, etc.


The ancient Polish rodnidze

The rodnidze known among the pre-Christian ancestors of the Poles is considered to have been roughly similar to the totem as mentioned above. In historical times, scholars considered that the animals and birds represented on the coats-of-arms of various Polish aristocratic clans may have been remnants of such totems (see Ślepowron coat of arms, Korwin coat of arms, possible remnants of a raven-rodnidze).


References

^ Merriam-Webster Online Dictionary and Webster's New World College Dictionary, Fourth Edition
^ Unknown, Unknown. "Legends of North America". "Native American Legends". Legends of America.com. Retrieved 04/03/2011.

Tornare in alto Andare in basso
FigliaDiRah



Scimmia
Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 24.10.11
Età : 23

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Lun 24 Ott 2011 - 17:31

Questo forum è il più esaustivo che io abbia visitato. Adesso sto cercando di farmi una cultura in merito, vorrei saperne di più soprattutto per quanto riguarda gli "Animali- totem". Speravo poteste consigliarmi qualche libro da leggere in merito
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Lun 24 Ott 2011 - 17:40

FigliaDiRah ha scritto:
Questo forum è il più esaustivo che io abbia visitato. Adesso sto cercando di farmi una cultura in merito, vorrei saperne di più soprattutto per quanto riguarda gli "Animali- totem". Speravo poteste consigliarmi qualche libro da leggere in merito

Ciao FigliaDiRah,

mi fa piacere sapere che la nostra biblioteca ti è di aiuto in qualche modo, per gli animali totem ti ho già risposto nel tuo precedente post però ti chiedo, cortesemente di leggere anche l'area del regolamento e il regolamento stesso di questo forum che troverai nei seguenti link:

http://sciamanesimo.forumattivo.com/f17-regolamento-del-forum-forum-policy

http://sciamanesimo.forumattivo.com/t1-regolamento-del-forum

Un saluto

Tila

Tornare in alto Andare in basso
FigliaDiRah



Scimmia
Numero di messaggi : 4
Data d'iscrizione : 24.10.11
Età : 23

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Mer 26 Ott 2011 - 17:13

Ciao Tila,

si ho visto la tua risposta, e ti ringrazio per la velocità. Ho letto il regolamento.
Spero di trovare ciò che mi serve nella vostra biblioteca!

Saluti

Sarah
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Lun 7 Nov 2011 - 16:04

Dalle varie schede presenti in questo forum e dalle notizie che finora abbiamo riportato, soprattutto in questo topic, abbiamo visto che esistono vari animali totem che vanno dall'animale selvatico a quello domestico, dai mammiferi agli insetti.

Ma soprattutto abbiamo scoperto che esistono culture e credenze molto diverse tra di loro.

Tra queste ad esempio vi è quella che afferma che l'animale totem non può, in nessun caso, essere un animale domestico, vi sono, inoltre, varie regole da seguire come ad esempio: onorarlo, non mangiarlo o ucciderlo.

Buona lettura. Very Happy


FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Wildlife_totemization

Wildlife totemization
From Wikipedia, the free encyclopedia

Wildlife Totemization is defined as having a system of beliefs in which humans have mystical, emotional, reverential, and/or genealogical relationships with a totem, that being a natural object such as a plant or animal.[1]


Purpose

Wildlife totemization goes some way towards explaining why some wildlife management programs are particularly controversial. The general hypothesis is similar to wildlife symbolism, in that both theories state that in certain circumstances, humans will imbue species of wildlife with characteristics that are not necessarily inherent in those species themselves.



Characteristics

Characteristics of totemization include:

Viewing the totem as a companion, a protector, or a progenitor
Assimilating oneself to the totem
Prohibiting the killing or eating of the totem
A high degree of antipathy towards those who destroy the totem



Sources

^ Hamazaki, T, Tanno, D. (2002). Totemization of wildlife and NIMBY among U.S. college students. Human Dimensions of Wildlife 7, 107-121.

Kalland, A. (1993). Management by totemization: Whale symbolism and the anti-whaling campaign. Arctic 46(2), 124-133.
Nimmo, D. G., Miller, K., & Adams, R. (2007). Managing feral horses in Victoria: A study of community attitudes and perceptions. Ecological Management & Restoration 8 (3) , 237–243
Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Mer 9 Nov 2011 - 11:49

Admin ho trovato un altro documento di wikipedia che tratta di animali totem che agiscono come spiriti familiari. Si tratta degli Yekyua, sono spiriti che rimangono nascosti finchè c'è la neve per poi uscire quando arriva la primavera...


FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Yekyua

Yekyua
From Wikipedia, the free encyclopedia

Yekyua or "mother animal" is a class of Yakut spirits that remain hidden until the snow melts in the Spring. Each yekyua is associated with a particular animal, and they act as familiar spirits to protect the Yakut shaman. They are dangerous but powerful.[1] The most dangerous are attached to female shamen.[2] The type of animal manifestation also determines the strength of the yekyua. For example dog yekyua have very little power, while elk yekyua are quite powerful. Only shaman can see the yekyua. When a shaman puts his spirit into that of his yekyua, he or she is dependent on his animal part, in as much as if another shaman who has manifested his animal kills that of another, the shaman with the dead animal will himself die.[3] When the yekyua are fighting in the spring, the shamen with which they are associated feel very ill. The dog yekyua are not prized as they gnaw at the shaman and destroy his body, bringing him sickness. Ordinarily, though, a good yekyua protects the shaman.[4]

Notes

^ Magic, Witchcraft, and Religion By Arthur C. Lehmann, James E. Myers p.85 Mayfield Pub. Co., 1993 ISBN 155934170X
^ Stutley (2002) p.55
^ Layard, J. W. (1930) "Shamanism: An analysis based on comparison with the flying tricksters of Marekula" The Journal of the Royal Anthropological Institute of Great Britain and Ireland 60: pp. 525-550, p. 535 citing Czaplicka (1914) p. 183
^ Czaplicka (1914) p. 20


References

Stutley, Margaret (2002) Shamanism: A Concise Introduction Routledge, ISBN 0-415-27317-X p. 55;
Czaplicka, Marie Antoinette (1914) Aboriginal Siberia: A study in social anthropology Clarendon Press, Oxford, p. 20;


Tornare in alto Andare in basso
Tila
Iniziato Sciamano
Iniziato Sciamano


Femminile Serpente
Numero di messaggi : 1826
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 39
Località : Prov. CN

MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Mar 20 Mar 2012 - 8:23

Buondì a tutti,

i Weyekin sono spiriti, per lo più a forma di animale, che offrono un collegamento al mondo invisibile. Per ottenere un Weyekin si drovrà andare alla ricerca della visione...un rituale di passaggio dei nativi americani.

Per approfondimenti vi consiglio la visione dei seguenti link interni...buona lettura.

http://sciamanesimo.forumattivo.com/t1365-ricerca-della-visione-vision-quest

http://sciamanesimo.forumattivo.com/t1171-primo-viaggio-sciamanico-first-shamanic-journey

http://sciamanesimo.forumattivo.com/f15-american-indian-shamanism-sciamanesimo-indiano-americano


FONTE: http://en.wikipedia.org/wiki/Weyekin


Weyekin
From Wikipedia, the free encyclopedia

A a weyekin or wyakin (English: /ˈwiːjəkɪn/) is an occult force, and part of Native American spirituality.[1] The word is specific to the Nez Perce language.[1]

According to Lucullus Virgil McWhorter, who spent much time researching native spirituality in the Pacific Northwest, the natives believed that everything in the world animals, trees, rocks, ect. possesses a consciousness.[1] These spirits were thought to offer a link to the invisible world of spiritual power.[2] If a person could get one of these spirits to approach and adopt one, then they would provide help in time of need, protect one from harm, lend one their powers and become a personal guardian spirit.[1]

McWhorter made it clear that it was a mistake to think of these as gods or deities.[1] They were mediators.[1] The native believed he could invoke them in time of need, much as a catholic might pray for intercession from a saint.[1] "With the earth thus infinitely peopled with spirits, the Indian believed that he could invoke them to be peculiarly his own, in the role of guide or protector.[1] This relationship is that which is known as Wyakin."[1]

Part of the intercession was a loaning to the warrior of specific attributes of his weyekin.[1] "The deer bestowed fleetness of foot upon the suppliant; the grizzly bear or buffalo bull, strength in battle; the coyote, cunning in approaching enemies; the wolf, excellence both in war and in the hunt; the prairie chicken, ability to hide from danger...the rock wren...to handle the deadly serpent with impunity."[1]

The natives were very protective of these relationships, believing that they must only be revealed in a time of need.[1] A warrior might tell others before going into battle that he has this ability (such as bullets not hitting him), thanks to his weyekin.[1] He might tell his wife that she needs to do certain things in order to fulfill the dictates of the weyekin and allow her man to succeed.[1]


Gaining a weyekin

To receive a weyekin, a young girl or boy around the age of 12 to 15 would go to the mountains on a vision quest. The person on quest would carry no weapons, eat no food, and drink very little water.[3] The person about to go on this quest would be tutored by a "renowned warrior, hunter, or medicine man," for boys, or for girls, "an elderly woman of reputed power."[1] Success had much to do with how they prepared their minds. Fasting for long periods of time, going without a fire, holding their spiritual retreat in a remote and "awe inspiring" location.[1] It was important that the person on quest keep their mind focused on their object.[1] When the mind was almost "comatose," that is when the weyekin would reveal itself.[1]

There, he or she would receive a vision of a spirit that could take the form of a mammal or bird,[3] or non-animal, such as wind or lightning.[1] This vision could appear physically or in a dream or trance. The animal spirit would then act as a guide and comforter for the important activities of life such as war and hunting.[3] The weyekin was to bestow the animal's powers on its bearer - for example; a deer might give its bearer swiftness. A person's weyekin was very personal. It was rarely shared with anyone and was contemplated in private. The weyekin stayed with the person until death.[3]


Notes

^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s McWhorter, Lucullus Virgil (1940). Yellow Wolf: His Own Story. Caldwell, ID: Caxton Printers, Ltd. pp. 295-300, 521.
^ J. M. Cornelison. "Obtaining the Weyekin". The Indian Country, 1800: A Brilliant Plan for Living. Newberry Library. Retrieved 17 January 2010.
^ a b c d J. M. Cornelison. "Obtaining the Weyekin". The Indian Country, 1800: A Brilliant Plan for Living. Newberry Library. Retrieved 17 January 2010.
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.   Oggi a 2:54

Tornare in alto Andare in basso
 
Animali: di Potere/Guida, Totem, Famiglio, Alleato.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum di sciamanesimo, antropologia e spirito critico :: SCIAMANESIMO :: I TEMI DELLO SCIAMANESIMO - THEMES OF SHAMANSIM :: Animali Totem e Spiriti Guida - Totem Animals and Allies Spirits-
Andare verso: